DATA PROTECTION

Privacy Impact Assessment: come fare una valutazione dell’impatto privacy

Qualora un trattamento dati comporti un rischio elevato per i diritti e le libertà degli interessati, il titolare deve effettuare un Privacy Impact Assessment, ossia una valutazione d’impatto privacy utile a comprendere le adeguate misure di sicurezza da adottare per mitigarlo. Ecco le best practice per eseguirla al meglio

Pubblicato il 16 Lug 2020

C
Francesco Curtarelli

Senior Legal Consultant & DPO P4I - Partners4Innovation

R
Francesca Rubeis

Privacy Legal Consultant presso P4I - Partners4Innovation

Al fine di tutelare i diritti e le libertà degli interessati a fronte di un rischio elevato che può derivare da una o più operazioni di trattamento di dati personali, il GDPR pone in capo al titolare del trattamento una serie di obblighi e di valutazioni che lo aiutano a comprendere il livello di rischio (in termini di varia probabilità e gravità per i diritti e le libertà delle persone fisiche) e le adeguate misure di sicurezza da adottare per mitigarlo: in particolare, è opportuno effettuare un’analisi dell’adempimento disciplinato dall’art. 35 GDPR relativo alla valutazione d’impatto sulla protezione dei dati (Privacy Impact Assessment)

Nel momento in cui introduce un nuovo trattamento di dati personali nell’ambito della propria organizzazione, il titolare, nel rispetto dei principi di privacy by design & by default di cui all’art. 25 del Reg. UE 2016/679 (o “GDPR”), ha il compito di garantire che tale trattamento venga effettuato in conformità a tutti i requisiti fondamentali del GDPR stesso prevedendo, sin dalla progettazione, le opportune e adeguate “misure tecniche e organizzative”.

La valutazione d’impatto sulla protezione dei dati è un processo strutturato, descrittivo e periodico, fondamentale per poter dimostrare la corretta applicazione del principio di responsabilizzazione (alias “accountability”) perché consente al titolare di dimostrare, mediante un’analisi approfondita del trattamento, quelle che sono le procedure interne, i flussi di dati, le misure tecniche e organizzative, le valutazioni giuridiche e di sicurezza e, quindi, l’effettiva protezione dei dati personali e la conformità del trattamento all’intera normativa europea di settore.

Il rischio quale elemento fisiologico del trattamento

Come può, tuttavia, il titolare dimostrare in modo efficace il rispetto del citato principio? In relazione alla generalità dei trattamenti, tale obbligo si assolve con lo svolgimento di una c.d. “valutazione del rischio”, ossia una analisi dei rischi, non solo informatici, fisiologicamente connessi al trattamento posto in essere dal titolare.

WHITEPAPER
Gartner: l’iperautomazione tra i principali trend tecnologici
SaaS
Cloud application

Ogni trattamento è intrinsecamente connaturato da un rischio. Tuttavia, la gradualità del rischio stesso è determinata da numerosi fattori quali, a titolo esemplificativo:

  1. la tipologia di dati trattati;
  2. il settore in cui il titolare opera;
  3. le modalità del trattamento e il numero di soggetti coinvolti.

Più alto è il rischio associato ad uno specifico trattamento, più garantiste dovranno essere le misure di sicurezza applicate, sia a livello tecnico che organizzativo.

Privacy Impact Assessment: obbligatorietà e contenuti

Qualora il rischio connesso al trattamento risulti elevato per i diritti e le libertà delle persone fisiche, in ragione soprattutto delle particolari tecnologie utilizzate e delle tipologie di dati trattati (ad esempio se appartenenti alla categoria dei dati c.d. particolari ai sensi dell’art. 9 GDPR), il GDPR obbliga il titolare a condurre una c.d. valutazione d’impatto sulla protezione dei dati (DPIA, dall’inglese Data Protection Impact Assessment).

Per aiutare il titolare a identificare quali, all’interno del proprio processo di gestione dei dati, possano essere i trattamenti da sottoporre obbligatoriamente a DPIA, il Gruppo di Lavoro articolo 29 (“Working Party article 29” o “WP29, ora “European Data Protection Board” o “EDPB”), ha individuato nelle proprie Linee Guida sulla valutazione d’impatto nove criteri che, ragionevolmente, possono essere indicatori di un “rischio elevato intrinseco”:

  1. lo svolgimento di attività di valutazione o assegnazione di punteggi, inclusiva di profilazione (ad esempio, la creazione di profili comportamentali a partire dall’ analisi delle modalità di utilizzo di un sito web, per finalità di personalizzazione degli annunci pubblicitari);
  2. la sottoposizione dell’interessato ad un processo decisionale automatizzato che comporta l’adozione di decisioni aventi effetti giuridici sugli interessati o, comunque, che incidono significativamente sugli stessi;
  3. il monitoraggio sistematico dell’interessato, inclusa la raccolta di dati tramite la sorveglianza su larga scala di una zona accessibile al pubblico (ai sensi dell’art. 35 par. 3 lett. c));
  4. il trattamento di dati sensibili o dati aventi carattere altamente personale, come dati relativi alla salute, alle opinioni politiche, nonché relativi a condanne penali o reati. Il caso più scolastico è quello dell’ospedale che conserva le cartelle cliniche dei propri pazienti;
  5. il trattamento di dati su larga scala;
  6. la creazione di corrispondenze o combinazione di insiemi di dati;
  7. il trattamento di dati relativi a interessati c.d. “vulnerabili”, come i minori, gli anziani, i disabili, e tutti quei soggetti che si trovano in una posizione di soggezione rispetto al Titolare del trattamento, posizione che potrebbe non consentire un libero e incondizionato esercizio dei propri diritti;
  8. l’uso innovativo o l’applicazione di nuove soluzioni tecnologiche od organizzative, come ad esempio l’utilizzo di tecniche di riconoscimento facciale o delle impronte digitali;
  9. l’impossibilità, per gli interessati, di esercitare un proprio diritto, come il diritto di accesso, o di avvalersi di un servizio o di un contratto.

Sulla base di quanto contenuto nell’art. 35 GDPR e nelle citate linee guida, il Garante per la protezione dei dati personali ha provveduto a stilare altresì una lista dei trattamenti da sottoporre obbligatoriamente a valutazione d’impatto, tra cui risultano, in particolar modo:

  1. trattamenti che hanno ad oggetto i dati relativi alle comunicazioni elettroniche, in quanto connessi ad aspetti privati e personali dell’interessato;
  2. trattamenti effettuati nell’ambito del rapporto di lavoro che fanno uso di sistemi di videosorveglianza e, in particolare, di geolocalizzazione, essendo gli stessi particolarmente invasivi;
  3. trattamenti che fanno uso di tecnologie particolarmente innovative come l’intelligenza artificiale, lo scanning vocale e testuale, i dispositivi indossabili e altri;
  4. trattamenti che richiedono la raccolta e l’elaborazione in modo sistematico e continuativo di dati particolarmente sensibili, come i dati biometrici o i dati genetici.

La DPIA, in sé, deve quindi contenere, quali requisiti minimi, quattro elementi fondamentali:

  1. una descrizione sistematica dei trattamenti previsti e delle finalità del trattamento, compreso, ove applicabile l’interesse legittimo perseguito dal titolare del trattamento;
  2. una valutazione della necessità e proporzionalità dei trattamenti in relazione alle finalità;
  3. una valutazione dei rischi per i diritti e le libertà degli interessati (…);
  4. le misure previste per affrontare i rischi, includendo le garanzie, le misure di sicurezza e i meccanismi per garantire la protezione dei dati personali e dimostrare la conformità al presente regolamento, tenuto conto dei diritti e degli interessi legittimi degli interessati e delle altre persone in questione”.

Tali elementi consentono al titolare del trattamento di strutturare ogni processo di gestione dei dati in conformità alle disposizioni legislative nazionali ed europee e rappresentano una sintesi di quelli che sono i possibili scenari di rischio che potrebbero compromettere l’affidabilità del servizio fornito dallo stesso titolare nei confronti degli interessati.

L’importanza della DPIA nell’emergenza sanitaria in corso

Svolgere una valutazione d’impatto diviene di particolare importanza alla luce delle normative e dei protocolli emanati dal governo per contrastare l’attuale pandemia di Covid-19.

La necessità, per ogni titolare, di limitare il contagio all’interno della propria struttura operativa e, in particolare, negli uffici aperti al pubblico, ha visto nascere numerosissime ed eterogenee soluzioni tecniche.

Si va dalla mera rilevazione della temperatura tramite termoscanner, senza che a tale azione consegua la conservazione del dato personale raccolto, alla richiesta di compilazione di una dichiarazione che tratti esclusivamente dati anagrafici, fino a soluzioni ben più complesse e innovative che innalzano enormemente il rischio del trattamento.

Si pensi, ad esempio, all’installazione di un sistema dotato di videocamera e intelligenza artificiale che, deputato al monitoraggio della temperatura corporea e alla gestione degli accessi nelle strutture del titolare, non solo rilevi la temperatura, ma altresì, connesso ad un database (es. un database contenente tutte le immagini dei dipendenti di una società) riconosca automaticamente la persona fisica che ha di fronte, registrando tutti i dati (anche relativi alla salute) al fine di consentirne o meno l’accesso ove rilevasse l’eventuale superamento della soglia minima di temperatura stabilita.

In casi come questo, si manifesta la necessità, prima di porre in essere il trattamento, di valutare in che modo tale trattamento possa impattare sui singoli soggetti interessati. In particolare, valutandone: la conformità alla normativa; la proporzionalità alle finalità che si intendono perseguire, l’adeguatezza delle misure di sicurezza a garanzia della tutela dei dati raccolti (negli ultimi giorni sovente presi di mira dai cybercriminali), assicurando che il trattamento risulti pienamente compliant alla normativa europea e nazionale.

La conduzione di una DPIA richiede l’ausilio di personale altamente specializzato non solo in materia di protezione dei dati personali ma anche di sicurezza dei sistemi.

Se il titolare ha nominato un DPO, sarà compito di quest’ultimo, ai sensi dell’art. 39 GDPR, fornire un parere sulla DPIA condotta e sorvegliarne lo svolgimento, in modo da garantire che in essa siano presenti tutti gli elementi richiesti.

Nel caso in cui, invece, non si disponga internamente di tali competenze, la corretta implementazione del trattamento potrà essere garantita tramite l’ausilio di figure professionali esterne, che coadiuveranno il Titolare nell’adempimento dei propri obblighi.

P4I - White Paper - privacy by design
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr