L'analisi

Privacy USA-UE, le nuove regole di Biden sui dati personali degli europei

L’Executive Order nasce per delineare il perimetro di azione degli organi governativi americani in caso di necessità. Per molti è un passo in avanti, ma non mancano gli scettici. A cominciare dall’attivista Max Schrems

11 Ott 2022
C
Anna Cataleta

Senior Partner P4I – Partners4Innovation

B
Filippo Benone

Junior Legal Consultant

Lo scorso 7 ottobre il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha apposto la propria firma sul nuovo e atteso Executive Order volto a “implementare il quadro sulla privacy tra UE e USA”, così recita il titolo, che rappresenta un primo ma significativo passo verso un nuovo quadro regolatorio tra USA e UE riguardo alla condivisione e all’accesso ai dati personali da parte degli organi governativi americani.

Quasi contemporaneamente all’annuncio da parte della Casa Bianca sono prontamente pervenute le FAQ relative all’Ordine Esecutivo a cura della Commissione Europea.

Un cammino complicato

L’iter che ha portato al provvedimento è stato tuttavia lungo e alquanto travagliato. Tutto ha avuto inizio nel 2013 quando l’attivista austriaco Max Schrems decise di sporgere denuncia a carico di Facebook Ireland Limited (essendo l’Irlanda il paese europeo in cui Facebook ha sede) innanzi al giudice austriaco, al fine di vietare a Facebook di trasferire i dati dall’Irlanda agli Stati Uniti.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy

L’attivista austriaco, all’epoca, affermò che l’azienda non avrebbe rispettato i diritti alla riservatezza e alla protezione dei dati personali garantiti dal diritto UE nel caso di trasferimento di dati verso paesi extra-UE. Lo stesso Schrems dichiarò inoltre come il livello di protezione offerto dal Safe Harbor, che nel 2000 fu introdotto dalla Commissione europea, fosse inadeguato alla persecuzione degli scopi da esso prefissati.

Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile

Le criticità sollevate da Schrems arrivarono alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea che nel 2015 con la sentenza denominata “Schrems I” portò all’annullamento del “Safe Habor”, il quale, fino ad allora, aveva consentito alle aziende americane di gestire dati personali dei loro utenti europei su server americani.

Successivamente, nel 2020, sempre la CGUE si è nuovamente pronunciata in merito, e con la rivoluzionaria sentenza “Schrems II” ha invalidato lo scudo per la privacy USA-UE (cd. Privacy Shield) riconoscendo, nuovamente, l’inadeguatezza delle tutele offerte dallo stesso in relazione alla facilità di accesso ai dati di cui godevano le Autorità di intelligence statunitense.

Di contro, la Corte di Giustizia ribadì l’applicabilità del Regolamento 2016/679 (GDPR) e dei principi in esso contenuti anche ai dati personali che, al tempo del trasferimento o successivamente, potevano essere trattati dalle Autorità statunitensi per finalità di pubblica sicurezza, difesa o sicurezza nazionale. Andando così ad evidenziare ulteriormente l’ampio divario in termini di facilità di accesso ai dati che intercorreva tra la disciplina europea e quella statunitense.

Il contenuto dell’Executive Order

Considerando ciò che concretamente prevederà l’Ordine Esecutivo emergono due elementi di rilievo.

Il primo consiste in una sostanziale ridefinizione dei limiti di accesso da parte dell’intelligence statunitense ai dati, con garanzie vincolanti che limiteranno l’accesso ai dati da parte delle autorità di intelligence statunitensi alle sole situazioni di necessità e proporzionalità e al fine di garantire la sicurezza nazionale.

Questo nuovo perimetro di azione dell’intelligence rappresenta un significativo passo avanti rispetto ai limiti di accesso ai dati.

Trasferimento dati UE-USA: cosa cambia col nuovo ordine esecutivo del Presidente Biden

Principi come la necessità e la proporzionalità mai prima d’ora erano stati così esplicitamente richiamati da parte dal Governo statunitense. Si delinea così, almeno sulla carta, l’intenzione di conciliare la normativa USA a quella europea per quanto riguarda limiti di accesso ai dati da parte di entità statali.

Venendo al secondo elemento, emerge dal testo dell’ordine esecutivo l’intento di istituire un nuovo meccanismo di ricorso indipendente, imparziale ed esteso anche ai cittadini non statunitensi a cui si potrà accedere attraverso un nuovo tribunale del riesame della protezione dei dati, il “Data Protection Review Court” (DPRC), che sarà adibito ad indagare e a risolvere le controversie relative all’accesso ai propri dati da parte delle autorità di sicurezza nazionale statunitensi.

Questo strumento di tutela consentirà ai cittadini nell’UE di chiedere un risarcimento attraverso un tribunale di revisione della protezione dei dati che sarà indipendente e composto da membri esterni al governo degli Stati Uniti.

Entrando più nel dettaglio notiamo come il nuovo sistema di tutela si baserà su un meccanismo multistrato. Dapprima il Civil Liberties Protection Officer (CLPO), che opera presso l’Ufficio statunitense del Direttore dell’intelligence nazionale indagherà sui reclami, condurrà una indagine preliminare e infine prenderà una prima decisione, che sarà vincolante.

Successivamente è previsto il riesame da parte dell’organismo indipendente (DPRC).

Una sorta di doppio grado di giudizio insomma.

L’impatto dell’Executive Order

Le Big Tech americane e i gruppi industriali hanno accolto molto favorevolmente e con entusiasmo le misure introdotte. Microsoft e Meta sono state le prime a dare un giudizio pubblico con il presidente degli affari globali di quest’ultima, Nick Clegg, che ha scritto su Twitter: “Accogliamo con favore questo aggiornamento della legge statunitense che aiuterà a preservare Internet aperto e a mantenere le famiglie, le imprese e le comunità connesse, ovunque si trovino nel mondo”.

Linda Moore, presidente e CEO del gruppo industriale TechNet (Microsoft), ha altresì dichiarato: “Ci congratuliamo con l’amministrazione Biden per aver adottato misure affermative per garantire l’efficienza e l’efficacia dei flussi di dati transfrontalieri americani ed europei e continueremo a lavorare con l’amministrazione e membri del Congresso di entrambe le parti di approvare un disegno di legge federale sulla privacy”.

Ma il testo non convince tutti

Non sono mancate tuttavia le critiche e lo scetticismo attorno alla nuova bozza di accordo.

Non si è fatta attendere infatti la reazione da parte dell’organizzazione attivista austriaca NOYB e del suo presidente onorario nonché fondatore Max Schrems, sì proprio lui, che ha commentato con scetticismo e preoccupazione la nuova misura prima affermando come “L’UE e gli Stati Uniti sono ora d’accordo sull’uso del termine “proporzionato”, ma sembrano in disaccordo sul suo significato. Alla fine, la definizione della CGUE prevarrà – probabilmente annullando di nuovo qualsiasi decisione dell’UE. La Commissione europea sta ancora una volta chiudendo un occhio sulla legge statunitense, per permettere di continuare a spiare gli europei” e successivamente avvertendo che “analizzeremo questo pacchetto in dettaglio, il che richiederà un paio di giorni.

A prima vista sembra che le questioni fondamentali non siano state risolte e prima o poi si tornerà alla CGUE”.

Prospettando di fatto una possibile, e forse probabile, Schrems III.

Le conclusioni

Risulta più che evidente come, con la firma di questo Ordine Esecutivo, gli Stati Uniti intendano avviare un percorso di avvicinamento in termini di tutela di accesso ai dati e di tutela del singolo analogo a quello offerto dagli standard europei.

Tuttavia, la strada da percorrere è ancora molto lunga; non dimentichiamoci infatti che l’Executive Order rappresenta solo un primo passo verso quello che auspicabilmente sarà, a breve, un nuovo accordo tra UE e USA. Ora che gli Stati Uniti hanno emesso il loro ordine esecutivo, la Commissione europea dovrà redigere una cosiddetta “decisione di adeguatezza” ai sensi dell’articolo 45 del GDPR.

Una volta emessa la bozza di decisione, la Commissione dovrà interpellare il Comitato europeo per la protezione dei dati (EDPB), che emetterà un giudizio, sebbene non vincolante, così come faranno gli Stati membri europei, i quali dovranno necessariamente essere informati.

Tuttavia, anche in caso di valutazioni negative dell’EDPB e degli Stati membri, esse non sarebbero vincolanti per la Commissione. Una volta pubblicata la decisione, quindi, le aziende potranno fare affidamento su di essa per l’invio di dati negli Stati Uniti e gli utenti potranno impugnarla presso i tribunali nazionali ed europei.

Tutto ciò, verosimilmente, non accadrà prima della primavera del 2023.

WHITEPAPER
CYBERSECURITY: le migliori strategie per la tutela e la continuità dei servizi IT
Sicurezza
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4