LA GUIDA COMPLETA

Soluzioni SD-WAN: cosa sono, come funzionano e benefici applicativi

Le soluzioni SD-WAN semplificano la gestione delle reti mediante uno strato di virtualizzazione e uno strato software di controllo “al di sopra” delle tecnologie di rete di base. Ecco caratteristiche e benefici in un confronto con le più tradizionali connessioni MPLS

18 Set 2020
F
Massimo Ficagna

Senior Advisor degli Osservatori Digital Innovation della School of Management del Politecnico di Milano

Le soluzioni SD-WAN forniscono un’alternativa moderna all’impiego dei router tradizionali per le connessioni telematiche su rete geografica. L’acronimo SD-WAN è infatti la contrazione di Software Defined Wide Area Network, dove:

  • Software Defined indica un nuovo approccio alla gestione delle infrastrutture di vario tipo (computing, storage, networking) ove uno strato software permette di astrarre rispetto alle specificità che differenziano i prodotti dei vari vendor a livello hardware e firmware;
  • Wide Area Network indica l’ambito in cui in questo caso viene applicato il concetto software defined ovvero le reti telematiche per la trasmissione di dati su distanza geografica.

Ad esempio, a livello di computing e di storage, il concetto “software defined” si appoggia sulle tecnologie di virtualizzazione, governate da uno strato software di controllo che consente di creare e configurare macchine e storage virtuali in modo semplice e veloce, mascherando le complessità dell’hardware sottostante e abilitando la creazione di regole di gestione automatizzata, volte ad esempio a scalare dinamicamente l’impiego di risorse in funzione del carico oppure a ripristinare automaticamente i servizi in caso di guasto.

Cos’è e come funziona la tecnologia SD-WAN

In modo analogo, le soluzioni di software defined networking – tra le quali si distinguono SD-LAN per le reti locali e SD-WAN per le reti geografiche – semplificano la gestione delle reti mediante uno strato di virtualizzazione e uno strato software di controllo “al di sopra” delle tecnologie di rete di base.

WHITEPAPER
Cognitive Experience Center: ecco l'AI che può davvero supportare i tuoi operatori!
Intelligenza Artificiale
Networking

Nello specifico, grazie ai protocolli di rete tipici di Internet (in primis il protocollo IP), una SD-WAN è una rete virtuale privata “appoggiata” su una pluralità di tecnologie e protocolli di rete, anche offerti da provider di connettività diversi, al fine di mettere in comunicazione tra loro i diversi end-point di questa rete virtuale.

Inoltre, la gestione delle configurazioni mediante software permette di governare la rete tramite una console amministrativa centralizzata che offre agli amministratori di rete funzioni semplici e di alto livello, ad esempio per definire regole di routing e policy di sicurezza, “mascherando” la complessità sottostante e abilitando l’automazione di molte delle attività operative tipicamente necessarie per gestire la rete con approcci più tradizionali.

Caratteristiche tipiche delle soluzioni SD-WAN

Ovviamente ogni soluzione SD-WAN ha le proprie peculiarità e non tutti i vendor offrono lo stesso insieme di feature ma, generalizzando, possiamo identificare le seguenti caratteristiche tipiche delle soluzioni SD-WAN:

  1. la capacità di supportare diversi tipi di connessione di rete geografica quali, ad esempio: MPLS, xDSL, FTTx, reti dati mobile 4G/5G;
  2. la capacità di effettuare la selezione dinamica del percorso, a fini di condivisione del carico e resilienza;
  3. una console di amministrazione semplice che facilità la configurazione e gestione tutti gli aspetti della rete;
  4. la capacità di supportare funzioni aggiuntive di sicurezza (quali firewall, gateway, crittografia/VPN) e di ottimizzare il traffico (mediante caching e compression), come servizi nativi della soluzione SD-WAN, oppure come feature aggiuntive opzionali o ancora mediante compatibilità con soluzioni di terze parti.

Ambiti di applicazione delle soluzioni SD-WAN

Le soluzioni SD-WAN possono essere applicate ovunque ci sia esigenza di una connessione di rete geografica. Ad esempio, tra gli impieghi più comuni troviamo:

  • le connessioni tra i vari data center, sia privati che in cloud (in ottica hybrid & multi cloud);
  • le connessioni tra le diverse sedi (head quarter, filiali, impianti produttivi ecc.) di un’organizzazione;
  • le connessioni con i partner più stretti, ad esempio i punti vendita in franchising, qualora la dotazione informatica e di rete di questi partner sia fornita e gestita centralmente da un’unica organizzazione di riferimento, tipicamente il franchisor nel caso dell’esempio precedente.

Più recentemente, i vendor di soluzioni SD-WAN stanno allargando la loro offerta anche a supporto di connessioni per home-office (smart working) e a supporto dei lavoratori in mobilità, mediante l’offerta complementare di endpoint dai costi contenuti basati su home-appliance oppure su software da installare direttamente sui device utente (computer, tablet, smartphone).

Benefici tipici delle soluzioni SD-WAN

Grazie all’adozione di una soluzione SD-WAN si possono ottenere i seguenti benefici:

  • instradamento dinamico del traffico: sulla base di requisiti di banda e latenza delle applicazioni, criticità/priorità relativa tra i diversi servizi, criteri di sicurezza e altro; l’instradamento non è statico, ma viene modificato dinamicamente, senza necessità di un intervento umano per riconfigurare la rete, in funzione del monitoraggio continuo delle prestazioni delle diverse connessioni geografiche a disposizione degli end-point di rete;
  • riduzione del consumo di traffico, mediante caching e compressione dei dati trasmessi, in modo trasparente rispetto alle applicazioni che utilizzano la rete;
  • miglioramento della resilienza della rete, mediante la connessione degli end-point più critici mediante più connessioni parallele, anche basate su tecnologie eterogenee;
  • miglioramento della sicurezza di rete, mediante crittografia dei dati e funzionalità di gestione degli accessi alla rete virtuale, a cui possono aggiungersi anche servizi di sicurezza quali firewall, proxy/gateway, intrusion detection e/o prevention;
  • riduzione del lock-in, rispetto ad un unico provider di servizi di telecomunicazione, grazie alla possibilità di affiancare e gestire contemporaneamente linee dati di provider diversi;
  • riduzione dei costi di rete, utilizzando tecnologie e provider di telecomunicazione alternativi e a più basso costo, garantendo al contempo elevati livelli di affidabilità, qualità del servizio e sicurezza;
  • maggiore semplicità e riduzione dell’effort per la gestione della rete, grazie ad un’unica console di gestione centralizzata e all’automazione delle attività più operative di configurazione e gestione della rete.

Da notare che, oltre che come prodotti “auto-gestiti”, le soluzioni SD-WAN possono essere fruite anche in modalità SD-WAN “as a service”, ove una parte più o meno ampia delle attività di gestione della rete viene esternalizzata ad un provider di servizi, tipicamente un cloud provider, un provider di servizi di telecomunicazione o un fornitore (produttore o rivenditore) di soluzioni SD-WAN che affianca alla propria offerta di prodotti SD-WAN anche una proposta di servizi “managed”.

SD-WAN come alternativa economica all’MPLS?

Le soluzioni SD-WAN sono spesso proposte al mercato come alternativa alle più tradizionali connessioni MPLS, con l’obiettivo di abbattere i costi di rete garantendo al contempo gli stessi livelli di servizio, sicurezza e affidabilità.

Basta una veloce ricerca su Google con le keyword “SD-WAN vs MPLS” per constatare come la stragrande maggioranza dei risultati portino un messaggio di questo tipo.

In realtà, per una molteplice serie di fattori, è difficile fare una comparazione oggettiva e al contempo di valenza generale.

A differenza di altri servizi TLC, il mercato delle connessioni MPLS è piuttosto “opaco”: i prezzi praticati raramente sono pubblici in quanto sono in genere oggetto di trattativa privata tra i telco provider e i singoli clienti.

Inoltre, tali prezzi sono in rapida contrazione, in reazione alla pressione competitiva derivante dalla maggior offerta di soluzioni alternative – tra cui l’SD-WAN – e grazie al fatto che gli investimenti dei telco provider sulla tecnologia MPLS sono ormai ampiamente ammortizzati.

Il confronto tra MPLS e SD-WAN è altresì influenzato da una serie di requisiti e scelte caratterizzanti il singolo caso di applicazione, con un impatto rilevante sui costi delle due alternative e sull’esito del confronto:

  • nel definire la banda delle connessioni alternative all’MPLS, può essere opportuno considerare un fattore moltiplicativo rispetto alla banda dei link MPLS da sostituire, in ragione del fatto che le connessioni a più basso costo unitario in genere non assicurano una banda minima garantita; tale fattore moltiplicativo dipende fortemente dalla natura dei servizi applicativi da servire;
  • nel computo di confronto, è opportuno considerare anche i costi degli elementi di sicurezza aggiuntivi (quali firewall, crittografia “end-to-end” dei dati ecc.), che possono variare in funzione della natura dei servizi applicativi serviti e dei dati trasferiti, in ragione del livello di trust più o meno elevato nei confronti del telco provider della connettività MPLS e alla luce della presenza o meno di tali funzionalità nella soluzione SD-WAN messa a confronto;
  • infine, nel calcolo del Total Cost of Ownership deve essere considerata la diversa attribuzione dei compiti operativi: le soluzioni SD-WAN “fai da te” comportano infatti l’insourcing di attività altrimenti esternalizzate al provider della connettività MPLS (i due scenari sono invece più simili nel caso di adozione di soluzioni SD-WAN “as a service”).

Alla luce delle suddette considerazioni, è evidente come non sia possibile fare un confronto economico con valenza generale ed assoluta.

È pur vero che, all’enfasi di marketing da parte dei vendor di soluzioni SD-WAN sul minor costo rispetto all’MPLS, si affianca anche il consenso diffuso da parte degli analisti internazionali su una crescita del mercato SD-WAN a ritmi decisamente più elevati rispetto a quello dei servizi MPLS.

Sebbene il fattore economico non sia l’unico determinante della scelta, certamente questo ha un peso non trascurabile. Inoltre, gli stessi telco operator stanno in gran numero affiancando all’offerta di servizi MPLS anche un’offerta di servizi SD-WAN, a conferma di come loro stessi credano nei benefici di questa tecnologia e per non farsi trovare impreparati a fronte dell’a progressiva evoluzione delle preferenze dei clienti verso questa soluzione.

In definitiva, è certamente possibile e auspicabile, mettere in competizione tra loro sia offerte basate su MPLS che offerte basate su SD-WAN, predisponendo un modello di valutazione costi/benefici su uno specifico business case.

Senza dimenticare:

  • che le soluzioni SD-WAN possono offrire anche altri benefici oltre quello meramente economico, come già evidenziato in precedenza;
  • che in certi contesti MPLS può essere ancora vincente, ad esempio ove vi siano requisiti molto stringenti in termini di latenza di rete;
  • che MPLS e SD-WAN non sempre sono in alternativa: è infatti possibile utilizzare MPLS come una tra le diverse tipologie di connessione su cui “si appoggia” la rete virtuale SD-WAN; è ad esempio possibile mantenere su MPLS il traffico più pregiato e utilizzare in parallelo connessioni public internet a costi unitari inferiori per gestire il traffico meno critico, per scalare la banda fronte di picchi di traffico oppure come backup in caso di problemi sulla linea primaria; il tutto orchestrato in modo semplice grazie all’adozione di una soluzione SD-WAN.

WHITEPAPER
GUIDA PRATICA contro il Phishing: scopri come tutelare la tua azienda!
CIO
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr