security Summity PA

Clusit: sotto attacco è la sanità, dove si rischia la perdita di vite umane



Indirizzo copiato

Al Security Summit di Roma, il Clusit ha illustrato il panorama nella cyber security nella Pubblica Amministrazione e nella Sanità. Emerge un aumento degli attacchi verso l’Italia, soprattutto in ambito sanitario. Ecco perché, quali pericoli si corrono e come mitigare il rischio

Pubblicato il 20 giu 2024



Security Summit del Clusit a Roma, il cyber crimine sta sferrando attacchi nei confronti della PA e della sanità in Italia

Secondo il Security Summit del Clusit a Roma, il cyber crimine sta sferrando attacchi nei confronti della PA e della sanità in Italia, dove la crescita è superiore al resto del mondo.

“Gli attacchi della criminalità verso l’Italia sono aumentati, anno su anno, nel 2023 del 65% contro il 12% nel resto del mondo”, commenta Corrado Giustozzi, Founding Partner & Chief Strategist, Rexilience, componente del Consiglio Direttivo di Clusit, oltreché moderatore della tavola rotonda dell’evento del Clusit, “l’anno prima era andata ancora peggio, con un aumento del 170% (contro il 25% nel resto del mondo). E gli attacchi contro la PA sono iniziati prima degli attacchi contro l’Italia (2022), con il picco d’incremento nel 2021, una anno prima. Nel 2023 più di un attacco su dieci (11%) colpisce l’Italia (l’anno precedente, l’8%, quello ancora prima il 3,5%)“.

“Nel corso della tavola rotonda sui temi di sanità sono stati presentati i dati sugli incidenti nel settore, con un’anticipazione sul primo quarto del 2024. Ne emerge un aumento importante degli incidenti in Europa rispetto al resto del mondo, aumento che dovrà essere eventualmente confermato nelle prossime analisi, ma che rappresenterebbe una brutta notizia per l’Europa. L’analisi del Rapporto Clusit dovrebbe contribuire ad orientare, almeno in parte, le prossime scelte di investimento del settore”, si augura Claudio Telmon, Senior Partner – Information & Cyber Security presso P4I – Partners4Innovation.

Security Summit: i dati del Clusit sugli attacchi contro Pa e sanità

Il “Rapporto Clusit Italia e PA” e “Sanità” sono stati al centro dell’edizione romana di Security Summit, il convegno organizzato dall’Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica, con Astrea, a cui hanno partecipato circa 250 professionisti e rappresentanti del mondo accademico e delle istituzioni (fra cui Polizia Postale e Garante Privacy).

del 65% tra il 2022 e il 2023 (verso una crescita del 12% a livello globale).

“Dai dati del Clusit emerge che in Italia stiamo attraendo la criminalità più di altri Paesi“, sottolinea Giustozzi, per la situazione critica della Pubblica Amministrazione italiana, contro cui l’aumento degli attacchi è di oltre sei volte. Siamo infatti passati da meno di dieci attacchi rilevanti nel 2019 a quasi sessanta nel 2023.

Le cause sono molteplici e risalgono a “una digitalizzazione tardiva e affrettata delle nostre imprese ed amministrazioni”, ma., “soprattutto, nella atavica mancanza di una corretta e consolidata cultura della sicurezza nella maggior parte degli operatori economici e produttivi nazionali, che sono costituiti da imprese e pubbliche amministrazioni di dimensioni piccole e piccolissime”, spiega Giustozzi.

Nel primo trimestre 2024, gli attacchi alla PA tricolore includono nello specifico un limitato numero di casi di attivismo di matrice politico-ideologica, condotti con tecniche DDoS.

Nel 2023 gli attacchi verso il settore pubblico italiano oscillano fra il 15% e il 30% del totale. Il settore pubblico ha subito in media fra un attacco su tre e un attacco su sei. Nell’anno obiettivi governativi, a seguito della situazione geo-politica globale, sono stati nel mirino di un picco di azioni dimostrative.

Attualmente, tuttavia, gli attacchi verso la Pubblica Amministrazione crescono a un ritmo lievemente inferiore rispetto ad altri settori, probabilmente ritenuti più lucrativi da parte delle organizzazioni criminali in cerca di profitto immediato.

Vettori di attacco

Le modalità di attacco verso il settore vedono soprattutto l’utilizzo di malware, anche se la tecnica è in flessione nel 2023 a favore di un rialzo dei DDOS. Secondo gli esperti di Clusit, la spiegazione risiede nel recente e forte spostamento dal piano criminale a quello dimostrativo-ideologico degli attacchi. Scarsamente rilevanti sono invece gli attacchi basati su tecniche di social engineering, generalmente più sfruttate nei confronti delle vittime del settore privato.

Sono in flessione gli attacchi con severità critica, mentre crescono quelli con severità alta e media, ma anche questo riflette, secondo gli esperti di Clusit, la matrice ideologica e dimostrativa dei cyber criminali contro il settore pubblico, che sferrano attacchi meno gravi rispetto a quelli propriamente di natura criminale.

Gli attacchi verso la sanità

I cyber attacchi di successo e noti al pubblico verso il comparto healthcare sono in crescita nel 2023. Stanno quasi raddoppiando rispetto al 2018, dopo essere stati fermi nel biennio precedente. Tuttavia, almeno per il primo trimestre del 2024, si è assistito a un calo della quota di crescita rispetto al totale internazionale.

“Il settore della sanità unisce servizi particolarmente critici per la collettività a sistemi informativi complessi e con problemi importanti di obsolescenza, combinazione particolarmente rischiosa”, avverte Telmon: “A questo si aggiungono la sempre maggiore apertura, ad esempio verso il territorio, e l’utilizzo di tecnologie anche avanzate, come l’intelligenza artificiale“.

Da gennaio a marzo di quest’anno sono in allarmante aumento gli incidenti in ambito sanitario in Europa: dal 10% del 2023 al 33% del 2024 (nell’area delle Americhe, 63% nel primo trimestre 2024, contro l’84% nel 2023).

Nel primo trimestre dell’anno la severity degli attacchi ai danni del settore sanitario italiano è risultata “critica” nel 40% dei casi (contro il 37% del 2023), “elevata” nel 53% (47% l’anno scorso).

“La sanità è la vittima perfetta per tre motivi: l’arretratezza tecnologica per motivi economici e culturali (dove l’IT non è visto come driver di business, ma come ‘ostacolo per accedere al dato’ e i sistemi elettromedicali non sono aggiornabili senza perdere la certificazione e richiedono sistemi vulnerabili come Windows Xp…); impreparazione culturale (la sanità non si aspetta un attacco da parte della criminalità, equivalente all’espressione ‘sparare sulla crocerossa’); infine, il terzo fattore cruciale è il fatto che il costo di un attacco in sanità non si misura in un danno economico, ma in perdite di vite umane. In un’organizzazione il costo di un attacco si calcola in soldi: quanto si perde, quanto costa proteggersi, quanti sono i danni diretti e indiretti. Invece un attacco (per esempio di tipo ransomware, ndr) alla sanità può provocare la morte di un paziente. Ciò ha un valore incommensurabile”.

Significa che un attacco alla sanità crea “una pressione psicologica straordinariamente forte”, mette in guardia Giustozzi, “gli attacchi alla sanità sono dunque attacchi contro lo Stato. Un ospedale non può pagare un riscatto, ma lo Stato sì, come per un rapimento di una persona che lavora per una Ong”.

Come mitigare il rischio

“L’aumento degli attacchi registrati da Clusit nel settore sanitario in maniera costante è iniziato già diversi anni fa; la criminalità informatica è, infatti, decisamente consapevole che l’Healthcare deve minimizzare i disservizi in modo da poter offrire continuità nella sua funzione; d’altro canto, i sistemi informativi della sanità sono particolarmente complessi, critici ma con problemi anche di obsolescenza importanti, e richiederebbero certamente maggiori investimenti per quanto riguarda la cyber security”, spiega Telmon.

Il Rapporto Clusit dovrebbe aiutare a orientare gli investimenti, anche nell’ambito della formazione e della consapevolezza dei rischi, per non abbassare la guardia.

“Fra i punti di attenzione evidenziati ci sono stati l’importanza degli aspetti organizzativi e di gestione del rischio nell’approccio alla sicurezza in generale ed ancor più alla rilevazione ed al contenimento degli incidenti, ambito in cui l’efficacia può dipendere più dall’effettiva attenzione dell’intera azienda alla sicurezza, che da investimenti importanti”, spiega Telmon.

Occorre investire nei backup offline ed è necessario limitare i danni dovuti al fattore umano.

“Si è poi discussa l’importanza dei backup offline che, dove disponibili, hanno permesso di limitare in modo importante i danni causati dal ransomware. Si è discusso del fattore umano e della necessità di prendere atto che fra i tanti utenti, rimarrà sempre qualcuno che continuerà ad avere comportamenti poco accorti, nonostante le pur indispensabili attività di formazione e sensibilizzazione“.

Infine bisogna insistere sulla necessità di limitare i permessi delle utenze, dal momento che le credenziali vengono compromesse da persone poco accorte o distratte, anche se l’uso di un password manager aiuterebbe ad evitare i disastri

“Infatti, è stata condivisa la necessità soprattutto di adottare logiche attente e metodiche di confinamento, partendo dalla limitazione dei permessi delle utenze, anche tecniche, a quanto necessario, per arrivare alla segregazione a livello architetturale. La compromissione delle credenziali di un utente, evento che prima o poi dobbiamo accettare che si verificherà, può infatti rimanere un problema contenuto se quelle credenziali hanno possibilità limitate di azione, ma può diventare un disastro, come è stato in diversi casi discussi, se permettono invece di accedere ad ampie ed eccessive risorse che consentano all’attaccante di ampliare il proprio controllo sul sistema informativo”, conclude Telmon.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4