SICUREZZA INFORMATICA

Cyber attack: come definire una strategia di protezione efficace

Dall’approccio zero-trust alle soluzioni SOAR, fino all’autenticazione multifattore: Ecco le mosse per potenziare la difesa contro i cyber attack

20 Ott 2022
L
Arianna Leonardi

Giornalista

Il panorama dei cyber attack è sempre più complesso e minaccioso, mentre digitalizzazione, cloud computing e lavoro ibrido estendono le vulnerabilità aziendali. Come è possibile attivare una strategia di difesa efficace, in ambienti IT distribuiti, senza perimetro e difficili da controllare?

Horizon Security, società del gruppo Horizon Consulting e specializzata in ambito cyber security, ha le idee chiare, come raccontano Ruggero Strabla e Calogero Mazzarella, rispettivamente leader delle business unit Offensive e Defensive Security.

Cyber attack, un quadro preoccupante per la sicurezza aziendale

La strategia di Horizon Security parte ovviamente da un’attenta osservazione dell’attuale panorama dei cyber attack.

«Oggi – spiega Strabla – il primo rischio per le aziende sono gli attacchi ransomware, che si sono evoluti perpetrando una tripla estorsione: i cyber criminali, infatti, chiedono un riscatto per ripristinare l’accesso ai dati, per non divulgare le informazioni rubate e per non bloccare i servizi aziendali o avvisare clienti, fornitori e media della compromissione. Gli attaccanti studiano l’impresa, sanno dove colpire, quali sono i dati critici. Quindi contattano la vittima e la minacciano, dimostrando di essere entrati in possesso di informazioni riservate».

Come spiega Strabla, un altro rischio di cyber attack è rappresentato dal cosiddetto business e-mail compromise (BEC), una tecnica per cui l’attaccante si inserisce nelle comunicazioni aziendali relative all’amministrazione e chiede di effettuare un pagamento verso un nuovo Iban o destinatario. «Spesso – prosegue Strabla – le aziende colpite non si accorgono tempestivamente dell’accaduto e gli attaccanti sono abili a eliminare le tracce. Sono attacchi che richiedono tempo per essere preparati, perché vanno studiati i profili delle vittime e le operazioni in corso. Ad esempio, bisogna capire quali pagamenti devono essere eseguiti e verso quale fornitore, per inserirsi opportunamente nelle conversazioni e-mail».

Tra i principali punti di ingresso nelle fasi iniziale di una compromissione, Strabla ricorda lo sfruttamento di vulnerabilità sulla superficie d’attacco pubblica aziendale (anche attraverso zero-day, che fanno leva su vulnerabilità non note, nel caso di target di alto profilo con elevati livelli di protezione), e lo spear-phishing, falsificando il mittente e sfruttando infrastrutture di fiducia, quali quelle dei colossi IT come Microsoft e Google, per l’invio di email malevole o per ospitare pagine di phishing e malware.

I pilastri per costruire una strategia efficace contro i cyber attack

Come difendersi allora in uno scenario dei cyber attack sempre più tetro?

«Il primo passo – suggerisce Mazzarella – è avere una strategia che non sia puramente reattiva, ma piuttosto sia in grado di adattarsi costantemente all’evoluzione delle minacce e alle nuove esigenze dell’organizzazione. Perché la strategia contro i cyber attack sia efficace, deve essere recepita a tutti i livelli aziendali, non solo dal dipartimento IT o dal team della sicurezza. Innanzitutto, deve essere il business a guadagnare consapevolezza. La sicurezza abilita l’IT che abilita il business, quindi deve essere considerata un investimento per la sopravvivenza aziendale e non meramente un centro di costo. Secondo alcuni studi, le spese in security hanno un ritorno superiore al 90%, perché di fatto scongiurano i danni economici e reputazionali di un potenziale attacco».

Mazzarella ricorda inoltre che il fattore umano è la più grande incognita nel costruire la linea di difesa contro i cyber attack: indispensabile quindi ingaggiare e formare gli utenti per essere efficaci.

«Un altro fattore critico – sottolinea Mazzarella – è la capacità di ridurre la superficie di attacco, per minimizzare gli incidenti. Bisogna inoltre seguire due direttrici strategiche, basate rispettivamente sull’automazione e sulle competenze, secondo un giusto mix». Esistono infatti due tipologie di attacchi: automatizzati, per colpire indiscriminatamente il maggiore numero di vittime, e mirati, perpetrati da hacker specializzati con tecniche sofisticate. La strategia di difesa deve quindi seguire le metodologie di attacco: all’automazione si risponde con tecnologie analoghe, mentre per contrastare il genio dell’hacker serve un professionista.

«Le tecnologie di automazione – spiega Mazzarella -, codificando le competenze umane, riducono drasticamente i tempi di risposta e si rivelano efficaci contro la maggioranza delle minacce. Tuttavia, per contrastare gli attacchi non convenzionali e più complessi, occorre l’intervento degli analisti della sicurezza».

La chiave per costruire una strategia efficace contro i cyber attack passa anche attraverso un presupposto culturale: «Le aziende – suggerisce Mazzarella – devono essere consapevoli che non sono invulnerabili e che la compromissione dei sistemi è inevitabile. Bisogna partire da queste premesse, considerando possibili piani B in caso di incidente e pianificando una strategia di backup per garantire la continuità operativa».

La scelta di tecnologie in cloud può rivelarsi strategica per concretizzare gli obiettivi di sicurezza: sottoscrivendo un contratto as-a-service, le aziende, anche di piccole dimensioni, possono infatti beneficiare di tutte le funzionalità di protezione enterprise che il provider mette a disposizione all’interno del proprio datacenter.

L’approccio zero-trust per contrastare i cyber attack

Mazzarella spiega quindi come si declina la security strategy dal punto di vista metodologico e tecnologico. Al centro viene messo l’approccio zero-trust, che agisce sostanzialmente su tre principi:

  • verificare sempre esplicitamente l’identità, anche dei sistemi o degli applicativi;
  • ridurre i privilegi in modalità just in time e just enough, garantendo l’accesso alle risorse con le autorizzazioni minime e per il tempo necessario a eseguire le operazioni;
  • implementare la micro-segmentazione per identificare e contrastare i movimenti laterali, organizzando la rete, i sistemi, le applicazioni a compartimenti stagni.

«Le moderne tecnologie di monitoraggio – prosegue Mazzarella -, che sfruttano gli algoritmi di intelligenza artificiale e machine learning per ottenere una vista olistica sugli eventi di sicurezza, sono una componente fondamentale dell’approccio zero-trust. Tali strumenti permettono infatti di riconoscere, correlare e correggere pattern di attacco anche molto complessi, che spesso partono dalla periferia, quindi dai laptop, dai dispositivi BYOD e così via».

Secondo le statistiche riportate da Mazzarella, un host compromesso permette agli attaccanti di ottenere l’accesso al domain controller, quindi al cuore dell’azienda, in circa 48 ore; le aziende però si accorgono della violazione in media dopo circa 160-200 giorni.

In un contesto ad alto rischio, il paradigma zero-trust diventa fondamentale per minimizzare l’eventualità di compromissione. Più la superficie di attacco è ampia e complessa, più aumenta la possibilità che un cyber attack vada a buon fine e pertanto, come ammonisce Mazzarella, la scansione delle vulnerabilità deve rientrare nella normale operatività dell’azienda, non essere eseguita una tantum.

«Inoltre – si inserisce Strabla – l’ingaggio degli utenti, ai fini di una strategia di sicurezza efficace, diventa fondamentale innanzitutto per contrastare il phishing e prevenire incidenti frequenti, come ad esempio la violazione delle password».

La strategia Horizon Security a supporto delle aziende

Basandosi sul valore dell’approccio zero-trust e sulle tecnologie a corollario, Horizon Security ha sviluppato la propria metodologia per aiutare le aziende nello sviluppare correttamente una strategia di sicurezza efficace contro i cyber-attack.

«Bisogna partire da una fase di assessment – argomenta Strabla – per testare la linea di difesa aziendale. Abbiamo quindi sviluppato un portafoglio di servizi modulari per la simulazione degli attacchi, che permette di verificare sia lo stato di sicurezza generale sia un preciso ambito, come ad esempio la vulnerabilità ai tentativi di phishing».

Così Horizon Security è in grado di rilevare il livello di rischio in caso di attacco, quindi quale potrebbe essere il raggio di azione di un criminale all’interno dei sistemi aziendali.

«I cyber criminali – prosegue Strabla – cercano di penetrare i sistemi aziendali sfruttando diverse tecniche, per poi effettuare movimenti laterali e perpetrare il vero obiettivo, ad esempio l’installazione di un ransomware. I metodi per ottenere il primo accesso sono diversi e noi simuliamo le numerose tecniche di intrusione e attacco, per capire quanto l’azienda sia matura e preparata dal punto di vista del monitoraggio delle minacce e della prevenzione degli incidenti. Consegniamo e condividiamo al cliente i risultati attraverso una presentazione executive e un report dettagliato che permettono di acquisire consapevolezza sui rischi e sulle possibilità di manovra degli attaccanti».

Una volta definito lo stato di sicurezza dell’azienda, Horizon Security costruisce una strategia personalizzata contro i cyber attack per ottenere ritorni rapidamente.

«Proponiamo – chiarisce Mazzarella – un approccio incrementale, che parte dalla consapevolezza rispetto alle vulnerabilità e si basa sul concetto di quick-win. In sostanza, suggeriamo le azioni di remediation che si possono apportare immediatamente, ad esempio la correzione di misconfiguration o integrazioni non necessarie, e che richiedono un effort limitato, restituendo tuttavia risultati importanti nel breve termine».

Il passo successivo invece richiede un ragionamento strutturato, per individuare le iniziative che possono contribuire a migliorare significativamente la postura di sicurezza dell’azienda, riducendo la superficie di attacco e implementando le best practice più consolidate.

«Soprattutto in un contesto di lavoro ibrido – evidenzia Mazzarella – le aree di focalizzazione dei progetti sono le identità e gli endpoint, oltre ad applicazioni, infrastrutture, reti e dati».

Le tecnologie vincenti per concretizzare gli obiettivi di cyber security

Dal punto di vista tecnologico, secondo Horizon Security, un tassello fondamentale della strategia contro i cyber attack è rappresentata dall’autenticazione multi-fattore, che consente di ottenere accessi sicuri e può ridurre l’efficacia degli attacchi basati su password del 99,9%, come riporta Mazzarella.

Tra gli strumenti di sicurezza oggi indispensabili, vengono citate le soluzioni EDR (Endpoint Detection and Response) e XDR (Extended Detection and Response) che monitorano in tempo reale gli eventi all’interno dei dispositivi oppure su superfici più ampie che includono anche le reti, gli utenti, i carichi di lavoro in cloud. «Oggi il perimetro aziendale tradizionale – sottolinea Mazzarella – non esiste più, ma è rappresentato dall’insieme di dispositivi, reti e servizi in senso esteso. Diventa quindi indispensabile dotarsi di strumenti che permettono, attraverso un’orchestrazione centralizzata, di rilevare pattern d’attacco molto complessi e distribuiti, garantendo una protezione dei sistemi e dei dati end-to-end».

La strategia contro i cyber attack deve includere anche tecniche di cifratura del dato, per garantire protezione ovunque, indipendentemente dal sistema in cui è collocato, anche in caso di esfiltrazione.

Un altro elemento vincente in tema di cyber security riguarda i sistemi SOAR (Security Orchestration, Automation and Response), che, nella forma più evoluta e grazie all’intelligenza artificiale, garantiscono non solo il riconoscimento dei pattern di attacco, ma avviano automaticamente una serie di azioni di risposta, oltre a inviare messaggi di alert agli specialisti.

«Horizon Security – puntualizza Strabla – offre anche servizi gestiti di Threat Intelligence, per cui si forniscono alle aziende informazioni aggiuntive rispetto a quanto vedono nei loro sistemi. Così possono ottenere visibilità sull’identità degli attaccanti oppure conoscere fenomeni che riguardano ad esempio le attività illecite sul dark web, come la vendita di credenziali rubate».

Insomma, il tema della sicurezza oggi va davvero affrontato a 360 gradi, non solo per l’estensione del perimetro e la proliferazione delle minacce, ma anche alla luce dei cambiamenti organizzativi lungo la supply chain. «Le aziende – conclude Strabla – non sono più isole, ma piuttosto sempre più interconnesse. La sicurezza dei dati, quindi, dipende anche dai partner e non solo dalle difese aziendali. la superficie di attacco e il rischio dei movimenti laterali si estendono quindi ai collaboratori, fornitori e clienti, rimanendo fuori dal controllo. Per questo è importante richiedere dei requisiti minimi di sicurezza ai partner e impegnarsi nel costruire una strategia di protezione efficace contro i cyber attack».

Contributo editoriale sviluppato in collaborazione con Horizon

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5