SICUREZZA INFORMATICA

GDPR e social engineering, rispettare i diritti degli interessati prevenendo il furto d’identità: le soluzioni

Uno dei requisiti chiave del GDPR riguarda i diritti degli interessati che includono (tra gli altri) l’accesso e la rettifica dei dati. L’obbligo per le aziende di rispondere alle richieste degli interessati, però, potrebbe introdurre rischi per la sicurezza dei dati stessi, esponendoli ad attacchi di social engineering. Ecco le soluzioni

23 Set 2019
I
Pierguido Iezzi

Swascan Cybersecurity Strategy Director e Co Founder

Il GDPR è vulnerabile al social engineering. Per essere più precisi, l’obbligo per le aziende di rispondere alle richieste degli interessati al trattamento dei dati e rispettare i loro diritti che includono (tra gli altri) il diritto di accesso e il diritto di rettifica, potrebbe introdurre notevoli rischi per la sicurezza dei dati stessi, esponendoli ad attacchi di social engineering.

D’altronde, l’introduzione del GDPR (General Data Protection Regulation) in Europa è stato sicuramente uno spartiacque per il modo in cui venivano gestiti i dati e le informazioni sensibili nel Vecchio continente ed è stato considerato, dai più, un importante passo in avanti nella messa in sicurezza del dato, sempre di più una delle materie prime della virtual economy.

Ma a poco più di un anno dalla sua adozione si cominciano a vedere le prime crepe ed effetti collaterali non voluti.

GDPR e social engineering: è allarme furto di identità

A margine della conferenza Black Hat a Las Vegas, uno dei principali appuntamenti del mondo della cyber security, James Pavur, giovane ricercatore dell’Università di Oxford, ha rivelato come il nuovo regolamento possa costituire una manna per i criminal hacker intenti a utilizzare metodi di social engineering per il furto d’identità.

WHITEPAPER
Perché impostare una strategia di manutenzione dei server?
Datacenter
Sicurezza

Pavur, che solitamente opera nel campo dell’ethical hacking dei sistemi satellitari, ha infatti illustrato come lui stesso è stato in grado di prendersi gioco dell’intero “sistema GDPR” per ottenere ogni tipo d’informazione e dato sensibile della sua fidanzata: dai numeri della carta di credito, passando per il codice fiscale, le password più critiche e persino il nome da nubile della madre (una delle domande di sicurezza più battute quando si tratta di autenticazione a due fattori).

Lo spunto del giovane ricercatore è stato quello di prendere in analisi i potenziali problemi legati a questo regolamento sulla privacy. Durante la conferenza ha infatti sottolineato come questo tipo di legislazione, come qualsiasi altro tipo di misura di controllo sulle informazioni, ha delle vulnerabilità sfruttabili.

Rimarcando anche che se queste fossero state prese in considerazione e testate prima della promulgazione, come si fa per i normali sistemi di sicurezza informatica per esempio, ci troveremmo oggi di fronte a numerose criticità in meno.

La ricerca, o forse più corretto sarebbe dire l’esperimento, di Pavur è iniziata in un luogo improbabile: il lounge delle partenze di un aeroporto in Polonia.

Dopo che il volo su cui lui e la sua fidanzata avrebbero dovuto viaggiare ha subìto un ritardo di svariate ore, i due hanno scherzato sulla possibilità di spammare la compagnia aerea con richieste di informazioni inerenti al GDPR per mettere in atto la loro vendetta.

Ovviamente non lo hanno fatto, ma lo spunto ha suscitato in Pavur la curiosità di vedere quali informazioni si potevano ottenere con questa tecnica su altri passeggeri.

La ragazza del ricercatore ha quindi acconsentito di essere la cavia per l’esperimento.

GDPR e social engineering: così vengono esposti i dati

Per scopi di social engineering (l’arte di impersonare qualcuno online al fine di ottenere informazioni sensibili dalla vittima), il GDPR ha, ahimè, una serie di benefici reali, ha chiarito Pavur.

In primo luogo, le aziende hanno un termine per la risposta all’interessato (chi inoltra la richiesta), per tutti i diritti (compreso il diritto di accesso), di 1 mese, pena sanzioni fino al 4% delle entrate aziendali se non si conformano ai requisiti del GDPR.

Non c’è quindi da stupirsi che la paura di fallire e il tempo sono forti fattori motivanti.

Non solo, il tipo di personale che gestisce le richieste inerenti al GDPR ha di solito un background amministrativo o legale. Quasi mai chi si trova davanti queste richieste ha un sufficiente background di sicurezza informatica, né tantomeno è abituato a tattiche di ingegneria sociale. Questo rende molto più facile la raccolta di informazioni.

Tornando al test di Pavur, questi ha inviato oltre 150 richieste inerenti al GDPR a nome della sua fidanzata, chiedendo tutti i dati che la riguardano in possesso delle varie aziende di servizi con cui lei solitamente si interfacciava.

Fatte le somme, il 72% delle aziende ha risposto alla richiesta e 83 hanno dichiarato di avere informazioni su di lei.

Nel campione, ha illustrato Pavur, è stato anche interessante notare come il 5% dei rispondenti, soprattutto le grandi aziende statunitensi, ha dichiarato di non essere soggetto alle regole del GDPR.

Tra i rispondenti, il 24% ha semplicemente accettato un indirizzo e-mail e un numero di telefono come prova di identità e ha inviato i file che avevano sulla sua fidanzata. Un ulteriore 16% ha richiesto informazioni di identificazione facilmente falsificabili e il 3% ha fatto il passo piuttosto estremo di cancellare semplicemente i suoi account.

Molte aziende hanno chiesto i dati di accesso al suo account come prova di identità, che in realtà è una buona idea, ha sostenuto Pavur.

Ma quando una società di videogames ha provato questo metodo, lui ha semplicemente detto di aver dimenticato il login e loro hanno inviato comunque le informazioni richieste.

Un portfolio di dati sensibili presi alla leggera

La gamma di informazioni che le aziende hanno inviato è comunque inquietante. Una società di software dedicato all’educazione ha inviato a Pavur il numero di previdenza sociale della sua fidanzata, la data di nascita e il nome da nubile di sua madre.

Un’altra azienda ha inviato più di 10 cifre del suo numero di carta di credito, la data di scadenza, il tipo di carta e il suo codice postale.

Un’organizzazione di cui lei non aveva mai sentito parlare e con cui non aveva mai interagito, aveva alcuni dei dati più sensibili.

Insomma, sembra che il GDPR abbia fornito un pretesto a chiunque nel mondo per raccogliere queste informazioni.

GDPR e social engineering: correggere il tiro

Risolvere la questione richiederà l’intervento sia del legislatore sia delle aziende, ha sostenuto Pavur. Secondo il ricercatore, in primo luogo, i legislatori devono stabilire uno standard per quella che è una forma legittima e sicura di ID per le richieste inerenti al GDPR.

Una via percorribile, come accennato prima, è quella di richiedere i dati di accesso e di login per confermare l’identità, ma c’è sempre la possibilità che tali credenziali siano state compromesse. Anche richiedere documenti come la patente di guida sarebbe una buona alternativa, anche se i documenti d’identità falsi sono molto diffusi.

Il GDPR ha avuto la controindicazione di instillare una grandissima paura delle sanzioni del garante nelle organizzazioni.

Le aziende dovrebbero essere disposte a rifiutare le richieste di informazioni, a meno che non sia una prova adeguata. Dopo tutto, essere visti come un’organizzazione che ha a cuore le informazioni dei suoi dipendenti e dei propri clienti non sarà mai una cosa negativa.

WHITEPAPER
Migrare l'ERP nel cloud pubblico: scopri la strada verso una maggiore sicurezza
Cloud
ERP
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr