I TREND DEL 2023

OT e ICS security, ecco dove investire per ridurre il rischio cyber

In un contesto sempre più spinto di Digital Transformation è importante rendere le supply chain più efficienti e resilienti. E per questo occorre investire in OT e ICS security. Ecco le principali tendenze per il 2023

Pubblicato il 19 Gen 2023

G
Steve Gyurindak

CTO for Network e OT di Armis

Il 2022 ha spinto la Digital Transformation nei contesti IT e ICS ancora più avanti, in gran parte a causa dei postumi della pandemia: la pressione è intensa per rendere le supply chain più efficienti (dopo le significative interruzioni della catena di approvvigionamento che abbiamo sperimentato negli ultimi anni) e più resilienti – compreso l’uso di analisi predittive, o addirittura di un vero e proprio Machine Learning, per prevedere i guasti. Questo ha condotto a un’aggregazione di dati nel cloud sempre maggiore che, in definitiva, non è la soluzione tradizionale (né ideale) per la tecnologia dei settori OT e ICS.

La combinazione di questa pressione con il peggioramento delle condizioni dello staff hanno portato ad alcune tendenze che continueranno inevitabilmente anche nel 2023.

La formazione alla cyber security è un investimento che ritorna

L’Air Gap è quasi completamente scomparso

La necessità di inviare tutti questi dati all’IT e al cloud, in modo che possano essere analizzati per aumentare l’efficienza e la resilienza, ha fatto sì che i sistemi OT precedentemente isolati (alcuni vecchi di decenni) siano ora collegati a sistemi IT che inviano dati OT.

WHITEPAPER
Le strategie che fanno bene al business e alla cyber security
Sicurezza
Cybersecurity

In pratica, la maggior parte delle installazioni industriali viene gestita in collaborazione con il produttore perché richiede conoscenze specifiche e personale specializzato. Di conseguenza, molte organizzazioni hanno attivato una forma di accesso alla rete esterna o si affidano a meccanismi manuali, come le USB o la connettività Direct Networking.

Parallelamente, i nuovi programmi IIoT/IoT hanno introdotto dispositivi collegati direttamente alla rete aziendale, consentendo operazioni ancora più remote ed esponendo nuovi punti di accesso.

Cercare di applicare i moderni principi di sicurezza, come lo Zero Trust, si è rivelato difficile, soggetto a errori e in alcuni casi insufficiente con il cambiamento dell’interoperabilità dei sistemi.

Una volta chiariti questi aspetti, le organizzazioni si rendono conto di aver bisogno di un’applicazione di cui fidarsi e in tempo reale che funzioni per gli ambienti OT, compresi i sistemi di controllo industriale (ICS) e le reti critiche.

Il monitoraggio continuo e lo Zero Trust colmano le lacune lasciate scoperte negli ambienti industriali. È necessaria una soluzione di sicurezza di nuova generazione che protegga continuamente i dispositivi connessi distribuiti sia in ambienti industriali che IT e cloud.

Cloud e Software as a Service per la Digital Transformation

L’adozione della tecnologia negli ambienti industriali è in genere più lenta a causa della complessità intrinseca e del ciclo di vita più lungo, ma la gestione dei sistemi OT e ICS in loco si è rivelata molto impegnativa durante e dopo la pandemia.

I fornitori e gli integratori offrono oggi varie forme di implementazione del cloud, come il cloud privato, pubblico o ibrido, ognuno con i propri vantaggi e rischi.

Al contempo, nuovi attori nativi digitali emergono in ogni segmento di mercato, creando un’agguerrita concorrenza per le aziende che devono integrare il loro patrimonio storico con l’adozione di nuove tecnologie.

I leader aziendali comprendono la necessità di adottare un approccio strategico e di integrare la tecnologia digitale lungo la catena del valore per mantenere la propria importanza e ottenere un vantaggio competitivo.

Gli MSSP stanno diventando sempre più dominanti

Mentre i sistemi e le infrastrutture critiche vengono lasciati sotto protezione, si stima che siano necessari 3,12 milioni di professionisti della sicurezza informatica per colmare l’attuale carenza di talenti, secondo un rapporto ISC condotto nel 2021. E quando si tratta del percorso di convergenza IT/OT, la sfida è ancora più ardua, poiché le competenze di sicurezza OT sembrano essere una perla rara.

Peggio ancora, spesso i datori di lavoro si trovano nella spiacevole situazione di formare un nuovo dipendente per il loro ambiente specifico, per poi vederlo abbandonare il proprio posto dopo 6 mesi per uno stipendio più alto.

Secondo Forbes, infatti, il 64% degli analisti SOC lascerà il proprio lavoro quest’anno.

Il risultato finale, combinato con le due tendenze precedenti, è che sempre più aziende esternalizzano questo problema agli MSSP – Managed Security Service Provider.

Per implementare e supportare l’integrazione IT/OT con un capitale umano limitato, le organizzazioni e i loro MSSP sono alla ricerca di tecnologie che offrano il massimo livello di efficienza:

  1. Automazione e Playbook riducono le attività ripetitive e migliorano i tempi di risposta.
  2. Il Behavior Pattern Detection e l’Intelligenza Artificiale forniscono una consapevolezza delle minacce che nessuno sforzo umano potrebbe fornire.
  3. I sistemi e il personale IT si trovano a condividere strumenti e cicli di assistenza con i loro colleghi OT

Il numero di vulnerabilità pubblicate sta esplodendo

L’esposizione a Internet di questi sistemi, molti dei quali progettati da decenni, ha contribuito alla tendenza in atto di un numero crescente di vulnerabilità scoperte. Infatti, nel primo trimestre del 2022 sono state pubblicate oltre 8.000 vulnerabilità. Si tratta di un aumento del 25% circa rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

La gestione della vulnerabilità delle risorse deve andare oltre la semplice scansione delle vulnerabilità, in modo da potersi concentrare sulle vulnerabilità ad alto rischio che possono causare costose interruzioni:

  1. una valutazione continua e in tempo reale delle vulnerabilità nell’intera azienda;
  2. l’identificazione del rischio per tutte le vulnerabilità note, in base alla criticità aziendale, consente di stabilire le priorità delle vulnerabilità da affrontare per prime;
  3. gestione continua del programma del ciclo di vita dei dispositivi e delle loro vulnerabilità

Ogni volta che viene pubblicata una nuova vulnerabilità/CVE di gravità elevata, gli analisti delle vulnerabilità devono dare un taglio netto e determinare rapidamente il rischio totale che rappresenta per l’azienda in base a tutti gli asset interessati.

Governi pienamente impegnati a ridurre il rischio

Il governo degli Stati Uniti sta adottando una serie di misure per potenziare la sicurezza informatica della nazione. Le iniziative comprendono ordini esecutivi sulla cyber sicurezza per modernizzare l’infrastruttura digitale del governo federale, nonché ingenti investimenti a livello nazionale nel disegno di legge bipartisan sulle infrastrutture.

Migliorare la sicurezza e la resilienza OT e ICS è oggi una delle principali priorità del CISA. Non passa settimana senza che un nuovo bollettino di sicurezza venga consegnato dall’Industrial Control Systems Cyber Emergency Response Team (ICS-CERT).

Un evento recente ha rivelato come gli attori di Advanced Persistent Threat (ATP) abbiano sviluppato strumenti personalizzati che hanno permesso loro di scansionare, compromettere e controllare i dispositivi ICS/SCADA, compresi i sistemi di Schneider Electric, OMRON Sysmac e i server OPC Unified Architecture (OPC UA).

L’ENISA, l’Agenzia dell’Unione europea per la cibersicurezza, svolge un ruolo simile nel continente europeo.

A un certo punto, ogni organizzazione si rende conto che la sicurezza convergente OT/IT/IIoT richiede un approccio proattivo alla consapevolezza, alla gestione e alla mitigazione dei rischi. Poiché i governi di tutto il mondo stanno intensificando gli sforzi per ridurre i rischi, è il momento di investire in piattaforme strategiche che proteggano e rendano possibile l’attività.

Alla luce dello stato attuale della connettività OT, della carenza di analisti OT SoC di talento e della velocità con cui si evolve il panorama degli attacchi, qualsiasi investimento tecnologico dovrebbe mirare a soddisfare i seguenti requisiti:

  1. completezza: visibilità completa delle risorse sull’intera superficie di attacco delle aziende;
  2. continuità: fornire la necessaria consapevolezza in tempo reale delle connessioni e dei comportamenti degli asset;
  3. intelligenza: per definire al meglio le priorità di vulnerabilità e incidenti;
  4. automatizzazione: consentendo una risposta più rapida alle minacce e agli eventi operativi.

WHITEPAPER
La Top 5 delle minacce informatiche e come contrastarle
Sicurezza
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5