LA GUIDA COMPLETA

Sistemi XDR (eXtended Detection and Response): cosa sono, a cosa servono, come funzionano

I sistemi XDR (eXtended Detection and Response) sono soluzioni di sicurezza integrate per il controllo non solo degli endpoint, ma anche dei gateway di posta elettronica, dei servizi cloud e degli accessi. Ecco di cosa si tratta, come funzionano, quali sono i migliori approcci di configurazione e le soluzioni da adottare o evitare in base alla realtà aziendale

25 Ago 2022
N
Ricardo Nardini

IT System Specialist

I sistemi XDR (eXtended Detection and Response) sono soluzioni di sicurezza che vanno oltre le “semplici” soluzioni di Endpoint Protection e EDR (Endpoint Detection and Response), integrando queste ultime con componenti per il controllo anche dei gateway di posta elettronica, dei servizi cloud e degli accessi.

Cyber security, ecco le quattro tecnologie che la stanno rivoluzionando

Cosa sono i sistemi XDR

Per entrare nel merito, i sistemi XDR sono stati progettati per aiutare i team di sicurezza a:

  1. identificare le minacce di cyber security altamente sofisticate o nascoste;
  2. tenere traccia delle minacce su più componenti di sistema e lo schema congiunto di minaccia strutturale;
  3. migliorare la velocità di rilevamento e risposta;
  4. indagare in modo congiunto sulle minacce in modo più efficiente ed efficace.

I sistemi XDR sono stati sviluppati come alternativa alle soluzioni di sicurezza dei punti, che erano limitate a un solo livello di sicurezza o potevano eseguire solo la correlazione degli eventi senza risposta.

WHITEPAPER
AZIENDA RETAIL: ecco i 15 motivi per cui hai bisogno dell'Intelligenza Artificiale!
Intelligenza Artificiale
Retail

In se è l’evoluzione di soluzioni come il rilevamento e la risposta degli endpoint (EDR) e l’analisi del traffico di rete (NTA). Sebbene siano ancora utili, questi ultimi strumenti specifici di livello tendono a generare maggiori volumi di avvisi, richiedono più tempo per indagare e rispondere agli eventi e richiedono maggiore manutenzione e gestione.

Al contrario, un sistema XDR consolida gli strumenti e consente ai team di sicurezza di lavorare in modo più efficace ed efficiente.

Come funziona un sistema XDR: capacità chiave

Passiamo adesso ad illustrare alcune funzionalità chiave delle soluzioni XDR.

Analisi e rilevamento

Le soluzioni XDR si basano su una gamma di analisi per il rilevamento delle minacce. Di seguito sono elencate alcune delle caratteristiche analitiche che sono generalmente incluse:

  1. Analisi del traffico interno ed esterno : assicura che vengano rilevati insider dannosi e credenziali compromesse, oltre a identificare gli attacchi esterni. Monitorando e analizzando il traffico interno ed esterno, un sistema XDR è in grado di identificare una minaccia anche se ha già aggirato il perimetro del sistema aziendale.
  2. Intelligence integrata sulle minacce : incorpora informazioni su metodi, strumenti, fonti e strategie di attacco noti su più vettori di attacco. L’intelligence sulle minacce consente ai sistemi XDR di apprendere dagli attacchi ad altri sistemi e di utilizzare tali informazioni per rilevare eventi simili nel proprio ambiente.
  3. Rilevamento basato sull’apprendimento automatico: include metodi supervisionati e semi-supervisionati che funzionano per identificare le minacce in base a linee di base comportamentali. Le tecnologie di apprendimento automatico consentono ai sistemi XDR di ottenere un rilevamento quasi immediato delle minacce zero-day e le minacce non tradizionali che possono aggirare i metodi basati sulle firme.

Indagine e risposta

Una volta rilevati eventi sospetti, un sistema XDR può fornire strumenti che aiutano i team di sicurezza a determinare la gravità di una minaccia e a rispondere di conseguenza. Di seguito sono elencate alcune delle funzionalità incluse all’interno dei sistemi XDR che possono aiutare con le indagini e la risposta:

  1. Correlazione di avvisi e dati corrispondenti possono raggruppare automaticamente avvisi inerenti, creare sequenze temporali di attacco dai registri delle attività e assegnare priorità agli eventi. Questo aiuta i team a determinare rapidamente la causa principale di un attacco e può aiutarli a prevedere cosa potrebbe fare un aggressore in un secondo momento.
  2. Interfaccia utente centralizzata: consente agli analisti di verificare e rispondere agli eventi dalla stessa console. Ciò aiuta ad accelerare i tempi di risposta e semplifica la documentazione delle risposte.
  3. Orchestrazione della risposta: abilita le azioni di risposta direttamente tramite le interfacce XDR, nonché la comunicazione tra gli strumenti. Ad esempio, un sistema XDR può aggiornare le policy degli endpoint in tutta l’azienda, in risposta a un attacco bloccato automaticamente su un singolo endpoint.

Implementazioni dinamiche e flessibili

Le soluzioni XDR sono progettate per fornire ulteriori vantaggi nel tempo. Di seguito sono elencate alcune delle funzionalità che aiutano a raggiungere questo obiettivo:

  1. Sincronizzazione della sicurezza: capacità di integrarsi e sfruttare i controlli esistenti per risposte unificate e standardizzate. Le soluzioni XDR possono anche includere funzionalità di automazione per garantire che le policy e gli strumenti siano distribuiti in modo coerente.
  2. Archiviazione e calcolo scalabili: un sistema XDR utilizza risorse Cloud in grado di scalare per soddisfare le tue esigenze di analisi e dati. Ciò garantisce che i dati storici, utili per identificare e indagare su minacce persistenti avanzate o altri attacchi di lunga durata, rimangano disponibili.
  3. Miglioramento nel tempo e inclusione dell’apprendimento automatico: assicura che le soluzioni diventino più efficaci nel rilevare una gamma più ampia di attacchi nel tempo. Questo, in combinazione con l’inclusione dell’intelligence sulle minacce, aiuta a garantire che il numero massimo di minacce venga rilevato e prevenuto.
  4. Produttività migliorata: questo tipo di sistema elimina la necessità per gli analisti della sicurezza di passare da più dashboard e aggregare manualmente i dati di sicurezza. Ciò consente agli analisti di rilevare e rispondere in modo più efficiente e produttivo alle minacce alla sicurezza.
  5. Costo totale di proprietà (TCO) inferiore: inoltre viene offerta una piattaforma di sicurezza informatica completamente integrata. Ciò riduce i costi associati alla configurazione e all’integrazione interna di soluzioni a più punti.
  6. Supporto degli analisti: questi sistemi si basano su un’esperienza di gestione e flusso di lavoro comune nell’intera infrastruttura di sicurezza di un’organizzazione. Ciò riduce i requisiti di formazione e consente agli analisti di primo livello di operare ad un gradino superiore rispetto a quanto non sarebbero in grado di fare altrimenti.

Maggiore visibilità su endpoint e infrastruttura di rete

Un sistema XDR è progettato per fornire a un team di sicurezza una visibilità completa su tutti gli endpoint e l’infrastruttura di rete dell’organizzazione. Con questa maggiore visibilità derivano numerosi vantaggi per la sicurezza informatica aziendale:

  1. Riparazione unificata: si fornisce funzionalità di risposta agli incidenti centralizzate e unificate in tutti gli ambienti che compongono una rete aziendale. Ciò consente al personale di sicurezza di porre rimedio agli attacchi diffusi contro l’organizzazione in modo rapido ed efficiente, riducendo l’impatto ei costi complessivi per l’organizzazione.
  2. Comprensione generale dell’attacco migliorata: presi singolarmente, gli indicatori di un attacco possono essere deboli, rendendo difficile separare il segnale dal rumore. Un sistema di questo tipo raccoglie e aggrega questi segnali da più fonti, rafforzandoli e consentendo a un’organizzazione di rilevare e rispondere ad attacchi che altrimenti sarebbero stati trascurati.
  3. Caccia alle minacce unificata: si unifica altresì la visibilità e l’analisi dei dati nell’intera infrastruttura di rete di un’organizzazione. Ciò consente agli analisti di ottenere il contesto necessario per identificare in modo proattivo le minacce avanzate presenti sulla rete.

Il panorama delle minacce alla sicurezza informatica si sta espandendo giorno per giorno e il IT di sicurezza molto impegnati e oberati delle organizzazioni non sono in grado di scalare per tenere il passo. Sebbene un approccio alla sicurezza a più livelli sia efficace in teoria, in realtà fa perdere agli analisti informazioni cruciali solo perché non sanno dove andarle a cercare.

Il rilevamento e la risposta estesi forniscono un’alternativa, utilizzando l’aggregazione degli avvisi, l’analisi dei dati e il rilevamento con le risposte automatizzate delle minacce, per semplificare la sicurezza. Una soluzione XDR efficace fornisce per esempio di visibilità ampia e integrata e un integrazione funzionale dove le soluzioni di sicurezza sono più efficaci quando sono integrate per fornire agli analisti un contesto derivato da più origini.

Vantaggi di sicurezza di un sistema XDR

Una piattaforma XDR può offrire una prevenzione migliore, inclusione di informazioni sulle minacce e apprendimento automatico adattivo, inoltre può aiutare a garantire che le soluzioni siano in grado di implementare protezioni contro la più grande varietà di attacchi.

Il monitoraggio continuo e la risposta automatizzata possono aiutare anche a bloccare una minaccia non appena viene rilevata per prevenire danni. La visibilità granulare fornisce dati utente completi su un endpoint in combinazione con comunicazioni di rete e applicative, ciò include informazioni sulle autorizzazioni di accesso, sulle applicazioni in uso e sui file a cui si accede.

Avere piena visibilità del proprio sistema, anche in locale e nel Cloud, consente di rilevare e bloccare gli attacchi con una velocità straordinaria.

Una risposta efficace solida raccolta e un analisi dei dati consente di tracciare un percorso di attacco e ricostruire le azioni degli aggressori. Ciò fornisce le informazioni necessarie per localizzare l’attaccante ovunque si trovi.

Fornisce, inoltre, informazioni preziose che si possono applicare per rafforzare le proprie difese. Da un maggiore controllo includendo la possibilità di inserire nella blacklist e nella whitelist traffico e processi. Questo garantisce che solo le azioni e gli utenti approvati possano accedere al sistema.

Una migliore produttività nella centralizzazione riduce il numero di avvisi e aumenta la precisione degli avvisi. Questo aiuta ad ottenere meno falsi positivi da vagliare. Inoltre, poiché un sistema XDR è una piattaforma unificata e non una combinazione di soluzioni multiple, è più semplice da mantenere e gestire e si riduce il numero di interfacce a cui la sicurezza deve accedere durante una risposta.

Un sistema XDR è progettato per semplificare la visibilità della sicurezza nell’intero ecosistema di un’organizzazione, infatti fornisce una serie di vantaggi in termini di efficienza a un’organizzazione come la “visibilità integrata” che raggruppa la visibilità della sicurezza nell’intera rete di un’organizzazione (endpoint , infrastruttura Cloud, dispositivi mobili ecc.).

Questo vantaggio consente agli analisti della sicurezza di ottenere un contesto su un potenziale incidente di sicurezza senza dover apprendere e utilizzare piattaforme diverse. Le impostazioni di sicurezza possono essere configurate da un unico pannello di controllo nell’intera rete aziendale, garantendo che le politiche di sicurezza coerenti possano essere applicate nonostante un’infrastruttura di rete diversificata.

Questi sistemi offrono integrazioni pronte all’uso e meccanismi di rilevamento preconfigurati su prodotti diversi.

Casi d’uso per un sistema XDR

Un sistema di questo tipo fornisce supporto per un’ampia gamma di responsabilità di sicurezza della rete. Può anche essere adottato per supportare casi d’uso specifici, a seconda della maturità del tuo team di sicurezza. Di seguito sono riportati tre casi d’uso che rispecchiano i livelli con cui sono spesso classificati i professionisti della sicurezza.

Livello 1: triage

Le soluzioni XDR possono essere adottate come strumento principale per aggregare dati, monitorare i sistemi, rilevare eventi e allertare i team di sicurezza. Questi sistemi possono costituire la base per ulteriori sforzi o possono consentire un passaggio di consegne a squadre di livello superiore.

Livello 2: indagine

I team possono utilizzare le soluzioni come archivi di analisi e informazioni sugli eventi. Queste informazioni, in combinazione con l’intelligence sulle minacce, possono essere utilizzate per indagare su eventi, valutare le risposte e formare il personale di sicurezza.

Livello 3: individuare le minacce

I dati raccolti dalle soluzioni XDR possono essere utilizzati come base per l’esecuzione di operazioni di individuazione. Queste operazioni cercano in modo proattivo prove di minacce che sono state ignorate da sistemi e analisti.

I dati utilizzati e raccolti durante i processi di ricerca delle minacce possono essere utilizzati anche per creare nuove informazioni sulle minacce che vengono quindi utilizzate per rafforzare le politiche e i sistemi di sicurezza esistenti.

Differenze tra sistemi XDR e altre soluzioni di sicurezza

Un sistema XDR è diverso da altri strumenti di sicurezza in quanto centralizza, normalizza e correla i dati provenienti da più origini. Queste funzionalità consentono una visibilità più completa e possono esporre eventi meno evidenti.

Raccogliendo e analizzando i dati da più fonti, le soluzioni XDR sono in grado di convalidare meglio gli avvisi, riducendo così i falsi positivi e aumentando l’affidabilità. Questo aiuta a ridurre il tempo che i team potrebbero perdere con avvisi eccessivi o imprecisi.

Sebbene sia possibile ottenere risultati simili con una combinazione di soluzioni EDR e SIEM (Security Incident and Event Management), un sistema XDR va oltre queste capacità. Le soluzioni SIEM raccolgono dati superficiali da molte fonti mentre un XDR raccoglie dati più profondi da fonti mirate. Questi metodi di raccolta consentono a un XDR di fornire un contesto migliore per gli eventi ed eliminare la necessità di ottimizzazione manuale o integrazione dei dati. Inoltre, poiché le origini degli avvisi sono native della soluzione XDR, lo sforzo di integrazione e manutenzione richiesto per il monitoraggio degli avvisi in un SIEM viene eliminato.

I sistemi di questo tipo adottano un approccio diverso. Invece di essere puramente reattivo alla sicurezza informatica, consente a un’organizzazione di proteggersi in modo proattivo dalle minacce informatiche fornendo visibilità unificata su più vettori di attacco.

Ad oggi la maggior parte delle organizzazioni sta lottando sotto un diluvio di dati di sicurezza. Sebbene sia vero che non è possibile proteggere ciò che non si può vedere, essere sopraffatto da troppi avvisi di sicurezza di bassa qualità ha lo stesso risultato finale. In molti casi, ai team di sicurezza mancano gli attacchi in corso perché le informazioni di cui hanno bisogno sono sepolte sotto un numero enorme di false segnalazioni positive.

Questo tipo di sistema risolve queste problematiche fornendo visibilità e analisi dei dati unificate e integrate nelle risorse di un’organizzazione. L’unificazione consente al team di sicurezza di un’organizzazione di visualizzare i dati raccolti da tutte le soluzioni di sicurezza da tutte le piattaforme (inclusi endpoint, dispositivi mobili, risorse Cloud, infrastruttura di rete, e-mail e così via) all’interno di un’unica dashboard. L’integrazione consente agli analisti di trarre vantaggio dagli approfondimenti derivati ​​dall’aggregazione delle informazioni sugli eventi provenienti da più soluzioni diverse in un unico “incidente” contestualizzato.

Semplificando la sicurezza fino a un’unica piattaforma e dashboard, esso consente a un team di sicurezza di proteggere efficacemente un’organizzazione dagli attacchi informatici. Inoltre, questo sistema sfrutta l’automazione per semplificare i flussi di lavoro degli analisti, consentire una risposta rapida agli incidenti e ridurre i carichi di lavoro degli analisti eliminando le attività semplici o ripetitive.

Le sfide SOC e come un sistema XDR può affrontarle

Il Security Operations Center (SOC) è un’unità organizzativa responsabile dell’identificazione, della risposta e della mitigazione delle minacce alla sicurezza. L’obiettivo principale del SOC è identificare e reagire alle minacce in modo rapido ed efficace per ridurre al minimo i danni all’organizzazione. Il rilevamento e la risposta su più livelli di sicurezza, basati su XDR, possono aiutare a raggiungere questo obiettivo.

Ecco alcune sfide SOC che possono essere affrontate dalle soluzioni XDR:

  1. Sovraccarico: le soluzioni SIEM (Security Information and Event Management) inviano migliaia di avvisi agli analisti SOC. La ricerca ha dimostrato che per le aziende di medie dimensioni, gli strumenti di sicurezza possono generare fino a 2 milioni di avvisi al giorno. Gli analisti non sono in grado di elaborare e dare priorità a questo numero di avvisi, il che porta a un affaticamento degli avvisi. Un sistema XDR elimina il rumore combinando più eventi in un unico avviso ad alta affidabilità, assegnando automaticamente la priorità agli avvisi più importanti.
  2. Lacune nella visibilità: in un SOC tradizionale, diversi strumenti di sicurezza offrono visibilità su diverse parti dell’ambiente IT. Ad esempio, i firewall forniscono visibilità e controllo sul traffico di rete mentre gli strumenti di sicurezza degli endpoint offrono visibilità sugli eventi di sicurezza di se stessi. Tuttavia, la combinazione dei dati di questi strumenti richiede lavoro manuale e competenza. Un sistema XDR può aiutare combinando automaticamente i dati degli eventi da più strumenti di sicurezza e salvandoli in un “data lake” per l’analisi storica. Fornisce inoltre analisi avanzate in grado di costruire una catena di attacco da più eventi isolati.
  3. Difficoltà delle indagini: gli analisti della sicurezza richiedono molto tempo per creare un quadro completo di una minaccia e identificarne il percorso e l’impatto. Un sistema XDR elimina questi processi manuali, automatizzando completamente le indagini forensi e l’analisi delle cause principali. Mostra il percorso completo e la sequenza temporale di un attacco e fornisce dati contestuali sugli eventi e accesso a set di dati completi per consentire agli analisti di eseguire un’analisi più approfondita di un incidente.
  4. Rilevamento e lentezza della risposta: a causa delle sfide di cui sopra, molte minacce non vengono rilevate dal SOC o non possono essere adeguatamente studiate. Ciò aumenta i tempi di risposta e di permanenza delle minacce nei sistemi aziendali. Un sistema XDR può migliorare i parametri chiave delle prestazioni SOC come il tempo medio di risposta (MTTR) e il tempo medio di rilevamento (MTTD), migliorando i tassi di rilevamento delle minacce e accelerando completamente il processo.

Piattaforma EDR e sistema XDR: le differenze

Gli EDR sono stati creati per fornire una protezione a livello di perimetro per un sistema. Questo è stato un progresso rispetto ai metodi esistenti in quanto ha fornito copertura per un componente principale in un attacco: gli endpoint. Il risultato ha dato una sicurezza proattiva degli endpoint che ha coperto molte lacune di sicurezza e punti ciechi.

Tuttavia, un uso efficace dell’EDR richiede ancora la collaborazione di altri strumenti e processi. Esso non può proteggere il sistema da solo. Inoltre, non può fornire una visibilità completa del proprio sistema. Piuttosto, può fornire una visibilità limitata sulle azioni che gli aggressori stanno intraprendendo sugli endpoint. Se si pretende sapere cosa è successo durante l’attacco, si devono utilizzare altri strumenti di monitoraggio e rilevamento.

D’altro canto un sistema XDR è stato progettato per colmare questa lacuna di informazioni. A differenza dell’EDR, può fornire visibilità in ogni fase di un attacco, dall’endpoint al payload. Integrando un XDR nella piattaforma di sicurezza, si può raccogliere informazioni da tutti i sistemi. Questo aiuta a determinare un quadro più accurato degli attacchi passati e degli attacchi in corso. Ciò è particolarmente importante poiché le reti al giorno d’oggi sono più distribuite e si possiedono più servizi esterni incorporati con accesso al sistema.

Un sistema XDR e una soluzione MDR

Un Managed Detection and Response (MDR) è una soluzione che fornisce un’alternativa a un SOC interno. Fornisce strumenti di sicurezza ed esperti di sicurezza in outsourcing che possono proteggere un’organizzazione dalle minacce. I provider MDR in genere offrono:

  1. Monitoraggio della rete 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e rilevamento di incidenti di sicurezza da parte di analisti della sicurezza.
  2. Indagine su incident e risposta gestita dal SOC del provider MDR.
  3. Tecnologia di sicurezza come piattaforme EDR, XDR e SIEM, distribuita all’interno dell’ambiente di un’organizzazione e gestita dal provider SOC.

L’ultimo elemento è la differenza fondamentale tra MDR e il tradizionale Managed Security Service Provider (MSSP). Implementando soluzioni di sicurezza avanzate nell’ambiente di un’organizzazione, gli esperti di sicurezza MDR ottengono una visibilità approfondita e un controllo granulare sulle risorse IT, consentendo loro di rilevare e rispondere efficacemente alle minacce. Sia gli MDR che gli XDR aiutano i team di sicurezza a gestire risorse limitate e minacce crescenti, in diversi modi:

  1. Un MDR integra il team di sicurezza interno: offre il SOC come servizio, eseguendo la maggior parte delle attività necessarie per proteggere le risorse critiche dell’organizzazione. In molti casi, il provider MDR fornirà una soluzione XDR come parte della sua offerta, ma la soluzione sarà gestita dal personale dell’MDR anziché dai team di sicurezza interni. Ciò può fornire notevoli risparmi sui costi rispetto al mantenimento interno di una tecnologia SOC e XDR completa.
  2. Un XDR automatizza le attività di sicurezza e migliora la produttività degli analisti: se un’organizzazione mantiene un SOC interno, può migliorare la propria efficacia nel rilevare e rispondere alle minacce. Un sistema XDR fa risparmiare tempo ai team di sicurezza, consentendo loro di indagare e rispondere a minacce reali per l’azienda.

Sia un MDR che un XDR possono aiutare un’organizzazione a identificare e rispondere alle minacce in modo più efficace. La domanda principale è se l’organizzazione è in grado di mantenere un SOC interno e implementare le necessarie tecnologie di sicurezza.

Per le organizzazioni che stanno appena iniziando a costruire la propria infrastruttura di sicurezza, un MDR fornirà in genere una soluzione più conveniente e un’accelerazione notevolmente più rapida.

Come funziona un sistema XDR con un SIEM

Un servizio di Security Information and Event Management (SIEM) viene utilizzato nella maggior parte dei centri operativi di sicurezza come repository centrale dei dati degli eventi di sicurezza e un modo per generare avvisi dagli eventi di sicurezza.

Un sistema XDR può estendere un SIEM attingendo ai dati SIEM e combinandoli con i dati provenienti da soluzioni puntuali che si integrano con la piattaforma XDR.

Un sistema XDR può portare un SIEM un passo avanti. Ad esempio, quando una piattaforma SIEM genera un avviso, invece di fare in modo che gli analisti della sicurezza entrino manualmente nei sistemi di sicurezza degli endpoint o nei sistemi Cloud per indagare ulteriormente, il sistema XDR può farlo automaticamente. Può combinare i dati del SIEM con i dati forensi degli endpoint e delle risorse Cloud e creare una storia di attacco completa. Gli analisti possono comprendere immediatamente l’intera portata della minaccia e rispondere ad essa.

Un sistema XDR consente anche di fare analisi più avanzate. Il SIEM era tradizionalmente basato su regole di correlazione statistica, mentre un XDR introduce l’analisi basata sull’intelligenza artificiale che stabilisce le linee di base comportamentali e identifica le anomalie sulla base di queste linee di base.

Può aggiungere un altro livello di analisi ai dati SIEM, facendo risparmiare ancora più tempo agli analisti della sicurezza e migliorando il tempo di rilevamento e risposta.

Errori da evitare con le piattaforme costruite con sistemi XDR

Sebbene le piattaforme XDR rappresentino un miglioramento significativo rispetto agli strumenti tradizionali e a molti sistemi EDR, queste soluzioni non sono infallibili. Per assicurarsi che tutta l’implementazione sia efficace e che si stia ottenendo la massima protezione per il perimetro da proteggere, sarebbe meglio assicurarsi di evitare i seguenti errori.

Complessità di integrazione

Le soluzioni XDR devono integrarsi senza problemi con le soluzioni esistenti. Se l’integrazione richiede un lavoro eccessivo o plug-in personalizzati, si perde in produttività. Probabilmente si dovrà anche sacrificare parte del controllo e della visibilità che rendono la soluzione XDR un miglioramento rispetto alle alternative. Se la piattaforma che si desidera non si integra bene, probabilmente è meglio trovarne un alternativa. La possibilità di sfruttare l’integrazione nativa consente di implementare rapidamente una nuova piattaforma e fornisce miglioramenti immediati della protezione.

Allo stesso modo, quando si cerca di integrare strumenti aggiuntivi con il sistema XDR, ci si assicuri di dare la priorità a quelli che sono già compatibili. In generale, di dovrebbe diffidare di applicazioni, strumenti e servizi che richiedono un lavoro di integrazione aggiuntivo poiché questo è un debito a budget che si dovrà affrontare.

Mancanza di automazione sufficiente

L’automazione è un fattore chiave dell’efficienza di un sistema XDR. La capacità di automatizzare il monitoraggio, gli avvisi e le risposte è ciò che riduce il carico di lavoro dei team di sicurezza e consente loro di concentrarsi su attività di livello superiore. Tuttavia, per essere efficace, l’automazione deve andare oltre i semplici processi di sandboxing o il blocco di tutto il traffico.

La piattaforma XDR scelta dovrebbe idealmente includere l’automazione che si adatta alle condizioni attuali del sistema e risponde in base a più parametri. Ad esempio, riconoscere quando un dispositivo si è connesso alla rete ed essere in grado di abbinarlo a un profilo utente precedente o assegnargli uno stato temporaneo, ciò può quindi consentire di monitorare più da vicino i dispositivi sconosciuti e limitare più rapidamente l’accesso potenzialmente dannoso.

Complessità operativa

Le piattaforme XDR dovrebbero facilitare gli sforzi dei team di sicurezza e risposta. Questo va oltre le interfacce e dashboard e si estende ai requisiti di configurazione e manutenzione. Se una soluzione è difficile da aggiornare o non consente di modificare facilmente le impostazioni, il suo valore diminuisce.

Inoltre, se una piattaforma è costituita da varie tecnologie che non sono collegate in modo nativo, si potrebbe inutilmente complicare la messa in piedi del servizio. È improbabile che questi strumenti siano altrettanto efficaci ed è più probabile che richiedano sforzi operativi aggiuntivi. Si dovrebbero cercare piattaforme che includono servizi e funzionalità nativi che non richiedono di componenti esterni.

Per concludere, al momento della messa in piedi di sistemi complessi di difesa informatica, una sincera e profonda valutazione delle proprie necessità in base alla propria realtà, paga sempre.

dIGITAL TALK
Droni, AI, Machine Leraning: l'esperienza di Terna sulla transizione energetica
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4