Faraday bag, a cosa servono per la privacy su smartphone (e a cosa no) - Cyber Security 360

la guida

Faraday bag, a cosa servono per la privacy su smartphone (e a cosa no)

Le faraday bag, sacchetti, borselli, zaini, servono a schermare le emissioni elettromagnetiche, impedendo quindi agli oggetti che ci sono dentro di comunicare con l’esterno. Sono usate a scopi professionali ma anche da persone molto attente alla propria privacy. Ecco utilità e limiti

11 Ott 2021

Mai dire Faraday bag. Sacchetti, borse, borselli e zaini con caratteristiche simili a una “gabbia di Faraday”, da tempo usate da informatici forensi e militari, hanno una popolarità crescente, man mano che aumenta la sensibilità delle persone verso le questioni della privacy.

Cosa sono le faraday bag

Le faraday bag sono in grado, in una qualche misura, di bloccare le emissioni elettromagnetiche, impedendo quindi agli oggetti che ci sono dentro di comunicare con l’esterno (trasmettere e ricevere dati): lo smartphone non può comunicare né ricevere la propria posizione gps ad esempio o quella derivante dalla triangolazione delle torri di telefonia mobile o dal Wi-Fi. Il blocco della localizzazione è uno dei principali utilizzi delle faraday bag.

Per quali fini sono usate le faraday bag

Le faraday bag sono usate da persone che vogliono proteggere la propria privacy in contesti e situazioni particolari, non volendo fare sapere dove si è andati o si sta andando e chi si sta incontrando. Attivisti, giornalisti, manager, persone di pubblico interesse.

Alcuni le usano anche per schermare le chiavi dell’auto wireless dagli attacchi basati su onde radio.

 

Le faraday bag sono utili?

Rispondiamo subito a un dubbio ricorrente: sì, le bag possono essere utili, per alcuni scopi e con alcune limitazioni. Michael Bazzel, il più grande esperto Osint al mondo, collaboratore dell’FBI e del Governo USA, scrive così in Extreme Privacy: What It Takes to Disappear in America (2019):

“Quando sono in viaggio, il mio telefono è sempre al mio fianco ed è il mio principale mezzo di comunicazioni. Quando torno a casa, le cose cambiano. Quando sono a circa cinque miglia da casa mia, in un luogo ben preciso, metto il mio dispositivo in una borsa Faraday. Questo sacchetto schermato impedisce a qualsiasi segnale di raggiungere o lasciare il mio telefono. Blocca le comunicazioni con le torri. Il dispositivo rimane in questa borsa fino a quando non sono ad almeno cinque miglia da casa mia per uscire per un altro viaggio. Poiché il telefono non è mai connesso ad alcuna rete mentre è vicino a casa mia, non non può rivelare la posizione del dispositivo (o la mia casa)”.

Sempre nel libro, scrive anche che lui mette il cellulare nella bag ogni volta che non lo usa. E consiglia di usare questo strumento anche contro lo scanning dei dispositivi che è comune negli uffici (via reti Wi-Fi).

Uno studio dell’Edith Cowan University (2016) ne conferma l’efficacia.

Edward Snowden 

Come funziona una faraday bag

Il faraday bag utilizza una magliatura (mesh) di metalli tra cui argento, rame e oro che sono in grado di bloccare le radiazioni EMF e segnali radio.

I metalli, resi fili sottili, sono tessuti insieme con fori più piccoli della dimensione della lunghezza d’onda più corta delle diverse frequenze che cerca di bloccare.

I sacchetti Faraday prendono il nome da Michael Faraday, lo scienziato inglese che inventò il dispositivo nel 1836, in forma di una “gabbia” (Faraday Cage), tuttora usata dagli eserciti per isolare i dispositivi operazioni particolarmente critiche. Le faraday bag sono versioni più piccole e semplici, trasportabili (con alcune limitazioni) delle “gabbie”.

Ma non basta spegnere usare la modalità aereo?

Alcuni possono chiedersi: ma perché non usare semplicemente la modalità aereo? In realtà la modalità aereo non protegge dal tracciamento della posizione. Impostare il telefono in modalità aereo impedisce solo al telefono di trasmettere, non di ricevere. La cronologia della tua posizione è ancora registrata dallo smartphone e trasmessa più tardi alla prima connessione.

Più in generale, “negli smartphone non sappiamo davvero cosa succede quando li mettiamo in modalità aereo; non possiamo essere certi che le comunicazioni siano davvero disabilitate”, spiega Paolo Dal Checco, massimo esperto di informatica forense in Italia. “Possono essere attive in parte per scelte del produttore. Si aggiunge che ci sono malware in grado di farci credere di essere in modalità aereo, quando vogliamo attivarla, quando invece lo smartphone funziona normalmente”, aggiunge. Il malware può restare così sempre utilizzabile dai criminali in tempo reale, per operare sullo smartphone, registrare suoni, immagini o altro.

Le faraday bag sono usate nel mondo da informatici forensi per preservare prove digitali presenti su smartphone.

Conviene comunque mettere in airplane mode il cellulare nella faraday bag per evitare che si scarichi subito la batteria. I cellulari tendono infatti ad aumentare la potenza e quindi i consumi per trovare il segnale quando questo è molto debole o assente.

Ma non basta spegnere lo smartphone?

Altra questione: si può spegnere lo smartphone quando non si vuole essere tracciati.

Ma è più scomodo spegnere lo smartphone rispetto a metterlo in un Faraday Bag. “Ci sono anche in questo caso inoltre malware che riescono a illuderci che lo smartphone sia spento, quando in realtà non lo è”, dice Dal Checco.

“Gli attuali smartphone possono mantenere chip e subroutine attive anche a cellulare spento; con questi meccanismi Apple permette di trovare un iPhone anche da spento”, aggiunge.

Alcuni attivisti preferiscono inoltre avere uno smartphone con sé acceso per poterlo usare subito e chiamare in caso di emergenza o per fare foto. Va anche detto che per prudenza massima alcuni attivisti scelgono comunque di lasciare il cellulare a casa quando vanno a manifestazioni non autorizzate o si incontrano con informatori o compagni.

Edward Snowden ha detto su Twitter che per la maggior parte delle persone può essere sufficiente spegnere lo smartphone e sono rari gli hack che aggirano anche questo blocco. Ma consiglia di rimuovere la batteria per una maggiore sicurezza. La batteria però non è rimovibile negli smartphone, ormai. Seth Schoen di EFF consiglia di non fidarsi troppo nemmeno dell’assenza di batteria perché lo smartphone può avere una batteria secondaria.

Il Faraday bag scherma anche il microfono?

Del resto, questi strumenti hanno alcuni limiti. Il principale è che non scherma i suoni – a differenza di quanto comunemente si può credere – ma solo le onde elettromagnetiche.

Il consiglio ricorrente è quindi di inserire lo smartphone in una scatola water-proof con white noise ad alto volume o rumori random. Musica nota e rumori regolari possono essere filtrati con relativa facilità da un intercettatore che voglia usare il microfono dello smartphone.

Ma il Faraday bag è una garanzia?

Bisogna anche considerare che a volte il Faraday bag non scherma davvero i segnali e quindi dà solo un pericoloso senso di falsa sicurezza.

Difetti del bag o anche l’usura del tempo possono essere fatali.

Bazzel, sempre nel libro citato, ha una routine di test dei suoi bag.

Il test delle faraday bag

Eccola di seguito.

– Collegare il dispositivo mobile a un altoparlante via Bluetooth.

– Riprodurre la musica dal dispositivo all’altoparlante.

– Mentre la musica è in riproduzione, metti il dispositivo mobile nel sacchetto e sigillalo.

– Dopo il test precedente, con la musica in riproduzione, metti un altoparlante nel sacchetto e sigillalo.

In entrambi gli scenari, l’audio dovrebbe fermarsi qualche istante dopo aver sigillato il sacchetto. Con alcuni dispositivi, l’audio potrebbe essere riprodotto per un po’ prima di fermarsi a causa del buffering.

Ora dovremmo testare altri segnali wireless.

– Connetti il dispositivo mobile al Wi-Fi.

– Trasmetti una stazione radio internet dal dispositivo mobile attraverso l’altoparlante interno.

– Metti il dispositivo mobile nel sacchetto e chiudilo. L’audio dovrebbe fermarsi.

– Disattivare il Wi-Fi e attivare una connessione dati cellulare.

– Trasmetti una stazione radio internet dal dispositivo mobile attraverso l’altoparlante interno.

– Lascia il dispositivo mobile nel sacchetto e chiudilo. L’audio dovrebbe fermarsi.

“Nella mia esperienza, una borsa Faraday mal costruita è più probabile che blocchi i segnali cellulari o Wi-Fi che le frequenze Bluetooth vicine”.

“A mio parere, una borsa Faraday non dovrebbe mai essere usata prima di un test approfondito. Se la tua borsa comincia a mostrare usura, ripeti questi test. Se la borsa non funziona correttamente 100% del tempo, semplicemente non ha senso usarla affatto”.

Fonti

Michael Bazzel, Extreme Privacy: What It Takes to Disappear in America (2019)

A. Lennox-Steele, A.Nisbet, A forensic examination of several mobile Faraday bags & materials to test their effectiveness (2016), Australian Digital Forensics Conference

www.msab.com/it/2020/10/23/safeguard-your-digital-evidence-with-faraday-bags

www.techrepublic.com/article/a-faraday-cage-or-air-gap-cant-protect-your-device-data-from-these-two-cyberattacks

www.cnet.com/pictures/silent-pocket-faraday-phone-cases

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5