DATA PROTECTION

Proteggere le aziende dai data breach: la gestione di emergenze cyber e continuità operativa

In un mondo sempre più interconnesso, garantire la protezione dei dati si rivela essenziale per preservare la stabilità delle aziende. È fondamentale, quindi, investire in sicurezza informatica e adottare le necessarie misure tecniche e organizzative per gestire correttamente le emergenze cyber e la business continuity

Pubblicato il 02 Feb 2024

Z
Paola Zanellati

Consulente Privacy

Sempre più spesso le aziende si affidano ai dati digitali per gestire le loro operazioni e fornire servizi ai clienti. Tuttavia, con questa crescente dipendenza dai dati digitali, sorgono anche nuove minacce.

Incidenti informatici, violazioni dei dati e altre emergenze informatiche possono avere gravi conseguenze per le aziende.

Pertanto, è essenziale che le aziende implementino una solida strategia di incident response e business continuity per proteggersi da queste minacce.

DPO e OdV insieme per prevenire reati informatici e data breach: esempi pratici

Pianificazione delle emergenza cyber

Una corretta analisi dei rischi consente di gestire nel migliore dei modi una violazione dei dati.

Ormai siamo pienamente consapevoli che non è possibile evitare totalmente un data breach.

Tutte le aziende sono soggette ad attacchi informatici, nessuno è escluso, quindi, meglio prendere coscienza del “quando avverrà una violazione dei dati e non se avverrà una violazione”.

WHITEPAPER
Ottimizza l'esperienza di acquisto omnicanale: centralizza i tuoi contenuti digitali sul cloud
Cloud storage
Cloud application

Prevenire i data breach richiede, da parte delle aziende, un approccio robusto alla sicurezza dei dati.

Predisporre una procedura di “incident response” rappresenta la pianificazione di criteri, di risorse, capaci di rilevare il prima possibile attacchi, rimuovere le cause, contenere gli effetti e ripristinare i sistemi al fine di minimizzare l’impatto della minaccia sugli asset societari, sia dal punto di vista economico, dal punto di vista reputazionale, sia per quanto riguarda i diritti e le libertà delle persone interessate alla violazione.

In un’ottica di accountability, il titolare del trattamento, redigendo il piano di incident response, ottempera agli obblighi di cui all’art 32 GDPR 679/2016 par. 1 comma c, il quale determina che quest’ultimo debba mettere in atto misure tecniche specifiche al fine di mitigare i rischi relativi al trattamento dei dati.

Come pianificare l’emergenza in caso di violazione dei dati

Il fenomeno del data breach rappresenta una delle minacce più concrete nel panorama digitale odierno. Prevenire tali violazioni è una responsabilità etica ed è anche una necessità strategica per proteggere la reputazione e la solidità di un’azienda.

Analizziamo le misure essenziali per costruire una difesa efficace.

Formazione del personale

La vulnerabilità più significativa di qualsiasi sistema spesso risiede nella componente umana, che rappresenta l’anello debole della catena. Un collaboratore mal informato o non adeguatamente preparato può diventare un vettore di attacchi significativo. Pertanto, una formazione completa e in corso per tutto il personale sull’importanza della protezione dei dati è assolutamente cruciale.

Il GDPR, nel suo articolo 29, sottolinea l’importanza di istruire adeguatamente chi ha accesso ai dati personali. La formazione non solo è consigliata, ma obbligatoria. È essenziale che tutti i dipendenti siano adeguatamente formati e che questa formazione venga documentata per dimostrare la conformità alle normative sulla protezione dei dati.

Investire nella formazione continua e nella consapevolezza dei dipendenti è un passo fondamentale per rafforzare la sicurezza informatica e prevenire potenziali violazioni dei dati.

Rafforzare la sicurezza informatica

Ogni azienda dovrebbe investire in soluzioni tecnologiche avanzate, come sistemi di crittografia dei dati, firewall, software antimalware e piani di disaster recovery, protezione degli endpoint, piattaforme XDR strumento sofisticato di identificazione dei comportamenti anomali e delle violazioni, gli IDS (Intrusion Detection System), i SIEM (Security Information Alert Management, e gli antivirus di ultima generazione.

L’adozione di pratiche come l’autenticazione a due fattori può fare la differenza tra un sistema sicuro e uno vulnerabile.

Audit e test regolari

Esaminare e testare periodicamente le infrastrutture IT aiuta a identificare potenziali punti deboli e a correggerli prima che diventino un problema.

Gli audit giocano un ruolo fondamentale nel garantire la conformità, la sicurezza e l’efficienza delle operazioni aziendali. Sono strumenti essenziali per la gestione e il miglioramento continuo delle performance aziendali.

Promuovere una cultura della sicurezza

Oltre alla formazione, è cruciale instaurare una cultura aziendale che ponga un’alta enfasi sulla sicurezza dei dati.

Questo implica creare un ambiente in cui ogni membro del team sia pienamente consapevole dell’importanza dei dati che gestisce e dei rischi connessi alla loro violazione.

Piano di risposta alle emergenze

Anche se si adottano le precauzioni migliori, è importante comprendere che non esiste un rischio completamente eliminato.

Questo sottolinea l’importanza di avere un piano di risposta alle emergenze ben definito, che consenta di reagire tempestivamente in caso di violazioni, riducendo al minimo l’impatto e ripristinando la normalità operativa nel minor tempo possibile.

Avere una copertura assicurativa per eventuali casi di data breach

Il rischio informatico può essere descritto come la potenziale esposizione a perdite finanziarie (rischi diretti) e danni alla reputazione (rischi indiretti) causati dall’utilizzo della tecnologia.

Questa definizione comprende sia i pericoli intrinseci alla tecnologia stessa, noti come rischi interni, che i pericoli derivanti dall’automazione tramite l’utilizzo della tecnologia nei processi operativi aziendali, conosciuti come rischi esterni.

Conformità normativa e aggiornamenti continui

L’ambito legislativo, soprattutto riguardo alla protezione dei dati, sta costantemente evolvendo. Mantenere un costante aggiornamento e assicurare che l’azienda sia sempre conforme alle ultime normative è un imperativo.

La prevenzione di una violazione dei dati non dipende solo dalla tecnologia, ma coinvolge anche la cultura aziendale, la formazione e la consapevolezza.

Adottare un approccio proattivo alla sicurezza dei dati significa non solo proteggere il proprio business e la sua reputazione, ma soprattutto mantenere la fiducia dei clienti e dei partner.

Le tipologie di violazioni dei dati

Quando si verifica una compromissione dei dati personali, la stessa viene classificata in base alla natura della violazione. Qualunque sia la causa, una data breach è un evento che determina la perdita di riservatezza, integrità o disponibilità dei dati (RID).

La ISO 27001 è progettata al fine di tutelare la riservatezza, l’integrità e la disponibilità delle informazioni e a proteggere i dati dai crimini informatici, da un utilizzo improprio, da furti e da altri fattori.

Esistono tre tipi di violazione dei dati personali:

  1. Violazione della riservatezza: si riferisce alla divulgazione non autorizzata o accidentale di informazioni personali.
  2. Violazione della disponibilità: questa tipologia riguarda l’inaccessibilità o la perdita dei dati personali.
  3. Violazione dell’Integrità: si verifica quando i dati personali vengono alterati senza il dovuto permesso.

Una volta classificata la violazione quale intenzionale o accidentale distruzione, perdita, modifica di dati personali ovvero quale divulgazione non autorizzata e accesso ai dati personali illecito, l’azienda dovrà valutare se sussiste un rischio elevato per gli interessati tale da cagionare:

  1. discriminazioni;
  2. furto d’identità;
  3. perdite finanziarie;
  4. pregiudizio alla reputazione;
  5. perdita di riservatezza dei dati personali protetti da segreto professionale;
  6. danno economico;
  7. privazione di diritti o libertà;
  8. impedito controllo sui dati personali all’interessato;
  9. danni fisici, materiali o immateriali alle persone fisiche.

In conformità con il GDPR, se una violazione dei dati personali “può comportare un alto rischio per i diritti e le libertà delle persone fisiche”, è obbligatorio informare immediatamente gli interessati sulla violazione. Tuttavia, vi sono delle eccezioni a questa regola.

La notifica agli interessati non è richiesta nei seguenti casi:

  1. Misure Protettive: se il responsabile del trattamento dei dati ha implementato misure di protezione, come la cifratura, che rendono i dati incomprensibili per chi non ha il diritto di accesso, allora la notifica agli interessati potrebbe non essere necessaria.
  2. Sforzo Sproporzionato: se la comunicazione individuale a ciascun interessato richiede uno sforzo sproporzionato (ad esempio, informare ogni individuo separatamente sarebbe impraticabile), è possibile effettuare una comunicazione pubblica o un avviso equivalente per informare gli interessati sulla violazione.

Tuttavia, è importante notare che anche in questi casi di eccezione, è comunque richiesto che l’autorità di controllo competente sia informata della violazione dei dati personali. La decisione di non notificare individualmente gli interessati deve essere ben motivata e documentata.

L’obiettivo principale dell’incident response è, senza dubbio, la minimizzazione dei danni. Questo si traduce nella mitigazione delle azioni in corso e nel ripristino dei sistemi e dei dati aziendali alla loro condizione normale.

Il team di incident response assume un ruolo centrale coordinando l’intera procedura.

Solitamente, il team è composto da diverse figure specializzate, tra cui il delegato del titolare, il Data Protection Officer (DPO), il dipartimento IT e il dipartimento delle relazioni esterne aziendali. Queste figure lavorano in sinergia per apportare valore in un momento così delicato come quello di un incidente di sicurezza informatica.

È fondamentale organizzare con attenzione l’incident response, poiché solo attraverso una pianificazione scrupolosa può dimostrarsi efficace, specialmente in situazioni caratterizzate da grande tensione e ansia, che spesso accompagnano l’accadere di un incidente di sicurezza informatica.

Le fasi dell’incident response

Il piano di gestione degli incidenti comprende sei fasi che formano un processo continuo e sequenziale. Questo approccio mira a garantire un alto grado di resilienza per le aziende che si trovano ad affrontare attacchi informatici.

La gestione degli incidenti non si limita solamente all’ambito dell’informatica, ma promuove una visione ampia per affrontare in modo completo gli scenari in cui si verificano incidenti.

Fase 1: preparazione

Questo comprende una vasta gamma di azioni, richiedendo così un’analisi dettagliata dei sistemi di sicurezza in possesso dell’organizzazione. È essenziale valutare l’efficacia dei sistemi di monitoraggio per determinare se sono realmente in grado di fornire una visibilità adeguata delle potenziali aree a rischio all’interno della rete, per varie ragioni.

Tra le fasi preparatorie per la pianificazione della gestione degli incidenti, sarebbe altamente consigliabile includere un processo di valutazione delle vulnerabilità. Questi test possono rivelare eventuali debolezze presenti nei sistemi.

Fase 2: identificazione

La seconda tappa del piano si concentra sulla rilevazione di un incidente, iniziando con la necessità di determinare se stiamo affrontando effettivamente una situazione di sicurezza informatica compromessa, un falso allarme o un problema imprevisto non legato a un attacco informatico.

Per identificare correttamente un incidente, è essenziale avere accesso a dati e informazioni che permettano di creare una cronologia degli eventi. Pertanto, è cruciale disporre di sistemi di monitoraggio in grado di raccogliere e analizzare i log dei dispositivi. La visibilità diventa così un requisito fondamentale su cui basarsi. Un sistema di monitoraggio efficace potrebbe individuare anomalie nell’infrastruttura informatica anche quando la minaccia non si manifesta con azioni aggressive.

L’obiettivo primario è identificare l’incidente, compreso il suo scopo e le intenzioni dell’attaccante. Comprendere le motivazioni di un criminale consente di pianificare azioni successive in modo più consapevole, spesso prevedendo le sue mosse future.

Fase 3: contenimento

Dopo aver scoperto di essere stati colpiti da un incidente informatico e aver identificato in modo dettagliato la sua natura e gli obiettivi dell’attacco, diventa imperativo avviare immediatamente una fase di contenimento.

Questa fase è cruciale per limitare la diffusione degli effetti dannosi, evitando che il danno si estenda ulteriormente. Allo stesso tempo, fornisce al team il tempo necessario per pianificare le azioni volte a eliminare la minaccia e ripristinare completamente i sistemi e i dati compromessi.

Durante questa fase di contenimento, vengono adottate misure atte a isolare l’incidente e ad impedire che si diffonda. Questo può includere la disconnessione dei sistemi colpiti dalla rete, la rimozione di malware o software dannosi e il rafforzamento delle misure di sicurezza per prevenire ulteriori infiltrazioni.

L’obiettivo principale è contenere l’incidente nella sua attuale estensione e prevenire ulteriori danni.

Parallelamente, il team si prepara a condurre un’indagine dettagliata sull’incidente per comprendere appieno le sue origini e le modalità con cui è avvenuto.

Questa analisi è fondamentale per determinare come l’attaccante abbia avuto accesso e quali dati siano stati compromessi. Una volta raccolte queste informazioni, si può procedere con la fase successiva, che mira a eliminare completamente la minaccia e ripristinare l’integrità dei sistemi e dei dati.

Fase 4: risanamento

Nella fase di eliminazione della minaccia, conosciuta come “risanamento“, è essenziale esercitare cautela. Non dovremmo affrettarci nell’azione, poiché potremmo interrompere un processo ancora in corso prima di averlo completamente compreso, compromettendo gli obiettivi fondamentali di raccolta di informazioni necessarie per ottenere una visione completa dell’attacco subito.

Ad esempio, è importante stabilire se ci sia stata una perdita di dati oltre alla semplice violazione.

Dopo aver rimosso la minaccia, è cruciale implementare misure di monitoraggio per valutare l’efficacia delle azioni messe in atto e prevenire possibili attacchi futuri.

Non dovremmo mai sottovalutare l’entità di un attacco, neanche dopo aver compreso la sua portata effettiva.

Fase 5: recovery (ripristino)

La fase di recupero dei sistemi violati rappresenta l’ultima fase delle attività attive di intervento sull’incidente ed è avviata simultaneamente alla rimozione della minaccia. In linea con le disposizioni del piano di “continuità aziendale”, l’obiettivo della fase di ripristino è riportare in funzione i sistemi colpiti durante l’attacco e garantire l’integrità (per quanto possibile) dei dati.

Da un punto di vista operativo, questa fase coinvolge principalmente il dipartimento IT, che si occupa di ripristinare i dispositivi e i sistemi operativi danneggiati, nonché di eliminare gli account compromessi. Vengono cambiate le password degli account per rafforzare la sicurezza.

Tuttavia, il semplice ripristino di una situazione precedente all’attacco potrebbe non essere sufficiente se ci sono ancora evidenti vulnerabilità in termini di sicurezza informatica. All’interno di una strategia di miglioramento continuo della sicurezza informatica aziendale, prende forma il sesto e ultimo punto previsto dal piano di gestione degli incidenti: il follow-up.

Il follow-up è essenziale per valutare criticamente le lezioni apprese dall’incidente, apportare miglioramenti ai processi di sicurezza informatica e garantire che l’azienda sia meglio preparata per affrontare futuri attacchi. È una componente fondamentale per mantenere una solida difesa nel lungo termine.

Fase 6: follow-up

La documentazione relativa all’incidente assume un ruolo di primaria importanza per valutare, innanzitutto, se le azioni intraprese siano in linea con le procedure stabilite nel piano di gestione degli incidenti.

Nel caso in cui si riscontrino deviazioni, è fondamentale comprendere se ciò sia dovuto a una mancanza di preparazione o consapevolezza da parte del team di gestione degli incidenti o se il piano stesso contenga elementi problematici che abbiano richiesto adattamenti durante l’azione per garantire una mitigazione efficace.

Il processo di follow-up rappresenta un momento di analisi e riflessione che avviene al di fuori dell’agitazione tipica durante l’incidente. L’obiettivo principale di questa fase è sostenere una strategia di miglioramento continuo nella gestione degli incidenti.

Inoltre, mira a individuare misure da implementare o da integrare per ridurre sia la probabilità di futuri incidenti, sia la gravità dei potenziali impatti nel caso in cui si verifichino

Gestione della continuità operativa

Una corretta implementazione della continuità operativa consente all’azienda di mantenere la fornitura dei propri prodotti e servizi anche in seguito a eventi critici.

In parallelo al processo di gestione degli incidenti, viene attuato un piano di continuità operativa per garantire la resilienza durante gli eventi e mantenere l’efficienza operativa.

Il Disaster Recovery si misura attraverso due indicatori chiave:

  1. RPO (Recovery Point Objective): Questo indica il periodo massimo in cui è possibile mettere al sicuro un dato, ad esempio attraverso il backup. Rappresenta la massima quantità di dati che il sistema può perdere a causa di un guasto improvviso. Un RPO ottimale è zero, il che significa che i dati sono immediatamente protetti.
  2. RTO (Recovery Time Objective): Questo rappresenta il massimo periodo di downtime necessario per ripristinare i servizi danneggiati a seguito di un disastro. Un RTO ottimale è zero, il che significa che il downtime è nullo.

Mantenere RPO e RTO a zero è una sfida quasi impossibile. L’obiettivo del Disaster Recovery è avvicinarsi il più possibile a questi valori minimi, garantendo una rapida protezione dei dati e una ripresa veloce dei servizi dopo un evento critico.

La principale norma di riferimento del settore è la ISO 22301 (Societal Security – business continuity management systems).

Ultima ma non ultima è la registrazione nel registro dei data breach.

Il registro dei data breach è un documento essenziale per la registrazione dettagliata di tutte le informazioni relative alle violazioni della sicurezza dei dati. Contiene i seguenti elementi:

  1. Data della violazione: la data precisa in cui è stata scoperta o si è verificata la violazione dei dati.
  2. Descrizione della violazione: una descrizione completa di come e dove si è verificata la violazione, compresi i sistemi o i processi coinvolti.
  3. Dati compromessi: l’elenco dei tipi di dati personali o sensibili che sono stati compromessi o a cui è stato possibile accedere durante la violazione.
  4. Cause della violazione: l’identificazione delle cause o delle vulnerabilità che hanno consentito la violazione dei dati, come errori umani, attacchi informatici o falle di sicurezza.
  5. Azioni immediate: la registrazione delle azioni immediate intraprese per mitigare o risolvere la violazione, come la chiusura di sistemi compromessi o la rimozione di accessi non autorizzati.
  6. Notifica alle autorità: se necessario, il momento in cui sono state notificate le autorità competenti in conformità con le leggi sulla protezione dei dati.
  7. Notifica agli interessati: il momento e il metodo con cui è stata comunicata la violazione ai soggetti interessati, come i clienti o i dipendenti, se richiesto dalla legge.
  8. Risposta a lungo termine: le misure adottate per prevenire futuri data breach e migliorare la sicurezza dei dati a lungo termine.
  9. Documentazione di supporto: la conservazione di qualsiasi documentazione, rapporti di analisi forense o comunicazioni relative alla violazione dei dati che potrebbero essere utili per future indagini o audit.
  10. Responsabilità: la specifica delle responsabilità per la gestione della violazione e il processo di escalation associato.
  11. Revisione e miglioramento: l’inclusione di un processo per la revisione periodica del registro dei data breach e per l’implementazione di miglioramenti nella gestione della sicurezza dei dati.

Il registro dei data breach è uno strumento per dimostrare la conformità al GDPR e per continuare a migliorare la gestione della sicurezza dei dati all’interno dell’organizzazione.

Conclusioni

In un mondo sempre più interconnesso, garantire la protezione dei dati si rivela essenziale per preservare la stabilità delle aziende.

Investire nella sicurezza informatica non costituisce soltanto un obbligo, bensì rappresenta un’occasione preziosa per costruire un futuro aziendale robusto e affidabile.

White paper
Mainframe operations: come bilanciare i costi operativi senza compromettere le prestazioni?
Datacenter Infrastructure Management
Edge computing
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5