TECNOLOGIA E SICUREZZA

Zero Trust, Zero Trust Access e Zero Trust Network Access: le differenze applicative

A causa del fatto che gli utenti hanno necessità di accedere a risorse applicative che risiedono al di fuori della rete tradizionale, il perimetro aziendale si sta dissolvendo e non è più possibile garantire fiducia basandosi solo sulla posizione rispetto alla rete. Ecco cos’è e a cosa serve l’approccio zero trust

18 Giu 2021
B
Alessandro Berta

Manager Systems Engineering – Northern Italy, Fortinet

Sebbene molti vendor di networking e sicurezza utilizzino frasi che includono il termine Zero Trust, non tutti lo usano nella stessa accezione: ad aumentare la potenziale confusione ci sono i termini ZTA (Zero Trust Access) e ZTNA (Zero Trust Network Access), che spesso sono usati in modo intercambiabile.

Con così tanti termini e acronimi simili in circolazione, è importante assicurarsi di capire di cosa sta effettivamente parlando un fornitore quando si discute di tali soluzioni.

Zero trust: valutazione della fiducia per ogni transazione

Il concetto di zero trust è nato perché il vecchio modello di sicurezza di rete in cui “ciò che è all’interno è affidabile” e “ciò che è all’esterno è non affidabile” non funziona più.

WHITEPAPER
Trend e prospettive future nel mercato del log management
Sicurezza
Cybersecurity

Questo approccio basato sul perimetro è stato stiracchiato nel corso degli anni utilizzando reti private virtuali (VPN) e zone demilitarizzate (DMZ) per affrontare nuove sfide come gli utenti che diventano mobili e i fornitori aziendali al di fuori della rete che necessitano di accesso.

Ma questo approccio basato sul perimetro presenta uno svantaggio intrinseco per le reti altamente complesse di oggi: garantisce un’eccessiva fiducia implicita. Una volta che sei connesso, direttamente o utilizzando una VPN, sei considerato affidabile insieme al resto della “rete interna”.

Il modello zero trust rimuove il concetto della sicurezza implicita basata sulla posizione rispetto alla rete. Invece, si concentra sulla valutazione della fiducia per ogni singola transazione.

Con l’approccio zero trust, la posizione nella rete o l’indirizzo IP non trasmettono più un’implicazione di fiducia. Il modello zero trust stabilisce che la fiducia dovrebbe essere esplicitamente derivata da un mix di verifica dell’identità e di altri aspetti basati sul contesto.

Il principio del privilegio minimo

Il nome deriva dal fatto che quando si tratta di accesso alla rete, l’approccio zero trust inizia con una postura di negazione predefinita per tutti e tutto, in altre parole appunto “ nessuna fiducia”.

Utilizzando un modello zero-trust, ogni volta che un utente o un dispositivo richiede l’accesso a una risorsa è necessario fare le opportune verifiche prima che venga concesso l’accesso. Tali verifiche si basano sull’identità degli utenti e dei dispositivi, oltre ad altri attributi e contesti, come ora e data, geolocalizzazione e aspetti della postura di sicurezza del dispositivo.

Dopo che il dispositivo e l’utente sono stati verificati, viene concessa solo ed esclusivamente l’appropriata fiducia richiesta. L’accesso è dato in base al principio del privilegio minimo. Se un utente richiede l’accesso a un’applicazione delle risorse umane ed il suo diritto viene verificato, l’accesso a tale applicazione è l’unico accesso che gli viene concesso.

Zero Trust Access: controllo degli accessi basato sui ruoli

Il solo fatto di aver avuto l’accesso a qualcosa, non significa che gli utenti debbano di conseguenza avere visibilità di tutto il resto. “Accesso” significa solo concedere l’accesso a una risorsa specifica, non all’intera rete.

Un elemento chiave del modello zero trust è che la fiducia deve essere continuamente rivalutata. Se attributi importanti dell’utente o del dispositivo cambiano, l’esito positivo della verifica può essere revocato e l’accesso rimosso.

Zero trust access (ZTA) riguarda la conoscenza e il controllo di chi e cosa c’è sulla tua rete. Il controllo degli accessi basato sui ruoli utente è un componente critico della gestione degli accessi.

Solo conoscendo in modo definitivo chi è un utente, si può garantire il livello di accesso appropriato in base al suo ruolo. L’utente è un dipendente, un ospite o un consulente? Qual è il loro ruolo e a quali diritti di accesso alla rete quel ruolo li autorizza?

ZTA si occupa poi degli endpoint utilizzati dagli utenti, di cui sono richiesti controllo di gestione e visibilità.

Allinearsi al modello zero trust significa implementare una politica di accesso ridotto che garantisca all’utente il livello minimo di accesso alla rete richiesto per il proprio ruolo e rimuovendo qualsiasi possibilità di accedere o vedere altre parti della rete.

Zero Trust Network Access e smart working

Ma ZTA non si concentra esclusivamente su chi è in rete; incorpora anche la sicurezza per ciò che è in rete.

La sempre crescente profusione di dispositivi connessi alla rete può includere una serie di dispositivi IoT che possono variare dalle stampanti alle apparecchiature di riscaldamento e ventilazione e ai sistemi di controllo accessi delle porte.

Questi dispositivi non hanno un nome utente e una password per identificare se stessi e un ruolo. Per questi dispositivi “headless”, le soluzioni di Network Access Control (NAC) possono essere utilizzate per rilevare e controllare la loro connessione in rete. Utilizzando le policy NAC, i principi di zero trust del minimo accesso possono essere applicati anche a questi dispositivi IoT, garantendo un accesso alla rete sufficiente per svolgere il loro ruolo e nient’altro.

A causa dell’aumento del lavoro a distanza, lo Zero Trust Network Access (ZTNA) ha ricevuto più attenzione ultimamente perché è un modo per controllare l’accesso alle applicazioni indipendentemente da dove risiede l’utente o l’applicazione. L’utente potrebbe trovarsi su una rete aziendale, lavorare da casa o da qualche altra parte. L’applicazione può risiedere in un data center aziendale, in un cloud privato o su una rete Internet pubblica.

Sebbene le VPN tradizionali siano state un pilastro per decenni, ZTNA è la naturale evoluzione della VPN e offre una migliore sicurezza, un controllo più granulare e una migliore esperienza utente alla luce della complessità delle reti odierne, quindi può essere una scelta più intelligente per una connessione sicura della forza lavoro remota.

Con una VPN tradizionale, il presupposto è che chiunque o qualsiasi cosa superi i controlli perimetrali della rete possa essere considerato attendibile. Ma ZTNA adotta l’approccio opposto: nessun utente o dispositivo può essere considerato attendibile per accedere a qualcosa fino a prova contraria. A differenza di una VPN, ZTNA estende il modello zero-trust oltre la rete e riduce la superficie di attacco mascherando le applicazioni da Internet.

Conclusioni

A causa del fatto che gli utenti hanno necessità di accedere a risorse applicative che risiedono al di fuori della rete tradizionale, il perimetro aziendale si sta dissolvendo, e non è più possibile garantire fiducia solo basandosi sulla posizione rispetto alla rete.

Quindi, quando leggiamo a riguardo di soluzioni zero trust, la cosa principale da ricordare è che questo termine viene usato genericamente. Il termine zero trust indica che nessuno dovrebbe essere considerato affidabile per definizione.

Una volta fatte le verifiche del caso, bisognerebbe fornire solo un accesso limitato e la verifica andrebbe ripetuta nel tempo.

Appoggiandosi a questo concetto generale, le soluzioni ZTA si preoccupano di capire chi e che cosa sta avendo accesso alla rete, mentre le architetture ZTNA ruotano intorno agli aspetti del diritto di accesso alle singole applicazioni, e sono spesso presentate come un’alternativa all’utilizzo delle VPN.

WHITEPAPER
Una semplice guida pratica per imparare ad usare una Virtual Private Network
Software Defined Networking
Wide Area Network
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr