LA GUIDA PRATICA

Certificazione EIPASS IT Security: cos’è, a cosa serve e come ottenerla

La certificazione EIPASS IT Security serve ad attestare competenze base sulla sicurezza informatica ed è valida per il riconoscimento di punteggio in ambito concorsuale, scolastico e universitario. Ecco tutti i dettagli e come ottenerla

04 Dic 2020
L
Davide Lo Prete

Analista Difesa e Sicurezza

La certificazione EIPASS IT Security è una delle principali in ambito ICT per dimostrare di avere acquisito quelle necessarie digital skills ormai sono sempre più richieste nel mondo del lavoro in cui c’è un impiego sempre maggiore di devices.

Queste capacità, lo ricordiamo, possono essere acquisite anche attraverso corsi accreditati che rilasciano certificati che dimostrano il possesso di specifiche conoscenze e competenze, come ad esempio la ECDL IT Security.

Cos’è certificazione EIPASS IT Security

L’European Informatics Passport (EIPASS) IT Security, in particolare, è un programma di certificazione che attesta il possesso delle competenze ICT, così come descritte negli standard internazionali.

17 novembre, milano
Spalanca le porte all’innovazione digitale! Partecipa a MADE IN DIGItaly

Secondo quanto riportato dal sito ufficiale, l’EIPASS IT Security “certifica le competenze di utilizzo degli strumenti per proteggere il sistema ICT e la rete, l’abilità di creare strategie di prevenzione degli attacchi e la capacità di recupero dei dati. Inoltre, certifica le competenze di utilizzo sicuro dei mezzi di comunicazione online, le corrette conoscenze di comunicazione attraverso i canali social e di comunicazione online”.

La certificazione EIPASS IT Security, in particolare, è rivolta a studenti, impiegati, docenti e a chiunque utilizzi gli strumenti ICT per lavoro, studio e formazione.

A cosa serve la certificazione EIPASS IT Security

Per ottenere la certificazione si devono superare tre moduli di esame. Il primo è incentrato sulla sicurezza informatica; il secondo approfondisce la privacy e la sicurezza dei dati e il terzo fornisce una conoscenza degli strumenti per la tutela in rete.

Il primo modulo sulla sicurezza informatica

Il modulo sulla sicurezza informatica attesta che il candidato conosce i concetti base della sicurezza informatica, sa distinguere i principali tipi di malware e sa proteggere i dispositivi e i propri dati da essi, sapendo eseguire backup per poi recuperare i dati. Inoltre, il modulo certifica che il candidato sa utilizzare in sicurezza la posta elettronica e sa come navigare online in modo sicuro.

Il modulo è composto, a sua volta, da sei diverse sezioni.

La prima sezione, incentrata sulle definizioni, permette di comprendere l’importanza dell’IT Security e i concetti di crimine informatico e ingegneria sociale. Il candidato è, quindi, in grado di riconoscere e attuare misure di sicurezza quali l’autenticazione a due fattori e l’utilizzo dell’OTP.

La seconda sezione è dedicata ai malware. Essa mira a fornire conoscenze sui malware più diffusi (virus, worm, spyware ecc.) e sui principali strumenti di difesa, nonché sull’importanza degli aggiornamenti e delle scansioni.

La terza sezione è interamente dedicata alla sicurezza delle reti e permette di saper gestire in modo sicuro i dati, saperli “backuppare” e recuperare, conoscere le principali reti informatiche (LAN, WAN, MAN) e i protocolli più utilizzati per proteggere le reti wireless.

La quarta sezione, invece, permette di conoscere i principali strumenti per navigare in sicurezza. Essa fornisce competenze sull’utilizzo delle password e la gestione dei cookie; approfondisce l’utilizzo di strumenti forniti da Chrome, quali la navigazione in incognito e Smart Lock; infine, il candidato acquisisce una panoramica sui principali strumenti di filtraggio dei contenuti quali Homeguard Activity Monitor e Qustodio Free.

Nel primo modulo, poi, si acquisiscono competenze legate alla sicurezza nella comunicazione online. Si apprende come utilizzare i principali software di crittografia, quali ProtonMail, Secure Gmail e via dicendo. Il candidato approfondisce la conoscenza delle maggiori vulnerabilità della posta elettronica, quale ad esempio il phishing e i impara i metodi di segnalazione di e-mail fraudolente. Inoltre, grazie questa sezione, il candidato saprà riconoscere e gestire i possibili rischi derivanti dall’utilizzo di blog e social network.

L’ultima sezione del modulo, la sesta, è dedicata alla sicurezza dei dati. Il candidato impara a gestire in modo sicuro i dati sul PC, apprendendo la differenza tra i tipi principali di storage (NAS, DAS, SAN) e imparando ad effettuare il backup manuale. Infine, la sezione fornisce la conoscenza delle modalità di eliminazione definitiva dei file e di ripristino di sistema su Windows 10 e su Mac.

Il secondo modulo su privacy e sicurezza dei dati

Il secondo modulo è dedicato alla privacy e alla sicurezza dei dati. Il modulo fornisce le competenze necessarie per occuparsi della gestione dei dati in modo conforme alla normativa sulla privacy. Le sezioni di questo modulo sono tre: il diritto alla riservatezza, le misure di sicurezza informatica e la sicurezza dei dati.

Attraverso la prima sezione, il candidato approfondisce la normativa europea sulla privacy e identifica i principali pericoli che possono colpire le aziende e i cittadini.

La seconda sezione, invece, ha un carattere più pragmatico. Essa, infatti, fornisce le competenze per adottare le misure di sicurezza connesse alla protezione dei dati e alla riservatezza, in linea con il regolamento UE sulla privacy. Inoltre, essa permette di comprendere come eseguire l’analisi di rischio connessa all’utilizzo dei dati personali.

La terza sezione fornisce conoscenze sullo storage e competenze sulle operazioni di backup e ripristino dei dati.

Il terzo modulo su navigazione Web e posta elettronica

Attraverso il terzo modulo, infine, il candidato impara a utilizzare gli strumenti per navigare online e utilizzare la posta elettronica in modo sicuro.

La prima sezione fornisce competenze per l’utilizzo del Parental Control su Windows e sul Mac, per bloccare l’accesso a siti non adatti a bambini.

La seconda sezione, invece, è incentrata sui social network. In particolare, essa fornisce gli strumenti per adottare le misure di tutela per prevenire e contrastare i pericoli sulla rete.

Come si ottiene la certificazione EIPASS IT Security

Per ottenere la certificazione EIPASS IT Security è necessario recarsi presso un Ei-Center, muniti della Ei-Card, e sostenere l’esame, o, in alternativa frequentare un corso online. La Ei-Card viene rilasciata al candidato una volta completata l’iscrizione al percorso d’esame.

L’esame, invece, è composto da 90 domande (30 per ogni modulo); per superare ogni modulo è necessario rispondere correttamente ad almeno il 75% delle domande.

Per preparare l’esame, è possibile seguire un corso online, a cui è possibile iscriversi dal sito dell’EIPASS, che prevede anche il rilascio dell’attestato formato elettronico. Il corso offre una serie di vantaggi, quali la possibilità di effettuare esercitazioni online illimitate, video on demand e dispense sempre a disposizione.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr