SOLUZIONI DI SICUREZZA

Smart working e cyber security: best practice per mettere in sicurezza le infrastrutture aziendali

Non si può parlare di smart working senza tenere in debita considerazione le problematiche relative alla cyber security correlate al lavoro agile: l’accesso remoto alla rete aziendale, infatti, amplia la superfice d’attacco. Ecco i fattori da tenere presente per garantire la sicurezza dei lavoratori e delle infrastrutture aziendali

Pubblicato il 03 Mar 2020

C
Sergio Cazzaniga

Cybersecurity Consultant – GICSP

Smart working, lavoro agile e telelavoro sono termini, in questi giorni di emergenza da coronavirus, sulle pagine di molti giornali e sulla bocca di molte persone: al di là delle considerazioni su normativa e produttività, la cyber security dovrebbe sempre essere un tema centrale quando si parla di lavoro da remoto.

È chiaro che l’accesso remoto alla rete aziendale amplia la superfice d’attacco e introduce nuovi vettori d’infezione. Per questa ragione, deve essere almeno tanto sicuro quanto quello locale, se non di più.

Quindi, quali sono i fattori da tenere presente quando si vuole dare ai lavoratori la possibilità di svolgere la propria attività da siti diversi da quelli aziendali? Eccone alcuni.

Smart working e cyber security: protezione degli endpoint

Sono considerati “endpoint” tutti i dispositivi in grado di collegarsi alla rete aziendale. Tra questi possiamo elencare laptop, tablet e cellulari. Innanzitutto, è sempre opportuno stabilire un livello di sicurezza che ogni dispositivo deve rispettare e che può essere raggiunto implementando soluzioni come:

WHITEPAPER
Rendi smart la tua azienda con due tecnologie inedite
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working
  • Strong password: una password facile da ricordare ma difficile da indovinare è l’ideale. L’uso di passphrase, ovvero una password composta da più parole, potrebbe essere un’ottima soluzione. L’inviolabilità dell’autenticazione è garantita anche dalla lunghezza della password. Per questa ragione dovrebbero essere abilitate password di lunghezza fino a 64 caratteri. Al riguardo si veda la Special Pubblication del National Institute of Standards and Technology NIST.SP.800-63b. Un password manager può aiutare a memorizzare in modo sicuro le nostre password.
  • Cifratura dei dati salvati sul dispositivo: criptare un hard disk permette di proteggere tutti i dati memorizzati. Pensate, ad esempio, a cosa potrebbe accadere in caso di furto di un laptop con hard disk non criptato. Tutti i dati salvati potrebbero essere accessibili a qualche malintenzionato.
  • Aggiornamento del sistema operativo: costantemente vengono individuate nuove vulnerabilità nei sistemi operativi. Questo è il motivo che dovrebbe indurre ad aggiornare puntualmente i sistemi operativi dei dispositivi che si connettono, anche da remoto, alla rete aziendale.
  • Aggiornamento degli antivirus: gli antivirus riconoscono malware e altre minacce confrontando ciò che rilevano con un database contenente le definizioni o signatures dei singoli virus. Questo spiega perché un aggiornamento costante e puntuale di questo database è fondamentale perché la protezione sia più efficace possibile.
  • Aggiornamento degli antispam: le tecniche di spamming migliorano giorno per giorno e le mail utilizzate per ingannare il destinatario sono realizzate con sempre maggior cura. Per questa ragione anche gli antispam devono essere aggiornati perché non vengano generati né troppi falsi positivi né troppi falsi negativi.
  • Endpoint Detection & Response (EDR): la tecnologia con le sue evoluzioni viene in aiuto con questa soluzione quando un antivirus non riesce a prevenire un attacco. Gli EDR, facendo uso anche della behaviour analysis, permettono di avere una sorta di visibilità centralizzata su ciò che accade sugli endpoint. Questo fa in modo che il team IT possa intervenire per contenere un attacco in corso o per investigare le modalità di un attacco subìto. Gli EDR sono anche forniti come Software as a Service (SaaS).
  • Application Whitelisting: a differenza di un firewall che riconosce e blocca tutto ciò che è conosciuto come dannoso, le soluzioni di Application Whitelisting permettono l’installazione e l’esecuzione sugli endpoint delle sole applicazioni riconosciute come non pericolose e formalmente autorizzate. Una policy definirà quali programmi potranno essere autorizzati sulla base del ruolo dell’utente.

Proteggere l’accesso alla rete locale

Una volta reso sicuro il dispositivo che da remoto si deve connettere alla rete aziendale, bisogna pensare a come proteggere i dati in transito così che non siano accessibili a terzi. È inoltre importante gestire nel modo migliore l’accesso alle risorse aziendali. Anche in questo caso la tecnologia ci viene in aiuto.

  • Virtual Private Network (VPN): la VPN permette a un dispositivo remoto di connettersi in modo sicuro alla rete locale dell’azienda utilizzando la rete pubblica Internet. Questa soluzione consente il trasporto del traffico su internet in un tunnel sicuro dopo averlo anche criptato.
  • Autenticazione a due fattori: l’autenticazione a due fattori rende molto più difficile l’accesso remoto di hacker alla rete aziendale. Oltre alla password, difatti, è richiesta una OTP (One Time Password) normalmente generata da un token hardware o da una specifica app che l’utilizzatore del dispositivo remoto deve possedere.
  • Account lockout policy: l’Account Lockout è il blocco dell’accesso a un utente che abbia sbagliato un certo numero di volte consecutive l’inserimento delle proprie credenziali. La relativa policy stabilisce quanti tentativi di inserimento l’utente può effettuare prima che l’accesso sia bloccato e per quanto tempo rimarrà in essere il blocco.
  • Jump Server: permette la gestione dell’accesso, anche da remoto, a zone della rete con livelli diversi di sicurezza, ad esempio zone demilitarizzate.
  • Identity & Access Management (IAM) o gestione dell’identità e degli accessi: la gestione degli accessi alle risorse aziendali rimane un aspetto chiave nella gestione della sicurezza. Vale la pena evidenziare due metodologie che possono essere adottate ricordando anche l’importanza di impedire l’accesso a sistemi critici (ad esempio i sistemi di controllo industriale o ICS) o di consentirlo solo se strettamente necessario:
  1. Role-based Access Control (RBAC) o controllo degli accessi in base al ruolo: Non tutti gli utenti in azienda hanno bisogno dell’accesso a tutte le risorse né hanno bisogno delle medesime autorizzazioni. Per questa ragione è sempre opportuno identificare e separare i compiti dei dipendenti e assegnare loro gli accessi in base al ruolo. Ad esempio, chi ricopre un ruolo nelle risorse umane in azienda avrà accesso a determinati file mentre chi ricopre il ruolo di Project Manager avrà accesso ad altri file.
  2. Attribute-based Access Control (ABAC) o controllo degli accessi in base agli attributi: una soluzione che permette il controllo degli accessi in base agli attributi dell’utente, delle risorse e dell’ambiente. Ad esempio, un dipendente che ricopre un ruolo nelle risorse umane può avere accesso ai file dei prospetti di paga esclusivamente in orario di lavoro. Rispetto al controllo degli accessi in base al ruolo esso ha il vantaggio di permettere una maggior granularità nel controllo ma al costo di una superiore difficoltà di configurazione e gestione.
  • Least Privilege: Un aspetto da tenere sempre presente, anche nel gestire il controllo degli accessi in base al ruolo, è il principio del minimo privilegio (Least Privilege). In pratica, ad ogni utente devono essere assegnati esclusivamente i privilegi essenziali e necessari a svolgere la propria attività.

Smart working e cyber security: la sicurezza del cloud

Sempre più spesso vengono contemplate soluzioni nel cloud per implementare lo smart working. Ciò comporta maggior attenzione alla cloud cyber security. Di seguito alcuni aspetti da considerare:

  • Autenticazione: anche in questo caso vale quanto già detto in merito all’utilizzo delle password e dell’autenticazione a due fattori. Il principio del minimo privilegio (Least Privilege) si applica anche all’accesso delle risorse nel cloud.
  • Protezione dati in transito: l’accesso al cloud tramite VPN permette il transito sicuro e criptato delle informazioni.
  • Protezione dei dati nel cloud: il cloud deve garantire la sicurezza dei dati quando sono in transito sulla rete, quando sono a riposo (archiviati ad esempio su hard drive) ma anche quando sono in uso nelle applicazioni.

Considerazioni finali

Vale la pena ricordare che, parlando di smart working e cyber security, nessuna soluzione garantisce che ogni attacco sia bloccato sul nascere. A volte ci si può trovare di fronte alla necessità di mitigarne gli effetti o di rimediare ai danni subiti.

Al riguardo, vengono in aiuto le soluzioni di Security Information and Event Management (SIEM) che permettono di raccogliere e gestire i log di tutti i dispositivi in rete, inclusi quelle collegati da remoto. I dati raccolti danno quindi la possibilità di analizzare eventi anomali fornendo informazioni preziose per rispondere con efficacia agli attacchi e per eventuali attività di disaster recovery.

Certo, le soluzioni e le metodologie a disposizione per gestire la sicurezza degli accessi da remoto sono molte e alcune di quelle elencate fanno parte delle fondamenta della cybersecurity in generale.

A queste si aggiunge la necessaria attenzione alle policy e al fattore umano, che spesso spalanca le porte ad attacchi cyber. Le emergenze di solito non lasciano il tempo per considerare ogni aspetto implicato, per questo motivo le aziende dovrebbero pensare alla cybersecurity in tempi non sospetti.

Ciò significa valutare le opzioni e le risorse disponibili, calcolare il rapporto costi/benefici sulla base di un’attenta valutazione del rischio e agire di conseguenza.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr