L'APPROCCIO CORRETTO

Facility management & smart building: soluzioni per il risk management e la salvaguardia dei dati

La rivoluzione digitale in atto comporta una sempre maggiore diffusione e integrazione dei concetti di facility management e smart building: d’altronde, le infrastrutture del digitale contribuiscono a far “viaggiare” in rete dati e di trasformarli in informazioni preziose. Ecco un possibile approccio olistico

25 Giu 2019
L
Federica Maria Rita Livelli

Business Continuity & Risk Management Consultant

Facility management & smart building: due concetti sempre più correlati tra loro in un’ottica di gestione del rischio e disaster recovery necessarie per la continuità operativa delle infrastrutture digitali.

Facility management e smart building per le infrastrutture digitali

Il mercato delle costruzioni/immobiliare italiano si è molto evoluto a partire dagli anni 90 ed ha comportato mutamenti culturali e organizzativi dovuti ad un contesto di riferimento sempre più competitivo e globalizzato.

17 novembre, milano
Scopri Insight e Tips & Tricks dai migliori professionisti di settore: un evento unico ti aspetta!

Si stanno sempre più affermando approcci in un’ottica di sostenibilità economica delle operazioni, con la conseguente presa di coscienza dell’importanza della fase di gestione degli edifici: condizione cruciale per il ritorno degli investimenti e, di conseguenza, elemento centrale del progetto e della sua concreta attivazione e fattibilità (life cycle cost).

La rivoluzione digitale in atto comporta una sempre maggiore diffusione del concetto di smart building: le infrastrutture del digitale costituiscono vere e proprie leve che contribuiscono ad ottimizzare la gestione degli edifici, permettendo di far “viaggiare” in rete dati e di trasformarli in informazioni preziose.

In un’ottica di gestione del rischio, continuità operativa e resilienza dobbiamo prendere coscienza che vari fattori possono impattare sulla gestione stessa delle strutture e che gli analytic, messi a disposizione dell’Artificial Intelligence e del Machine Learning, possono essere utilizzati per implementare misure preventive.

Facility management e smart building: nuove sinergie

Da un lato si riscontra che l’impiego della nuova tecnologia permette di identificare ed eliminare attività di routine e ripetitive, che possono essere facilmente automatizzate, come la manutenzione programmata, le ispezioni ricorrenti di attrezzature considerate critiche per garantire una maggiore efficienza degli edifici, semplificazione dei processi e delle attività quotidiane.

Dall’altro si rende necessaria un’accurata analisi della gestione del rischio, pianificazione delle misure necessarie atte a garantire la continuità operativa e resilienza degli edifici prima di qualsiasi impiego di tecnologia in quanto è comprovato che, se il facility management è integrato con altri aspetti del disaster recovery e della continuità operativa, disastri/incidenti/crisi/interruzioni possono essere gestiti meglio e risolti con maggior successo.

È necessaria, quindi, una maggiore sinergia tra i Facility Manager e i professionisti della continuità operativa, del disaster recovery e della security, della safety e dell’IT: essi devono lavorare fianco a fianco, riunirsi periodicamente per scambiarsi informazioni sulle minacce, sulle vulnerabilità e sulla modalità di gestione delle stesse in modo tale da fornire valore aggiunto alle varie organizzazioni e permettere un allineamento sugli obiettivi da conseguire, sulle aspettative dei proprietari da soddisfare, oltre a garantire i requisiti delle organizzazioni che lavorano all’interno degli edifici stessi.

Le funzioni di continuità operativa, di disaster recovery, di security, di safety, di IT e di facility management sono responsabili della protezione del personale e degli asset ed insieme devono identificare le opportunità relative a progetti collaborativi, quali ad esempio:

  • esercitazioni congiunte di disaster recovery;
  • evacuazioni;
  • valutazione dei rischi.

Inoltre, riunioni programmate possono aiutare ad eliminare la confusione dei ruoli e definire meglio le azioni da intraprendere al verificarsi di un incidente/emergenza/crisi per garantire un approccio olistico di successo per il recupero delle attività.

È necessaria una forte sinergia tra queste figure aziendali sin dalle prime fasi di progettazione, durante e dopo l’attuazione dei progetti, stabilendo:

  • buone norme per la identificazione dei dispositivi, della loro installazione, definizione finestre di manutenzione e pianificazione della scalabilità;
  • modalità di coordinamento;
  • miglioramento della qualità della vita negli edifici;
  • maggiore efficienza e tutela ambientale;
  • ottimizzazione dell’energia e gestione efficiente del calore;
  • mobilità interna intelligente;
  • gestione smart delle risorse;
  • maggiore sicurezza ed aumento dei sistemi di controllo.

IoT: rivoluzione tecnologica sul facility management

Ricordiamoci che l’IoT apporta una rivoluzione tecnologica e metodologica sulle modalità del facility management, in quanto:

  • fornisce quantità e qualità dei dati disponibili in termini di interventi effettuati o da effettuare;
  • programma la manutenzione;
  • programma accessi e utilizzo spazi;
  • richiede adempimenti necessari per il rispetto delle normative vigenti.

Ma è necessario proteggere questa tecnologia che può diventare facilmente target di cyber attack e, pertanto, bisogna accrescere la tutela dei dati per essere conformi alla vigente normativa del GDPR in termini di:

  • liceità dei dati in possesso: i dati devono essere trattati in modo lecito, corretto e trasparente nei confronti dell’interessato;
  • limitazione della finalità di raccolta: i dati sono raccolti per finalità determinate, esplicite e legittime;
  • minimizzazione utilizzo dei dati: pertinenza dei dati raccolti e limitati a quanto necessario vs. le finalità per le quali sono trattati;
  • esattezza dei dati: esattezza dei dati raccolti e, se necessario relativo aggiornamento;
  • limitazione della conservazione dei dati: essi dovranno essere conservati in una forma che consenta l’identificazione degli interessati per un arco di tempo non superiore al conseguimento delle finalità per le quali sono trattati;
  • integrità e riservatezza dei dati: essi devono essere trattati in modo tale da garantire un’adeguata sicurezza dei dati personali, compresa la protezione, mediante misure tecniche e organizzative adeguate, evitando trattamenti non autorizzati o illeciti e perdita, distruzione o danno accidentali.

Conclusioni

Ne consegue che bisogna adottare varie misure atte a contrastare attacchi cyber e conseguenti data breach nei confronti di dispositivi smart, in un’ottica di gestione del rischio, della continuità operativa e della resilienza, quali per esempio:

  • impostazione di password complicate per avere accesso;
  • regolare aggiornamento del firmware;
  • implementazione di protocolli di sicurezza del tipo HTTPS;
  • continuo aggiornamento in termini di “best practice” sulla cyber security;
  • continua collaborazione con partner fidati, che offrono servizi di sicurezza hardware, software e di assistenza approfondita.

Gli strumenti e le misure per difendersi dai rischi dell’IoT, AI e ML non mancano, ma è anche necessario un cambio culturale.

È un errore pensare che la sicurezza risieda solo in un software; è una questione di approcci, di sistemi e di una maggiore diffusione della cultura digitale.

Anche nel settore degli smart building bisognerà investire in formazione ed in iniziative a supporto di un comune approccio, in una visione olistica, aperta all’innovazione, in modo tale da trarre il massimo beneficio e rendere gli edifici più resilienti implementando piani di continuità operativa e di risk management.

Facility Management - Guida alle soluzioni tecnologiche per ottimizzare i servizi

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr