Strategie

I castelli medievali e la cyber security, così lontani ma così vicini

Ripensare a come cambiarono i sistemi di difesa secoli fa ci aiuta a capire il contesto delle difese attuali. Un approccio senza tempo? Ridurre la superficie di attacco, oggi come allora. E un altro fattore che non cambia mai – e condiziona sempre – è proprio il budget

Pubblicato il 13 Giu 2023

Domenico Raguseo

Head of CyberSecurity Exprivia

Castel del Monte - Puglia @danielevulpi

Difesa e attacco si sono rincorsi nei secoli e le innovazioni tecnologiche hanno favorito qualche volta gli uni e talvolta gli altri.

In verità spesso a doversi adattare è stata la difesa. Infatti, una volta investito in difesa, il difensore non ha alcun interesse nell’adottare tecnologie che possano rendere inefficaci gli investimenti. Chi attacca invece ha tutto l’interesse ad inventare qualcosa che metta in crisi la difesa o a sfruttare eventuali vulnerabilità nella difesa.

Intelligenza artificiale, preziosa alleata della cyber security: innovazioni e sfide da affrontare

Così cambiò la difesa nei castelli medievali

La storia delle fortificazioni è un eccellente esempio signiferatore (da signum fere, portare il segno). Le fortificazioni nascono con l’obiettivo di massimizzare le possibilità di chi si difende rispetto a chi attacca.

Fino al XV secolo la loro efficacia si misurava con l’altezza e solidità delle mura. In assenza di aviazione e artiglieria, l’unica vulnerabilità erano i portoni di ingresso e le eventuali scale che gli attaccanti avrebbero dovuto portare con sé.

Più alte erano le mura e maggiore era la difficoltà per gli attaccanti avere il sopravvento mentre chi si difendeva dall’altro, poteva contare sulla efficacia della forza di gravità per scaricare in basso qualunque oggetto o liquido contundente.

L’altezza e la solidità delle mura dipendevano solo dal budget (costo) e materiale a disposizione oltre che dalle conoscenze ingegneristiche del tempo.

È stato sufficiente nel XV l’idea di utilizzare la polvere da sparo in artiglieria combinata con l’invenzione della artiglieria portatile per scagliare grosse pietre contro queste mura per rendere tutti gli investimenti fatti in secoli di costruzioni, inutili.

Infatti, le fortificazioni prima del XV secolo erano costituite da muraglie perpendicolari al suolo ed abbastanza sottili per ottimizzarne i costi. L’altezza delle mura che era la loro forza, diventa improvvisamente la propria debolezza. Infatti, più le mura erano alte e maggiormente erano esposte all’artiglieria. Anche la loro forma piatta poco si prestava ad assorbire la forza inerziale dei proiettili lanciati dai cannoni.

Tutto dipende da come ti attaccano

Nella seconda parte del XV secolo, la difesa ha cominciato pertanto ad adattarsi modificando le fortificazioni esistenti, ad esempio abbassando le mura e pertanto riducendo la superficie di attacco, sostituendo torri quadrate con torri rotonde e adottando diverse architetture più adatte alle nuove necessità (innovazione al servizio della difesa).

Una delle prime fortificazioni di nuova generazione è il torrione quattrocentesco di Bitonto, situato lungo l’antica cinta muraria della città di Bitonto. Il secondo piano ricorda molto quello di Castel del Monte che sorge a pochi chilometri di distanza a nord sempre in Puglia.

Mi piacerebbe pensare che la forma ottagonale del Castel Del Monte fosse dovuta non tanto al fatto che Federico II aveva una predilezione particolare al numero otto ma al fatto che Federico II si fosse posto il problema dell’avvento della polvere da sparo creando un castello che avesse torri non circolari ma neanche quadrate. Questo renderebbe Federico II non solo un astrologo ma anche un futurista, in quanto il castello è stato costruito tra il 1200 e il 1300, e quindi qualche anno prima dell’utilizzo in battaglia della polvere da sparo.

In verità, malgrado la forma e la solidità del castello, non è nota la ragione per cui sia stato costruito e questo lascia un alone di mistero e a me la possibilità di credere all’improbabile.

Curioso che in 50 km in Puglia è possibile ammirare tre stili diversi di castello che vanno da quello Svevo di Bari che è stato costruito nel 1100 ed ha una forma “abbastanza” quadrata anche se già con qualche sguardo al futuro, al Torrione di Bitonto costruito nel 1400 passando per il Castel Del Monte con la sua forma ottagonale costruito nel 1200.

Infrastrutture critiche, l’approccio dei CISO alla resilienza

Dal Medioevo alla blockchain

Passano migliaia di anni, non si parla più di polvere da sparo ma di intelligenza artificiale, blockchain, quantum computing, cloud, quindi non si parla più di fortificazioni ma di controlli di sicurezza, e la logica rimane la stessa.

Chi attacca può decidere se usare l’innovazione o meno, chi si difende non ha scelta, deve adattarsi per non soccombere.

Se la superficie di attacco è molto vasta ed è indifendibile, la superficie dell’attacco va ridotta.

Passano i secoli ma il budget è sempre un problema

I costi erano un problema nel medioevo per chi investiva in difesa e rappresentavano spesso il limite architettonico delle fortificazioni, ma anche oggi rappresentano un vincolo per chi si preoccupa di costruire difese digitali.

Questo viene amplificato nella civiltà digitale dalla sproporzione tra chi attacca e chi difende e rende investimenti nella difesa spesso troppo volatili e senza un ritorno di investimento sicuro. Chi attacca, infatti, decide quando attaccare, mentre chi difende subisce l’attacco. Chi attacca è specializzato, mentre chi si difende in genere ha altre priorità.

Chi si difende rispetta le regole (privacy e riservatezza, limitazioni nelle capacità di risposta) chi attacca agisce spesso nella sfera della illegalità.

Infine, attaccanti e difensori si sfidano su un terreno chiamato Internet, che non è nato per essere sicuro, dove la sicurezza di Internet comincia dalla gestione degli indirizzi IP, passa attraverso la sicurezza dei DNS per arrivare alla sicurezza di tutti i servizi che vengono utilizzati e si conclude alla sicurezza dei dispositivi IoT.

Attacchi come Mirai, infatti, ci insegnano che la insicurezza di una telecamera di videosorveglianza può implicare la insicurezza di un DNS e di tutti i servizi ad esso collegati.

Essendo il budget limitato, diventa pertanto importante ed imprescindibile conoscere le armi che il nemico utilizza e come queste armi vengono utilizzate. Spendere dei soldi per costruire castelli rotondi se l’attaccante non ha la polvere da sparo è inutile, così come è inutile costruire delle mura alte se l’attaccante ha la polvere da sparo.

È importante conoscere anche le abitudini e queste possono variare da territorio a territorio. Certo con Internet questo è meno importante che nel medioevo, in quanto un click in Europa potrebbe avere la conseguenza di un incidente in America, ma anche nell’ecosistema digitale ci sono motivazioni e abitudine che hanno peculiarità regionale (ad esempio, collegate alla velocità della trasformazione digitale).

La ricerca di Exprivia

Osservando i dati forniti dai ricercatori di Exprivia, notiamo che se non ci fossero banche ed assicurazioni, probabilmente non si parlerebbe di cyber security e questo è un fenomeno che interessa tre nazioni differenti, Italia, Spagna e Brasile.

Ovviamente senza banche ed assicurazioni si tornerebbe probabilmente al medioevo, ma non si parlerebbe di cyber security.

Questo comunque non è un particolare irrilevante in quanto l’informatica, o generalmente la scienza dei computer è sempre stata trainata dal mondo della difesa per poi estendersi in altre industrie (si pensi ad esempio a Touring, Fortran ..) . Invece per quanto riguarda la cyber security, da Zeus a Citadel a trainare è il mondo della finanza.

Insomma, parliamo di guerre digitali, di tanti scenari apocalittici che sicuramente hanno una propria rilevanza ed importanza ma alla fine, sono statisticamente meno rilevanti se si guarda lo scenario complessivo.

Altro elemento comune ai tre territori osservati è l’aumento pressoché costante del numero di incidenti così come la riduzione della forbice tra numero di incidenti ed attacchi con un andamento sinottico che vede la Spagna in “ritardo” rispetto all’Italia di sei mesi.

Per quanto riguarda le violazioni della privacy, lasciando il Brasile che è soggetto a regolamentazioni differenti, notiamo un maggior numero di segnalazioni in Spagna nel periodo osservato.

Infine, la tecnica di attacco più utilizzata su tutti i territori è il phishing. Questo dovrebbe suggerire che la fortificazione più importante da costruire è quello della consapevolezza del navigante digitale, che non richiede investimenti in sofisticate tecnologie ma non per questo è meno complessa da ergere.

Ridurre la superficie di un attacco

Se nel medioevo la superficie era rappresentata dalle mura e ridurla è stato relativamente semplice, nell’ecosistema digitale la superficie si è allargata velocemente a causa della trasformazione digitale. Ridurla accorciando le mura non è altrettanto semplice.

La cosa più efficace è osservare il proteggere i punti di accesso più comuni che sono rappresentati dalle identità, proteggere i dispositivi mobili ed IoT e per proteggerli vanno conosciuti (gestione degli asset). Infatti, dopo il phishing, gli attacchi hanno spesso successo sfruttando vulnerabilità conosciute (ultima famosa la ESXiArgs). Infine, se la superfice d’attacco maggiore è la consapevolezza dell’individuo, non si può prescindere dall’investire in consapevolezza.

Ottimizzare i costi

Ottimizzare i costi vuol dire fare analisi del rischio e non prescindere dalla conoscenza del nemico (threat intelligence) ma anche utilizzare modelli di delivery flessibili non solo per tecnologie (SOC condivisi) ma anche per competenze (CISO, DPO) . Questo è particolarmente importante per le PMI. Infatti, costi e competenze se giustificabili per grandi aziende, diventano difficilmente gestibili per piccole realtà che invece sono la dorsale della nostra economia.

La sfida dell’Innovazione

Innovare è imprescindibile non solo per evitare di dover combattere con armi non adeguate alla violenza dell’attacco ma anche per trovare quelle soluzioni che servono a liberare risorse pregiate per avere maggiore focalizzazione su attività critiche. Dall’utilizzo dell’intelligenza artificiale alla blockchain, una delle aree dove maggiore l’innovazione ha favorito la difesa è quella della automazione.

L’allargamento della superfice di attacco ha infatti reso indispensabile aumentare l’esecuzione di controlli di sicurezza (da VAPT ad analisi di IoC) e non si tratta solo di ottimizzare i costi ma anche l’automazione (ad esempio, usando AI) è imprescindibile in quanto le risorse nella difesa sono comunque limitate per natura.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 5