L'APPROFONDIMENTO

USA e Cina, lotta al predominio nella sicurezza dei dati: scenari di intelligence

Durante un seminario sulla digital governance, il ministro degli esteri cinesi ha annunciato il lancio di un programma per il rafforzamento della sicurezza dei dati, sempre più centrale nello sviluppo industriale della Cina stessa: un messaggio che apre nuovi scenari di intelligence nei rapporti tra Usa e Cina

10 Set 2020
S
Marco Santarelli

Esperto in Network Analysis, Critical Infrastructures, Big Data and Future Energies

Tra USA e Cina ormai c’è uno steccato, peraltro protetto da fili di alta tensione. Ma questi fili sono così tesi o si potrà collimare a una collaborazione tra i due colossi? Proviamo a riflettere: proprio pochi giorni fa il Consigliere di Stato e Ministro degli Esteri Wang Yi ha annunciato all’International Seminar on Global Digital Governance di voler lanciare un programma per rafforzare la sicurezza dei dati, chiamato Global Data Security Initiative.

Questo programma ha rafforzato ancora di più la politica della Cina, insita nell’iniziativa globale Made in China 2025, mettendo l’accento su come la sicurezza dei dati è e sarà sempre più centrale rispetto allo sviluppo industriale della Cina stessa.

In tal caso il messaggio è chiaro: dati personali e dati che serviranno allo spionaggio e controspionaggio saranno messi a disposizione dello Stato cinese essendo, quest’ultimo, finanziatore di tutte le attività di ricerca.

Avvisaglie di una guerra commerciale

Con questo messaggio il ministro ha aperto tre scenari: il primo è quello che, forse per la prima volta, la Cina prende posizione e ha praticamente liquidato gli USA per gli attacchi a Huawei e TikTok, definendo tali attacchi come del bullismo tecnologico.

Evento in presenza
SAP NOW, 20 ottobre | Sostenibilità e innovazione per un ecosistema digitale che rispetta il pianeta
Cloud
Datacenter

Infatti, il Segretario di Stato Mike Pompeo ha promosso un piano chiamato Clean Network che prevede cinque nuove linee di azione (Clean Carrier, Clean Store, Clean Apps, Clean Cloud, Clean Cable) che dovranno salvaguardare la sicurezza delle comunicazioni critiche e delle infrastrutture tecnologiche, partendo dal presupposto che le grandi aziende cinesi di telecomunicazioni non abbiano più rapporti con le strutture statunitensi, quindi, di fatto, escludendole dai commerci.

Il secondo scenario è che, anche se gli Stati Uniti continuano a fare pressione sulle più grandi aziende tecnologiche cinesi, le parole del ministro ricordano velatamente che gli Usa hanno un disavanzo commerciale (quindi anche debiti) rispetto alla Cina molto ampio e pertanto pericoloso. Infatti, gli Usa importano molto più di quanto esportino verso la Cina.

Questo programma per occultare i propri debiti ha dato inizio alle sanzioni Usa contro prodotti cinesi, ma che non riescono a contenere la forza economica della stessa Cina, propria del programma «Made in China 2025», soprattutto su AI, robotica, aviazione, tecnologia elettronica, prodotti aerospaziali e ambito militare.

Anche se in seguito a questo programma, nel dicembre del 2019 gli Usa hanno cercato una presunta tregua che oggi li fa apparire più deboli che mai. Soprattutto di fronte alle connessioni che la Cina ha con gli avversari di Trump per le elezioni.

Il terzo scenario è che mentre gli USA nella loro “guerra” contro Huawei e TikTok non hanno ancora creato soluzioni tecniche adatte e precise, la Cina con un adeguato strumento tecnico, Great Firewall, controlla e restringe l’accesso a società come le maggiori aziende e varie app, Twitter Inc (TWTR.N), Facebook Inc (FB.O) e il proprietario di Google Alphabet Inc (GOOGL.O).

Quindi, il ministro cinese ha voluto far intendere che mentre Trump ha dichiarato perplessità e preoccupazioni loro sono già pronti da anni a chiudere e ad andare avanti da soli se non si raggiunge un certo condivisibile approccio d’insieme.

Infatti, dice espressamente: «tutte le parti dovrebbero essere raggiunte sulla base della partecipazione universale di tutte le parti».

Scenari di intelligence nei rapporti tra Usa e Cina

Qui si apre uno scenario più che economico, legato all’intelligence. Se, infatti, per gli USA il mercato cinese dovrà essere il più possibile simile al loro, la Cina ha già più volte ribadito la forte presenza statale nell’innovazione e non vuole altre proteste, stile Hong Kong, che hanno appoggiato lo spionaggio americano per indebolire la figura di Xi Jinping.

Questo comporta un sempre maggiore controllo sia in tutti gli strati della popolazione di appartenenza, ma anche verso Stati esteri. Anche questo lo dimostra il Ministro Wang Yi in un passaggio centrale. Dice: “alcuni singoli paesi stanno perseguendo in modo aggressivo l’unilateralismo, gettando acqua sporca su altri paesi con il pretesto della pulizia e conducendo cacce globali alle società leader di altri paesi con il pretesto della sicurezza”.

Ciò vuol dire che dalla partita possiamo già escludere schiere di ingegneri e visionari dell’innovazione ed inserire servizi informativi che, sia da un lato che dall’altro, spiano le reciproche mosse ma che in Cina sono sempre più verticalizzate sulla vita delle persone e sulle loro scelte.

Questo lo ha lasciato intendere bene la Cina che ha ben studiato, ad esempio, il piano americano The Clean Network e di cui ha una visione molto chiara: non può arrivare all’altezza dei propri piani. Tombale.

Questo piano tratta una sintesi dell’approccio globale dell’amministrazione Trump per la salvaguardia dei beni della nazione, comprese privacy dei cittadini e informazioni sensibili delle aziende.

Il Clean Network affronta le minacce a lungo termine della privacy, della sicurezza, dei diritti umani, radicandosi negli standard di fiducia digitale accettati a livello internazionale e, citando Mike Pompeo, Segretario di Stato, “invitando tutte le nazioni e le aziende che amano la libertà ad aderire”.

Come ci fa capire Giampiero Massolo, invece, nel contesto internazionale attuale tra USA e Cina ci sono delle perduranti disparità delle forze in campo e si rende prematuro parlare di un nuovo duopolio mondiale o di una nuova guerra fredda, ma sicuramente si può parlare di sdoppiamento di filiere tecnologiche ed economico-commerciali, in cui la Cina sta afferrando la leadership che passa proprio da questo messaggio del ministro cinese.

Non ha ragione di esistere, sembra dirci, una pulizia di azioni o intenzioni. Bisogna fare i conti con la realtà cinese molto più attrezzata. In più Wang Yi fa capire che, come lo è stato per gli USA per Hong Kong, nel quadro di un rapporto transatlantico loro possono intervenire e “piegare” altre nazioni, anche europee.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr