DATA PROTECTION

DPO e OdV insieme per prevenire reati informatici e data breach: come creare un cyber shield

Le fattispecie dei reati informatici contemplate nel perimetro del D.lgs. 231/2001 sono, in massima parte, descrittive sia di illeciti penali che di potenziali data breach e, pertanto, trovano un terreno che accomuna DPO ed ODV. Dunque, l’insieme di questi reati costituisce un’area davvero congeniale a realizzare la c.d. “compliance integrata”. Ecco perché

Pubblicato il 22 Gen 2024

A
Giuseppe Alverone

Amministratore Unico presso DATA FABER. Consulente e formatore privacy

P
Monica Perego

Consulente, Formatore Privacy & DPO

In un precedente articolo sono stati esplorati i confini dei rispettivi compiti di DPO e OdV, arrivando a riconoscere delle aree di sovrapposizione, che, se ben sfruttate, possono potenziare la compliance e la governance aziendale, attraverso la realizzazione del paradigma della “compliance integrata”.

Questo schema trova un contesto particolarmente agevolante nell’insieme delle fattispecie dei reati informatici indicati nell’art. 24 bis del D.lgs. 231/2001, poiché le stesse sono, in massima parte, essenzialmente e contestualmente descrittive sia di illeciti penali che di data breach.

Come armonizzare i controlli eseguiti dal DPO e dall’OdV per la compliance integrata in azienda

Responsabilità di DPO e OdV nella prevenzione di reati informatici e data breach

È noto che il DPO svolge funzioni di advisor e di auditor anche al fine di evitare data breach, garantendo un’adeguata sicurezza dei dati personali, compresa la protezione, mediante misure tecniche e organizzative adeguate, da trattamenti non autorizzati o illeciti e dalla distruzione, dalla perdita, dalla modifica, dalla divulgazione non autorizzata o dall’accesso, in modo accidentale o illegale, a dati personali trasmessi, conservati o comunque trattati[1].

WHITEPAPER
Sicurezza informatica: NIS2 e Regolamento DORA, cosa devono fare banche e aziende Fintech
InsurTech
Open Banking

L’ODV è, invece, incaricato di vigilare per fronteggiare l’intero spettro dei reati “231” che possono essere commessi da persone fisiche interne all’organizzazione (un soggetto apicale o a questi subordinato) nell’interesse o a vantaggio dell’organizzazione stessa, compresi quelli di natura informatica.

A ben vedere, i compiti di DPO e ODV si intrecciano, in modo affatto evidente, quando si tratta di prevenire reati informatici che possono simultaneamente, anche se non necessariamente, configurarsi come data breach.

Si tratta comunque di un intreccio caleidoscopico. Infatti, l’OdV analizza le casistiche senza alcun limite né riserva sulla tipologia di informazioni oggetto della sua attività di controllo. Il DPO, invece, è interessato ai soli aspetti che intaccano riservatezza, integrità, disponibilità dei dati personali. Anche se, per completezza, va precisato che al DPO dovrebbe interessare altresì una vulnerabilità su dati non personali che parallelamente potrebbe comportare una criticità anche sui dati personali ancora in nuce.

I rispettivi moduli operativi del DPO e dell’OdV

È necessario tener presente che, mentre l’OdV è impegnato a eseguire attività di vigilanza per prevenire la commissione di un delitto informatico (e più in generale di tutti i delitti nel perimetro del D.lgs. 231/2001) – commesso da un soggetto interno apicale o a questi subordinato, nell’interesse o a vantaggio dell’organizzazione – il DPO assiste il proprio titolare nel valutare tutte le fonti di rischio che possono essere originate da:

  1. persone malintenzionate – agenti che operano in modo volontario;
  2. persone non malintenzionate – agenti che operano in modo involontario;
  3. infrastrutture tecnologiche;
  4. la natura.

L’ambito di operatività dell’OdV

L’OdV è chiamato a vigilare sul funzionamento e l’osservanza del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo (indicato con l’acronimo MOGC) adottato dall’organizzazione per beneficiare dell’esimente di responsabilità amministrativa ai sensi del D.lgs. 231/2001, nel il caso in cui, nonostante tale adempimento, venga commesso un reato presupposto da parte di un soggetto interno (apicale o subordinato).

In tale quadro, lo stesso OdV, in relazione ai reati informatici “231”, in particolare, potrebbe utilmente:

  1. esaminare l’organigramma e il mansionario, verificando innanzitutto se sia stato rispettato il principio di separazione di ruoli e funzioni (segregation of duties);
  2. individuare le macroaree aziendali (che peraltro dovrebbero già essere indicate nel MOGC) e le attività sensibili cioè le attività astrattamente esposte al rischio di commissione di un reato informatico “231”;
  3. esaminare le procedure afferenti al perimetro e gli altri documenti collegati, quali ad esempio il Modello Organizzativo Privacy (MOP)[2];
  4. considerare i risultati di precedenti attività di controllo e/o informazioni provenienti dai flussi che possono aver messo in luce potenziali criticità e lo stato di presa in carico delle misure correttive;
  5. verificare in concreto la conoscenza del MOGC da parte delle persone chiamate ad applicarlo.

Ancora, in concreto, ad esempio, l’OdV, in relazione alle attività sensibili indicate nel MOGC e alle funzioni aziendali coinvolte, potrebbe/dovrebbe verificare l’esistenza e l’adeguatezza di tutte le misure tecniche ed organizzative funzionali ad evitare condotte criminose, come ad esempio:

  1. la sicurezza fisica dei locali, delle apparecchiature delle infrastrutture e degli archivi;
  2. la gestione degli asset nel corso di tutto il loro ciclo di vita;
  3. il sistema di classificazione ed etichettatura dei dati personali;
  4. i protocolli per la gestione della sicurezza logica (il rilascio, la gestione di credenziali e la cancellazione secondo l’insieme di protocolli AAA – Authentication, Authorization, Accounting, antivirus ecc.);
  5. la gestione dei sistemi e le azioni poste in atto per far fronte alle vulnerabilità tecniche;
  6. le procedure che regolamentano il ciclo di vita del collaboratore (non necessariamente dipendente) all’interno dell’organizzazione compresa la formazione;
  7. la dismissione sicura o riutilizzo delle apparecchiature e dei supporti che contengono dati;
  8. i protocolli per lo sviluppo sicuro degli applicativi anche in ottica di limitazione degli accessi ai dati.

L’ambito di operatività del DPO

L’attività di consulenza, controllo e sorveglianza del DPO, invece, si concentra sulle misure tecniche ed organizzative che l’impresa, quale titolare del trattamento, deve mettere in atto per garantire ed essere in grado di dimostrare che i processi aziendali si sviluppano in modo conforme ai principi della Data Protection.

In particolare, il DPO assiste il proprio titolare nella gestione dei rischi che sono suscettibili di cagionare un danno fisico, materiale o immateriale.

Una casistica di tali danni si trova nei Considerando 75 e 85 del GDPR. Alcuni di questi sono prodromici o corrispondenti agli eventi dannosi o pericolosi di alcune fattispecie di reato informatico previste dall’art. 24 bis del D.lgs. 231/2001.

Così, ad esempio, il furto (di credenziali) o usurpazione d’identità (indicato sia nel Considerando 75 che nel Considerando 85 del GDPR) è prodromico alla commissione del reato di “Accesso abusivo a un sistema informatico o telematico”[3].

E ancora, “qualsiasi altro danno economico o sociale significativo” (anche questo riportato nei citati Considerando 75 e 85 del GDPR) trova corrispondenza nella gamma di eventi dannosi da cui dipende l’esistenza dei reati informatici “231” che prevedono il danneggiamento di informazioni, di dati e di programmi informatici.

Come la ISO/IEC 27001:2022 e altre norme possono venire in aiuto

Dato che una gran parte delle misure per prevenire la commissione di reati informatici “231” sono di carattere organizzativo e tecnico, l’OdV e il DPO dovrebbero, in prima battuta, considerare i controlli (i.e. le specifiche misure di mitigazione dei rischi) contenute nella ISO/IEC 27001:2022 “Information security, cybersecurity and privacy protection – Information security management systems – Requirements” e le altre norme/linee guida della famiglia ISO/IEC 27000.

Tali strumenti infatti contengono una serie di controlli, supportati da linee guida, che sono applicabili a qualunque contesto e non richiedono necessariamente che l’organizzazione sia certificata da un ente terzo. L’apparato di informazioni reso disponibile da tali strumenti certamente può facilitare le attività di vigilanza, fornendo, nel contempo, elementi utili a rendere più efficienti i sistemi, facendo leva su un apparato riconosciuto a livello internazionale.

Per tale attività non va trascurato, laddove il contesto lo richiedesse, anche il ricorso ai controlli forniti da altri standard certificabili di recentissima pubblicazione, come la ISO/IEC 42001:2023 “Information technology – Artificial intelligence – Management system”. Ad esempio, il controllo A7.5 “Data provenance” dello standard richiede che sia tracciata la provenienza dei dati utilizzati dai sistemi di AI che comprenda elementi come la creazione, l’aggiornamento, la trascrizione, la validazione, ecc. Se tali dati sono stati acquisiti tramite un accesso abusivo a sistemi (ad esempio di terzi) si potrebbe configurare il reato di “Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico”.

Il necessario ricorso a esperti ICT

Quindi, come si è appena evidenziato, i reati informatici richiedono il presidio di misure anche di carattere tecnico che di norma sono di competenza di esperti e che richiedono continui aggiornamenti. Raramente DPO e OdV possiedono tali specifiche conoscenze per poter eseguire controlli in modo efficace, soprattutto in presenza di una controparte esperta (di norma il responsabile interno della macroarea ICT ed il CISO). Pertanto, in questi casi, anche ricorrendo al budget a loro disposizione, è opportuno che il DPO e l’OdV valutino l’opportunità di ricorrere a soggetti qualificati in grado di affiancarli nel corso degli audit/interviste.

Vale la pena evidenziare che se le misure organizzative e tecniche sono un naturale ambito di indagine per il DPO, lo sono anche per l’OdV.

Infatti, non è corretto immaginare che l’OdV sia interessato solo alla verifica delle misure di carattere organizzativo. La mancata o la negligente applicazione di misure di carattere tecnico, infatti, può comportare un vantaggio per l’organizzazione, ad esempio nel risparmio di costi che configura una condizione a rischio.

Proprio in relazione all’argomento che si sta trattando, ad esempio, verificare che siano state messe in atto efficaci misure per prevenire il reato di “Intercettazione, impedimento o interruzione illecita di comunicazioni informatiche o telematiche[4]” richiede notevoli competenze di carattere tecnico.

I reati informatici “231” costituiscono essenzialmente anche un data breach

Analizzando tutte le fattispecie di reato indicate nell’art. 24 bis del D.Lgs. 231/2001 è agevole indurre come la maggior parte di queste fattispecie trovi corrispondenza nel modello del data breach sotto forma di perdita di riservatezza, di integrità e/o di disponibilità delle informazioni personali.

Infatti, la maggior parte degli illeciti penali riportati nella tassonomia fissata nel citato articolo risulta essere comunque anche una “violazione di sicurezza che comporta […] in modo illecito la distruzione, la perdita, la modifica, la divulgazione non autorizzata o l’accesso ai dati personali trasmessi, conservati o comunque trattati”[5].

Prevenire questi reati è quindi un obiettivo strategico condiviso tra OdV e DPO, da realizzare in un ambito operativo, all’interno del quale un approccio integrato alla compliance normativa è certamente funzionale a definire una strategia chiave per garantire la sicurezza dei dati insieme ad un’adeguata ed etica gestione aziendale.

Quando un reato informatico può configurarsi come data breach

Resta da chiarire infine il nesso tra i reati informatici ed il data breach.

Nel precisare innanzitutto che non sempre e non necessariamente un reato informatico configura un data breach, vediamo di seguito alcuni casi concreti in cui un reato informatico “231” può configurarsi anche come un data breach.

Ad esempio, è difficile, ma non impossibile, configurare uno scenario nel quale venga perpetrato il reato di “Frode informatica del certificatore di firma elettronica[6]” che possa anche minare i diritti e le libertà dell’interessato. Infatti, tale reato (c.d. proprio[7]) si configura quando un soggetto che fornisce il servizio di certificazione di firma elettronica, violi gli obblighi previsti per il rilascio di un certificato qualificato come ad esempio una smart card che conserva il certificato qualificato di firma.

Ancora, il compimento del reato “Danneggiamento di informazioni, dati e programmi informatici[8]” configura un evento che mina la sicurezza delle informazioni. Quindi, laddove dette informazioni fossero di natura personale, il citato illecito penale assumerebbe anche una rilevanza privacy costituendo, nel contempo, una “violazione dei dati personali” che comporta l’obbligo, per l’organizzazione, di porre in essere gli adempimenti previsti dall’art. 33 del GDPR.

Conclusioni

In conclusione, con questo articolo si è voluto porre in evidenza la convergenza delle responsabilità del DPO e dell’OdV nella prevenzione dei reati informatici “231” e dei potenziali data breach che potrebbe/dovrebbe opportunamente indurre a pianificare e ad eseguire una sorveglianza/vigilanza congiunta.

Tale attività richiede, ovviamente, la comprensione approfondita di ogni singola fattispecie, di interesse comune, contemplata dall’art. 24 bis del D.lgs. 231/2001.

Attraverso questo processo analitico condiviso, il DPO e l’OdV possono delineare una mappa dettagliata delle potenziali vulnerabilità presenti in azienda, rendendo evidenti i rischi e favorendo l’implementazione di misure preventive mirate.

Resta quindi ancora da dedicare un’attenzione analitica alle diverse tipologie di reati informatici “231”, di comune interesse operativo del DPO e dell’OdV, poiché la comprensione approfondita di queste fattispecie rappresenta un presupposto indispensabile per la formulazione e l’implementazione di efficaci misure preventive in azienda.

Un’altra tappa del nostro viaggio nei rapporti tra DPO e OdV ci aspetta.

 

NOTE

  1. Vds. art. 32 GDPR

  2. Il Modello Organizzativo Privacy di M. Perego, S. Persi e C. Ponti, Giuffrè Francis Lefebvre 2020

  3. Art. 615 ter c.p.

  4. Art. 617 quater c.p..

  5. Questa è la definizione di violazione dei dati personali fissata nell’art. 4 (12) del GDPR.

  6. Art. 640 quinquies c.p.

  7. Ovvero che può essere commesso solo da parte di un soggetto che riveste una particolare qualifica soggettiva e nel caso specifico quanti prestano servizi di certificazione di firma elettronica qualificata.

  8. Art. 635 bis c.p.

WEBINAR
27 Febbraio 2024 - 12:00
Piano di cyber recovery efficace: sai come definirlo? Scoprilo con gli esperti il 27 febbraio!
Data Storage
Predictive analytics
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3