CYBERSPAZIO

Sviluppare una cyber postura europea: ecco i cinque punti del Consiglio UE

Per garantire l’implementazione di una condivisa postura dell’Unione in materia di deterrenza informatica occorre sviluppare una dottrina dell’UE in materia di azione nel cyberspazio che valorizzi il potenziamento della resilienza, lo sviluppo nelle opzioni di risposta e posizioni comuni nell’applicazione del diritto internazionale nel cyberspazio

28 Mag 2022
C
Rachele Cordaro

Analyst, Hermes Bay

G
Francesco Giuseppe Grassi

Analyst, Hermes Bay

Al fine di garantire un cyberspazio aperto e sicuro per tutti i suoi Stati membri, l’Unione europea in questi anni ha adottato diverse strategie per lo sviluppo di una efficace cyber postura e ha messo in campo dei piani d’azione volti al contenimento delle minacce informatiche.

Il rafforzamento delle normative a favore della cyber sicurezza è una priorità assoluta per l’Unione ed è divenuta una necessità a seguito dell’intensificarsi degli attacchi e della situazione internazionale, provenienti da attori sia statali che non statali, ivi compresi un forte e costante aumento delle attività malevole che prendono di mira le infrastrutture critiche, le catene di approvvigionamento e la proprietà intellettuale dell’UE e degli Stati membri.

Cosa ci insegna sulla cyber security lo scontro tra Russia e Ucraina

Rafforzare la cyber resilienza dell’Unione

Riguardo le Conclusioni del Consiglio dell’Unione europea sullo sviluppo della posizione dell’Unione in materia di deterrenza informatica, approvate nella sessione del 23 maggio 2022, si ribadisce la necessità di rafforzare la cyber resilienza dell’Unione, migliorando la capacità di prevenire gli attacchi informatici attraverso lo sviluppo e il potenziamento delle capacità, la formazione, le esercitazioni, e reagendo con fermezza agli attacchi informatici mediante l’utilizzo di tutti gli strumenti a disposizione.

WHITEPAPER
Gestione dei contratti e GDPR: guida all’esternalizzazione di attività dei dati personali
Legal
Privacy

È inoltre fortemente incoraggiata l’adozione di requisiti comuni agli Stati membri in materia di cyber sicurezza; esemplificativa è la proposta di regolamento che ne stabilisce misure per un livello comune elevato nelle istituzioni, negli organi e negli organismi dell’Unione. Oltre a questo, si dovrebbe agevolare l’emergere nel settore di fornitori di servizi affidabili, sviluppo prioritario per la politica industriale dell’UE.

Si sottolinea dunque l’importanza di integrare considerazioni in materia in tutte le politiche pubbliche dell’Unione, compresa la legislazione settoriale che integra la direttiva NIS 2, per rafforzare la cyber sicurezza lungo l’intera catena di approvvigionamento della base industriale e tecnologica di difesa europea (EDTIB).

In aggiunta, si evidenzia l’importanza di istituire un programma di esercitazioni periodiche intercomunitarie e multilivello, al fine di testare e sviluppare la risposta interna ed esterna dell’UE agli incidenti su vasta scala, con la partecipazione del Consiglio, del Servizio europeo per l’azione esterna (SEAE), della Commissione e dei pertinenti portatori di interessi quali l’ENISA e il settore privato, che sarà articolato e contribuirà alla politica generale dell’Unione in materia di esercitazioni.

Possibili novità potrebbero essere un’esercitazione militare CERT (Computer Emergency Response Team) e un’esercitazione incentrata sulla cooperazione tra istituzioni, organi e agenzie dell’UE in caso di crisi.

Un decreto per la sovranità tecnologica anche nella cyber: le mosse di Italia ed Europa

Promuovere un’efficiente cyber diplomacy

Il Consiglio Europeo mira, inoltre, alla promozione di un’efficiente cyber diplomacy intesa ad una triplice finalità: la prevenzione dei conflitti, la riduzione delle minacce cyber, il rafforzamento e il consolidamento delle relazioni internazionali in materia.

Tramite questi principi viene confermata la visione dell’Unione Europea circa le possibilità di applicare, alla condotta degli Stati nel cyberspazio, i paradigmi del diritto internazionale dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario per la risoluzione pacifica delle controversie internazionali.

Viene posto in rilievo, in tal senso, la necessità di assicurare che le regole che governano il cyberspazio si ispirino alla promozione dello Stato di diritto, garantendo libertà e diritti fondamentali e ribadendo la necessità di elevare i principi cardine delle società democratiche.

Per il raggiungimento di tali finalità, è stimolato il rinnovamento degli accordi interstatuali in materia di cybersicurezza e attraverso il rafforzamento della cooperazione internazionale.

Affinché possano emergere i principi delle società democratiche, discostandosi da visioni autoritarie, il Consiglio si impegna alla valorizzazione del dialogo internazionale, in ragione dell’esigenza di proseguire le attività di promozione di programmi che vigilino sul comportamento responsabile degli Stati all’interno del cyberspazio.

In tale prospettiva, la necessità è anche quella di attivare processi di consultazione e di negoziato per una futura convenzione internazionale, in seno alle Nazioni Unite, in materia di contrasto alla criminalità informatica.

Cyber security: serve sviluppare programmi di cooperazione

Il quarto punto sottolineato dal Consiglio Europeo nel documento del 23 maggio 2022 evidenzia come sia necessario migliorare il coordinamento tra la strategia dell’UE per lo sviluppo delle capacità informatiche con le norme delle Nazioni Unite in materia.

L’obiettivo è la promozione e lo sviluppo di programmi di cooperazione e supporto con paesi terzi e con partner del settore pubblico e privato, anche per il tramite di EU CyberNet (la rete UE per lo sviluppo delle capacità informatiche) ed il GFCE (Global Forum on Cyber Expertise).

Nel documento è focalizzata l’attenzione sull’attività dell’Alto Rappresentante dell’UE e della Commissione Europea ai fini della promozione di attività di coordinamento e cooperazione, con l’intento di contribuire al rafforzamento della resilienza dei partners europei rispetto alla gestione delle crisi e delle minacce informatiche e per la prevenzione e la repressione della criminalità informatica.

È sottolineato, altresì, come si renda necessaria la promozione di un’idea condivisa, nell’ambito della comunità internazionale, per l’applicazione del diritto internazionale nel cyberspazio, in modo da contribuire a verificare e garantire il corretto comportamento degli Stati, secondo una proficua diplomazia informatica dell’UE ispirata ad una collaborazione costante con paesi terzi.

Criteri uniformi per individuare e rispondere alle cyber minacce

Nell’ambito del rafforzamento della cooperazione internazionale, con organizzazioni e paesi partner, è promossa la condivisione di criteri uniformi per l’individuazione e la risposta alle minacce informatiche.

Vengono posti in rilievo, in tal senso, i risultati della cooperazione UE-NATO in materia di cybersicurezza, mediante forme di esercitazioni congiunte, condivisione di informazioni tra esperti, applicabilità del diritto internazionale in materia di comportamenti degli Stati nel cyberspazio e nell’attività di risposta alle minacce informatiche.

Sul tema forte è il richiamo all’attuazione dei principi espressi dalle dichiarazioni di Varsavia del 2016 e di Bruxelles del 2018, che garantiscono la condizione dell’indipendenza decisionale, secondo i cardini di trasparenza, reciprocità ed inclusività.

Rispondere rapidamente e con fermezza ai cyber attacchi

Nel documento viene riconosciuta la dimensione conflittuale del cyberspazio, sostenendo come l’Unione Europea debba essere in grado di rispondere rapidamente e con fermezza agli attacchi informatici, anche quando sostenute da Stati ai danni dell’UE e dei suoi Stati membri.

A tal fine, viene invitato l’Alto Rappresentante UE a lavorare ad una nuova versione delle linee guida di attuazione del pacchetto di strumenti della diplomazia informatica europea, entro la fine del primo trimestre del 2023, in modo da promuoverla e rafforzarla mediante il ricorso a strumenti politici, economici, diplomatici e giuridici finalizzati a prevenire, dissuadere e rispondere alle minacce informatiche.

Nonostante venga ribadita l’esclusiva competenza di ogni Stato membro dell’UE in materia di sicurezza nazionale, si prende atto della necessità di valorizzare le procedure di condivisione di intelligence tra Stati membri e con l’INTCEN (Intelligence and Situation Centre), con la finalità di migliorare il processo decisionale in modo da consentire una risposta efficace e rapida alle attività informatiche commesse ai danni dell’UE e dei suoi Stati partner.

Per quanto attiene la cyber difesa, nonostante ne venga riconosciuta l’esclusiva competenza in capo agli Stati membri, viene tra l’altro sottolineata l’esigenza di procedere all’integrazione dello sviluppo di una posizione comune in materia di deterrenza informatica, mediante una proposta (entro la fine del 2022) per una politica dell’UE in materia, capace di valorizzare la sinergia e la condivisione informativa attraverso la cooperazione tra squadre di pronto intervento informatico militari (MilCERT) e con la rete civile (CSIRT).

Sicurezza comune europea, positivi gli impatti sulla protezione dei dati personali: il parere EDPS

Sviluppare una dottrina UE in materia di cyberspazio

In conclusione, viene evidenziato come lo sviluppo di una dottrina dell’UE in materia di azione nel cyberspazio si ispiri e miri a valorizzare il potenziamento della resilienza, lo sviluppo nelle opzioni di risposta, posizioni comuni all’applicazione del diritto internazionale nel cyberspazio, con la finalità di garantire l’implementazione di una condivisa postura dell’Unione in materia di deterrenza informatica.

WHITEPAPER
Come abilitare elevati standard di sicurezza, crittografia e monitoraggio dei dati?
Datacenter
Datacenter Infrastructure Management
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4