strategie di difesa

Ambienti di Operational Technology e ICS: le best practice di protezione

Guardando alle minacce previste per il 2023 alcuni vendor hanno pubblicato raccomandazioni specifiche per gli ambienti OT e ICS, senza dimenticare le raccomandazioni UE e della CISA su queste materie

Pubblicato il 18 Ago 2023

Alessia Valentini

Giornalista, Cybersecurity Consultant e Advisor

intelligenza artificiale per la difesa cyber curation

Le notizie sulla sull’incidenza e frequenza degli incidenti informatici nei contesti dell’Operation Technology (OT) e dell’Industrial Control Systems (ICS) potrebbero indurre a pensare che i criminali responsabili di tali azioni, siano ineluttabili e che presto o tardi riusciranno nei loro intenti malevoli danneggiando tutte le organizzazioni pubbliche e private, piccole, medie o grandi che adottano tecnologie di questo tipo.

Tuttavia, lo studio delle tecniche e tattiche di attacco (TTPs), da parte dei ricercatori e dei team di security impegnati nella difesa informatica, e la conseguente periodica pubblicazione di aggiornamenti di sicurezza sull’evoluzione della minaccia, consentono ai team di security delle organizzazioni bersaglio, la comprensione dei mezzi più adeguati alla prevenzione, introducendo correttivi, o adottando prassi di sicurezza ad-hoc secondo le dinamiche, i trend e le campagne di attacco, predisponendo così contromisure e sistemi di protezione per tempo e in anticipo.

Queste azioni proattive consentono di evitare e/o mitigare il rischio di danneggiamento, ridimensionando il rischio di attacco ad un evento probabile, ma non certo, oppure arrivando ad un livello di prontezza e resilienza tale per cui, se anche si fosse colpiti da un attacco si riuscirebbe a restare operativi limitando quindi il livello del danno ad una misura marginale.

Analizziamo quindi le raccomandazioni e le prassi da implementare secondo le previsioni della minaccia per il 2023.

Cyber security e reparto IT: allineare le diverse sensibilità operative per mettere in sicurezza i dati sanitari

Le prassi di cyber security indicate da ENISA, CISA e UE

E’ opportuno chiarire per completezza che la protezione di sistemi ICS e OT è stata oggetto di pubblicazioni specifiche sia dall’agenzia americana per la cyber security CISA, sia dall’Agenzia Europea per la cyber security (ENISA) fin dal 2011 (anno passato alla cronaca come anno del security breach per la enorme quantità di incidenti informatici avvenuti n.d.r.).

La CISA ha progressivamente pubblicato varie risorse e materiali sia a carattere strategico che implementativo, con case studies, raccomandazioni di configurazione operativa e un’utile infografica di sintesi.

Le raccomandazioni e prassi emesse dall’ENISA in materia di protezione dei sistemi di controllo industriali del 2011 sono contenute nella pubblicazione dal titolo “Protecting Industrial Control Systems. Recommendations for Europe and Member States”.

Sebbene possa sembrare una pubblicazione datata, resta un documento di prassi basilari per la sicurezza informatica, tanto che molte di quelle raccomandazioni, sono state riprese gruppi di lavoro tecnici europei che hanno dato vita prima alla direttiva NIS e poi alle successive evoluzioni normative: la Direttiva 2022/2557 nota come Direttiva Critical Entity Resilience CER (articoli 12 e 13) e nella  Direttiva (UE) 2022/2555, nota come Direttiva NIS2, (articolo 21), pubblicate a Dicembre 2022 dall’Unione Europea.

Le minacce nell’Operational Technology: focus su Utilities e ICS

TTPs: le previsioni per il 2023

Per il 2023 diversi report sono stati emessi con un focus specifico agli ambienti industriali (ICS) e delle tecnologie operative (OT) per far capire in che modo si manifesti la minaccia informatica. In quegli stessi report sono anche fornite quelle indicazioni di protezione che meglio contrastano i fenomeni di attacco avvenuti e previsti per l’anno in corso.

Guardando alle maggiori tendenze comportamentali di attacco per il 2023, elencate dai ricercatori del CERT ICS di Kaspersky, si possono trovare anche le TTPs considerate più “probabili”:

  • Utilizzo di pagine e script di phishing nascosti in siti legittimi.
  • Uso di programmi di distribuzione non funzionanti contenenti Trojan, patch e key generator per software di uso comune e specialistico.
  • Invio di e-mail di phishing su eventi di attualità con argomenti particolarmente drammatici, compresi eventi politici.
  • Invio di e-mail di phishing provenienti da caselle di posta elettronica di dipendenti e partner compromesse e mascherate da corrispondenza di lavoro legittima.
  • Invio di e-mail di phishing basate su esche costituite da documenti rubati in precedenti attacchi ad aziende collegate o partner utilizzati.
  • Sfruttamento di vulnerabilità zero-day, non immediatamente patchabili a causa della minore reperibilità degli aggiornamenti di sicurezza in alcuni mercati.
  • Abuso di errori di configurazione di base (come l’utilizzo di password predefinite) e di facili vulnerabilità zero-day in prodotti “nuovi” immessi sul mercato.
  • Utilizzo di errori di configurazione nelle soluzioni di sicurezza, ad esempio quelli che consentono di disattivare una soluzione antivirus.
  • Attacchi ai servizi cloud di tipo Saas (la compromissione di questi contesti potrebbe causare alla vittima l’impossibilità di intervento per l’esigenza di mantenere operativi i servizi di business basati sul la porzione di cloud interessata dall’attacco).
  • Sfruttamento di vulnerabilità in software legittimi, DLL Hijacking e BYOVD (Bring Your Own Vulnerable Driver), per aggirare la sicurezza dell’utilizzatore finale.
  • Diffusione di malware tramite supporti rimovibili

Indipendentemente dai trend periodici delle campagne di attacco, il MITRE, un’organizzazione istituita per promuovere la sicurezza nazionale e servire l’interesse pubblico come consulente indipendente, ha raccolto una lista esaustiva di TTPs di attacco che è sempre disponibile per consultazione e per approfondimento, sul sito del MITRE ATT&CK Framework.

Cyber Resilience Act: la UE approva, ecco la roadmap

Contromisure di protezione

Per proteggersi dalle minacce gli esperti di Kaspersky consigliano di:

  • Eseguire valutazioni periodiche della sicurezza dei sistemi OT per identificare vulnerabilità o configurazioni improprie ed eliminare eventuali problemi.
  • Stabilire una valutazione e triage continui delle minacce come base per un processo efficace di gestione delle vulnerabilità.
  • Eseguire aggiornamenti tempestivi per i componenti chiave della rete OT aziendale, applicando correzioni e patch di sicurezza o implementando misure di compensazione non appena è tecnicamente possibile.
  • Usare soluzioni EDR per la ricerca, il rilevamento tempestivo e la correzione di minacce sofisticate.
  • Migliorare la risposta a tecniche dannose nuove e avanzate costruendo e rafforzando le competenze dei team in materia di prevenzione, rilevamento e risposta agli incidenti.
  • pianificare ed effettuare una formazione dedicata alla sicurezza OT per i team di sicurezza IT e per il personale OT come misura chiave per raggiungere questo obiettivo.

L’ultima contromisura, la formazione, è un argomento spinoso non solo per il comparto OT e ICS. Infatti uno studio Fortinet dal titolo “2023 Cybersecurity Skills Gap” evidenzia una crescente carenza di competenze in materia di sicurezza informatica, con la conseguente difficoltà di trovare operatori di sicurezza qualificati per questi contesti operativi complessi.

Nonostante questa difficoltà il report indica come quasi tutte le aziende che adottano sistemi OT avendo ben presente la priorità da dare alla sicurezza informatica, prevedono di affidare la responsabilità della sicurezza informatica OT a un Chief Information Security Officer (CISO) o ad un Chief Security Offices (CSO) nei prossimi 12 mesi, piuttosto che a un dirigente o a un team operativo proveniente dal settore produttivo.

Questo significa che, l’influenza sulle decisioni in materia di sicurezza informatica si sta spostando dai comparti di operation, solitamente focalizzati solo sul core business, a quei responsabili competenti sulla materia della sicurezza informatica, per il ruolo intrinseco correlato alla protezione della continuità di business.

La formazione teorica e pratica sulla consapevolezza in materia di sicurezza informatica è anche al centro delle prassi suggerite dal report 2023 State of Operational Technology and Cybersecurity per responsabilizzare collettivamente, “a pioggia”, tutti i dipendenti, affinché abbiano le conoscenze e la consapevolezza necessarie per collaborare alla protezione di sé stessi e dei dati dell’azienda.

Le organizzazioni dovrebbero considerare di includere una formazione rivolta a tutti coloro che utilizzano un computer o un dispositivo mobile, dai lavoratori da remoto fino alle loro famiglie, per estendere la cultura alla sicurezza.

Lo stesso report indica altre misure e best practice con cui le aziende possono rafforzare la propria postura di sicurezza complessiva in materia di sicurezza OT:

  • Sviluppare una strategia di sicurezza informatica basata sul consolidamento: riducendo il numero di fornitori si riduce la complessità. Il primo passo è iniziare a costruire una piattaforma collaborando con quei vendor che progettano i propri prodotti tenendo conto dell’integrazione e dell’automazione, per consentire alle aziende di incorporare e applicare in modo coerente le policy in un panorama IT/OT sempre più convergente. È opportuno cercare di coinvolgere i fornitori con un ampio portafoglio in grado di fornire soluzioni di base per l’inventario e la segmentazione degli asset e soluzioni più avanzate, come un security operations center SOC OT o la capacità di supportare un SOC congiunto IT/OT.
    • Implementare la tecnologia di Network Access Control (NAC); per risolvere le sfide associate alla protezione di ICS, SCADA, IoT, BYOD e altri endpoint è necessario che il controllo avanzato degli accessi alla rete faccia parte di un’architettura di sicurezza completa. Una soluzione NAC efficace aiuta anche a mantenere il controllo completo della rete di un’azienda, gestendo i nuovi dispositivi che desiderano connettersi o comunicare con altre parti dell’infrastruttura della stessa.
    • Utilizzare un approccio zero trust: implementare i passaggi di base dell’inventario e della segmentazione degli asset. L’accesso Zero Trust fornisce una verifica continua di tutti gli utenti, applicazioni e dispositivi che richiedono l’accesso alle risorse critiche, indipendentemente da dove risiedono. 
    • Adottare un approccio a livello di piattaforma, con API aperte e un solido ecosistema di alleanze tecnologiche fabric-ready, progettato per fornire funzionalità OT-aware per proteggere gli ambienti OT: ciò consente ai CISO e ai team di sicurezza di ridurre la complessità, aumentare l’efficacia nella prevenzione e nel rilevamento dei ransomware e accelerare il triage, le indagini e la risposta agli incidenti.
    • Aumentare la collaborazione tra i team IT, OT e di produzione per valutare i rischi informatici e di produzione, in particolare gli incidenti ransomware, con il CISO che può contribuire a garantire la consapevolezza, la definizione delle priorità, l’allocazione del budget e del personale.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4