IL RAPPORTO META

Spionaggio sulle piattaforme social: gli spyware e le misure per proteggersi dalla cyber sorveglianza

L’industria globale della sorveglianza a pagamento è in costante crescita e, sebbene gli spyware siano stati concepiti per sorvegliare criminali o terroristi, continua a prendere di mira giornalisti, attivisti e opposizione politica al fine di raccogliere informazioni, manipolare e compromettere i loro dispositivi e account. Ecco come proteggersi

Pubblicato il 22 Dic 2022

A
Davide Agnello

Analyst, Hermes Bay

Il 15 dicembre Meta Platforms, impresa proprietaria di Facebook, Instagram e WhatsApp, ha pubblicato un rapporto relativo all’industria della sorveglianza a pagamento. Il documento fa seguito a quello pubblicato nel 2021 dalla società, nel quale venivano illustrate le tecniche presumibilmente impiegate dalle aziende di spionaggio informatico e i casi di sospetto utilizzo di queste procedure.

Secondo quanto emerso a seguito delle indagini condotte da Meta, l’industria globale della sorveglianza a pagamento risulta essere in costante crescita e continua a prendere di mira giornalisti, attivisti e opposizione politica al fine di raccogliere informazioni, manipolare e compromettere i loro dispositivi e account internet.

Per tali ragioni, il rapporto dedica particolare attenzione all’utilizzo, da parte dei fornitori di spyware, dei social media per testare i propri strumenti di sorveglianza. Questi creerebbero quindi profili falsi, di modo da poter verificare le proprie capacità di compromissione di account e dispositivi.

Come ci spiano su WhatsApp: gli spyware e i consigli per bloccarli

Le attività dei fornitori di spyware

Già nel precedente rapporto stilato da Meta venivano descritte tre fasi di attività generalmente poste in essere dai fornitori di spyware, le quali andrebbero a costituire la cosiddetta “catena di sorveglianza”.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy

La fase di ricognizione

La prima fase consisterebbe nella ricognizione, tramite la quale i potenziali obiettivi verrebbero profilati utilizzando software per automatizzare la raccolta di dati da Internet.

In genere, questi strumenti raccolgono e archiviano dati da siti web pubblici come blog, social media, piattaforme di gestione della conoscenza, come Wikipedia e Wikidata, mezzi di informazione, forum e siti del dark web. Inoltre, offrono la possibilità di offuscare l’origine dell’attività attraverso un’infrastruttura non tracciabile.

Queste risorse non autentiche possono essere applicate per cercare e visualizzare i profili delle persone, i loro contatti, i “Mi Piace” e le altre informazioni disponibili pubblicamente.

Recentemente, Meta ha notato che le compagnie di cyber intelligence, oltre a celare i beneficiari finali dei propri servizi, avrebbero abbassato le barriere d’ingresso per i loro clienti.

La compromissione dei profili delle vittime

La seconda fase, invece, verterebbe sulla compromissione dei profili delle vittime. Il suo scopo sarebbe quello di stabilire un contatto con gli utenti o con le persone a loro vicine nel tentativo di creare un rapporto di fiducia, sollecitarle a fornire informazioni e indurli a cliccare su un link o a scaricare dei file.

Per condurre quest’operazione, gli operatori si affiderebbero alle tecniche di social engineering e utilizzerebbero personaggi fittizi per contattare le persone tramite e-mail, telefonate, SMS o messaggi diretti sui social media.

I profili fittizi verrebbero adattati a ogni particolare obiettivo per sembrare credibili ed evitare di insinuare sospetti negli utenti.

Queste attività risultano essere spesso prolungate nel tempo e prevedono anche la creazione di una catena di profili fittizi connessi tra di loro e con il profilo fittizio primario, strutturando anche informazioni inerenti ad organizzazioni fasulle su più servizi Internet, in modo da farli apparire più credibili possibile.

Gli obiettivi dell’ingegneria sociale possono spaziare dall’ottenere le informazioni sensibili desiderate dal cliente, fino a colpire individui con malware per sorvegliare i loro dispositivo. Le persone verrebbero quindi indirizzate verso canali più diretti, come chiamate vocali, videochiamate o addirittura incontri di persona.

Sfruttamento dell’inesperienza delle vittime

L’ultima fase sarebbe caratterizzata dallo sfruttamento dell’inesperienza delle persone. Nello specifico, verrebbero creati dei siti fittizi per attività di phishing progettati per spingere gli obiettivi a cedere i propri dati sensibili quali le proprie credenziali di accesso ad account come e-mail, social media, servizi finanziari o reti aziendali. Questi siti si camufferebbero sotto forma di testate giornalistiche, fornitori di telecomunicazioni, banche e servizi di abbreviazione degli URL.

Per inviare payload dannosi, i malintenzionati possono utilizzare exploit personalizzati o acquisire strumenti da altri fornitori. Il livello di complessità dei vettori d’attacco varierebbe in modo significativo, spaziando da malware di serie, facilmente rilevabili dalla maggior parte dei software antivirus, a link di exploit inviati agli obiettivi con un solo clic.

Metodologie per proteggersi dalla sorveglianza a pagamento

Sebbene gli spyware siano stati concepiti per sorvegliare criminali o terroristi, secondo Meta, gran parte dei soggetti vittima di sorveglianza sui social media sarebbero giornalisti, oppositori di governi o attivisti per i diritti umani. Oltre al celebre caso di NSO Group, ideatrice di Pegasus, un altro esempio in tal senso sarebbe rappresentato da Candiru.

Secondo un’indagine divulgata nel luglio 2021 da Citizen Lab, l’impresa israeliana avrebbe creato dei falsi domini presentati come siti di ONG, gruppi a favore dei diritti delle donne, organizzazioni sanitarie e media. Il suo fine sarebbe stato quello di tracciare i sostenitori di vari movimenti come Amnesty International e Black Lives Matter.

Data la natura globale della minaccia, Meta Platforms nel report del 2022, propone delle metodologie per proteggere gli utenti delle loro app da attività di sorveglianza a pagamento. Nello specifico queste misure si basano su:

  1. indagini e interruzioni delle minacce. I team di sicurezza cercano di indentificare e contrastare le reti che tentano di raggirare gli utenti della piattaforma attraverso l’utilizzo di spyware;
  2. protezioni tecniche contro il Web scraping e altre attività abusive. I gruppi di analisti, ingegneri e scienziati si concentrano sulla lotta a queste pratiche, tramite l’individuazione, il blocco e la dissuasione delle stesse;
  3. relazione pubbliche. Meta pubblica a cadenza periodica le rilevazioni e gli indicatori di minaccia per consentire ai ricercatori, ai governi e al pubblico di comprendere la modalità di attuazione ed il comportamento degli attori che mettono in atto le minacce. Tramite questa azione, inoltre, si cerca di aumentare i costi ai fornitori di spyware che tentano di rimanere ignoti;
  4. avvisi e formazione agli utenti. Chiunque si ritenga possa essere stato coinvolto in un tentativo di spionaggio viene avvisato, di modo da poter proteggere i propri account con nuove tecnologie. L’obiettivo cardine è quello di sensibilizzare e far comprendere agli utenti come queste attività possono manifestarsi, in modo che questi possano modificare le loro impostazioni di sicurezza contro gli spyware;
  5. azioni legali. Una volta accertata una presunta violazione, vengono inviate lettere di cessazione e desistenza alle entità che violano i termini e la politica di Meta;
  6. informazioni e testimonianze di esperti. A causa della natura mutevole di questa minaccia, le analisi e le scoperte vengono condivise costantemente, per garantire un costante aggiornamento della regolamentazione e della legislazione di settore;
  7. percorsi trasparenti per le richieste legali di informazioni da parte delle forze dell’ordine. Meta mantiene dei canali autorizzati attraverso i quali le agenzie governative possono presentare delle richieste di informazioni. Questi canali sono stati progettati per salvaguardare il giusto processo e, a tal fine, viene riportato il numero e l’origine delle richieste in modo che i cittadini possano averne un quadro completo;
  8. collaborazione con le aziende del settore. Ove opportuno, vengono condivise le informazioni sulle minacce con altre imprese di modo da poter consentire una collaborazione efficace tra enti ed imprese e l’implementazione di misure allargate per proteggere gli utenti;
  9. coinvolgimento della società civile. Le piattaforme di social network cooperano con i cittadini, in particolare con ricercatori in materia di sicurezza e privacy e studenti di diritti digitali, per delineare strategie congiunte finalizzate alla difesa delle persone prese di mira da questi programmi di sorveglianza.

WHITEPAPER
La Top 5 delle minacce informatiche e come contrastarle
Sicurezza
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4