PRIVACY

Governance Risk e Compliance, mitigare il rischio sanzionatorio: conservazione AgID e GDPR

Nelle imprese italiane manca ancora la consapevolezza rispetto la conformità normativa sul trattamento e la tenuta delle informazioni raccolte, prodotte, gestite o variamente archiviate e alle opportunità offerte da un approccio corretto alla conservazione

Pubblicato il 15 Dic 2022

A
Domenico Aliperto

Giornalista

Nelle aziende c’è ancora molta incertezza in merito alle metodologie e agli strumenti da adottare per mitigare i rischi sanzionatori legati al non corretto trattamento dei documenti.

Tra linee guida AgID (che a dispetto del nome sono veri e propri obblighi di legge, anche per le imprese private) e prescrizioni del General Data Protection Regulation (GDPR), raggiungere la compliance oggi è molto complesso, specie quando non si conosce l’esatto confine tra la semplice archiviazione e la conservazione vera e propria.

I perimetri di rischio che ruotano attorno al documento informatico

“Sono nella fattispecie due i perimetri di rischio in cui incorrono le imprese che non conoscono o che sottovalutano i requisiti necessari a garantire la piena applicazione del framework normativo”, spiega Luca Lonardi, G.R.C. Practice Directordi Maxwell Consulting, società di Archiva Group, specializzata nella progettazione e nell’implementazione di soluzioni di document management.

“Il primo è in ambito fiscale/tributaristico, ed è collegato a molte delle attività gestite dagli uffici amministrativi. Nonostante si tratti di un’area funzionale cara al CFO, e di solito affidata a persone ben consapevoli dell’importanza della conservazione (basti pensare al tema dell’opponibilità ai rilievi delle Autorità durante eventuali controlli) è tipicamente la prima a inciampare sulla compliance. I rischi maggiori, però, si riscontrano nei settori meno burocratizzati, specie se l’azienda non ha perfezionato i criteri per soddisfare i requisiti normativi che vigono per tutti i documenti informatici, e non solo per quelli che hanno carattere fiscale”.

Ma quali sono esattamente i documenti informatici che necessitano di una conservazione a norma? Per Luciano Quartarone, CISO & Data Protection Director di Archiva, va messo nel novero qualsiasi documento prodotto attraverso strumenti elettronici che costituisca la rappresentazione di atti e fatti giuridicamente rilevanti. “Se è facile comprendere che una fattura o un contratto allegati a una PEC rientrano in questa categoria, la conservazione di altre tipologie di documenti, magari ricevuti o inviati con posta ordinaria, è spesso disattesa. Basti pensare all’ufficio HR, dove si lavora ogni giorno con documenti informatici soggetti alle prescrizioni di legge che però vengono semplicemente archiviati”.

Lo scenario italiano, tra false convinzioni e inerzia culturale

Da qui si genera tutta una serie di rischi: al di là delle sanzioni che un’impresa può ricevere dalle Autorità competenti, la mancata conservazione dei documenti a norma di legge diminuisce l’efficacia probatoria di un documento in caso di controversie. E purtroppo, secondo Lonardi e Quartarone, la situazione delle PMI italiane, da questo punto di vista, non è molto incoraggiante.

“Di tutte le aziende clienti con cui negli ultimi anni ho avviato sessioni di risk assessment, posso dire che circa la metà non conservava nemmeno le PEC”, racconta Lonardi, che aggiunge: “E a proposito di posta certificata, non sono pochi quelli che credono che affidandosi a un provider di servizi PEC si possa demandare al gestore, nel servizio standard, la responsabilità di mantenere nel tempo le copie dei documenti e i log che testimoniano l’accettazione e la consegna dei messaggi. Si tratta di una convinzione sbagliata, in quanto dopo 30 mesi di solito questo tipo di garanzia scade, e il provider ha piena facoltà di liberare spazio di archiviazione eliminando i log”.

Nel descrivere il contesto italiano, Luciano Quartarone parla invece di una certa inerzia culturale e di un approccio alla conservazione documentale guidato essenzialmente dalla necessità di ottemperare agli obblighi di legge.

“Anche questo atteggiamento, per quanto possa sembrare corretto, aumenta l’esposizione al rischio, in quanto non prende in dovuta considerazione l’importanza della formazione del personale e dell’opportunità di prevedere specifici ruoli aziendali per migliorare i processi. Per esempio, il fatto che – a differenza di quanto accade nella pubblica amministrazione – la figura del responsabile della gestione documentale non sia obbligatoria nelle aziende private, non implica automaticamente che non debba essere prevista nell’organigramma. Si tratta di una professionalità che garantisce il corretto disegno dei flussi di dati e che lavorando affianco all’IT manager e al Data Protection Officer e in coordinamento con il Responsabile della Conservazione, può contribuire in modo significativo all’identificazione dei criteri con cui vanno formati e gestiti i documenti ai fini della conservazione, a partire dalla corretta scelta dei metadati di conservazione da associare a ciascuna tipologia documentale”.

I vantaggi offerti da un approccio corretto alla conservazione

La conservazione ha in effetti come scopo primario quello di tenere memoria dell’attività istituzionale di un’organizzazione. Ottimizzare le operazioni in questo senso non vuol dire solo semplificare il reperimento di evidenze e documenti del passato, ma anche armonizzare gli obblighi di conformità con le esigenze reali dell’impresa. “Il GDPR per esempio impone un vincolo di specificazione relativo all’inizio e alla fine delle attività di trattamento dei dati personali dei cittadini europei”, ricorda Lonardi.

“Il tempo di conservazione deve essere dunque commisurato alle finalità del trattamento, ed è evidente che il curriculum vitae di un candidato ha da questo punto di vista caratteristiche e requisiti del tutto differenti da una fattura o da un contratto. Un approccio strutturato al document management, o per meglio dire al Record Management, può aiutare a trovare il giusto bilanciamento tra esigenze di conservazione e obblighi imposti dal GDPR”.

Allo stesso modo, prevedere specifici set di metadati da applicare a ciascuno dei documenti generati o ricevuti permette di raggiungere diversi importati obiettivi operativi e normativi: la corretta classificazione e reperibilità dei documenti, l’ottimizzazione dei processi di selezione e scarto, l’interoperabilità con altri sistemi di gestione documentale o sistemi di conservazione. “Se nella PA ogni documento è nativamente associato a un preciso protocollo, lo stesso non si può dire per l’impresa privata, i cui pacchetti informativi rischiano di non essere recepiti da soggetti terzi per problemi di compatibilità”, sostiene Quartarone.

Così Archiva aiuta a ottimizzare la gestione documentale

Passare dalla teoria alla pratica vuol dire prima di ogni altra cosa accettare il fatto che in qualsiasi processo di trasformazione, da sempre, l’anello debole della catena è la persona. Anche nel momento in cui si decide di potenziare la governance della conservazione, è necessario intervenire prima sulla popolazione aziendale per accrescere competenze e conoscenze.

“Inutile dotarsi dell’ultima versione della soluzione più gettonata del mercato, se poi non si è in grado di calarla in un contesto culturalmente maturo e in una serie di processi strutturati”, avverte Quartarone. “La formazione è un elemento indispensabile per dominare questa materia specifica, ed è il motivo per cui Archiva, facendo leva sulle diverse anime che costituiscono il gruppo, ha dato vita a un’offerta integrata”, prosegue Lonardi.

“Le piattaforme sviluppate dalla casa madre e i servizi di consulenza erogati da Maxwell, si affiancano a un competence lab per la formazione delle risorse umane. Naturalmente, prima di avviare qualsiasi piano di trasformazione, occorre effettuare un assessment finalizzato alla comprensione delle reali esigenze e criticità dell’organizzazione. Di questo si occupa il team Archiva di Maxwell Consulting, che propone anche sessioni rapide per individuare i primi punti di intervento e indicare le strategie di massima prima di approfondire le dinamiche dei singoli processi”.

Emerge così un quadro sufficientemente chiaro dello status quo, che restituisce le azioni da mettere in campo, coinvolgendo se necessario la divisione Requiro, specializzata per l’appunto nella conservazione c.d. “a norma”. “Nel momento in cui l’ambizione è quella di passare a una gestione intelligente dei flussi, chiamiamo in causa Honu, il cui team ha tutti gli strumenti per interpretare le esigenze dell’organizzazione e integrare le tecnologie del caso per digitalizzare i processi. Un approccio del genere”, chiosa Lonardi. “funziona particolarmente bene quando in azienda c’è un agente del cambiamento che ha una visione precisa, e che considera la conservazione documentale non tanto un mero costo di conformità, quanto un’opportunità di efficientamento con rapidi ritorni sugli investimenti”.

Contributo editoriale sviluppato in collaborazione con Archiva

 

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5