Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

SOLUZIONI WEB

Firefox Send, inviare e condividere file in sicurezza col browser: cos’è e come funziona

Firefox Send è un servizio gratuito di trasferimento file basato su un algoritmo di crittografia end-to-end che consente di condividere, mediante l’utilizzo di link “a scadenza”, documenti in ogni formato di grandi dimensioni. Ecco come usarlo al meglio

14 Mar 2019

Paolo Tarsitano


Si chiama Firefox Send la soluzione gratuita proposta da Mozilla per condividere file anche di grandi dimensioni in modo sicuro e privato con chiunque, eliminando di fatto la necessità di affidarsi a servizi gratuiti di terze parti meno sicuri o ad altri strumenti commerciali di caricamento file.

Si tratta, quindi, di uno strumento particolarmente utile soprattutto in ambito aziendale, dove la protezione dei dati e delle informazioni riservate ha assunto una notevole importanza in seguito alla piena applicabilità del GDPR e della Direttiva NIS.

Firefox Send è infatti un servizio di trasferimento di file basato su un algoritmo di crittografia end-to-end gratuito che consente di condividere, mediante l’utilizzo di link “a scadenza”, documenti in ogni formato con dimensioni troppo grandi per essere inseriti in un allegato di posta elettronica.

Firefox Send è stato inizialmente proposto agli utenti nell’agosto del 2017 nell’ambito del programma sperimentale “Test Pilot”, ora dismesso dell’azienda. La versione stabile appena rilasciata è ora perfettamente usabile grazie anche al supporto diretto di tanti beta tester che in questi anni hanno segnalato bug e malfunzionamenti vari.

“Sappiamo che ci sono diverse soluzioni di cloud sharing disponibili sul mercato, ma nella tradizione della nostra missione di offrire soluzioni più attente alla privacy e alla sicurezza, potete fidarvi che le vostre informazioni sono al sicuro con Send”, ha detto Nick Nguyen, vicepresidente del progetto Firefox di Mozilla, in un post sul blog ufficiale.

“Come per tutte le applicazioni e i servizi Firefox, Send è sviluppato seguendo il principio di privacy by design, il che significa che tutti i vostri file sono protetti e noi ci impegniamo a gestirli in modo privato e sicuro”.

Il nuovo servizio offerto da Mozilla consente di inviare file fino a 1 GB di dimensione, ma se si registra un account Firefox gratuito è possibile caricare file di dimensioni fino a 2,5 GB. Firefox Send usa una tecnologia crittografica basata su browser che cifra i file prima di caricarli sui server Mozilla e consente poi di decifrarli solo ai legittimi destinatari.

Le caratteristiche principali di Firefox Send sono:

  • crittografia end-to-end: Firefox Send utilizza la crittografia AES-GCM a 128 bit tramite la Web Crypto API per crittografare i file nel browser Web prima di caricarli sul server;
  • impostazione limite di tempo: durante il caricamento del file, è possibile scegliere un intervallo di tempo tra i 5 minuti e la settimana dopo il quale il collegamento al file scade, rendendo impossibile il successivo download;
  • limite numero di download: è possibile anche impostare un numero di download di file (tra 1 e 100 download) dopo di che il link per il download scade automaticamente;
  • impostazione password: per un ulteriore livello di sicurezza, è possibile anche scegliere di impostare una password necessaria per consentire al destinatario di scaricare il file.

Firefox Send: guida pratica all’uso

A differenza dei più diffusi servizi di archiviazione e condivisione file come Dropbox, Google Drive, Microsoft OneDrive e Box, Firefox Send non è disponibile come software desktop.

Si tratta semplicemente di un sito web accessibile utilizzando qualsiasi browser dove è possibile caricare rapidamente un file. È poi possibile utilizzare qualsiasi mezzo per condividere il link per il download: mediante posta elettronica o, ancora meglio, in una chat crittografata su Telegram o WhatsApp.

I destinatari possono quindi semplicemente scaricare il file semplicemente visitando l’URL condiviso, indipendentemente dal fatto che abbiano o meno un account Firefox.

L’utilizzo del servizio Firefox Send è semplicissimo:

  • occorre innanzitutto collegarsi all’home page del servizio;
  • è sufficiente poi trascinare i file da condividere nell’apposito riquadro a centro pagina, oppure cliccare su Seleziona i file da caricare. In questo modo è possibile effettuare l’upload di file con dimensione fino a 1 GB. Cliccando su Accedi per inviare fino a 2,5 GB è invece possibile registrare un account Firefox (o usare eventualmente quello già creato in precedenza) e caricare file fino a 2,5 GB di dimensione;
  • a questo punto, occorre scegliere la scadenza del link di condivisione agendo sul menu a tendina 1 download o 1 giorno e scegliendo l’opzione più adatta alle proprie esigenze;
  • spuntando la casella di controllo Proteggi con password è possibile scegliere una chiave di accesso ai file per aumentare ulteriormente il livello di sicurezza della condivisione. La password, ovviamente, dovrà poi essere comunicata in maniera sicura (via Telegram o WhatsApp) all’utente con cui condividere i file;
  • cliccando su Carica il servizio avvia l’upload dei file: la durata dell’operazione dipende, ovviamente, dalle dimensioni dei file condivisi;
  • al termine, Firefox Send avvisa che Il file è crittato e pronto per l’invio: è quindi sufficiente cliccare su Copia link per ottenere la URL di condivisione dei file. Analizzando questo indirizzo si scopre che contiene, ovviamente codificata e quindi non in chiaro, la chiave crittografica che protegge l’archivio condiviso;
  • è ora sufficiente avviare una chat cifrata su Telegram o WhatsApp con il nostro interlocutore e inviargli il link di download per condividergli i file riservati.

Gli sviluppatori Mozilla fanno sapere che durante l’utilizzo di Firefox Send alcune informazioni come l’indirizzo IP degli utenti vengono temporaneamente archiviate sui server del servizio. Inoltre, vengono raccolte informazioni inerenti alle prestazioni del servizio steso, al numero di file caricati, al tempo di conservazione prima della rimozione, ad eventuali errori di trasferimento e ai protocolli crittografici supportati dal browser utilizzato dall’utente. Mozilla però assicura di non poter accedere al file cifrato condiviso e neanche al suo nome. La cancellazione dal server, inoltre, avverrà nei tempi indicati dall’utente durante la fase di caricamento dei file.

Nei prossimi giorni, Firefox Send dovrebbe essere disponibile anche come app per Android.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5