Giornata mondiale

World Backup Day 2023: le tre regole auree per proteggere il Made in Italy e tutti noi

Nella Giornata Internazionale del Backup, il Clusit, le aziende IT e gli esperti di cyber security spiegano l’importanza della protezione del dato, soprattutto per tutelare i settori più vulnerabili agli attacchi informatici

Pubblicato il 30 Mar 2023

Mirella Castigli

Giornalista

Il 31 marzo si celebra il World Backup Day 2023, la Giornata Internazionale del Backup. Secondo il Clusit sono tre le regole auree da seguire per proteggere la manifattura italiana e i settori più vulnerabili.

Infatti, secondo i ricercatori di Clusit, sono nel mirino dei cyber attacchi soprattutto il settore manifatturiero del Made in Italy, tecnico-scientifico e i servizi professionali, con organizzazioni meno strutturate e più impreparate ad affrontare rischi cyber. A causa di scarsa consapevolezza o assenza di risorse.

“Il World Backup Day”, commenta Mike Anderson, Global CIO, Netskope, “è un’opportunità per soffermarci a riflettere su come sia importante comprendere il valore di mantenere i dati, soprattutto quello più importanti, al sicuro e protetti“. Ecco perché questa occasione rappresenta un’opportunità per riflettere sull’importanza della protezione del dato, secondo il Clusit, ma le aziende e gli esperti di cyber security.

World Backup Day 2023: le tre regole per proteggere il Made in Italy

Nel 2022 l’Italia è stata centrata dal 7,6% dei cyber attacchi globali, 188 nel complesso. I malware hanno causata oltre la metà di questi, in aumento di 6 punti percentuali rispetto al dato globale. Nel 95% dei casi, le conseguenze si sono rivelate di livello grave a livello economico, sociale e di immagine.

WHITEPAPER
Ransomware: le esperienze 2023 di IT e Cybersecurity Manager, scarica la nuova ricerca!
Cybersecurity
Network Security

Molte aziende invece sottovalutano i rischi, per settore operativo o bassa criticità delle informazioni trattate. Ma nel 2022 gli “obiettivi multipli” – ovvero le vittime di campagne non mirate – hanno registrato un aumento del 900% di attacchi cyber crime, rispetto all’anno precedente. Dunque, nessuno può ritenersi al sicuro, anche perché guasti hardware, corruzione del software, cancellazione accidentale e disastri naturali, un allagamento o un incendio sono sempre in agguato. E possono provocare perdita dei dati, oltre agli attacchi malware e ransomware.

Infatti “i backup possono salvare un’azienda”, afferma Corey Nachreiner, Chief Security Officer, WatchGuard Technologies. Ma “il singolo backup non è più sufficiente”, afferma Alessio Pennasilico, del Comitato Scientifico di Clusit. Invece oggi serve “un backup immutabile, in cui i file non siano cancellabili o modificabili, poiché, in caso di intrusione, i criminali sono ormai in grado di accedere a qualsiasi dato”, continua Pennasilico.

Le regole auree del Clusit, in occasione del World Backup Day 2023, per per non mettere in pericolo i propri dati, sono tre:

  1. serve un piano di continuità operativa da mantenere aggiornato nel corso dell’evoluzione dell’organizzazione;
  2. adottare un ambiente di disaster recovery, soprattutto in cloud, in grado di assicurare la business continuity;
  3. prevedere un backup immutabile di tutti i dati dell’organizzazione.

Non solo le aziende, ma noi tutti necessitiamo di “un’ancora di salvezza”, conclude Pennasilico: “Per il privato cittadino può certamente essere rappresentata dal backup, meglio se ridondato tra dispositivi e cloud”.

La strategia del 3-2-2 (o 3-2-1) contro i ransomware

Dal Veeam Ransomware Trends Report 2022 emerge che l’85% delle imprese ha subito almeno un attacco di tipo ransomware nel corso dell’ultimo anno.

“Poiché il ransomware è una delle principali minacce che le aziende devono affrontare oggi”, mette in guardia Corey Nachreiner, Chief Security Officer, WatchGuard Technologies, “c’è un rinnovato apprezzamento per il valore dei backup. Fornendo la possibilità di recuperare i file che sono stati crittografati da un attore di minacce, consentono alle organizzazioni di eliminare la minaccia di un attacco ransomware a singola estorsione. Va detto che il ransomware è solo uno dei modi in cui un’azienda potrebbe perdere dati, quindi, il backup è in ogni caso una buona pratica per il disaster recovery”.

Tuttavia “ci sono sfumature su come eseguire il backup come parte di una strategia di difesa dal ransomware”, continua Corey Nachreiner: “Gli attaccanti spesso prendono di mira i servizi di backup e li disabilitano prima di un attacco. Pertanto, le organizzazioni dovrebbero praticare il cosiddetto backup 3-2-2 che mantiene più fonti di backup offline e online“.

“In poche parole, 3-2-2 significa tre copie di dati“, illustra Corey Nachreiner: “due archiviate localmente su dispositivi diversi e due fuori sede (ad esempio, una copia in una posizione remota, più un’altra copia nel cloud)“.

La cyber resilienza nel World Backup Day 2023

I supporti diversi possono essere cloud e storage a oggetti per aumentare la cyber resilienza, secondo Veeam. Veeam stima che questa regola, anche reinterpretata come 3-2-1 (con solo una copia off-site), sia molto utile perché non si riferisce a una tecnologia hardware particolare, ma si adegua a quasi tutti gli scenari.

Veeam indica come soluzione anche lo storage a oggetti, “progettato per garantire una durata annuale del 99.999999999%”: come la precedente regola, sono “scalabili, durevoli e disponibili”.

La copia off-site potrebbe essere “un cloud on-premises (intrinsecamente fuori sede)”, secondo Veeam. Oppure si potrebbero selezionare diverse cloud regions (fuori sede) per le due copie e scegliere “zone di disponibilità e abbonamenti cloud diversi (logicamente fuori sede e astratti)”.

L’approccio 3-2-1-1-0 e varianti

Questo metodo prevede l’idea di una copia offline (air-gapped): una copia su nastro off-site, reintrodotta come nell’originale 3-2-1, oppure di uno storage immutabile nel cloud. L’approccio 4-3-2, invece, prevede quattro copie di dati archiviati in tre sedi. Richiede la prima

in sede, la seconda presso un MSP (per esempio, Iron Mountain) e la terza presso un provider di cloud storage.

Evitare la morte dei dati

Inoltre, “le aziende devono essere sicure di testare e dimostrare che i loro backup forniscono effettivamente un ripristino rapido, oltre a eseguire regolarmente il backup e implementare forti protezioni attorno alle copie multiple di tali backup, per evitare la ‘morte reale’ dei loro dati nel caso di un attacco ransomware riuscito”, avverte il Chief Security Officer, WatchGuard Technologies.

“Ogni azienda ha qualcosa di valore per cui potrebbe prendere in considerazione il pagamento di un riscatto se ne perdesse l’accesso”, spiega Corey Nachreiner: “Molte organizzazioni hanno dimostrato di non disporre di buoni backup, motivo per cui il ransomware è così efficace. Occorre assicurarsi di essere in una posizione in cui non si dovrà mai cedere alle richieste di riscatto. Che si tratti di un database cliente, di un IP critico o dell’immagine VM standard di riferimento, non bisogna limitarsi a parlare di backup regolari ma bisogna agire”, conclude Nachreiner.

Consigli per Pmi: frequenza dei backup

Acronis consiglia alle Pmi di effettuare un backup completo dei dati operativi almeno una volta alla settimana, con backup incrementali o differenziali giornalieri. In generale, le Pmi dovrebbero conservare i backup completi del sistema per almeno due mesi. Un tasso di conservazione di due mesi assicura la possibilità di ripristinare in modo sicuro una copia pulita del sistema in caso di bisogno e di procedere senza problemi con le operazioni quotidiane. Fra i dispositivi di archiviazione, secondo Acronis, servono dischi rigidi con capienza fino a 22 TB e opzioni di supporti di archiviazione cloud.

ITOps e SecOps devono cooperare

Oggi le aziende incontrano difficoltà nel proteggere i propri dat, a causa della complessità degli ambienti enterprise e della crescente dipendenza da software e dati. Le imprese devono garantire che i propri team di sicurezza collaborino con i team dell’infrastruttura, responsabili in ultima analisi del ripristino dei dati. Secondo Mark Molyneux, EMEA CTO di Cohesity, il World Backup Day 2023 deve essere l’occasione per riflettere sul fatto che la chiave è la collaborazione:

  • ITOps e SecOps dovrebbero diventare co-responsabili dei risultati di cyber resilienza, grazie a un ruolo combinato CISO/CIO;
  • programmazione congiunta ITOps/SecOps, in linea con gli obiettivi di sicurezza;
  • analisi e comprensione della superficie di attacco tra i team ITOps e SecOps;
  • coordinamento tra ITOps / SecOps sulla risposta agli incidenti.

Come prevenire backup infetti

Un backup infetto può indurre gli amministratori IT a ripristinare, per errore, l’accesso dei criminali informatici a sistemi attaccati in precedenza. Secondo Bitdefender, l’Extended Detection and Response (XDR) agevola il rilevamento precoce di attacchi complessi e di comportamenti delle minacce in più ambienti. Al fine di aiutare a bloccare i criminali prima che arrivino a crittografare i dati per ottenere un riscatto e/o esfiltrarli a scopo di estorsione.

La strategia di un buon backup

Secondo Barracuda Networks, bisogna estendere il backup a tutto, non solo ai dati riferiti al business. Occorre evitare di effettuare il backup manager su Windows, scegliendo Linux o un altro sistema operativo; evitare di collegare i sistemi di backup al dominio aziendale. L’autenticazione multifattoriale e il controllo degli accessi basato su ruoli (Role Based Access Control, RBAC), inoltre, devono essere adottati, in modo tale da assicurare che solo pochi utenti autorizzati possano accedere al backup. Serve limitare a pochissimi utenti la capacità di cancellare in maniera definitiva i file salvati. I backup off-site devono essere replicati su un sito remoto o un cloud provider che offra un livello di sicurezza grazie all’air gap tra i server di backup locali, on-premise, e la soluzione esterna. Se il backup concerne dati nel cloud, si suggerisce che anche il processo di backup avvenga nel cloud.

La strategia Zero Trust

“Il cloud è oggi il mezzo predominante per il trasferimento e la condivisione dei dati in molte organizzazioni”, continua Mike Anderson, Global CIO, Netskope: “Un recente studio di CSA (Cloud Security Alliance) ha rilevato che le applicazioni di cloud storage sono il mezzo più popolare per la condivisione dei dati”.

“Poiché i nostri dati ora sono ovunque, quindi oltre ai tradizionali data center e hard disk, è fondamentale mettere in atto una solida strategia di data protection, implementando principi di zero trust, per assicurarsi che i propri backup di dati sensibili nel cloud siano al sicuro”, conclude Mike Anderson.

Perché le soluzioni legacy rappresentano un rischio

Secondo Anneka Gupta, Chief Product Officer Rubrik, le soluzioni di backup legacy dimostrano la loro efficacia per il ripristino di dati da eventi come i disastri naturali. Tuttavia non sono ideata per la salvaguardia da cyber attacchi che possono causare perdite catastrofiche.

Le soluzioni di backup tradizionali sono vulnerabili ai cyber attacchi. Inoltre non possono offrire informazioni critiche o visibilità sui dati a rischio o su quelli colpiti da un attacco, ostacolando così la capacità di valutazione rapida ed accurata dei rischi, ponendo rimedio alle minacce. I backup legacy non permettono di effettuare simulazioni e test di ripristino.

“Queste ragioni”, conclude Anneka Gupta Chief Product Officer Rubrik, azienda Zero Trust Data Security, “evidenziano ulteriormente il motivo per cui è necessaria una solida postura di sicurezza dei dati per rilevare, rispondere e riprendersi rapidamente dalle violazioni della sicurezza con fiducia e rapidità“.

La crittografia: la prima arma di difesa nel World Backup Day 2023

Secondo Sophos, non bisogna mai rimandare un backup. Inoltre è necessario eliminare i dati non necessari, riducendo così tempo e spazio per eseguire il backup. Ma soprattutto è necessario crittografare i dati di backup, soprattutto i dati. Infatti, “proteggere il backup da occhi indiscreti crittografando i dati prima di lasciare il computer” permette di “renderli sicuri sia durante il trasporto che durante l’archiviazione”.

Per proteggere i dati offsite, sia nel cloud (a rischio cyber intrusione) che su un dispositivo rimovibile, la soluzione è quella di crittografarli. Attraverso tool come BitLocker per Windows, FileVault per Mac e LUKS e cryptsetup per Linux, in grado di realizzare unità e partizioni crittografate.

Ma anche le soluzioni di encryption gratuite e open source, che non fanno parte di alcun sistema operativo, possono essere di aiuto. Infine il processo di ripristino deve essere rapido e comodo.

Infatti “è molto molto utile compilare un elenco che tenga traccia dei dati sensibili che dovete proteggere e della data dell’ultimo backup, in modo da effettuare tale operazione regolarmente e con tempestività. Ricordiamoci che non è si tratta solo del ‘World Backup Day 2023’ ma anche del vostro ‘Personal Backup Day'”, conclude Paul Ducklin, Principal Research Scientist di Sophos.

WHITEPAPER
Threat intelligence: come scegliere una piattaforma davvero efficace?
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3