PROTEZIONE DATI

Data Privacy Framework: nuove garanzie per i trasferimenti UE-USA, ma anche tanti dubbi. Cosa cambia

La nuova decisione di adeguatezza adottata dalla Commissione UE determina la base giuridica per il trasferimento dei dati personali alle aziende americane che rientrano nel Data Privacy Framework. Ma non mancano i dubbi su un accordo che potrebbe essere invalidato dalla Corte di Giustizia UE, come già il predecessore Privacy Shield. Facciamo chiarezza

Pubblicato il 11 Lug 2023

Marina Rita Carbone

Consulente privacy

Gli Stati Uniti d’America garantiscono un livello di protezione adeguato al trasferimento dei dati personali dei cittadini europei alle aziende d’Oltreoceano, paragonabile a quello dell’Unione Europea: è questa la conclusione della decisione di adeguatezza adottata il 10 luglio dalla Commissione europea sul Data Privacy Framework americano per il trasferimento dati UE-USA che è entrato in vigore lo stesso giorno.

Il nuovo quadro normativo americano sulla privacy è il successore del c.d. Privacy Shield, come noto venuto meno a seguito dell’emanazione della sentenza “Schrems II” da parte della Corte di Giustizia UE.

La causa di invalidità del Privacy Shield veniva ricondotta all’assenza di sufficienti garanzie legali: NOYB, pertanto, associazione capitanata da Max Schrems, ha sollevato non pochi dubbi in merito alla validità anche del nuovo Data Privacy Framework, alla luce di alcune problematiche irrisolte.

Perché il nuovo data framework UE-USA avrà vita breve

Come si è arrivati alla nuova decisione di adeguatezza

A seguito della sentenza, venivano avviate una serie di interlocuzioni fra la Commissione Europea e il governo USA, che portavano, ancora nel marzo 2022, la presidente Von Der Leyen e il presidente Biden ad annunciare l’avvenuto raggiungimento di aver raggiunto un accordo di principio su un nuovo quadro transatlantico sui flussi di dati, a seguito dei negoziati tra il commissario Reynders e il segretario degli Stati Uniti Raimondo.

WHITEPAPER
Container di software: come garantire la cyber-security in 10 step
Security Risk Management
Data protection

Nell’ottobre 2022, il presidente Biden firmava, al fine di trovare una soluzione comune al flusso di dati transfrontaliero, anche un ordine esecutivo sul “Miglioramento delle garanzie per le attività di intelligence dei segnali degli Stati Uniti”, che è stato integrato da regolamenti emessi dal procuratore generale degli Stati Uniti Garland.

Occorre rilevare, tuttavia, che l’attuale Data Privacy Framework rappresenta, oltre ad un prezioso strumento di garanzia legale, anche un importante elemento politico, che tenta di venire incontro alle esigenze sin d’ora manifestate dagli operanti del settore (oltre che dalle Big Tech, le quali, a seguito del venir meno del Privacy Shield, sono andate incontro a pesanti sanzioni: Meta e Google senza dubbio le più colpite) e dalle aziende europee, molte delle quali, soprattutto se di ridotte dimensioni, confidano ancora negli strumenti e nei servizi resi dalle grandi aziende americane.

Non solo: la decisione di adeguatezza consentirà anche alle aziende e agli Enti di poter beneficiare di una “tregua” dalla ricezione di numerose richieste automatizzate di cancellazione di qualsiasi servizio che possa comportare un trasferimento di dati verso gli USA, come illustrato dall’Avv. Andrea Lisi.

Sul tema, Ursula Von Der Leyen, presidente della Commissario Europea, ha dichiarato: “Il nuovo quadro UE-USA sulla riservatezza dei dati garantirà flussi di dati sicuri per gli europei e porterà certezza giuridica alle imprese su entrambe le sponde dell’Atlantico. A seguito dell’accordo di principio che ho raggiunto con il presidente Biden l’anno scorso, gli Stati Uniti hanno attuato impegni senza precedenti per stabilire il nuovo quadro. Oggi compiamo un passo importante per dare fiducia ai cittadini che i loro dati sono al sicuro, per approfondire i nostri legami economici tra l’UE e gli Stati Uniti e allo stesso tempo per riaffermare i nostri valori condivisi. Dimostra che lavorando insieme, possiamo affrontare le questioni più complesse”.

NOYB, viceversa, si è dichiarata pronta ad avanzare un nuovo ricorso, affermando, con comunicato ufficiale, che “nonostante gli sforzi di pubbliche relazioni della Commissione Europea, la legge statunitense o l’approccio adottato dall’UE non cambiano di molto” e che la tematica del FISA 702 rimane ancora irrisolta, sostanzialmente inficiando anche la validità del nuovo accordo raggiunto con gli Stati Uniti.

Il nuovo Data Privacy Framework

Come riportato nel comunicato ufficiale reso dalla Commissione Europea, il Data Privacy Framework si pone quale scopo principale quello di accertare che siano previste, anche per i trasferimenti presso gli USA, adeguate garanzie di tutela dei dati personali, coerenti con i diritti e gli obblighi previsti dal GDPR.

Trattasi di decisione di adeguatezza, ossia di un atto con il quale la Commissione Europea afferma di aver valutato attentamente i requisiti derivanti dal quadro UE-USA sulla privacy dei dati, nonché le limitazioni e le garanzie che si applicano quando i dati personali trasferiti negli Stati Uniti sono accessibili alle autorità pubbliche statunitensi, in particolare a fini di contrasto penale e di sicurezza nazionale, e di aver ritenuto che gli Stati Uniti forniscano un livello adeguato di protezione dei dati personali trasferiti dall’UE.

Sulla scorta della decisione di adeguatezza, le società possono dunque effettuare un trasferimento extra-UE, ai sensi di quanto previsto dall’art. 45 GDPR, impegnandosi allo stesso tempo a garantire il rispetto dei principi essenziali, come la limitazione delle finalità, la minimizzazione e la conservazione dei dati, nonché obblighi specifici in materia di sicurezza dei dati e condivisione dei dati con terzi.

Le garanzie e le prescrizioni contenute nel Data Privacy Framework saranno anche applicabili a quei trasferimenti che sono effettuati sulla base di strumenti diversi dalla decisione di adeguatezza (come nella prassi avvenuto a seguito del venir meno del Privacy Shield), come le clausole contrattuali standard e le norme vincolanti d’impresa.

Il nuovo Framework, a tal fine, nel tentativo di risolvere le problematiche sollevate dalla sentenza Schrems II, introduce un nuovo piano di garanzie vincolanti, tra cui, “la limitazione dell’accesso ai dati dell’UE da parte dei servizi di intelligence statunitensi a quanto necessario e proporzionato e l’istituzione di un tribunale di riesame della protezione dei dati (DPRC), a cui i cittadini dell’UE avranno accesso”. Era, questa, infatti, una problematica di primaria importanza nella sentenza della CGUE, che i legislatori europei, in accordo con il governo USA, hanno cercato di dirimere.

Il nuovo Framework introduce anche dei miglioramenti rispetto al meccanismo di esercizio dei diritti esercitabile dall’interessato: ad esempio, si legge nel comunicato, “se il DPRC rileva che i dati sono stati raccolti in violazione delle nuove garanzie, sarà in grado di ordinare la cancellazione dei dati. Le nuove garanzie nel settore dell’accesso governativo ai dati integreranno gli obblighi che le imprese statunitensi che importano dati dall’UE dovranno sottoscrivere”.

I cittadini potranno beneficiare, inoltre, di una serie di meccanismi di risoluzione delle controversie gratuiti di risoluzione delle controversie, e di un collegio arbitrale, nel caso in cui ritengano che i loro dati siano stati gestiti dalle società statunitensi in modo errato.

Non solo: alla luce di quanto comunicato dalla Commissione Europea, i cittadini europei avranno anche “accesso a un meccanismo di ricorso indipendente e imparziale per quanto riguarda la raccolta e l’uso dei loro dati da parte delle agenzie di intelligence statunitensi, che comprende un tribunale di revisione della protezione dei dati (DPRC) di recente istituzione. La Corte indagherà e risolverà in modo indipendente i reclami, anche adottando misure correttive vincolanti”.

Alla luce del nuovo Data Privacy Framework, sarà dunque consentito alle aziende di aderirvi, impegnandosi a rispettare alcuni precisi obblighi posti a tutela dei diritti degli interessati, quali:

  1. l’obbligo di cancellazione dei dati personali una volta che questi non sono più necessari allo scopo per il quale sono stati raccolti;
  2. l’obbligo di garantire la continuità della protezione quando i dati personali sono condivisi con terzi.

La domanda di certificazione potrà essere avanzata dalle aziende statunitensi al Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, che si occuperà di elaborare le domande di certificazione e monitorerà, al tempo stesso, se le aziende aderenti al Framework continuano a soddisfare i requisiti di certificazione.

Il rispetto da parte delle società statunitensi dei loro obblighi ai sensi del quadro sulla privacy dei dati UE-USA sarà applicato dalla Federal Trade Commission degli Stati Uniti.

Le limitazioni poste all’accesso

Come noto, la sentenza Schrems II poneva in risalto come i diritti degli interessati fossero lesi dall’accesso indiscriminato, da parte delle agenzie di intelligence, ai dati raccolti dalle aziende.

Al fine di porre rimedio a detta criticità, elemento essenziale del Data Privacy Framework è l’ordine esecutivo sul “Rafforzamento delle garanzie per le attività di intelligence dei segnali degli Stati Uniti”, firmato dal presidente Biden il 7 ottobre 2022 a seguito di numerose interlocuzioni con l’Europa e accompagnato da regolamenti adottati dal procuratore generale. Tali strumenti, afferma la Commissione Europea, sono stati adottati per affrontare le questioni sollevate dalla Corte di giustizia nella sentenza Schrems II.

Per gli europei i cui dati personali sono trasferiti negli Stati Uniti, l’ordine esecutivo prevede:

  1. garanzie vincolanti che limitino l’accesso ai dati da parte delle autorità di intelligence statunitensi a quanto necessario e proporzionato per proteggere la sicurezza nazionale;
  2. Sorveglianza rafforzata delle attività dei servizi di intelligence statunitensi per garantire il rispetto delle limitazioni alle attività di sorveglianza;
  3. l’istituzione di un meccanismo di ricorso indipendente e imparziale, che include un nuovo tribunale di revisione della protezione dei dati per indagare e risolvere i reclami relativi all’accesso ai loro dati da parte delle autorità di sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Detti strumenti di garanzia saranno dunque essenziali per prevenire nuovi fenomeni di accesso ai dati.

Il nuovo meccanismo di difesa del Data Privacy framework

Si è anticipato come il nuovo Data Privacy Framework istituisca nuovi meccanismi di difesa a tutela dei soggetti i cui dati sono trasferiti. La tutela dei medesimi, viceversa, rischiava di risultare meramente simbolica.

Detto meccanismo di difesa si articola in più fasi, compiutamente riassunte dalla Commissione Europea.

Affinché una denuncia sia ricevibile, si precisa innanzitutto che le persone non devono dimostrare che i loro dati sono stati effettivamente raccolti dalle agenzie di intelligence statunitensi. Gli individui possono presentare un reclamo alla loro autorità nazionale per la protezione dei dati, che garantirà che lo stesso sia trasmesso correttamente e che qualsiasi ulteriore informazione relativa alla procedura, anche sull’esito, sia fornita all’individuo. “Ciò garantisce che le persone possano rivolgersi a un’autorità vicina a casa, nella propria lingua. I reclami saranno trasmessi negli Stati Uniti dal comitato europeo per la protezione dei dati”.

Le denunce saranno esaminate, poi, dal cosiddetto “Civil Liberties Protection Officer” della comunità di intelligence statunitense, soggetto cui si affida la responsabilità di garantire il rispetto della privacy e dei diritti fondamentali da parte delle agenzie di intelligence statunitensi.

Gli interessati hanno anche la possibilità di impugnare la decisione del responsabile della protezione delle libertà civili dinanzi al nuovo tribunale di revisione della protezione dei dati (DPRC), composto da membri esterni al governo degli Stati Uniti, nominati sulla base di qualifiche specifiche e con il divieto di ricevere istruzioni dal governo. “La DPRC ha il potere di indagare sulle denunce presentate da cittadini dell’UE, anche per ottenere informazioni pertinenti dalle agenzie di intelligence, e può adottare decisioni correttive vincolanti. Ad esempio, se il DPRC dovesse scoprire che i dati sono stati raccolti in violazione delle garanzie previste nell’ordine esecutivo, può ordinare la cancellazione dei dati”.

In ogni caso, la DPRC selezionerà un avvocato speciale con esperienza che garantirà che gli interessi del denunciante siano rappresentati e che la Corte sia ben informata degli aspetti fattuali e giuridici del caso. “Ciò garantirà che entrambe le parti siano rappresentate e introdurrà importanti garanzie in termini di processo equo e giusto processo”.

“Una volta che il responsabile della protezione delle libertà civili o il DPRC completeranno l’indagine”, conclude la Commissione”, il denunciante sarà informato che non è stata identificata alcuna violazione della legge statunitense o che è stata riscontrata e posta rimedio. In una fase successiva, il denunciante sarà inoltre informato quando qualsiasi informazione sulla procedura dinanzi al DPRC, come la decisione motivata della Corte, non è più soggetta a requisiti di riservatezza e può essere ottenuta.

Le osservazioni di NOYB

Come anticipato, non sono mancate gravi accuse e contestazioni da parte di Max Schrems e della sua associazione, i quali hanno affermato che la decisione di adeguatezza non sarebbe risolutiva, ma al più sarebbe espressione di un’intenzione politica atta a venire incontro alle esigenze delle grandi società statunitensi.

Secondo le ricostruzioni condotte da NOYB, infatti, gli Stati Uniti si sarebbero rifiutati di “riformare il FISA 702 per garantire a persone non statunitensi una ragionevole protezione della privacy. Su entrambe le sponde dell’Atlantico si concorda sul fatto che il FISA 702 e l’EO 12.333 violano i diritti fondamentali ai sensi del 4° Emendamento negli Stati Uniti e degli articoli 7, 8 e 47 CFR nell’Unione Europea – ma gli Stati Uniti continuano a insistere sul fatto che le persone non statunitensi non hanno diritti costituzionali negli Stati Uniti – quindi una violazione del loro diritto alla privacy non è coperta dal 4° Emendamento”.

Non solo: l’adozione in questo momento storico del nuovo Framework potrebbe essere lesiva per gli interessi dei concorrenti: “il FISA 702 dovrà essere prorogato entro la fine del 2023, dato che la legge statunitense prevede una “clausola di decadenza”. Questa sarebbe stata l’occasione perfetta per migliorare la legge statunitense, ma dato il nuovo accordo con l’UE, gli Stati Uniti avranno pochi motivi per riformare la FISA 702”.

A tal riguardo, Max Schrems ha affermato che: “Proprio come il ‘Privacy Shield’, l’ultimo accordo non si basa su cambiamenti materiali, ma su interessi politici. […] l momento ci aspettiamo che la questione torni alla Corte di giustizia entro l’inizio del prossimo anno. La Corte di giustizia potrebbe anche sospendere il nuovo accordo mentre ne esamina la sostanza. Ai fini della certezza del diritto e dello Stato di diritto, potremo così sapere se i piccoli miglioramenti apportati dalla Commissione erano sufficienti o meno. Negli ultimi 23 anni tutti gli accordi tra Unione Europea e Stati Uniti sono stati dichiarati non validi retroattivamente, rendendo illegali tutti i trasferimenti di dati effettuati in passato dalle imprese – ora sembra che si aggiungano altri due anni di questo ping-pong”.

WHITEPAPER
Cybersecurity : la guida per gestire il rischio in banca
Privacy/Compliance
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2