PRIVACY

Controllo a distanza dei lavoratori: rischi sanzionatori di una violazione dello Statuto dei Lavoratori

In caso di mancato rispetto della previsione dell’articolo 4 co. 1 dello Statuto dei lavoratori si profilano due responsabilità di diversa natura: penale del datore di lavoro, inteso quale rappresentante legale della Società, e amministrativa dell’ente derivante dalla violazione della normativa privacy. Facciamo chiarezza

Pubblicato il 23 Giu 2023

B
Giacomo Braschi

Avvocato, DCP Development Compliance Partners

Esistono importanti rischi sanzionatori collegati alla violazione dell’art. 4 co. 1 dello Statuto dei Lavoratori relativo al controllo a distanza dei lavoratori.

In caso di mancato rispetto della previsione normativa, infatti, possono profilarsi due responsabilità di diversa natura. La prima riguarda la responsabilità penale del datore di lavoro, inteso quale rappresentante legale della Società.

La seconda riguarda la responsabilità amministrativa dell’ente derivante dalla violazione della normativa sulla protezione dei dati personali (Codice Privacy e GDPR).

Analizziamo le norme per fare un po’ di chiarezza.

Videosorveglianza: come predisporre cartelli e segnali “di avvertimento” regolari

Controllo a distanza dei lavoratori: cosa dicono le norme

L’articolo 4 comma 1 della Legge n. 300/1970 (cd. Statuto dei lavoratori), relativo all’utilizzo degli impianti audiovisivi (es. sistemi di videosorveglianza) e gli altri strumenti (es. sistemi di geolocalizzazione) dai quali può derivare anche solo la possibilità di un controllo a distanza dell’attività dei lavoratori, prevede che l’utilizzo degli strumenti di controllo possa avvenire esclusivamente per esigenze organizzative produttive, per la sicurezza del lavoro e per la tutela del patrimonio aziendale previo accordo con le rappresentanze sindacali o, in mancanza di esse, previa autorizzazione dell’Ispettorato nazionale del lavoro.

WHITEPAPER
Trasforma i documenti digitali in alleati del business: ottieni più efficienza, sicurezza e conformi
Cybersecurity
Data protection

Responsabilità penale del datore di lavoro

Ai sensi dell’art. 171 del d.lgs. 196/2003 (come modificato dal d.lgs. n. 101 del 2018, cd. Codice privacy) la violazione delle disposizioni in materia di controlli a distanza (art. 4 co.1 dello Statuto dei lavoratori) è punita con la sanzione prevista dall’art. 38 dello Statuto dei lavoratori: “… sono punite, salvo che il fatto non costituisca più grave reato, con l’ammenda da euro 154 (lire 300.000) (92) a euro 1.549 (lire 3.000.000) (92) o con l’arresto da 15 giorni ad un anno. Nei casi più gravi le pene dell’arresto e dell’ammenda sono applicate congiuntamente. Quando, per le condizioni economiche del reo, l’ammenda stabilita nel primo comma può presumersi inefficace anche se applicata nel massimo, il giudice ha facoltà di aumentarla fino al quintuplo. Nei casi previsti dal secondo comma, l’autorità giudiziaria ordina la pubblicazione della sentenza penale di condanna nei modi stabiliti dall’articolo 36 del Codice penale”.

Responsabilità amministrativa dell’ente per violazioni privacy

Per quanto riguarda la responsabilità dell’ente deriva dalla violazione dell’art. 114 del Codice Privacy che a sua volta richiama l’art. 4 dello Statuto dei lavoratori. La cornice edittale in tale caso è stabilita dall’83 del Reg. UE 679/2016 (cd. GDPR) che a seconda della gravità della violazione prevede come tetto massimo della sanzione il 2% del fatturato annuo dell’esercizio precedente o il 4 % del fatturato annuo dell’esercizio precedente.

I provvedimenti del Garante privacy

Il Garante per la protezione dei dati personali è intervenuto di recente con due provvedimenti in cui ha contestato, a una nota azienda di abbigliamento[1] e a una piccola impresa di vendita al dettaglio di ortofrutta[2], la violazione della normativa in materia di protezione dei dati personali e dell’art. 114 del Codice Privacy.

Le sanzioni irrogate dal Garante in tali circostanze sono state rispettivamente di 50mila euro e di 3mila euro. L’importo delle sanzioni è stato determinato in considerazione del fatto che non vi era solo la violazione dell’art. 114 del Codice Privacy e avendo come parametro di riferimento il fatturato annuo dell’esercizio precedente.

Il Garante in questi due provvedimenti ha rivendicato il proprio potere di far rispettare la normativa giuslavoristica sul controllo a distanza dei lavoratori sulla base dell’art. 114 del Codice Privacy.

Nel primo provvedimento del 2 marzo il Garante ha accertato:

  1. l’utilizzo di impianti di videosorveglianza presso un elevato numero di punti vendita;
  2. la possibilità che tramite questi impianti vengano ripresi i lavoratori durante lo svolgimento delle loro mansioni.

Tuttavia, non è stato sottoscritto apposito accordo con le rappresentanze sindacali ne è stata ottenuta autorizzazione dall’Ispettorato del lavoro ai sensi dell’art. 4 dello Statuto dei lavoratori.

In alcuni casi sebbene l’autorizzazione fosse presente la società non si è attenuta a quanto riportato all’interno dell’autorizzazione dell’Ispettorato del lavoro.

Gli accordi e le autorizzazioni sono intervenute solo in un periodo di tempo successivo all’installazione e all’utilizzo degli impianti, ciò, a detta del Garante, inevitabilmente ha comportato un trattamento illecito dei dati.

Come ribadito all’interno del provvedimento, qualsivoglia trattamento di dati personali deve svolgersi nel rispetto di tutti i principi indicati dall’art. 5 del GDPR (liceità correttezza e trasparenza; limitazione della finalità; minimizzazione dei dati; esattezza; limitazione della conservazione; integrità e riservatezza; responsabilizzazione).

Con particolare riferimento alla lett. a) dell’art. 5 del GDPR il trattamento dei dati personali deve avvenire nel rispetto del requisito della liceità.

Tale requisito è richiamato a sua volta dall’art. 6 che individua i presupposti affinché un trattamento sia lecito, tuttavia l’art. 88 del GDPR fa salva la possibilità di avere dei limiti maggiormente stringenti da parte della normativa nazionale in taluni ambiti, quali quello lavorativo.

In conformità con i margini di discrezionalità introdotti dall’art. 88 del GDPR, il legislatore nazionale è intervenuto prevedendo l’art. 114 del Codice Privacy che, nel disciplinare le condizioni che rendono lecito un trattamento nel contesto lavorativo, richiama espressamente l’osservanza dell’art. 4 dello Statuto dei lavoratori quale condizione di liceità del trattamento dei dati personali.

La possibilità di contestare il mancato rispetto dell’art. 4 co. 1 dello Statuto dei lavoratori deriva quindi dal combinato disposto degli artt. 5 lett. a) del GDPR, 88 del GDPR e 114 del Codice Privacy.

Il Garante per la protezione dei dati personali ha ritenuto poi di dover applicare la cornice edittale più severa per via della natura, della gravità e della durata della violazione stessa.

Nel secondo provvedimento sopra citato, il Garante per la protezione dei dati personali contesta ad un’impresa individuale operante nel settore del commercio al dettaglio di frutta e verdura le seguenti violazioni: la mancata adozione degli appositi cartelli per segnalare la presenza delle videocamere in violazione dell’art. 13 del GDPR e la mancata autorizzazione da parte dell’Ispettorato del Lavoro territorialmente competente ai sensi dell’art. 114 del Codice Privacy.

Per quanto riguarda la contestazione relativa alla violazione dell’art. 114 del Codice Privacy il Garante nel provvedimento del 9 marzo ha riproposto gli stessi argomenti addotti nel provvedimento del 2 marzo contro la nota catena di abbigliamento.

Responsabilità penale: indicazioni dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro

Con la nota n. 2572 del 14 aprile 2023 avente ad oggetto le indicazioni operative in ordine al rilascio di provvedimenti autorizzativi ai sensi dell’art. 4 co. 1 dello Statuto dei lavoratori, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro ha avuto modo di ribadire alcuni aspetti relativi all’applicazione dell’art. 4 co. 1, anche con riferimento alla responsabilità penale derivante dalla violazione dell’art. 4 co. 1 dello Statuto dei Lavoratori.

In primo luogo, l’Ispettorato ha avuto modo di ribadire, come si ricava dalla norma, che, qualora vi sia la possibilità di un controllo a distanza dei lavoratori è necessario procedere in via principale con l’accordo collettivo con le rappresentanze sindacali presenti in azienda.

Qualora non vi siano le rappresentanze sindacali o l’accordo con tali rappresentanze sindacali non venga raggiunto è possibile procedere a richiedere il provvedimento autorizzativo all’Ispettorato territorialmente competente.

In nessun caso la responsabilità penale del datore del lavoro può essere evitata richiedendo il consenso ai lavoratori. La previsione di una sanzione penale è volta alla tutela di interessi collettivi che possono essere fatti valere e possono essere tutelati dalle rappresentanze sindacali e non dal singolo lavoratore[3].

In secondo luogo, l’Ispettorato ha ribadito che l’art. 4 co. 1 dello Statuto dei Lavoratori trova applicazione ogni qualvolta sia utilizzato un impianto in presenza di lavoratori anche etero organizzati e anche nel caso vi siano disposizioni normative che favoriscano o impongano l’utilizzo di sistemi di videosorveglianza (come ad esempio l’art. 88 del T.U.L.P.S. che nel disciplinare il rilascio delle licenze per l’esercizio delle scommesse è l’utilizzo di sistemi di videosorveglianza a circuito chiuso).

L’art. 4 co. 1 dello Statuto dei Lavoratori e le relative conseguenze sanzionatorie in caso di violazione, non trovano applicazione nell’ipotesi in cui si tratti di volontari.

Sul punto, l’Ispettorato sottolinea che in ogni caso il trattamento dei dati personali dei volontari deve avvenire conformemente al GDPR e al Codice Privacy.

Inoltre, nel caso in cui in un ente siano presenti sia volontari che lavoratori subordinati, il datore di lavoro è tenuto al rispetto dell’art. 4 co. 1 dello Statuto dei Lavoratori.

 

NOTE

  1. Garante per la protezione dei dati personali, Provvedimento del 2 marzo 2023, doc. web n. 9880398.

  2. Garante per la protezione dei dati personali, Provvedimento del 9 marzo 2023, doc. web n. 9872646

  3. Sul punto si vedano anche Cass. Pen, Sez. III, 08/05/2017 n. 22148; Cass. Pen., Sez. III, 17/12/2019 n. 50919; Cass. Pen., Sez. III, 17/01/2020, n. 1733

WHITE PAPER
REM al posto della PEC: quali le normative e le regole tecniche da tenere in considerazione?
Gestione documentale
Data protection
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr