NORME PRIVACY

Liceità e titolarità del trattamento in ambito pubblico: linee guida per la raccolta dati con nuove tecnologie

La raccolta dati effettuata mediante l’uso di nuove tecnologie installate, ad esempio, sulle autovetture circolanti sul territorio comunale richiede alcune attente riflessioni sulla liceità e sulla e titolarità del trattamento dei dati in ambito pubblico. Ecco alcune utili linee guida

15 Lug 2019
J
Gianluca Jesu

Privacy Officer di Regione Lombardia e Data Protection Officer di Arexpo

La liceità del trattamento in ambito pubblico trova fondamento in una norma di legge, in una finalità di rilevante interesse pubblico o per l’adempimento di un obbligo contrattuale o precontrattuale ai fini di rendere lecito uno specifico trattamento.

Partendo da questo presupposto, l’esistenza di una norma di legge non è di per sé sufficiente per legittimare quel trattamento in quanto in presenza di dati particolari l’art 2 sexties del D.lgs. 101/2018 prevede la pubblicazione di un atto di natura regolamentare.

Liceità e titolarità del trattamento: uso di nuove tecnologie

L’utilizzo di strumenti telematici nelle automobili circolanti sul territorio comunale al fine di contrastare e ridurre l’inquinamento atmosferico e controllare in tal modo la circolazione degli stessi veicoli evidenzia la necessità di riflessioni approfondite sulla titolarità del trattamento e la raccolta dei dati personali da parte delle società che installano su base volontaria le cosiddette “black box” sugli stessi veicoli circolanti.

WHITEPAPER
DATI: come PROTEGGERLI e mantenerli CONFORMI alle regole? Scarica la Guida
Sicurezza dei dati
Database

Nella fattispecie in oggetto, il soggetto pubblico rende certamente lecito il trattamento con l’approvazione della norma di legge che prevede la finalità del trattamento, ma pone dei dubbi sulla titolarità e raccolta dei dati dei cittadini proprietari dei veicoli che acconsentono all’installazione della cosiddetta scatola nera.

Considerando pertanto evidente la titolarità del trattamento del soggetto pubblico che ha approvato la legge e dettato le regole dell’iniziativa, appare opportuno verificare la titolarità del trattamento rispetto alla raccolta dei dati (nome, cognome, numero targa veicolo e una serie di ulteriori dati anagrafici).

Se da un punto di vista interpretativo le società installatrici accreditate dal soggetto pubblico possono essere considerate titolari un quanto forniscono un’informativa e acquisiscono il consenso da parte dei cittadini, al tempo stesso può essere considerata rilevante in via esclusiva la titolarità del soggetto pubblico anche relativamente alla finalità di raccolta dei dati.

La stessa Autorità Garante sta rivedendo le linee guida del WP29 (il Working Party articolo 29, ora European Data Protection Board) sul ruolo del titolare e del responsabile soprattutto alla luce delle diverse e complesse situazioni che vedono coinvolti diversi attori che a vario titolo trattano dati anche a seguito dell’entrata in vigore della nuova normativa.

Nella fattispecie in oggetto, potrebbe essere ravvisabile la titolarità autonoma delle società installatrici della “black box” per la raccolta dei dati dei proprietari dei veicoli in luogo della designazione a responsabile del trattamento da parte del soggetto pubblico titolare dell’iniziativa, in quanto pare sussistere un margine di titolarità della suddetta società nella raccolta dei dati.

Entrambe le soluzioni potrebbero essere percorribili, soprattutto in ragione del fatto che l’utilizzo di tali strumenti innovativi comporta delle misure tecniche e di sicurezza che solo il soggetto installatore è in grado di presidiare e garantire in modo compiuto.

Le riflessioni su questo tema sono molto dinamiche, fluttuanti e spesso soggette a interpretazioni non semplici ma che, se certificate e rese accountability da parte del titolare, possono essere anche condivise con l’Autorità a fronte di possibili controlli.

Forse il nuovo provvedimento del Garante potrà fornire maggiore chiarezza e spunti applicativi rispetto a questa tematica.

Liceità e titolarità del trattamento: un caso specifico

Ulteriore approfondimento merita il caso di un’app per la raccolta dati realizzata dal titolare del trattamento e utilizzata dalla società informatica designata responsabile dal titolare che ha creato un’apposita piattaforma di gestione dei dati che prevede l’utilizzo e l’accesso da parte degli agenti di polizia locale tenuti, per finalità istituzionale, ai controlli sul territorio per eventuali infrazioni e violazioni del codice della strada.

In questo complesso contesto si innesca un’ulteriore problematica legata alla potestà sanzionatoria da parte del titolare per le reiterate violazioni e passaggi in zone vietate. In questo caso, appare di competenza esclusiva della polizia municipale il potere di applicare le sanzioni.

Il soggetto pubblico visualizza i dati relativi alla targa del veicolo unicamente in formato aggregato relativamente alle zone di passaggio in termini numerici al fine di applicare eventuali sanzioni.

Come si evince da questa iniziativa, i temi della titolarità e responsabilità aprono una serie di aspetti ancor più difficili da dipanare.

Sicuramente un’attenta DPIA correlata ad un’analisi dei rischi non possono essere sufficienti a sciogliere tutti i dubbi, ma sono sicuramente un primo importante elemento di valutazione sul trattamento effettuato dal titolare.

Altro elemento considerevole risulta la gestione tecnica e di manutenzione della piattaforma da parte della società designata dal soggetto pubblico.

Il flusso dei dati da parte delle società installatrici avviene in chiaro relativamente alla targa ma in formato aggregato per la parte relativa alle zone di percorrenza.

Le regole e le misure di accesso e visualizzazione sono dettate da parte del soggetto pubblico che ha stabilito regole e le modalità sia per gli operatori della società sia per gli operatori della polizia comunale.

A ciò si aggiunge la creazione dell’app per monitorare i transiti dei veicoli e la localizzazione degli stessi.

Al momento alcuni passaggi devono ancora essere formalizzati da parte del soggetto pubblico quali:

  1. sottoscrizione di protocolli con le forze dell’ordine per l’accesso alla piattaforma estendendo tale accesso a tutte le forze dell’ordine (carabinieri, polizia, polizia municipale ed altri eventuali soggetti);
  2. regole di accesso e profilazione alla piattaforma con l’individuazione della figura dell’amministratore di sistema, i ruoli e i compiti dei soggetti visualizzatori oltre alle misure tecniche di accesso alla piattaforma.

L’omologazione della “black box” deve necessariamente essere valutata da parte del titolare del trattamento. In tale contesto non appare così chiara e percorribile l’ipotesi di omologazione del dispositivo per la finalità indicata e per la finalità ulteriore di irrogazione delle sanzioni.

Il progetto presenta molte componenti di complessa lettura che vanno bel oltre la valutazione della titolarità del trattamento e comportano valutazioni relative alle competenze dei singoli attori spesso non così evidenti o piuttosto frammentate.

In questa fase di prima applicazione del GDPR di fronte a progetti così complessi e densi di contenuti tecnologici innovativi la possibile consultazione dell’Autorità può essere una soluzione percorribile anche se appare necessario e auspicabile un nuovo provvedimento o linee guida del Garante che focalizzino meglio queste tematiche.

Le soluzioni da sottoporre e condividere anche tramite una consultazione preventiva dell’Autorità possono essere riconducibili a questi passaggi necessari:

  1. testo normativo che indica la finalità del trattamento;
  2. approvazione da parte del titolare soggetto pubblico di un atto amministrativo (delibera) che preveda e indichi le modalità organizzative, tecniche, tempo di conservazione e diritti degli interessati;
  3. predisposizione degli atti di nomina a responsabili delle società installatrici e della società informatica;
  4. verifica delle modalità di gestione della piattaforma e dell’impostazione dell’analisi dei rischi sia per quanto riguarda il trattamento tramite app che tramite modalità elettronica;
  5. verifica della finalità ulteriore al fine dell’irrogazione delle sanzioni anche rispetto alla competenza attribuibile si comandi degli enti locali.

Alla luce di queste riflessioni e valutazioni che dovranno per motivi di opportunità essere condivise con l’Autorità Garante, si innescano valutazioni di altro genere aventi impatto comunicativo e mediatico nei confronti dei cittadini.

In questo contesto una corretta e trasparente comunicazione potrà essere il punto focale del progetto presentando in modo chiaro e trasparente le regole dell’iniziativa sia tramite modelli condivisi anche di informative ma anche di strumenti tecnologici (app) con contenuti e modalità di utilizzo semplici.

Conclusioni

L’utilizzo di tecnologie innovative quali la black box o di app non devono risultare un blocco alla realizzazione di progetti così importanti e innovativi ma devono necessariamente contemperare le esigenze di tutela della protezione dei dati che però in alcuni casi sono correlate ad aspetti di responsabilità e competenze non definite in modo così chiaro dalle normative di riferimento.

L’ auspicio di un nuovo orientamento o provvedimento del Garante sulla titolarità e responsabilità potrebbe risultare utile per comprendere in modo più chiaro i ruoli degli attori spesso non del tutto definiti.

La testimonianza di queste iniziative credo sia importante e la densità dei contenuti tecnologici ormai sempre più presenti in progetti e iniziative pubbliche e private devono conseguentemente determinare delle posizioni e orientamenti più precisi a livello nazionale ed europeo.

Ritengo da ultimo essenziali la condivisione e la massima trasparenza a questo progetto per costruire un necessario processo di adeguamento della nuova normativa alle pressanti e continue esigenze tecnologiche.

WHITEPAPER
GUIDA PRATICA contro il Phishing: scopri come tutelare la tua azienda!
CIO
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr