Lo studio

PMI e sicurezza informatica: è davvero un matrimonio impossibile?

I dati Grenke-Clio Security-Cerved sullo stato della cyber security nelle piccole e medie imprese italiane, presentati dal direttore tecnico scientifico della ricerca, Alessandro Curioni. La stragrande maggioranza è a rischio alto o molto alto

Pubblicato il 05 Dic 2023

C
Alessandro Curioni

Fondatore di DI.GI Academy, specializzato in Information Security & Cybersecurity - Data Protection

Prima di entrare nei dettagli sono d’obbligo due premesse. La prima riguarda gli attori che hanno contribuito a questa ricerca che per diverse ragioni sono tutti molto vicini a questo mondo a partire da Grenke, multinazionale di leasing operativo leader proprio nel segmento PMI, e Clio Security, che opera come società di consulenza nel medesimo ambito. A questi si aggiunge Cerved che si è occupata della raccolta dei dati e vanta una visione pressoché unica del panorama delle imprese italiane.

Cyber security e PMI: cresce l’attenzione sulla sicurezza, ma servono investimenti strategici

Il campione analizzato

La seconda premessa attiene l’universo di riferimento, costituito dalle PMI italiane operative, con le seguenti caratteristiche dimensionale: fatturato maggiore di un milione di euro e/o più di 5 dipendenti e un fatturato minore di 50 milioni di euro e/o meno di 250 addetti.

WHITEPAPER
Garantisci la protezione dei tuoi DATI durante la modernizzazione del Data Center
Datacenter Infrastructure Management
Data protection

A partire dall’universo così identificato, pari a circa 700.000 aziende in Italia, sono state realizzate circa 800 interviste telefoniche rappresentative, alla figura che in azienda si occupa delle decisioni in tema di cyber security. Dal mio punto di vista di direttore tecnico scientifico i tre attori mi garantivano delle solide basi di partenza. In effetti il quadro che emerge offre una vista senza dubbio inedita sul rapporto tra aziende e cyber security.

La percezione delle aziende

Il primo dato significativo che sfata un luogo comune è l’attenzione delle imprese verso la cyber security. Il 60 per cento delle nostre PMI la considera, in una scala da 1 a 10, di importanza pari ad almeno 8.

Un secondo “mito” che viene messo in discussione è quello legato al problema dei costi della cyber security. Si rileva, infatti, come tra il 40 per cento dei rispondenti che non la considerano di interesse, soltanto il 2 per cento afferma che il problema è di ordine economico.

Piuttosto salta immediatamente all’occhio come ben il 61 per cento attribuisca la scelta al fatto di non trattare dati sensibili. Questo evoca uno scenario in cui l’attenzione della PMI per la cyber security e strettamente connessa alle questioni in materia di protezione dei dati.

La prima conferma arriva dalla risposta alla seguente domanda: “Quanto ritiene adeguate le misure adottate dalla sua azienda per la protezione dei dati personali?”. Bene, il 75 ha risposto attribuendo un livello di adeguatezza da 8 a 10 alle misure adottate.

Significa che la pressione normativa collegata al GDPR ha determinato una qualche forma di attenzione al tema. Tuttavia, come vedremo in seguito gli effetti sono nefasti perché partendo dall’errata uguaglianza tra cyber security e protezione dei dati, la prima ne esce fortemente penalizzata.

Cyber Index PMI, c’è ancora scarsa consapevolezza dei rischi cyber nelle aziende italiane: ecco cosa serve

La responsabilità della cyber security: il gap delle competenze

A proposito di penalizzazione, se la presenza in azienda di un responsabile interno per la sicurezza è limitata a un prevedibile 20 per cento delle aziende (pensavo peggio), molto grave è il livello di conoscenza della materia che è stata verifica proponendo due domande: una sulle conoscenze delle più diffuse forme di attacco e un’altra relative alle tecnologie.

Tanto per chiarire la situazione qualche dato esemplificativo. Una tecnica come il phishing, termine più o meno di pubblico dominio, è noto al 48 per cento dei rispondenti, mentre l’acronimo di DDoS, ormai da un anno citato da tutti i media è sconosciuto all’85 per cento.

Se il Distributed Denial of Service può risultare oscuro al grande pubblico, l’attacco che rende irraggiungibili i sistemi secondo diverse modalità dovrebbe essere ben noto a chi di mestiere si occupa, anche se non a tempo pieno, di cyber security.

Non diverse la situazione rispetto alle tecnologie dove a fronte di un 70 per cento a cui il firewall è noto (anche se lo utilizza soltanto il 56 per cento), appena si passa a soluzioni leggermente più sofisticate o complesse come gli Intrusion Detection System la percentuale di chi le conosce collassa al 17 per cento. Il tema di un’adeguata formazione di queste figure emerge con chiarezza, ma anche a livello di attività volte a incrementare la consapevolezza del personale la situazione è grave

Troppe regole poca formazione

Il 72 per cento delle aziende non offre ai propri dipendenti corsi dedicati ai rischi cyber e, a ulteriore conferma di come per le PMI la cyber security sia legata a doppia mandata alla protezione dei dati, nel 60 per cento dei casi l’erogazione della formazione viene affidata al Data Protection Officer, facile immaginare come sia prevalente l’aspetto connesso alla conformità alla normativa.

Per contro il 49 per cento delle imprese, non è poco, mette a disposizione dei propri dipendenti un regolamento che disciplina l’utilizzo delle dotazioni aziendali (pc, tablet e smartphone). Inevitabile vedere in questa situazione una prevalenza della forma sulla sostanza.

L’importanza della valutazione del rischio nella cyber security

Se attaccate non hanno scampo

E proprio quando si arriva ad alcune questioni di sostanza che si manifesta appieno l’erroneità della sensazione di sicurezza delle PMI. Se alla modestia delle attività formative andiamo ad aggiungere due dati significativi, che raccontano come soltanto il 21 percento delle PMI abbia adottato l’autenticazione a più fattori per tutti i suoi utenti e un modesto 30 percento abbia verificato nell’ultimo anno la sicurezza dei suoi sistemi, magari attraverso un penetration test, appare chiaro come, nella migliore delle ipotesi almeno il 70 per cento delle aziende non disponga delle contromisure base per prevenire un attacco ransomware che punti all’esfiltrazione dei dati.

La situazione migliora, ma di poco, se l’estorsione punta sulla cifratura dei sistemi. A fronte di un 77 per cento di intervistati che dichiara effettuare i backup dei dati almeno una volta al mese vi è un 35 per cento che afferma di conservarlo solo all’interno della propria rete e un 78 per cento che dichiara di non avere alcuna segmentazione della rete. Correlando i dati, circa il 50 per cento delle PMI non sarebbe in grado di recuperare le proprie informazioni.

Una possibile segmentazione

Un ultimo esercizio svolto in collaborazione con gli analisti di Clio Security è stato quello di segmentare le imprese in base al livello di sofisticazione dei sistemi di protezione tecnologici e non adottati e conosciuti.

Le categorie sono quattro e le percentuali sono indicate accanto:

  • Le “avanguardiste” (7 per cento) sono aziende che hanno in uso o conoscono la maggior parte dei sistemi di sicurezza, compresi quelli più avanzati, come l’XDR e il DLP
  • Le “evolute” (29 per cento) hanno sistemi di protezione abbastanza avanzati ma non quanto le avanguardiste, come ad esempio il WAF o la MFA.
  • Le “basiche” (38 per cento) posseggono praticamente i minimi requisiti di cyber security necessari per un’azienda, oltre a qualche sistema più avanzato come antimalware, IDS e IPS.
  • I “principianti” (26 per cento) sono privi di qualsiasi protezione, oppure si limitano a backup, antispam e firewall.

Se consideriamo che chi si occupa di cyber security deve per necessità considerare il “worst case” come la regola, allora siamo in presenza di una situazione in cui il 93 per cento delle PMI è a rischio alto o molto alto.

Un fatto che, a poco più di un anno dall’applicabilità del Regolamento DORA e della Direttiva NIS 2 – che hanno nella sicurezza della supply chain un elemento cardine – mette in discussione la competitività stessa delle nostre PMI e non soltanto la loro capacità di sopravvivere a un attacco cyber.

WHITEPAPER
Basta incidenti in università: scopri il tuo nuovo sistema di controllo accessi
Cybersecurity
Network Security
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5