LA GUIDA PRATICA

Sicurezza cloud: le sfide che le aziende devono affrontare per una corretta migrazione

Sono sempre di più le aziende che migrano sul cloud per fare business. Proprio per questo motivo è importante avere una strategia chiara di come farlo in maniera sicura, senza esporre i processi di business a vulnerabilità. Ecco quali sono i capisaldi una buona strategia di migrazione

13 Lug 2022
T
Giulia Traverso

PhD - Crittografa ed esperta di cyber sicurezza

Vuoi per ampliare il loro portfolio di servizi, vuoi per ridurre i costi di manutenzione della loro infrastruttura IT, vuoi per tentare di sfuggire all’obsolescenza, sono sempre più numerose le aziende che decidono di migrare su uno o più cloud service provider commerciali (Azure, AWS, Google). Si stima infatti che l’88% delle aziende pensa di adottare il cloud o lo ha addirittura già fatto (Cloud Statistics: 10 Current Adoption and Usage Metrics – Axeleos Technology Consulting).

Cloud, ecco gli otto motivi per cui è più sicuro dell’on-premise

Ma il cloud è sicuro?

Quando si parla di cloud, uno degli aspetti fondamentali di una corretta migrazione è quello di non aggiungere vulnerabilità all’infrastruttura, i quali potrebbero compromettere la sicurezza dei processi di business e dei dati sensibili e, in generale, la competitività di mercato dell’azienda stessa.

WHITEPAPER
Migrare l'ERP nel cloud pubblico: scopri la strada verso una maggiore sicurezza
Cloud
ERP

A tal proposito, è bene fare una piccola premessa. Quando si parla di sicurezza nel cloud, l’opinione più diffusa è che il cloud non sia sicuro.

La ragione principale di tale reputazione è la perdita di controllo dei dati che sono stoccati in cloud e il fatto che si debbano adattare i propri standard di sicurezza a quelli di terzi.

Per quanto questi siano validi argomenti, molto spesso si dimentica che la maggior parte delle aziende non hanno in ogni caso le conoscenze e le risorse per fare meglio di quello che possono offrire dei team di grandi dimensioni composti da ingegneri selezionati che fanno sicurezza per professione. E che quindi molto spesso il livello di sicurezza offerto da un cloud service provider supera di grand lunga quello di una piccola media (ma anche grande) impresa non del settore.

Detto questo, rimane il fatto che una volta che si decide di migrare sul cloud possa introdurre molte vulnerabilità da un punto di vista di sicurezza informatica. Ma questo non è tanto relativo a come sia strutturato il cloud in sé e per sé, quanto al fatto che la migrazione sul cloud espone inesorabilmente le lacune in fatto di sicurezza già in seno all’azienda stessa.

Come mettere a terra una buona strategia di migrazione

Alle aziende che vogliono migrare sul cloud non resta che una sola strategia: capire in che modo hanno messo in sicurezza i loro dati, i loro processi e la loro infrastruttura fino a quel momento, individuare dove hanno lacune e come mitigarle e, in base a questo, coordinarsi con gli standard e i vari servizi di sicurezza offerti dal cloud service provider selezionato.

Un po’ come una terapia dallo psicologo, una buona strategia di migrazione richiede di guardarsi bene dentro per avere gli strumenti per affrontare al meglio il mondo di fuori. Infatti, come capire se il cloud service provider o il servizio cloud che abbiamo nel radar offra un sufficiente livello di sicurezza se non si ha alcuna idea di quali siano gli standard aziendali a tal proposito?

La prima cosa da fare è dunque proprio questa: fare l’inventario di tutti i così detti requirements che sono stati definiti negli anni durante la redazione delle varie policy aziendali che hanno a che fare con la cyber sicurezza.

Data classification and data protection policy, Cryptography policy, Logging and Monitoring Policy solo per menzionarne alcune, senza contare poi di dove fare mente locale di tutti i processi relativi all’Identity & Access Management, al Privilege Access Management, al Patch Management. Una volta stilata la lista di quali sono i requisiti minimi di sicurezza in seno all’azienda si è pronti a disegnare a tavolino una strategia di migrazione sensata.

Protezione dei dati

Aver preso (o ripreso) in mano le policy di classificazione e protezione dei dati serve a capire se ci siano alcuni dati che l’azienda (tramite appunti i requirement specificati nelle policy stesse) non deve assolutamente migrare nel cloud.

Questi potrebbero essere dati confidenziali strategici di sviluppo di prodotti e di espansione di mercato.

Va da sé che, in questo caso, anche eventuali processi su tali dati non vanno delegati al cloud ma devono rimanere on premise.

Altri motivi per cui un’azienda decida di non stoccare dati nel cloud sono dovuti alla presenza di dati personali, sia di impiegati che di clienti.

Secondo le normative europee, i dati personali non devono uscire dalla frontiera dell’azienda per questioni di privacy o, se escono, devono essere anonimizzati in maniera irreversibile e in modo che il dato originale non possa essere mai recuperato.

Nel caso in cui un’azienda abbia bisogno di fare delle statistiche o delle analisi sui tali dati, chiaramente queste non possono essere fatte dando agli algoritmi in input dei dati anonimizzati, perché si perderebbe la struttura e l’informazione necessaria a derivare dei risultati che abbiano un senso.

Anche in questo caso, dunque, tali dati devono rimanere entro i confini aziendali, sia quando sono at rest (stoccati) sia quando sono in use, ovvero utilizzati come input a processi di qualsiasi tipo.

Per quanto riguarda le policy che hanno a che fare con la crittografia, il data classification policy individua quei dati che hanno bisogno di una protezione crittografica, ovvero che vanno cifrati sia in transit (quando vengono inviati) sia at rest.

Ecco che, dunque, attraverso questo tipo di indicazioni, è possibile capire se il cloud service provider in questione offre questo stesso tipo di protezione (anche a livello dei singoli protocolli disponibili) quando stocca o fa transitare da una parte all’altra dell’infrastruttura i nostri dati.

Integrare un servizio interamente gestito dal cloud service provider rientra sempre nell’ambito di migrazione cloud. Questo è il caso dei Software as a Service (SaaS) e anche in questo caso le suddette policy possono darci delle linee guida per capire se e come acquisire un SaaS.

In particolare, la policy di crittografia, dipende da quanto è dettagliata, darà anche delle indicazioni relative alla gestione delle chiavi e, eventualmente, del livello di robustezza richiesto nel processo di generazione delle chiavi.

Può essere dunque che sia obbligatorio scegliere l’opzione di Bring Your Own Key (BYOK) ogni qual volta questa sia disponibile, come è possibile anche che le policy aziendali siano così rigide da impedire l’onboarding di qualsiasi SaaS.

Integrazione dei processi di manutenzione dell’infrastruttura

Per quanto riguarda il modello di Infrastructure as a Service (IaaS), una volta appurato quali dati possono migrare nel cloud e come gestire le varie soluzioni offerte per proteggerli al meglio, è importante capire come integrare tutti quei processi di manutenzione dell’infrastruttura, che sono però fortemente legati a questioni di sicurezza (si noti che qui per “infrastruttura” adesso si intende sia quella on premise sia che la sua estensione nel cloud stesso).

Tra questi, spiccano i processi di logging and monitoring e di patch management. In particolare, è bene mantenere il più possibile un controllo centralizzato di quali asset si stiano monitorando, sia in cloud che on premise, in moda da avere una visuale completa dei vari log raccolti.

Avere un unico bacino di raccolta dei log è infatti fondamentale per capire, eventualmente, se ci sono degli attacchi coordinati che stanno accadendo e per trovare vulnerabilità dovute al malfunzionamento di sinergie tra più sistemi.

Che i patch siano stati applicati in maniera puntuale è ad esempio un’attività chiave quando si parla di integrazione sicura tra cloud e infrastruttura on premise.

È fondamentale avere un inventario di tutti gli asset che si hanno e di controllare che, a seconda del tipo di asset, i patch siano stato applicati secondo la frequenza decisa nella policy aziendale on premise tanto quanto nel cloud.

Un disallineamento dei due può evidentemente compromettere la sicurezza dell’azienda.

Allo stesso modo gli accessi e la modalità di gestione degli stessi (ricertificazione, principio del least privilege e segregation of duties) e in particolar modo degli accessi privilegiati (e.g. admin e super user) devono essere coordinati in cloud allo stesso modo che on premise in modo da evitare che degli utenti abbiano più libertà e potere di quanto previsto dalle policy aziendali.

Conclusioni

La sicurezza nel cloud parte dalla sicurezza on premise delle aziende che vogliono migrarci.

Senza un controllo a monte dei processi e dei dati da parte si rischia di trasformare il cloud in un’arma a doppio taglio che espone ancora di più le vulnerabilità già presenti nelle aziende.

WHITEPAPER
DATI: come PROTEGGERLI e mantenerli CONFORMI alle regole? Scarica la Guida
Sicurezza dei dati
Database
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4