Soluzioni aziendali

La nuova sfida della cyber security negli ambienti Edge computing

La crescita esponenziale di dati prodotti e di dispositivi connessi a Internet ha reso le infrastrutture di data center centralizzate più costose. L’obiettivo dell’edge security è ridurre i requisiti di latenza e risparmiare sui costi di rete. Parlano i vendor

Pubblicato il 28 Ago 2023

Alessia Valentini

Giornalista, Cybersecurity Consultant e Advisor

La trasformazione digitale rappresenta una priorità per molte imprese sia a livello strategico che operativo, perché l’uso di tecnologie digitali può migliorare le prestazioni, l’efficienza e l’efficacia del business.

La trasformazione digitale si attua intervenendo sui tre pilastri di processi, persone e tecnologie e su ognuno di essi interviene il concetto di security per garantire la protezione delle informazioni digitalizzate.

Nasce quindi il concetto di Edge Security che fonde le prassi di Cyber security con il paradigma/modello dell’Edge Computing. Ne abbiamo approfondito i concetti fondanti, le maggiori sfide legate alla sicurezza informatica e le correlate soluzioni di sicurezza applicabili.

Pillole di Edge Computing

L’Edge computing è un’architettura IT distribuita che sposta le risorse informatiche dai cloud e dai data center il più vicino possibile alla fonte di origine. Il cosiddetto bordo della rete dovrebbe quindi essere geograficamente vicino al dispositivo che da origine ai dati. Il concetto di Edge computing è semplice: invece di avvicinare i dati al data center, il data center viene avvicinato ai dati.

WHITEPAPER
I 26 settori industriali che potranno essere trasformati grazie all’Industrial 5G: la guida 2023!
Network Security
Protocolli IoT

La crescente adozione di device di tipo IoT unita alla diffusione del Cloud Computing è parte dei motivi per cui l’Edge computing si sta progressivamente diffondendo. Secondo uno studio Gartner, entro il 2025 il 75% dei dati generati dalle aziende verrà creato al di fuori dei data center centralizzati.

Ambienti di Operational Technology e ICS: le best practice di protezione

La velocità e il risparmio

L’obiettivo principale dell’Edge computing è ridurre i requisiti di latenza durante l’elaborazione dei dati e risparmiare sui costi di rete. Infatti, la crescita esponenziale del volume di dati prodotti e del numero di dispositivi connessi a Internet ha reso le tradizionali infrastrutture di data center centralizzate più costose a causa delle esigenze di maggiore performance di elaborazione dati (costi di capacità computazionale) e della loro trasmissione in rete (costi di trasmissione dati in download e upload).

Lo spiega anche Stefania Prando, business development manager di Kingston Technology: “Il fatto che tutti i dati si siano sempre, storicamente trovati in un data center centrale ha portato con sé due conseguenze: una notevole quantità di larghezza di banda e un’alta latenza (tempo necessario affinché i dati raggiungano l’utente), che incide sull’efficienza delle applicazioni. Il tutto, al netto della sfida della digitalizzazione rappresentata dall’aumento esponenziale del volume di dati generati e scambiati. Gli Edge data center svolgono un ruolo decisivo nell’infrastruttura IT di oggi, risolvendo un essenziale problema di connettività e rendendo possibile avvicinare l’utente alla rete elaborante, consentendo così una navigazione veloce, assicurando una bassa latenza”.

I benefici

I benefici principali, quindi, riguardano: eliminazione della latenza (le elaborazioni avvengono localmente), risparmio di larghezza di banda, riduzione delle congestioni di dati.

Legate alla nuova tecnologia sono presenti anche sfide da affrontare: costi di implementazione, gestione di dati incompleti (localmente possono essere presenti solo una porzione dei dati di interesse) e la sicurezza per asset e dati “in transito e a riposo”.

Proprio il tema della sicurezza informatica si fa cruciale per l’Edge computing perché garantire una sicurezza adeguata in un ambiente distribuito richiede di fronteggiare i rischi legati al trattamento dei dati al di fuori dei confini della rete, mentre l’aggiunta di nuovi dispositivi IoT può aumentare le possibilità per gli aggressori di infiltrarsi nel dispositivo.

Security by design nel mondo OT e IoT industriale: la sfida per Industria 4.0

Edge Security basics

Il progressivo sviluppo dell’Edge computing dovrebbe stimolare un altrettanto graduale ricorso ad accorgimenti di sicurezza informatica, ovvero questi ultimi dovrebbero essere previsti come parte una integrante e progettati in modo nativo.

Invece, complice una percezione errata dei rischi e il preconcetto sulla security considerata un costo e non un investimento, troppo spesso si assiste ancora alla negligenza nella garanzia della cyber security nell’Edge computing.

L’Edge Security nasce proprio per fornire sicurezza a tutti quei processi ed asset che si trovano in punti remoti della rete dell’organizzazione, ovvero al suo esterno e quindi soggetti a maggiori rischi. Si pensi ai dispositivi IoT, ai braccialetti per il fitness, ai sensori o alle auto a guida autonoma utilizzate al di fuori dell’organizzazione.

Già l’uso del Cloud aveva, per così dire, esteso il perimetro di rete al di fuori delle mura aziendali, ma con l’avvento degli IoT e dello smart working il perimetro è diventato ancora più “fluido e ibrido”, perché costituito da diverse porzioni tecnologiche, ciascuna con caratteristiche e rischi, a cui fornire una protezione adeguata e appropriata.

Il rischio maggiore è sui dati spesso sensibili, gestiti dai dispositivi IoT. Quando i dispositivi non protetti sono compromessi, la compromissione può estendersi a macchia d’olio, (a causa dei movimenti laterali di un avversario digitale) arrivando ad altri sistemi e a quei punti della rete a cui il dispositivo è collegato.

Esempi di dispositivi di sicurezza edge possono includere router, firewall, dispositivi WAN, firewall software, filtri web, soluzioni anti-malware, sistemi di prevenzione delle intrusioni e rilevamento intelligente delle minacce (IPS e IDS) ma solitamente sono dispositivi edge ‘intelligenti’ perché dispongono di processi integrati, funzionalità di analisi, capacità di Machine Learning/Intelligenza Artificiale (ML/AI) e possono di conseguenza avere una sicurezza Edge integrata.

Le sfida della Security negli ambienti Edge

Le minacce digitali sono il principale motivo per cui progettare una sicurezza adeguata agli ambienti in Edge. Emma Whitmore, group vice president EMEA di Edgio sottolinea come “un attacco a buon fine costi più di una soluzione di security” e come “l’anzianità tecnologica dei sistemi legacy costituisca una sorta di tassa invisibile sui tool a causa della ridondanza e minore efficienza operativa” per cui l’aggiornamento con nuova tecnologia in cui la security sia integrata è strettamente necessario a contrastare le minacce più infestanti: ransomware, attacchi DDOs, phishing, Advanced Persistent Threat (APT), botnet e ogni possibile 0-day”.

La strategia di sicurezza in questi ambienti distribuiti deve indirizzare non solo i requisiti di protezione della Riservatezza, Integrità e Disponibilità (RID) dei dati, ma anche e parallelamente gli aspetti critici di scalabilità, prestazioni e interoperabilità.

La strategia

La scalabilità in una soluzione di sicurezza Edge deve avere tre capacità: essere efficiente nel consumo, garantire la disponibilità di risorse (essere scalabile per sé stessa) e proteggere l’infrastruttura senza influire negativamente sulla funzionalità dell’applicazione Edge all’interno dell’ambiente distribuito.

Quando gli ambienti distribuiti sono costituiti da reti multilivello, che comprendono diverse interfacce e opzioni di connettività, allora la soluzione di sicurezza deve avere anch’essa un approccio multilivello alla sicurezza informatica. Un approccio che quindi includa firewall distribuiti basati su Edge, sistemi di rilevamento e prevenzione delle intrusioni, soluzioni di sicurezza degli endpoint, analisi del traffico di rete e aggiornamenti software regolari, in modo che se una porzione di rete dovesse essere compromessa gli altri livelli possano continuare l’operatività regolarmente.

In termini di performance la compatibilità delle soluzioni di Cyber security adottate deve garantire il minimo consumo possibile di risorse per non pesare sulle prestazioni dell’intera infrastruttura e al tempo stesso, la funzione di sicurezza deve permettere la continuità operativa, da cui, è necessaria la tempestiva individuazione delle minacce che possono inficiare l’operatività.

Per questi motivi sono necessarie soluzioni di individuazione delle anomalie e risposta (anomaly detection & response) in near-real time, che implementino una solida ma efficiente strategia di raccolta di dati di telemetria, capacità di correlazione dati e determinazione di uno stato di allerta; Sono anche necessarie soluzioni di sicurezza Edge-nativa capace di operare anche offline, per garantire una sicurezza di rete e una protezione a livello locale degli host coinvolti.

L’interoperabilità della sicurezza si implementa scegliendo soluzioni di protezione integrabili e compatibili con gli ambienti in Edge (ad esempio compatibilità con protocolli di comunicazione di livello industriale come Modbus, OPC UA, MQTT e LoRaWAN) e capaci anche di autonomia e auto-adattabilità all’evoluzione dell’ambiente Edge, soggetto continuamente a variazioni della topologia del traffico e al numero dei e tipo dei dispositivi connessi.

Come adottare una strategia orientata alla SASE security

Best practices for edge computing security

I rischi per la sicurezza Edge possono essere mitigati combinando misure di sicurezza fisiche e logiche. Le misure di sicurezza fisica includono la garanzia che i dispositivi siano adeguatamente protetti e che solo il personale autorizzato possa accedervi. Le misure di sicurezza logica includono l’implementazione di controlli di autenticazione e autorizzazione forti e la crittografia dei dati sia in transito che a riposo.

Per indirizzare queste esigenze si ricorre al modello Secure Access Service Edge (SASE), una serie di best practice di sicurezza informatica che le aziende devono seguire per i dati in transito e la crittografia dei dati. Il termine SASE, coniato da Gartner, descrive la fusione di servizi di rete definiti dal software forniti dal cloud, come SD-WAN, con funzioni di sicurezza di rete basate su cloud, tra cui firewall come servizio e gateway web sicuro nel cloud. Il SASE consente alle aziende di trasferire in modo affidabile networking e sicurezza su reti cloud e di mantenere tali funzionalità al sicuro.

Una parte della sua implementazione è costituita dai Security Services Edge (SSE), una raccolta completa di strumenti di sicurezza informatica basati su cloud : elementi di Architettura Zero Trust (ZTA), Software-As-A-Service (SaaS), Firewall-As-A-Service (FWaaS) e altri tool che insieme, forniscono servizi di maggiore visibilità e supervisione, identificazione e monitoraggio delle minacce, sicurezza nel cloud e protezione dei dati multilivello, unendo efficacemente la rete geografica definita dal software (SD-WAN) con la sicurezza della rete.

Accanto a questi servizi ad-hoc sono necessarie anche le prassi di: controllo e configurazione locale dei dispositivi edge o il rifiuto delle loro connessioni; monitoraggio delle attività sui dispositivi Edge, idealmente con strumenti di ai/machine learning per migliorare la detection automatica; isolamento dei dispositivi Edge dalla porzione di Cloud pubblico evitando che il dispositivo abbia alcun privilegio aggiuntivo.

Per il futuro dell’Edge computing Stefania Prando indica come “la tecnologia dei data center debba continuare ad evolversi mediante capacità di storage ottimizzata, implementazione di server più veloci, compressione sempre più efficace e la garanzia della crittografia hardware” mentre gli esperti di security consigliano e ricordano come la sicurezza debba sempre essere un elemento in primo piano, dalla progettazione alla realizzazione.

WHITEPAPER
Infrastruttura IT senza rischi: ecco come una realtà finance ha azzerato la complessità
Software security
Contabilità
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4