SOLUZIONI DI SICUREZZA

Zero Trust Network Access, per la sicurezza degli asset aziendali: cos’è e vantaggi rispetto alle VPN

Un’architettura Zero Trust Network Access si fonda sul principio del “non fidarti di nulla, verifica tutto”. Ciò fornisce una sicurezza e una micro-segmentazione significativamente migliori rispetto alle VPN, trattando in modo efficace ogni utente e dispositivo come se fosse un unico perimetro. Ecco che c’è da sapere

Pubblicato il 10 Gen 2023

N
Ricardo Nardini

IT System Specialist

Arrivare attraverso il telelavoro a espletare le attività ordinarie da remoto è diventata una necessità, sia per i collaboratori sia per le aziende. Si rende, quindi, necessario dare accesso sicuro ai servizi e agli asset aziendali evitando di esporre le aziende alle minacce cyber. Ed ecco che le stesse aziende si trovano a dover scegliere la soluzione migliore per consentire lo svolgimento delle quotidiane attività lavorative garantendo un monitoraggio continuo delle identità digitali.

Quindi, ecco l’ennesima sfida per l’IT aziendale: meglio adottare una moderna architettura Zero Trust Access Network (ZTNA) o affidarsi a una consolidata tecnologia VPN (Virtual Private Network)?.

Zero Trust Security: cos’è, quali sono i principi cardine e i fondamenti applicativi

Cosa sono le ZTNA, cenno introduttivo

Zero Trust Network Access o ZTNA è una soluzione di sicurezza che implementa tecniche di sicurezza Zero Trust con autorizzazioni di accesso specifiche dell’applicazione. L’accesso dei lavoratori remoti alle risorse aziendali sarà determinato caso per caso in base a controlli di accesso basati su ruolo e contesto, come indirizzi IP, posizione, gruppi di utenti o ruoli e limiti di tempo.

WHITEPAPER
Industrial cyber security: quali sistemi adottare?
Big Data
Manifatturiero/Produzione

L’accesso alla rete ZTNA funziona su un modello di fiducia in cui l’ingresso viene assegnato in base alla necessità di determinate risorse. Il collegamento prevede l’accesso diretto a un’applicazione a più livelli isolata dall’architettura per fornire una maggiore sicurezza. L’adozione delle ZTNA è in aumento dall’inizio del 2020 a causa dell’emergere della pandemia. La crescente domanda di forza lavoro remota ha portato all’implementazione di un sistema dinamico di autenticazione e connessione in grado di prevenire minacce sia interne che esterne.

Approcci per implementare il Zero Trust Network Access

Esistono due approcci principali per implementare una Zero Trust Network Access: endpoint e servizio. Come implicano i loro nomi, l’approccio endpoint consente agli utenti di accedere da un dispositivo connesso all’endpoint, come un SDP (Software Defined Perimeter).

Al contrario, l’approccio del servizio impiega un intermediario diretto tra l’utente e l’applicazione di rete. In genere, un provider ZTNA vigilerà l’ingresso all’applicazione aziendale situata in sede o su provider Cloud. Allo stesso modo, le ZTNA vengono offerte in due metodi: ZTNA in autonomia o ZTNA come servizio.

Cosa sono le VPN: breve definizione

Una Virtual Private Network o VPN offre agli utenti remoti la stessa esperienza della connessione diretta a una rete aziendale. Tutti i dati vengono inviati su un canale crittografato dal software client VPN all’endpoint VPN sulla rete aziendale prima di essere instradati a destinazione. Utilizzando soluzioni di sicurezza perimetrali, tutto il traffico aziendale può essere ispezionato indipendentemente dalla sua origine, proteggendo il tutto dalle intercettazioni.

Nello scenario aziendale, le VPN rappresentano l’approccio tradizionale all’accesso remoto alla rete. Inoltre, una VPN ha molteplici implementazioni quando si tratta di utilizzo aziendale. Ad esempio, VPN di accesso remoto o VPN da P2P (peer-to-peer). Inoltre, abbiamo il popolare IPsec e le VPN SSL.

Talvolta l’azienda utilizza persino una VPN MPLS per la propria forza lavoro remota.

Tutte queste implementazioni presentano, però, delle problematiche di sicurezza. Alcuni problemi sono limitati da limiti fisici e altri da metodi di comunicazione. Nonostante tali difficoltà, le VPN hanno sempre dato prestazioni elevate in termini di sicurezza.

Le VPN utilizzano il tradizionale metodo del tunneling per connettere le reti su una rete di comunicazione pubblica. I tunnel funzionano grazie a protocolli di sicurezza come PPTP, IPsec, IKEv2 , L2TP, WireGuard, OpenVPN ed altri. Inoltre, utilizzano criteri di crittografia per proteggere il traffico dati.

Tuttavia, il fascino delle VPN aziendali risiede nel fatto che possono modificare e ridefinire i prodotti di rete circostanti, ad esempio router VPN , gateway e concentratori . Questa serie di fattori rende tutt’oggi le VPN una scelta ancora valida.

Zero Trust, Zero Trust Access e Zero Trust Network Access: le differenze applicative

Quale sicurezza offrono ZTNA e VPN

Una soluzione ZTNA funziona combinando strumenti di automazione della sicurezza con politiche di sicurezza adattive per limitare o concedere l’accesso alla rete di un’azienda. Secondo questo principio, gli utenti hanno accesso solo ai dati e alle applicazioni di cui hanno bisogno in base ai loro ruoli.

Le organizzazioni possono proteggere efficacemente le proprie reti con un processo decisionale sulla sicurezza basato sul rischio e consapevole del contesto fornito dalla ZTNA, che “presuppone che ogni dispositivo o utente sia una potenziale minaccia”.

La sicurezza VPN assume un approccio completamente diverso. I dipendenti o altri collaboratori autorizzati possono connettersi da remoto tramite un tunnel, protetti da firewall in ogni punto di connessione o sul dispositivo stesso.

Per connettere in modo sicuro un utente a Internet dalla sua posizione, i dati vengono crittografati e trasmessi attraverso un tunnel virtuale. La sicurezza ZTNA è dinamica e basata su rischi in tempo reale nell’ambiente di un’azienda, a differenza delle VPN che utilizzano un punto di ingresso centrale per autenticare gli utenti.

La ZTNA o accesso alla rete “zero trust” è stato progettato fin dall’inizio per affrontare le sfide e le limitazioni con la VPN di accesso remoto, offrendo una soluzione migliore per gli utenti ovunque per connettersi in modo sicuro alle applicazioni e ai dati di cui hanno bisogno per svolgere il proprio lavoro, ma niente di più.

Zero Trust Access Network e VPN: le differenze

L’approccio zero trust elimina essenzialmente il concetto del vecchio “perimetro di mura e fossati del castello” a favore di rendere ogni utente, ogni dispositivo e ogni applicazione in rete il proprio perimetro e interconnetterli solo dopo aver convalidato le credenziali, verificato l’integrità del dispositivo e verificato la politica di accesso. Ciò migliora notevolmente la sicurezza, la segmentazione e il controllo.

Un’altra differenza fondamentale nel funzionamento delle ZTNA è che gli utenti non vengono semplicemente lasciati sulla rete con completa libertà di movimento, piuttosto vengono stabiliti singoli tunnel tra l’utente e il gateway specifico per l’applicazione a cui è autorizzato ad accedere e nient’altro, fornendo un livello di micro-segmentazione molto più sicuro.

Questo ha una serie di vantaggi per la sicurezza, il controllo, la visibilità, l’efficienza e le prestazioni. Ad esempio, la VPN di accesso remoto non fornisce informazioni dettagliate sulle applicazioni a cui accedono gli utenti, mentre una ZTNA può fornire lo stato e l’attività in tempo reale per tutte le applicazioni, rivelandosi preziosa per identificare potenziali problemi ed eseguire controlli di licenza e sicurezza.

La micro-segmentazione aggiuntiva fornita dalle ZTNA garantisce che non vi sia alcun movimento laterale dell’accesso del dispositivo o dell’utente tra le risorse sulla rete. Ogni utente, dispositivo e applicazione o risorsa ha letteralmente il proprio perimetro sicuro e non esiste più alcun concetto di fiducia implicita.

Le politiche che impongono l’autorizzazione all’accesso differiscono sia per VPN che per ZTNA. Mentre le VPN forniscono un accesso totale alla rete dopo l’autenticazione, le ZTNA funzionano maggiormente in base alla necessità di sapere, dove il meno meritevole viene deciso in base a una granularità predefinita.

Ciò significa che, una volta autenticato dalla VPN, si può fare tutto ciò che si vuole all’interno della rete impunemente. Tuttavia, con una ZTNA, non vi è alcun accesso a meno che le risorse non lo richiedano (dati, applicazione o servizio). Questo isolamento consente alle ZTNA di fornire una migliore sicurezza.

Il carico sulle VPN è direttamente proporzionale alla quantità di accesso di utenti. Può portare a latenza e a un’elevata domanda di risorse. Allo stesso modo, può rendere inabile la rete. Tuttavia, l’utilizzo delle risorse nelle ZTNA è mite. Ciò è dovuto al comportamento ossequioso del modello di fiducia, che limita l’accesso e quindi il carico sulla rete.

Un sistema ZTNA è noto per essere flessibile e agile, l’opposto delle VPN. Le ZTNA possono essere adattabili perché l’accesso è soggetto al caso specifico, mentre le VPN sono rigide poiché non possono distinguere tra diverse richieste di accesso. Inoltre, una volta che l’utente ottiene l’accesso, la VPN è soggetta a esposizione da parte di fattori interni.

Le VPN non possono monitorare su scala applicativa perché una volta che un utente è all’interno della rete, non ha alcun controllo sulle sue azioni. Tuttavia, una ZTNA funziona esattamente nello spettro opposto. Registra ogni azione dell’utente e fornisce capacità di visibilità e monitoraggio approfondite. Inoltre, i log possono essere soggetti agli strumenti SIEM (Security information and event management) per la visibilità centralizzata e in tempo reale delle attività e delle minacce degli utenti.

Le VPN non possono tenere conto dei rischi associati ai dispositivi endpoint. Un dispositivo compromesso o infetto da malware può connettersi facilmente al server e accedere alla rete interna. Tuttavia, non è un problema per una ZTNA in quanto esegue una valutazione pianificata e continua dei dispositivi in arrivo. La ZTNA esegue una richiesta di autenticazione con il dispositivo per convalidare le sue posizioni di sicurezza, tuttavia, questa convalida è soggetta all’attendibilità del dispositivo in tempo reale.

La maggior parte delle VPN tradizionali non è in grado di gestire lo scenario della forza lavoro sempre più distribuita. Concettualmente, le VPN si basano su posizioni fisiche per fornire l’accesso remoto a una rete (VPN da sito a sito). Inoltre, il backtracking di ogni connessione utente tramite un hub VPN centralizzato crea problemi di larghezza di banda che si traducono in un sovraccarico.

Invece, gli utenti ZTNA possono stabilire un canale diretto all’applicazione, rinunciando del tutto alla rete. Ciò ridurrà al minimo il carico su una rete rispetto al ridimensionamento. Le ZTNA possono farlo affidandosi al concetto IaaS (Infrastructure as a Service) dei data center privati per impiegare soluzioni di Cloud computing.

Le VPN sono costose rispetto alla tecnologia ZTNA. Richiedono impianti fisici presso i locali in azienda e sono spesso limitati a locali fisici, inoltre hanno bisogno di hardware per il networking. Sebbene mantenere una VPN sia fattibile, il ridimensionamento è spesso costoso, tuttavia una ZTNA elimina qualsiasi necessità di hardware. Inoltre, non richiede costosi software client per funzionare.

Le VPN sono virtuali, ma la loro implementazione aziendale è irta di ruoli specifici per l’hardware. Ciò si applica sia ai dispositivi di rete che all’hardware in loco che fornisce l’accesso alle risorse di rete. Il sentore degli utenti conferma che il massimo che si può ottenere da una VPN si trova nelle mani di un hardware specifico. Anche uno ZTNA può essere configurato allo stesso modo, ma invece di un approccio incentrato sull’hardware, utilizzando servizi di Cloud computing, risparmia sui costi e lascia spazio alla crescita.

Zero Trust Network Access e VPN: complessità tecnologica

Per fornire buone prestazioni ed esperienza all’utente, le organizzazioni che utilizzano VPN per l’accesso remoto devono decidere dove posizionare i gateway VPN.

A causa della loro natura incentrata sull’infrastruttura, le VPN sono limitate in termini di capacità e numero di punti di ingresso per la loro dipendenza dalle appliance. Molte organizzazioni operano all’interno di ambienti Cloud ibridi con centinaia, se non migliaia, di endpoint che si connettono alla rete, rendendo le VPN meno appropriate per ambienti on-premise e reti piatte.

Oltre a regolare il routing, le organizzazioni devono creare regole del firewall o dell’elenco di controllo degli accessi per autorizzare le applicazioni quando utilizzano le VPN.

Sicurezza multilivello, solide informazioni di sicurezza e automazione sono tutte necessarie per gestire questa complessità e questo rischio, sono tutte caratteristiche implicite delle tecnologie ZTNA.

Zero Trust Network Access e VPN: quali prestazioni

Le prestazioni sono un’altra differenza tra ZTNA e VPN. A causa della necessità di eseguire il backhaul del traffico verso un data center aziendale, le VPN hanno spesso connessioni più lente. Come risultato della distanza tra la posizione di un utente e la posizione del server, più lontano sarà l’utente e più lenta sarà la connessione.

Di conseguenza, le applicazioni di lavoro da casa con elevati requisiti di dati, come le videoconferenze e gli spazi di lavoro digitali, possono subire latenze. Le soluzioni ZTNA sono più scalabili delle VPN tradizionali, ma richiedono molto tempo per essere implementate e non sono scalabili quando le esigenze aumentano.

Come risultato della sicurezza basata su VPN, le connessioni non sono trasparenti come con l’approccio “zero trust”, specialmente se sono infette da malware.

Se un utente si connette tramite la propria rete domestica, si trova su una rete Wi-Fi pubblica o se un’azienda desidera fornire un accesso sicuro ai dipendenti di diverse filiali, le VPN forniscono una certa misura di protezione.

L’odierno ambiente delle minacce e la maggiore possibilità di minacce interne possono rendere meno efficace per molte organizzazioni il tradizionale approccio basato sul “castello e sul fossato alla sicurezza”.

C’è un rischio nel concedere l’accesso a ogni utente, anche dopo che il perimetro si estende alle case dei dipendenti e ovunque scelgano di lavorare da remoto. Le organizzazioni devono quindi limitare l’accesso e verificare le identità per rafforzare il proprio livello di sicurezza.

I vantaggi delle ZTNA sulle VPN

La ZTNA si fonda sul principio di zero trust o “non fidarti di nulla, verifica tutto”. Ciò fornisce una sicurezza e una micro-segmentazione significativamente migliori trattando in modo efficace ogni utente e dispositivo come se fosse un unico perimetro e valutando e verificando costantemente identità e integrità per ottenere l’accesso alle applicazioni e ai dati aziendali. Gli utenti hanno accesso solo alle applicazioni e ai dati definiti esplicitamente dalle loro politiche, riducendo il movimento laterale e i rischi che ne derivano.

La ZTNA integra la conformità e l’integrità del dispositivo nelle policy di accesso, offrendo agli utenti la possibilità di escludere sistemi non conformi, infetti o compromessi dall’accesso alle applicazioni e ai dati aziendali ed eliminando un importante vettore di minacce e riducendo il rischio di furto o perdita di dati.

La tecnologia ZTNA è indipendente dalla rete, in grado di funzionare altrettanto bene e in modo sicuro da qualsiasi rete, sia essa domestica, hotel, bar o ufficio. La gestione della connessione è sicura e trasparente indipendentemente da dove si trovano l’utente e il dispositivo, rendendola un’esperienza senza interruzioni indipendentemente da dove l’utente sta lavorando.

Un sistema ZTNA offre un’esperienza dell’utente finale fluida stabilendo automaticamente connessioni sicure su richiesta dietro le quinte quando sono necessarie. La maggior parte degli utenti non sarà nemmeno a conoscenza del tipo di soluzione ZTNA che lo aiuta a proteggere i propri dati.

Una ZTNA può offrire una maggiore visibilità sull’attività delle applicazioni che può essere importante per il monitoraggio dello stato delle applicazioni, la pianificazione della capacità e la gestione e il controllo delle licenze.

Le soluzioni ZTNA sono spesso molto più snelle, pulite e quindi più facili da implementare e da gestire. Possono anche essere più agili in ambienti in rapida evoluzione con utenti che vanno e vengono, rendendo l’amministrazione quotidiana un’attività rapida e indolore e non un tedioso lavoro a tempo pieno.

Conclusione

La valutazione dell’implementazione di una certa tecnologia piuttosto che un’altra deve passare sotto attente valutazioni non solo economiche ma soprattutto, e fondamentalmente, una valutazione sulla cyber security da offrire alla propria azienda.

WHITEPAPER
Cyber Risk : la guida per gestire il rischio in banca
Sicurezza
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5