Aziende

La formazione alla cyber security è un investimento che ritorna

Gli attacchi alle aziende sono aumentati del 59% rispetto allo scorso anno. Per questo è decisivo ridurre il divario di competenze (skill gap) e creare una cultura dell’apprendimento sui temi di sicurezza tra tutti i dipendenti. Ecco come

25 Nov 2022
V
Alessia Valentini

Giornalista, Cybersecurity Consultant e Advisor

La transizione digitale, in atto da qualche anno ed accelerata con il periodo pandemico, ha causato il trasferimento in modalità “online” di molte delle attività lavorative e di buona parte di quelle quotidiane.

L’importanza della formazione alla sicurezza e del suo ROI

Grazie all’aumento della digitalizzazione e al conseguente maggiore utilizzo di Internet, dei dispositivi mobili, dei PC e di tutte le piattaforme software abilitanti, i criminali digitali hanno esteso ed amplificato le opportunità legate allo sfruttamento delle vulnerabilità del codice, per trarre profitto. Il loro guadagno, stimato in termini di “costo del crimine informatico” ha un valore pari a 7 trilioni di dollari nel 2022, secondo il rapporto Boardroom Cybersecurity Report.

WHITEPAPER
La guida per scegliere il miglior antivirus gratuito per il tuo PC
Personal Computing
Cybersecurity

Data breach, quanto costano alle aziende: nell’ultimo anno toccato il massimo storico di 4,35 milioni di dollari

Investire in consapevolezza

Data l’entità del fenomeno criminoso, l’invito per i C-level delle aziende non è solo quello di comunicare in modo rapido ed efficace con il board, per ottenere più budget a supporto delle prassi di sicurezza informatica, ma anche di investire in consapevolezza e formazione sulla sicurezza per aumentare la cultura alla sicurezza informatica e la conseguente capacità di prevenzione da attacchi informatici ai sistemi di una organizzazione, evitando così le dolorose conseguenze delle violazioni dei dati tipicamente legate alla perdita della reputazione del marchio e a perdite finanziarie.

Gap di competenze e investimenti necessari

Con la costante crescita degli attacchi il rischio di compromissione per le aziende è sempre più elevato. L’incremento è stato valutato pari al 59% in più rispetto allo scorso anno. In particolare, in Italia, negli ultimi 6 mesi, un’organizzazione è stata attaccata in media 1214 volte a settimana, rispetto ai 1142 attacchi per singola organizzazione a livello globale (fonte: Check Point Technologies).

Altri dati indicano i motivi specifici del successo degli attaccanti. Un recente report del World Economic Forum ha evidenziato che il 95% dei problemi di cyber security è causato da errori umani mentre il Fortinet’s global 2022 Cybersecurity Skills Gap Report ha rilevato che l’80% delle violazioni può essere attribuito a una mancanza di competenze informatiche e/o consapevolezza.

Molti professionisti hanno cominciato fuori dall’ICT

Si tenga conto anche che molti professionisti iniziano la loro carriera al di fuori dell’ICT e quindi non sono preparati ai fenomeni legati alla digitalizzazione. In particolare uno studio specifico sulle competenze della forza lavoro, l’(ISC)² Cybersecurity Workforce 2021 aveva stimato un 17% passato all’ICT da campi di carriera non correlati, un 15% proveniente da studi di educazione alla sicurezza informatica e un 15% capace di approfondire la sicurezza informatica in modo indipendente con solo il 38% delle partecipanti donne nell’IT rispetto al 50% dei partecipanti uomini.

Creare una cultura aziendale della sicurezza

Un ulteriore dato negativo risiede nella difficoltà per le aziende nel trovare personale qualificato e dei lavoratori che non sentono di avere le competenze appropriate (fonte: Digital Skills Index 2022).

È quindi auspicabile, come primo punto, che a livello educativo, la recente riforma degli Istituti Tecnico Scientifici-ITS abiliti una rivisitazione e perfezionamento dei piani formativi degli istituti tecnici come premessa abilitante dei profili STEM e come secondo punto, emerge l’evidenza di due delle sfide per i C-level aziendali (non solo quelli dediti alla sicurezza informatica): riduzione del divario di competenze (skill gap) e creazione di una cultura dell’apprendimento sui temi di sicurezza in tutta l’azienda.

In particolare, David Gubiani, Regional Director SE EMEA Southern di Check Point Software sottolinea come sia cruciale “conoscere le minacce e tutti i modi correlati per attuare una tutela dalle cyber minacce, sia nel privato che sul lavoro”.

Dunque, sia che i tratti di studiare fin dalle scuole superiori, o che in azienda si possa costruire una comprensione di base fondamentale delle migliori pratiche di sicurezza informatica e/o di migliorare le competenze informatiche altamente tecniche, i percorsi di istruzione, di formazione e di certificazione costituiscono un mezzo per garantire che il divario di competenze non comprometta la postura di sicurezza per qualsiasi tipo di organizzazione.

L’auspicio è che tutti i dipendenti, tecnici o meno siano sensibilizzati e abbiano una conoscenza di base del panorama delle minacce e delle migliori pratiche di sicurezza informatica per identificare e segnalare attività informatiche sospette e mantenere un adeguato livello di “igiene informatica” nell’organizzazione.

Misurare le competenze 

Una volta capito il problema e il rischio legato alla mancata conoscenza delle minacce informatiche è opportuno introdurre progetti di formazione e awareness. In qualsiasi iniziativa di questo genere è necessario inizialmente introdurre un assessment che misuri il punto di partenza iniziale della situazione aziendale, perché è opportuno saper correlare la relazione tra il grado di rischio e il livello iniziale della preparazione delle persone.

Un gioco per capire quanto ne sai di cyber security

Effettuare tale misura attraverso il gioco (o tecnica della gamification) è uno dei sistemi più efficaci, sia peri l’alto grado di coinvolgimento delle risorse, sia per l’autovalutazione dei singoli che abilita un primo mattone del percorso di consapevolezza alla sicurezza informatica. Se si pensa che circa il 90% delle persone sopravvaluta le proprie capacità in materia di cyber security (fonte: Kaspersky), allora un tool che giocando misuri il grado di conoscenza può stimolare ogni persona a comprendere il proprio reale grado di preparazione.

Esempi in commercio consentono di misurare e valorizzare decisioni prese in situazioni comuni o durante scenari di lavoro a distanza, valutando se le azioni scelte comportino rischi informatici.

La chiave è nel potenziamento progressivo

Alexander Lunev, Product Manager, Security Awareness & Academic Affairs di Kaspersky spiega che: “il meccanismo del gioco coinvolge maggiormente i dipendenti nell’apprendimento e aiuta le organizzazioni a individuare il programma formativo più adatto alle proprie esigenze specifiche. Inoltre, anche se si ottiene un punteggio alto non significa che l’utente non abbia bisogno di formazione avanzata o di un aggiornamento periodico. Infatti, poiché gli attacchi possono cambiare, il livello di prudenza e di conoscenza potrebbe riabbassarsi. L’apprendimento deve quindi essere sempre seguito da un potenziamento progressivo per ogni tipo di discente aziendale principiante o esperto che sia”.

Per sviluppare una metrica appropriata al programma di formazione che si vuole sviluppare l’organizzazione SANS (SysAdmin, Audit, Networking, and Security) suggerisce di: identificare quali dipartimenti o unità aziendali hanno il numero di comportamenti meno sicuri e rappresentano il rischio maggiore per l’organizzazione; identificare quali regioni, dipartimenti o unità aziendali stanno modificando il comportamento con maggior successo, in che modo e perché; usare quanto appreso per applicarle ai dipartimenti meno sicuri; quando si verifica un incidente, capire se la vittima era stata addestrata e identificare l’area di appartenenza.

Il SANS specifica come non sia necessario misurare tutto, ma usare metriche utili al proprio caso (fonte: Security Awareness Program).

La sicurezza non è un costo ma un investimento

Le risorse formative

In Italia

Le risorse formative per avviare un percorso di cultura alla sicurezza sono molteplici. La formazione specialistica del più alto livello accademico è partita con il primo dottorato nazionale in cyber sicurezza realizzato dalla Scuola IMT, in collaborazione con il Laboratorio nazionale di cyber security del CINI (Consorzio Interuniversitario Nazionale per l’Informatica) e la collaborazione dell’Agenzia di Cybersicurezza Nazionale (ACN), per il quale sono state recentemente istituite e assegnate 38 borse di studio cofinanziate dalla Scuola IMT Alti Studi di Lucca, dal Ministero dell’università e della ricerca, da 24 università e centri di ricerca nazionali e 10 aziende.

In Europa

Sul fronte europeo alcuni dei progetti, finanziati dai fondi di Horizon 2020, sono stati dedicati allo sviluppo di risorse abilitanti alla formazione. Uno di questi, il progetto GEIGER orientato alle piccole imprese aveva come focus lo sviluppo di un “contatore Geiger” ovvero un tool kit per misurare il livello di cybersecurity delle micro e small enterprise (MSEs) e aumentare la loro consapevolezza in merito alla protezione dei dati e alla privacy, grazie a strumenti formativi specifici (Fonte Kaspercsky come parte del consorzio).

Con chi fare formazione

Per sviluppare programmi di awareness & training esistono diversi attori di mercato (system integrator, società di consulenza e vendor produttori di software) che offrono progetti di formazione mediante piattaforme abilitanti da configurare per adeguarsi alle esigenze specifiche di una singola organizzazione.

Per capire quale sia il più adatto alla propria realtà aziendale si può consultare il Security Awareness Training Software Reviews 2022 di Gartner che offre una panoramica delle piattaforme di training valutando diversi elementi: formazione e contenuti educativi pronti all’uso; test dei dipendenti e controlli delle conoscenze; disponibilità in più lingue, nativamente o tramite sottotitolazione o traduzione parziale (in molti casi il supporto linguistico è vario e localizzato); simulazioni di phishing e di attacchi di ingegneria sociale; misurare l’efficacia del programma di sensibilizzazione.

Il ROI della formazione

Con il termine “Ritorno dell’investimento (Return of Investment – ROI) si indica generalmente una tecnica di valutazione finanziaria costituita dal Tasso di rendimento (return) sul totale degli investimenti (investment) di un’impresa.

Quanto vale

Nell’ambito della formazione e consapevolezza alla Sicurezza informatica, tuttavia, il valore del ROI non è solo di carattere economico, bensì include: il valore della gestione dei rischi della sicurezza sia in termini di conformità, sia verso le terze parti, il valore degli interventi di segnalazioni e warning preventivo che i dipendenti imparano ad attuare in relazione a campagne di attacco in azienda, il valore del danno evitato rispetto all’attacco che non va a buon fine e in generale anche il valore stesso di un processo di formazione che può incidere positivamente a diversi livelli aziendali.

Giovanni Ziccardi: “L’Italia ha bisogno di una visione per la cyber security”

In questo senso Mark Thomas presidente di Escoute consulting sostiene che: “La formazione fa emergere argomenti che se affrontati singolarmente possono avere soluzioni limitate, ma se considerati con un atteggiamento più aperto all’apprendimento permettono di risolvere molti problemi garantendo alle aziende di diventare più resilienti, agili e aperte al miglioramento continuo.

In particolare, la formazione come processo aziendale può aiutare le aziende a comprendere meglio in che modo aree come audit, rischio, privacy e governance possono essere utilizzate per fornire una base più stabile su cui innovare e creare fiducia digitale con i clienti.

A breve termine, il ROI può favorire il ricorso a idee innovative per applicare rapidamente parte dell’apprendimento ricevuto, mentre a lungo termine, il ROI può essere monitorato in aree mission-critical come il successo di programmi e portfolio, la soddisfazione dei clienti e se una forza lavoro competente sta chiaramente contribuendo al raggiungimento dei propri obiettivi da parte dell’azienda”.

WHITEPAPER
Migrare l'ERP nel cloud pubblico: scopri la strada verso una maggiore sicurezza
Cloud
ERP
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5