PRIVACY

Trasferimento dati negli USA: punti critici e novità normative dell’Executive Order di Biden

Gli Stati Uniti hanno compiuto un passo importante verso un nuovo accordo sulla protezione dei dati con l’UE. L’Executive Order di Biden potrebbe essere una svolta per il trasferimento di dati conforme alla legge e dare finalmente certezza giuridica alle aziende. Facciamo il punto

12 Ott 2022
M
Benito Mirra

Information & Cyber Security Advisor

Il presidente degli Stati Uniti Biden ha aperto la strada a un nuovo accordo sulla protezione dei dati con l’UE firmando il 7 ottobre 2022 un ordine esecutivo. Le nuove normative mirano a migliorare la protezione dei dati personali dei cittadini dell’Unione Europea dall’accesso da parte dei servizi segreti statunitensi.

Inoltre, stavolta, i cittadini dell’UE dovrebbero essere in grado di difendersi dalle misure di sorveglianza americana. Ma la sorveglianza di massa resta comunque consentita.

A fare da sfondo al decreto pubblicato dalla Casa Bianca il 7 ottobre 2022 è una decisione della Corte di giustizia europea (CGUE) del luglio 2020, con la quale l’accordo sulla protezione dei dati esistente, il cosiddetto “Privacy Shield”, è stato dichiarato insufficiente.

Nel marzo di quest’anno, Ursula von der Leyen e il presidente americano Biden hanno annunciato che avrebbero concordato in linea di principio un regolamento successivo al fine di riportare lo scambio di dati tra gli Stati Uniti e l’UE su una base giuridica sicura. Ursula von del Leyen commentava così l’accordo: “Ciò consentirà un traffico di dati prevedibile e affidabile tra l’UE e gli Stati Uniti e garantirà la protezione della privacy e delle libertà civili”.

Trasferimento dati UE-USA: cosa cambia col nuovo ordine esecutivo del Presidente Biden

Resta consentita la sorveglianza di massa

Nella sua sentenza, la Corte di giustizia Europea aveva soprattutto criticato le ampie opzioni di accesso dei servizi segreti statunitensi ai dati dei cittadini europei. Secondo il nuovo decreto della Casa Bianca, tuttavia, i servizi segreti statunitensi sono ancora autorizzati a svolgere attività di sorveglianza in blocco – la cosiddetta “bulk collection” – delle telecomunicazioni.

WHITEPAPER
DATI: come PROTEGGERLI e mantenerli CONFORMI alle regole? Scarica la Guida
Sicurezza dei dati
Database

Pare, però, che tutto questo sarà approvato solo “se le informazioni richieste per supportare una priorità di intelligence convalidata non possono essere ottenute in modo appropriato attraverso una sorveglianza mirata”.

I servizi segreti americani che utilizzano la sorveglianza di massa dovrebbero utilizzare “metodi e misure tecniche appropriate” per limitare i dati raccolti al necessario e “ridurre al minimo la raccolta di informazioni irrilevanti”.

In generale, le attività di intelligence possono essere condotte solo in misura e in modo “proporzionato rispetto alla priorità di intelligence convalidata per la quale sono state autorizzate”.

Procedura di reclamo nell’Unione Europea

Il decreto contiene anche un nuovo meccanismo di reclamo che i cittadini dell’UE possono utilizzare per opporsi alla raccolta dei propri dati da parte delle autorità statunitensi.

Come primo passo, un funzionario per la protezione delle libertà civili (CPLO) assegnato al coordinatore dell’intelligence statunitense indagherà sulla denuncia. Il funzionario verifica se, ad esempio, sono state violate le norme del nuovo decreto o altre norme statunitensi.

Il decreto Biden, inoltre, autorizza anche il procuratore generale degli Stati Uniti a istituire un cosiddetto DPRC (Data Protection Review Court). Un gruppo di tre persone che può condurre un riesame indipendente e vincolante delle decisioni del Mediatore su richiesta dell’interessato o di un rappresentante della comunità dell’intelligence.

I membri del tribunale dovrebbero essere “avvocati con adeguata esperienza nel campo della protezione dei dati e del diritto della sicurezza nazionale, privilegiando quelli con precedente esperienza giudiziaria”.

Nessuna menzione se al momento della loro nomina iniziale siano dipendenti del governo americano.

L’Unione Europea a un bivio

Il cosiddetto PCLOB “Privacy and Civil Liberties Oversight Board” esaminerà (pare) anche le attività dei servizi segreti statunitensi per la conformità alle nuove normative. Il comitato esaminerà se i servizi segreti stanno cooperando sufficientemente nella procedura di reclamo e se stanno attuando i requisiti delle due nuove istanze.

Sulla base di questo nuovo decreto, la Commissione UE deve ora prendere “nuovamente” una decisione che stabilisca quindi che in un paese terzo esiste un livello di protezione dei dati paragonabile a quello dell’UE. Tuttavia, deve prima consultare il Comitato europeo per la protezione dei dati (EDPB) e gli Stati membri europei.

Anche se ai servizi di intelligence statunitensi devono essere posti limiti più severi, come richiesto dalla Corte di giustizia, ciò non è sufficiente. La Corte di giustizia ha richiesto che:

  1. la sorveglianza degli Stati Uniti sia proporzionata ai sensi dell’articolo 52 della Carta dei diritti fondamentali (GRC) e
  2. che possa essere proposto un ricorso giurisdizionale ai sensi dell’articolo 47 GRC.

Il nuovo ordine esecutivo di Biden sembra fallire su entrambi i fronti. C’è ancora la sorveglianza di massa degli Stati Uniti e un “tribunale” che non è un tribunale. A prima vista, stanno cercando di concordare un terzo accordo senza una base legale.

Ora tocca alla Commissione Europea. Deve sviluppare un proprio quadro giuridico che sia il più possibile “prova in tribunale” per la proposta di Washington. C’è troppo ottimismo tra Washington e Bruxelles, guardando un po’ più da vicino, si sta tentando un terzo accordo senza una base giuridica. Si presume che un nuovo accordo sarà presto ribaltato dalla Corte di giustizia.

Inoltre, colpisce anche il fatto che la Commissione Europea non abbia chiesto che i principi del cosiddetto “Privacy Shield” siano adeguati al GDPR, in vigore dal 2018.

I principi sono in gran parte identici ai precedenti principi “Safe Harbor” formulati nel 2000. Ciò significa che le aziende statunitensi possono continuare a elaborare i dati europei senza essere conforme al GDPR. Ad esempio, non hanno nemmeno bisogno di una base giuridica per il trattamento, come il consenso.

In base allo scudo per la privacy, le società statunitensi devono offrire agli utenti solo un’opzione di opt-out. E questo nonostante la Corte di giustizia abbia sottolineato che negli USA deve esistere una protezione “essenzialmente equivalente” affinché i dati possano essere liberamente trasmessi negli USA.

Quale certezza giuridica per le aziende

Le verifiche dei singoli casi attualmente necessarie rappresentano ancora un grosso onere per l’economia, soprattutto per le PMI.

Dopo la firma dell’ordine esecutivo, si tratta ora di “tradurre rapidamente la volontà politica di una soluzione in una regolamentazione giuridica resiliente che resistesse anche a future revisioni giudiziarie. Le aziende hanno bisogno di certezza del diritto in modo che il blocco dei dati esistente possa essere finalmente risolto”.

I trasferimenti di dati sono una parte essenziale dell’intera economia e anche della scienza. Per le aziende europee, la limitazione o addirittura la prevenzione dei trasferimenti di dati è grave almeno quanto l’interruzione delle catene di approvvigionamento.

Ma il tempo è tiranno, perché le clausole contrattuali standard su cui le aziende hanno dovuto fare affidamento dalla fine dello “scudo UE-USA per la privacy” sono spesso associate oggi a una grande incertezza giuridica.

Molte aziende sono a rischio sanzioni e divieti di trasferimento se trasferiscono dati personali dall’UE agli Stati Uniti senza una base giuridica sufficiente.

Tuttavia, per l’economia europea in generale, ma in particolare per molte PMI, uno scambio di dati legalmente sicuro a livello internazionale è la “base dei loro modelli di business basati sui dati e quindi un elemento fondamentale per un successo della trasformazione digitale.

Occorre quindi, con la massima urgenza, una soluzione a lungo termine per il trasferimento legalmente sicuro dei dati personali dall’UE agli USA, che tenga conto dei requisiti delle specifiche della Corte di giustizia europea.

Ma gli osservatori del settore non si aspettano che una decisione in tal senso venga presa prima dalla metà del 2023.

WHITEPAPER
Gestione dei contratti e GDPR: guida all’esternalizzazione di attività dei dati personali
Legal
Privacy
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4