SICUREZZA NAZIONALE

Cyber security, il nuovo quadro normativo: Copasir provvisorio e poteri del Presidente del Consiglio

Nel contesto di un panorama internazionale in cui gli aspetti tecnologi e geopolitici hanno subito un’importante evoluzione rispetto al passato, la nuova posizione cyber strategica italiana dimostra che la lotta alla guerra ibrida ha assunto un ruolo preminente nel garantire la sicurezza del Paese. I punti salienti

12 Set 2022
G
Gaetano Grech

Analyst, Hermes Bay

L
Giulia Lodi

Security and Senior Analyst, Hermes Bay

T
Laura Teodonno

Security and Senior Analyst, Hermes Bay

Il 19 agosto il Comitato parlamentare per la Sicurezza della Repubblica (Copasir) ha approvato all’unanimità la Relazione al Parlamento con alcune indicazioni significative su urgenti interventi legislativi indirizzati a rendere più efficace l’attività a tutela della sicurezza nazionale.

I 12 capitoli di cui si compone la Relazione riguardano diverse tematiche affrontate dal Comitato e che vanno dalla sicurezza nazionale nel settore economico, alla sfida dei sistemi autoritari alle democrazie occidentali, l’avanguardia della guerra ibrida, la macchina di disinformazione, la propaganda, il condizionamento e le ingerenze straniere, la guerra della Russia in Ucraina e la sfida della Cina all’Occidente.

E ancora il Mediterraneo, cyberspazio e aerospazio, la governance della sicurezza, l’azione di controllo messa in campo dal Comitato e infine l’ultimo capitolo con le indicazioni al Parlamento.

Per quanto riguarda queste ultime, il Presidente del Copasir, Adolfo Urso, ha spiegato che il Comitato ha indicato “l’esigenza di alcune puntuali modifiche all’impianto della legge n. 124 del 2007, al fine di garantire una sua piena funzionalità nel periodo ricompreso tra lo scioglimento delle Camere e l’avvio della nuova legislatura”.

Copasir: 5G, cloud nazionale e rete unica le priorità di cyber security per l’Italia

Il Comitato provvisorio per la sicurezza della Repubblica

Un primo effettivo riscontro in tal senso si è avuto con la predisposizione di un apposito disegno di legge presso il Senato della Repubblica (Atto n. 2679), presentato dal Senatore Parrini, Presidente della Commissione Affari costituzionali, e sottoscritto da rappresentanti dei Gruppi parlamentari; nel DL viene prevista l’istituzione di un Comitato provvisorio per la sicurezza della Repubblica, composto dai membri del Copasir della legislatura appena conclusa e che siano stati rieletti in una delle Camere.

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati

Tale Comitato provvisorio, che è chiamato a svolgere le relative funzioni fino alla nomina del nuovo collegio, cesserebbe in ogni caso di esercitare le proprie funzioni decorsi venti giorni dalla votazione della fiducia al Governo.

Lo scioglimento anticipato delle Camere non ha consentito l’avvio dell’esame del disegno di legge. Tuttavia, l’esigenza di modifica resta inalterata: un prolungato vacuum temporum prima della costituzione del Comitato, lascerebbe non presidiato il rilevante fronte del controllo parlamentare.

“La prospettiva deve essere quella di un servizio unico con un sistema di controllo parlamentare molto più efficace” Questo lo spunto di riflessione lasciato da Franco Gabrielli, Autorità delegata per la sicurezza della Repubblica.

Intelligence, come cambiano i nostri Servizi: ecco i nuovi compiti interni ed esterni

Gabrielli: ecco i temi caldi di sicurezza nazionale

In occasione dell’audizione tenutasi il 6 settembre scorso al Copasir, il Sottosegretario Gabrielli ha affrontato i più caldi temi in materia di sicurezza nazionale.

Al centro dell’attenzione dell’intelligence ci sarebbe il rischio di ingerenze esterne nella campagna elettorale del 25 settembre. Il rischio è significativo e riguarda soprattutto lo “spazio cibernetico” e la concreta possibilità che gli attacchi cyber, così come avvenuto nei giorni scorsi, possano essere realizzati con una sempre maggiore frequenza contro obiettivi sensibili (energetici) per il nostro Paese: è di questi giorni la notizia diffusa dal quotidiano di Zurigo, Blick, sul possibile utilizzo da parte dei russi, dei server elvetici per condurre cyberattacchi contro i paesi occidentali, specialmente durante le campagne elettorali.

In quest’ottica, con l’articolo 37 del Decreto-Legge 115 del 9 agosto 2022, la cyber strategia italiana prende una nuova direzione che segna un cambiamento rispetto al passato adottando non più una sola postura resiliente ma anche una cyber difesa attiva, che ricalchi il modello americano adottato nel 2018, ampliando i poteri di contrasto, del Presidente del Consiglio, alle minacce che da tempo gravano sulla sicurezza nazionale.

Il Presidente del Consiglio dei Ministri, acquisito il parere del Comitato interministeriale per la sicurezza della Repubblica e sentito il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica, emana, ai sensi dell’articolo 1, comma 3, della legge 3 agosto 2007, n. 124, disposizioni per l’adozione di misure di intelligence di contrasto in ambito cibernetico, in situazioni di crisi o di emergenza a fronte di minacce che coinvolgono aspetti di sicurezza nazionale e non siano fronteggiabili solo con azioni di resilienza, anche in attuazione di obblighi assunti a livello internazionale”.

Gabrielli, nel corso dell’audizione menzionata, non ha mancato di considerare anche altri temi che permangono nell’attuale quadro di sicurezza del nostro Paese come centrali; tra questi vi è anche la ripresa degli scontri tra le milizie libiche (motivo per cui è stata convocata l’audizione al Copasir) che è direttamente connessa al tema dell’aumento, rispetto al biennio 2019-2020, dei flussi migratori provenienti dalla Libia e dalla Tunisia, e la situazione del conflitto Russo-Ucraino.

Guerra ibrida: l’Italia si prepara alla controffensiva cyber, col DL Aiuti

Un ruolo preminente della lotta alla guerra ibrida

Il posizionamento di uno Stato sullo scacchiere internazionale è il risultato di diverse componenti che includono il PIL, la popolazione, l’estensione geografica, le risorse naturali, la collocazione geostrategica, le risorse militari e il soft power.

Dal suo inizio, il conflitto russo-ucraino minaccia ognuno di questi aspetti. I soli razionamenti energetici a cui potremmo essere costretti nei prossimi mesi, chiariscono quanto sia già grave la situazione.

Un Paese che detiene un limitato accesso alle risorse energetiche e al relativo mercato è uno Stato che incontra difficoltà nel difendere gli interessi nazionali sia a livello locale che internazionale.

Se a questa considerazione aggiungiamo tutti i possibili contraccolpi che il Paese sarebbe costretto ad affrontare nel caso di un massiccio attacco a una sola delle infrastrutture critiche nazionali (sospensione dei servizi essenziali, ingenti danni di natura economica e finanziaria, isteria di massa ecc.), l’art. 7-ter si colloca perfettamente nel rapporto di proporzionalità tra difesa e offesa, con un ampliamento di competenza che consente all’esecutivo un intervento più puntuale e allo stesso tempo normato.

Nel contesto di un nuovo panorama internazionale, in cui gli aspetti tecnologi e geopolitici hanno subito un’importante evoluzione rispetto al passato, la nuova posizione cyber strategica italiana dimostra che la lotta alla guerra ibrida ha assunto un ruolo preminente nel garantire la sicurezza del Paese.

Evento in presenza
SAP NOW, 20 ottobre | Sostenibilità e innovazione per un ecosistema digitale che rispetta il pianeta
Cloud
Datacenter
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5