L'ANALISI TECNICA

Ho.Mobile, presunti dati di 2,5 milioni di utenti in vendita sul dark web: ecco tutti i rischi eventuali

Sarebbe stato messo in vendita sul Dark Web l’intero database dei clienti dell’operatore telefonico ho.mobile: nell’archivio sarebbero presenti anche i dati personali e telefonici di 2,5 milioni di utenti italiani, che ora sarebbero esposti a possibili attacchi di tipo SIM Swap con clonazione della scheda telefonica. Lo dichiara su Twitter Bank Security portando qualche evidenza del furto, mentre a Vodafone per ora non risulta un attacco

Pubblicato il 29 Dic 2020

Paolo Tarsitano

Editor Cybersecurity360.it

I dati personali e telefonici di tutti i clienti ho.mobile, l’operatore virtuale del marchio Vodafone, 2,5 milioni di persone, sarebbero finiti in vendita sul Dark Web per 500 euro.

La notizia è stata data ieri notte su Twitter da Bank Security, che sarebbe riuscita ad entrare in possesso di un piccolo campione di informazioni per provarne l’autenticità. Vodafone riferisce di non avere evidenze di un attacco e comunque di stare indagando a riguardo.

Il furto, se confermato, sarebbe in effetti il risultato di un attacco informatico conclusosi con un data breach.

Aggiornamento 4 gennaio: ho mobile conferma l’attacco e un furto di questi dati, anche se su “parte della clientela” e attiva servizio di sostituzione gratuita della sim

Ho. Mobile conferma furto parziale di dati, cambio sim gratis: ecco che fare contro le truffe

Cosa sappiamo del presunto attacco hacker a ho.mobile

Da quanto trapelato finora, pare che i dati personali e telefonici degli utenti di ho.mobile sarebbero stati esfiltrati sfruttando una vulnerabilità della piattaforma Web o dell’app dell’operatore.

WHITEPAPER
Cloud pubblico: ecco la strada verso una maggiore sicurezza, scopri di più!
Cloud
ERP

All’interno del database (a questo indirizzo c’è l’elenco completo dei tipi di informazione potenzialmente esposte) ci sarebbero diversi tipi di informazioni, tra cui: nome e cognome degli utenti, data di nascita, città di residenza, l’ICCID (Integrated Circuit Card-Identity) della SIM e il numero di telefono.

Non sembrano essere presenti password di alcun genere, ma ci sono alcuni indirizzi e-mail.

“C’è da dire che il leak – sempre stando alle informazioni pubblicate anonimamente online – sarebbe in vendita dal 22 dicembre 2020 e non si sa da quanto sia effettivamente circolante, quindi non è noto se i dati in esso contenuti siano già stati utilizzati prima”, spiega l’esperto Paolo dal Checco, consulente informatico forense. “Non si ha, in ogni caso, sentendo anche chi lavora nell’ambiente, notizia di un aumento di attacchi di SIM Swap per l’operatore in questione. Siamo in attesa di conferme sia da parte dell’operatore – che giustamente dovrà far sapere qualcosa al Garante Privacy e agli interessati – sia da eventuali ulteriori pubblicazioni online su Pastebin o Twitter che possano confermare o smentire questo importante evento”.

In particolare, la possibilità di entrare in possesso dell’ICCID, il codice internazionale di 19 cifre che identifica in maniera univoca la SIM, potrebbe essere particolarmente pericolosa in quanto permetterebbe a un malintenzionato di portare a termine un attacco di tipo SIM Swap che consente di clonare la SIM e accedere poi a servizi online.

Una volta clonata la SIM, l’attaccante è in grado di ricevere anche gli SMS dei servizi di autenticazione a due fattori, molto usata per servizi come banche, account internet o servizi di salvataggio password.

Il sim swap permette quindi di accedere a conti correnti e svuotarli o vari account internet, poste che il criminale riesca a ottenere anche le altre credenziali (statiche).

È facile intuire che è proprio la presenza di questi numerosi codici ICCID a rendere (in teoria) di valore il database degli utenti di ho.mobile venduto sul Dark Web.

Una SIM intestata a nome altrui può consentire anche di fare truffe a danni terzi e proteggere la propria identità in attività criminali basate sull’uso del cellulare.

L’eventuale leak non sorprende gli esperti. “Purtroppo i data leak sono divenuti molto comuni”, dice il consulente esperto di cyber security Salvatore Lombardo. “Non sempre sono dovuti solo ad una cattiva gestione e conservazione delle password ma anche ad una cattiva implementazione delle applicazioni web db based. Ciò può consentire l’iniezione di query arbitrarie. È necessario che gli sviluppatori applichino una programmazione sql che preveda un controllo di tutte le potenziali porte di accesso all’archivio di gestione dei dati, quali i form, le pagine di ricerca e qualsiasi altro modulo che preveda una interrogazione query strutturata”.

I rischi che correrebbero gli utenti

“Se fosse confermato, questo leak avrebbe certamente proporzioni di rilievo per diversi motivi. In primo luogo, perché contiene dati legati a utenze telefoniche, che oggi vengono utilizzate da servizi, portali e persino banche come strumento d’identificazione e recupero codici di accesso”, spiega Dal Checco. “Tra tali dati – secondo quanto pubblicato su Pastebin – ci sarebbe anche il codice ICCID, che è una sorta di “numero di telaio” della scheda SIM, elemento essenziale per poter richiedere la migrazione o portabilità dell’utenza soprattutto se in combinazione con i dati anagrafici del proprietario come indirizzo, codice fiscale, email e altri dati di rilievo”.

Uno dei dieci utenti di cui i dati sono in chiaro (vedi box sopra) conferma a questa testata di aver già ricevuto una telefonata di sconosciuti che cercavano conferma dei dati e poterli così, probabilmente, utilizzare per furto di identità, con o senza SIM Swap.

Ma non ci sono solo rischi associati a SIM Swap. I dati possono essere anche sfruttati direttamente da truffatori.

Gli utenti di ho.mobile potrebbero essere oggetto di campagne di phishing già dalle prossime ore“, aggiunge l’esperto Pierluigi Paganini, docente al master cybersecurity alla Luiss di Roma. “Potrebbero ricevere messaggi o telefonate che chiedono loro di fornire ulteriori dati per gestire una situazione con carattere di urgenza, ad esempio per scongiurare che la linea sia loro distaccata a seguito di una fantomatica verifica. È fondamentale prestare attenzione ad eventuali messaggi che potrebbero esser inviati in nome di ho.mobile e di considerare solo il sito dell’azienda come fonte ufficiale“, continua Paganini.

Come difendersi da truffe SIM Swap

“In tanti mi chiedono come proteggersi da eventuali truffe, nel caso in cui i loro dati dovessero trovarsi nel database. Sicuramente chi la settimana scorsa è finito nel leak del wallet di criptomonete Trezor è maggiormente vulnerabile, perché incrociando i due elenchi è possibile sferzare diversi tipi di attacco per tentare di sottrarre criptomonete da wallet online o riuscire tramite phishing a impossessarsi di quelle mantenute sul dispositivo”, aggiunge Dal Checco.

I suoi consigli sono i seguenti.

  • Sostituire, almeno temporaneamente, il numero telefonico impostato come metodo di recupero nei vari account online, da quelli bancari a Paypal, dallo SPID alla posta elettronica, da Facebook ad Amazon: tutti possibili bersagli per truffe legate alla sostituzione della SIM.
  • Per chi utilizza WhatsApp, Telegram, Messenger o strumenti d’instant messaging e non vuole – comprensibilmente – migrare utenza, è sufficiente abilitare la protezione con il secondo fattore di autenticazione, inserendo una password che deve essere richiesta per poter accedere all’account: in questo modo, anche sottraendo la SIM, l’attaccante non sarà in grado di accedere ai nostri messaggi (per quanto riguarda Telegram o Messenger, che li mantiene sul cloud) o di utilizzare la nostra utenza per inviare e ricevere testi (per quanto riguarda WhatsApp, Signal o altre app che mantengono le chat in locale).
  • Ognuno di noi sa quali dati ha comunicato all’operatore, non si può ovviamente cambiare la propria residenza per una notizia non confermata, ma l’indirizzo di posta sì, temporaneamente anche quello si può impostare utilizzandone uno diverso, creando quindi differenze tra i dati presenti nel database e quelli utilizzati nella realtà, per difendersi da eventuali attacchi.

“Ritengo comunque che, se la notizia dovesse essere confermata, l’operatore in questione sarà il primo a bloccare temporaneamente i cambi di SIM imponendo ulteriori verifiche, cosa che tra l’altro l’AGCOM poche settimane fa – in tempi non sospetti – aveva già prospettato”.

Cambio SIM più sicuro, contro le frodi: le nuove regole Agcom

WHITEPAPER
La Top 5 delle minacce informatiche e come contrastarle
Sicurezza
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr