ransomware

Chi è e come agisce il gruppo Rhysida che mistifica le proprie azioni

Emerso alle cronache nel 2023, il gruppo Rhysida sostiene di volere insegnare alle proprie vittime come difendersi dagli attacchi hacker. Una narrazione di convenienza che, però, nulla toglie alla temibilità del collettivo

Pubblicato il 09 Feb 2024

Giuditta Mosca

Giornalista, esperta di tecnologia

attacchi di phishing

Le prime tracce del gruppo Rhysida si sono manifestate ad opera dell’omonimo ransomware e risalgono al mese di maggio del 2023. In Italia si sono palesate a novembre dello stesso anno, in occasione dell’attacco all’azienda ospedaliera di Verona.

Il collettivo ha dato prova delle pericolosità del proprio ransomware sia usandolo direttamente sia concedendolo in uso ad altre gang di hacker che hanno seminato il panico un po’ ovunque, riuscendo a superare le difese dei sistemi Microsoft e non disdegnando la doppia estorsione.

Non da ultimo, irride le proprie vittime sostenendo che devono apprezzare i lati positivi dell’incursione hacker, capace di dimostrare loro le debolezze delle rispettive difese.

Per approfondire il fenomeno ci siamo avvalsi del parere di Alessandro Molari, Ceo dell’azienda italiana di cyber security Cyberloop.

Protocollo RDP, perché è ancora un problema di cyber security: come approntare una difesa

Il gruppo Rhysida

Il nome Rhysida richiama un millepiedi che scava nel terreno e, di fatto, è ciò che fa qualsiasi virus, che bypassa i sistemi di sicurezza per entrare nei perimetri delle reti aziendali.  Sulle origini del collettivo gravano diverse ipotesi che lo situano in diversi Paesi dell’Europa orientale e, stando ad alcune voci esperte, sarebbe la reunion o sarebbe in qualche modo collegato con il collettivo Vice Society. Informazione questa che, seppure condivisa da testate autorevoli, non trova almeno attualmente riscontro certo.

Si spaccia per un collettivo di cyber security, definendosi quasi benefico perché aiuterebbe le proprie vittime a proteggersi meglio, rendendo pubbliche le vulnerabilità attraverso le quali ha superato le difese di ogni singolo bersaglio. Una narrazione ironica che non trova il conforto della realtà, anche perché il ransomware Rhysida è ceduto nella modalità Ransom-as-a-Service (e quindi potenzialmente concesso in uso a chiunque ne faccia richiesta) e, non di meno, si situa nella famiglia dei ransomware a doppia estorsione, ossia quelli che chiedono un riscatto per decrittare i file e che, a prescindere, ne esfiltrano copia per eventualmente rivenderle.

La gang si muove trasversalmente tra settori pubblici e privati, concentrandosi su sanità, manifattura, l’ICT e l’istruzione. Un portfolio variegato che, stando alle ricostruzioni di Sony, include anche l’attacco alla controllata Insomiac Games del mese di dicembre del 2023, quello di poche settimane prima rivolto alla Biblioteca nazionale britannica e quello di maggio del 2023 che ha messo in difficoltà l’esercito cileno.

Come agisce Rhysida

Le tecniche sono di diverso tipo e, in comune, sfruttano la lentezza con cui organizzazioni implementano o aggiornano i rispettivi sistemi difensivi. Per esempio, il collettivo sfrutta profili utente Remote Desktop Protocol (RDP) precedentemente esfiltrati e mai disabilitati.

Agisce soprattutto laddove mancano sistemi di autenticazione multi-fattore e, per preparare il terreno, ricorre a campagne phishing oppure all’ingegneria sociale.

In realtà, benché abbia delle particolarità proprie, Rhysida non è da considerare del tutto innovativo e affonda le fauci sfruttando le classiche vulnerabilità dei sistemi. Alessandro Molari approfondisce questo aspetto: “Rhysida è un ransomware che opera in modalità RaaS (Ransomware-as-a-Service) e quindi permette a varie organizzazioni criminali di sfruttare il ransomware per compiere attacchi. Si riscontra un possibile rapido processo di sviluppo al fine di rendere la minaccia operativa in tempi molto stretti”.

È considerato una novità sotto certi aspetti, anche se esistono similarità con tattiche, tecniche e strumenti rispetto ad altri ransomware e il riuso di librerie note (per esempio, LibTomCrypt)”, continua Molari, che aggiunge: “Tra i pattern comuni presenti anche in Rhysida si è rilevato un collegamento degli attaccanti alla rete aziendale attraverso canali VPN e RDP, utilizzando account violati, eventualmente grazie a precedenti campagne di phishing. Una volta compromessa la rete aziendale, si dispiegano strumenti di Backdoor e di Command & Control, come ad esempio SystemBC e PortStarter. Attraverso l’esfiltrazione di credenziali, gli attaccanti possono poi muoversi ‘lateralmente’ e quindi espandere la compromissione nell’intera infrastruttura (ad esempio mediante RDP e PSExec), distribuire il binario malevolo del ransomware ed esfiltrare le informazioni, ad esempio utilizzando MegaSync, WinSCP o script PowerShell creati appositamente”.

Gli equilibri in gioco

Il punto, però e come già scritto, è che Rhysida penetra con relativa facilità laddove i sistemi, le tecniche e le procedure di difesa non sono aggiornati né si distinguono per resilienza. Questo rilancia un tema sempiterno che, ancora oggi, tende a creare un’immagine un po’ distorta delle capacità degli hacker e di quelle di chi si occupa di difesa. Fermo restando che sembri esserci uno squilibrio a svantaggio di questi ultimi, scavando un po’ più a fondo, sorge anche il dubbio che l’esercito degli hacker appaia più numeroso di quanto in realtà non sia: “I cyber criminali – per la maggior parte gruppi organizzati – spesso si avvalgono di filiere di fornitura e di interscambio di competenze e strumenti che sovente rende rapida ed efficace la costituzione di gruppi e la loro operatività.

Ad oggi, la capacità organizzativa degli attaccanti è pari – se non superiore – a quella di molte aziende, con specifiche figure preposte a ruoli noti anche al mondo delle normali organizzazioni, quali di Marketing, Business Development, Recruiting, HR, oltre che alle tipiche funzioni tecniche e specialistiche relative al ‘core business’. Questo rende ancora più efficace la capacità di raccogliere investimenti e costituire e organizzare nuovi collettivi.

In aggiunta, spesso i gruppi possono attuare azioni di rebranding e creare partnership che possono comportare il cambio del profilo di attacco e la comparsa di nuovi nomi, mantenendo però spesso tattiche, tecniche e strumenti di attacco simili.La trasformazione della minaccia ransomware Ryuk in Conti ne è un chiaro esempio”, spiega Molari.

Sembrano scenari di attacco numericamente limitati e che riguardano realtà aziendali di una certa grandezza o in settori specifici ma, come ricorda il Ceo di Cyberloop, sono in realtà episodi che si verificano con una certa frequenza: “In Cyberloop spesso ci troviamo a difendere e contrastare gruppi organizzati e, anche mediante opportuni meccanismi di classificazione basati su algoritmi di Machine Learning, notiamo una forte correlazione fra differenti attacchi e diverse organizzazioni criminali, il che spesso indica possibili interscambi di tecnologie e dati”.

Le modalità di difesa

Giova, infine, ricordare quali strategie di difesa è opportuno che ogni organizzazione metta in atto, compito che lasciamo ad Alessandro Molari: “È fondamentale considerare l’investimento nelle misure di resilienza, non solo dal punto di vista della risposta all’attacco o all’eventuale ripristino dei sistemi e dei processi digitali, bensì dalle nostre esperienze notiamo che risulta essenziale e di primaria importanza l’investimento delle misure di prevenzione, atte alla riduzione del rischio, e alle misure di preparazione, ovvero di predisposizione di tutte le misure di difesa.

A tale scopo, è fondamentale adottare un approccio completo che tenga in considerazione di tutti i fattori esistenti, in cui quelli implementativi e tecnologici sono intrinsecamente correlati a quelli organizzativi, di processo e relativi al fattore umano.

Per Cyberloop, è importante adottare un processo di miglioramento continuativo che, come in un ‘loop’, permetta di introdurre misure graduali, sostenibili e adatte alla complessità dell’azienda e che ne renda possibile la misura, la verifica e il governo.

Nello specifico della minaccia ransomware, è fondamentale investire in misure che permettano di ridurre il rischio derivante dall’accesso iniziale (ad esempio mediante opportune misure di Security Hardening e Cyber Hygiene), che consentano di individuare quanto prima eventuali minacce in corso, e che favoriscano azioni tempestive per contenere una eventuale compromissione, eventualmente impiegando regole di analisi comportamentale e di rilevamento di anomalie e basate su Threat Intelligence. Infine, è necessario adottare un piano di gestione delle crisi informatiche che permetta, anche nel peggiore dei casi, di avere una risposta pronta per contenere non solo gli impatti tecnici nei sistemi, ma anche quelli operativi, normativi e reputazionali”.

Niente di cui non si discuta già da tempo, la difesa in sé è costituita soprattutto da buone prassi e dalla diffusione dell’opportuna cultura tra tutti gli stakeholder.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 5