Formazione

I Master che creano specialisti in strategie tecniche e geopolitiche di cyber security

Approfondimento sui corsi che affrontano le strategie e la gestione della cyber sicurezza ma anche la protezione delle infrastrutture critiche, per essere preparati al contesto mutevole dello scenario digitale influenzato da dinamiche di ostilità di tipo ibrido

Pubblicato il 08 Mar 2023

Alessia Valentini

Giornalista, Cybersecurity Consultant e Advisor

Protezione delle infrastrutture critiche

Negli ultimi anni è aumentata l’importanza di operare e proteggere il cyber spazio, definito quinto dominio della conflittualità. La pervasività digitale, infatti, influisce a diversi livelli della società: sociale, politico e commerciale/economico.

Dunque, una compromissione dei sistemi informatici in uno dei tre ambiti incide a livello di sistema Paese e lo sviluppo di capacità nazionali di difesa e deterrenza è una delle capacità che l’Italia ha iniziato a sviluppare per saper proteggere le infrastrutture critiche nazionali e tutte le organizzazioni pubbliche.

La sezione corsi cyber security

Specialisti in strategie tecniche e geopolitiche di cyber security

Tuttavia, sono ancora molti i professionisti richiesti in contenti governativi (ACN ad esempio) o nelle aziende multinazionali, che siano capaci di affrontare questi temi; questo perché sono richieste preparazioni di alto livello specialistico sia in termini di hard che di soft skill e non solo come nozioni teoriche, ma anche come esperienze da saper mettere subito in pratica.

Cyberwarfare e deterrenza

Gli eventi legati alla guerra russo/ucraina hanno avuto importanti conseguenze anche nella dimensione cyber: gli attacchi sono aumentati con una intensificazione sia delle componenti di attacco da parte dei gruppi State Sponsored, sia degli attacchi motivati da lucro e quindi afferenti alla categoria del cybercrime.

Per provocare effetti di destabilizzazione, gli attaccanti puntano ad entità e infrastrutture critiche, mentre per causare danni economici sono ovviamente prioritarie le aziende di livello nazionale o quelle che hanno una produzione strategica.

I professionisti dediti alla sicurezza nazionale hanno iniziato a guardare oltre la difesa informatica reattiva e tattica, spostandosi verso la difesa informatica proattiva e strategica, che può includere la deterrenza militare internazionale come mezzo per prevenire le ostilità (Fonte “The Challenge of Cyber Attack Deterrence”).

Le ricerche sulla strategia di deterrenza e la guerra informatica (cyberwarfare) esaminano la possibilità operare strategicamente per prevenire attacchi informatici e analizzano il modo migliore per sviluppare questi elementi preventivi di deterrenza che tipicamente sono legati a: esistenza di capacità offensive e loro credibilità agli occhi dell’avversario ma anche abilità nel far sapere all’avversario queste capacità per “impressionarlo” e farlo desistere.

Tuttavia, studi specifici hanno evidenziato come le dinamiche di deterrenza, derivanti dalla Guerra fredda, non siano applicabili nel cyberspazio, o perlomeno, non da sole.

Il rischio di ritorsione di tipo economico e legale più che di tipo militare, concorre efficacemente alla deterrenza; ma si può ottenere una efficace deterrenza anche mediante la negazione, ovvero una strategia basata su misure difensive e quindi non solo per impedire al nemico di agire, ma anche per sapere attuare soluzioni quando l’attaccante dovesse effettivamente agire per poter neutralizzare le sue azioni. (Fonte “Cyber Warfare and Deterrence: Trends and Challenges in Research”).

Per contrastare minacce digitali, comprenderne la motivazione scatenante e saperle inquadrare in uno scenario, non sono richieste solo conoscenze tecniche strettamente tecnologiche e legate agli aspetti informatici della materia, ma si rende necessaria anche la comprensione di dinamiche di Cyberwarfare, di deterrenza, conoscendo il significato del concetto di “ritorsione” (la cosiddetta “retaliation” n.d.r.) in un’ottica geopolitica e strategica, con l’aggiunta delle capacità di analisi strategica e di strategia informatica e di Cyber intelligence per conoscere “il potenziale nemico” dall’altro lato della tastiera.

Ecco le principali specializzazioni

Chi vuole approfondire questi temi anche in funzione di una possibile attività lavorativa al servizio del paese o in organizzazioni governative dedite alla difesa nazionale, può specializzarsi mediante la scelta di un Master. Si segnala in questo senso il Master in Protezione Strategica del Sistema Paese: Cyber Intelligence, Big Data e Sicurezza delle Infrastrutture Critiche del SIOI (Società Italiana per l’Organizzazione Internazionale) giunto alla X edizione.

Master SIOI in Protezione Strategica del Sistema Paese

Il Master tratta materie di analisi strategica e intelligence, Cyber intelligence, big Data Analytics, protezione di infrastrutture critiche, scelte strategiche, gestione delle crisi, senza dimenticare l’insegnamento dei concetti base di preparazione, previsione e protezione, negoziazione, reazione e gestione, analisi del rischio e degli impatti, normative e standard applicabili prevedendo anche approfondimenti per i diversi settori di mercato e seminari specifici ad alcuni temi particolarmente cruciali come ad esempio “l’information warfare e le fake news” e “la psicologia nella gestione dell’emergenza”.

La lista completa è disponibile alla pagina dedicata del master. Le materie sono impostate per fornire le basi necessarie a comprendere gli scenari di rischio, individuare le tecniche di protezione ed apprendere la capacità critica di valutazione per formulare strategie aziendali e settoriali, ma anche per acquisire informazioni strategiche mediante tecniche di cyber threat intelligence e open source intelligence, utili sia per l’analisi del rischio, sia per conoscere meglio gli avversari ed effettuare una progettazione o potenziamento delle difese più accurato e appropriato. Il Master ha durata annuale da ottobre a maggio di ogni anno.

Master Sapienza: Sicurezza delle informazioni e informazione strategica

Anche il Master in Sicurezza delle informazioni e informazione strategica organizzato dall’Università La Sapienza di Roma è centrato sulle strategie per la gestione della sicurezza delle informazioni e l’uso delle informazioni a fini di sicurezza e intelligence. Il percorso è multidisciplinare imperniato sulle tre direttrici principali di ICT, elementi economici e giuridici, intersecati a tematiche trasversali quali, l’intelligence, la geopolitica, il risk management, l’auditing e la compliance.

I diversi moduli delle materie proposte forniscono inizialmente le basi e i fondamenti di informatica per permettere ai discenti di scegliere questo Master anche se si proviene da lauree triennali non strettamente “tecniche” (informatiche o ingegneristiche n.d.r.), tuttavia, provenire già da studi di questo tipo, può costituire un vantaggio.

Le tematiche di intelligence sono particolarmente approfondite sia in relazione alle tecniche di gestione e analisi dei dati (business intelligence e data mining) sia in relazione all’organizzazione dell’intelligence nazionale, del segreto di Stato e del ciclo di vita dell’intelligence.

La protezione dei dati è trattata sia in relazione alla privacy, che in relazione alle minacce da Cybercrime, arricchendo il percorso di studi con la modellazione dei fenomeni criminali, l’analisi dei rischi ed elementi di psicologia. Le iscrizioni si sono chiuse a gennaio e l’avvio è previsto dal 15 febbraio 2023 per la durata totale di un anno.

Università di Genova: Master in Cybersecurity and critical infrastructure protection

Più centrato sulle capacità e conoscenze destinate alla protezione delle infrastrutture critiche è invece il Master di II livello in Cybersecurity and critical infrastructure protection dell’Università di Genova, attualmente giunto alla quinta edizione.

Chi sceglie questo percorso di studi impara la protezione di sistemi informatici e architetturali sia di tipo IT (Information Technology) che OT (Operational Technology) acquisendo le conoscenze che distinguono i processi di gestione da quelli di Governance, Risk e Compliance.

L’orientamento della preparazione è tecnico-scientifica, per cui è utile avere già una preparazione da lauree tecniche come provenienza, anche se ovviamente le lezioni della prima sezione di moduli sono impostate per omogeneizzare i discenti sulla preparazione ad alcuni temi di base: Cybersecurity, Computer Security, Information Security Management and Legals, Network Security, Cryptography.

Gli approfondimenti tematici del secondo step della preparazione sono focalizzati invece su diverse materie, quali standard, tecniche di difesa, tecniche di forense, di business continuity, di certificazione, per dare una visione che abbracci diversi aspetti delle problematiche e delle soluzioni tipiche di una infrastruttura critica, sia essa un sistema SCADA, un sistema IoT, un sistema produttivo (catena di montaggio), industriale, o Cyberfisico. L’ultima parte della preparazione è invece strettamente specialistica e dedicata a incidenti, malware, mobile e cloud security senza dimenticare la Governance Risk e Compliance come prassi di gestione e protezione di tutta l’organizzazione.

Master Roma 3: Cybersecurity nell’industria 4.0 e nelle infrastrutture critiche

Simile al precedente in tema di Protezione delle infrastrutture critiche è da segnalare anche il Master di II livello dell’Università Roma 3 dedicato alla Cybersecurity nell’industria 4.0 e nelle infrastrutture critiche. Anche in questo corso di studi il focus principale è l’automazione industriale ed i tipi di sistemi implementativi, di cui sono esplicitate le nozioni relative alla gestione del rischio e delle vulnerabilità e le correlate tecniche di protezione.

International Cybersecurity Management

Oltre agli attacchi di tipo State Sponsored, gli incidenti informatici si possono verificare nell’ampio contesto del Cybercrime di livello internazionale. La preparazione alla difesa da questo tipo di accadimenti richiede che i manager sappiano prendere decisioni effettuando investimenti e creando budget appositi per procurare mezzi tecnici, organizzativi e procedurali ed evitare gli impatti economici di un accadimento avverso.

Ecco allora che la preparazione in Cybersecurity Management di figure di leadership e C-levels (figure professionali deputate alle decisioni n.d.r.), si rende particolarmente necessaria per abilitarli a saper prendere decisioni legate alla Cybersecurity; questo tema oggiorno rappresenta uno dei rischi, da elevare a livello di rischio Enterprise, ovvero a quella categoria di rischio, il cui accadimento è ha impatti sulla sopravvivenza dell’organizzazione stessa.

Master Bocconi: Cyber Risk Strategy and Governance

Due i Master particolarmente consigliati per questa categoria di professionisti: il Master Bocconi in Cyber Risk Strategy and Governance e l’International Master in Cybersecurity Management del Politecnico di Milano.

Il primo è un master multidisciplinare che richiede lo stesso tipo di background ai suoi discenti, perlomeno idealmente, per permettere loro una maggiore efficacia e velocità nella comprensione di tutti i molteplici aspetti/cause/elementi legati all’analisi del rischio, alla sua riduzione controllata e alla sua governance.

Polimi: International Master in Cybersecurity Management

Certamente le tematiche di protezione sono principalmente legate ad aspetti tecnici, organizzativi e procedurali più che a tematiche di standard, sistemi certificativi e normativi, ma anche questi son elementi inseriti nelle materie di insegnamento. Il Master Bocconi ha durata biennale.

Il secondo Master, del POLIMI, ha invece durata di un solo anno ed ha l’intenzione dichiarata di voler fornire un perfetto bilanciamento fra l’approccio tecnologico e quello manageriale, tanto da servirsi di aziende partner esterne di consulenza per il completamento di alcuni moduli formativi.

Un disclaimer avvisa che il programma è molto adatto per discenti con non più di 3 anni di esperienza lavorativa, ma naturalmente si adatta anche per manager con più anni di lavoro alle spalle che sono pero’ scevri di conoscenze digitali.

Entrambi sono tenuti in lingua inglese sia perché i manager di azienda, potenziali discenti, si trovano spesso in company multinazionali o in contesti internazionali, sia perché le due università hanno voluto essere attrattive per gli studenti stranieri.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 2