GDPR E LAVORO

Dati sulla geolocalizzazione: ecco le regole per gestire correttamente l’istanza di accesso del dipendente

Il Garante privacy ha comminato una sanzione di 20mila euro a una società incaricata della lettura dei contatori delle utenze di gas, luce e acqua: l’Autorità ha contestato all’azienda di non aver dato idoneo riscontro alle istanze di accesso ai dati dei dipendenti. Ecco cosa impariamo dall’analisi del provvedimento

Pubblicato il 13 Ott 2023

Riccardo Berti

Avvocato e DPO in Verona

Franco Zumerle

Avvocato, Coordinatore Commissione Informatica Ordine Avvocati Verona

Dati sulla geolocalizzazione

Con recente provvedimento del 14 settembre 2023, il Garante Privacy ha comminato una sanzione da 20 mila euro nei confronti di una società, incaricata della lettura dei contatori di acqua, luce e gas, per non aver riscontrato correttamente alcune di istanze di accesso ai dati formulate dai suoi dipendenti.

Le richieste di accesso erano rivolte a ottenere tutte le informazioni utilizzate dall’azienda per elaborare i rimborsi chilometrici e la retribuzione e, in particolare, i dati di geolocalizzazione degli smartphone aziendali, che erano dotati di un apposito applicativo per consentire ai dipendenti di “navigare” verso le utenze presso cui effettuare la lettura dei contatori.

Applicativo che, a detta dei dipendenti, era utilizzato per generare i rimborsi e determinare la retribuzione dei dipendenti.

L’azienda non aveva, però, fornito idoneo riscontro (anche perché, nel mentre, i dipendenti avevano azionato le loro pretese retributive avanti al Giudice del lavoro del Tribunale di Milano e l’ostensione dei dati gli avrebbe consentito di meglio assolvere al loro onere probatorio) e aveva omesso di concedere ai dipendenti l’accesso ai dati di geolocalizzazione.

Il Garante, quindi, ha da un lato ordinato all’azienda di fornire ai dipendenti “i dati relativi alle specifiche rilevazioni/coordinate geografiche effettuate con il GPS dello smartphone e tutte le informazioni ricollegate al trattamento richieste” e dall’altro ha sanzionato l’azienda per il mancato riscontro fornito.

Nelle motivazioni del provvedimento si scorge un esame dell’applicativo utilizzato per la geolocalizzazione dei dipendenti, che comunque non sfocia in una valutazione di legittimità o meno del sistema di geolocalizzazione (l’oggetto del procedimento, del resto, era diverso, concentrandosi sul diritto di accesso negato).

Il provvedimento, quindi, censura unicamente la violazione del diritto di accesso dei dipendenti e non si spinge ad esaminare la legittimità del trattamento dei dati, su cui spesso le aziende scivolano stante anche la problematica sovrapposizione fra normativa privacy e giuslavoristica (e relative cautele e prescrizioni), che in alcune istanze rischia di far sconfinare nel reato l’attività di sorveglianza del datore di lavoro.

Tra GDPR e Statuto dei lavoratori: i profili di privacy del lavoratore sotto la lente del Garante

Le definizioni di dato personale e trattamento dati

Il provvedimento del Garante è interessante nel suo ripercorrere e adattare al caso di specie le definizioni di dato personale e di trattamento, in quanto l’azienda affermava di non effettuare un trattamento dati nel momento in cui localizzava i dipendenti (localizzazione che, come risulta dal provvedimento del Garante, era pacificamente effettuata al momento della lettura dei contatori).

Ma è proprio dalle definizioni di:

  1. dato personale (art. 4 par. 1 n. 1 GDPR): “qualsiasi informazione riguardante una persona fisica identificata o identificabile («interessato»); si considera identificabile la persona fisica che può essere identificata, direttamente o indirettamente, con particolare riferimento a un identificativo come il nome, un numero di identificazione, dati relativi all’ubicazione, un identificativo online o a uno o più elementi caratteristici della sua identità fisica, fisiologica, genetica, psichica, economica, culturale o sociale;”
  2. e di trattamento (art. 4 par. 1 n. 2 GDPR): “qualsiasi operazione o insieme di operazioni, compiute con o senza l’ausilio di processi automatizzati e applicate a dati personali o insiemi di dati personali, come la raccolta, la registrazione, l’organizzazione, la strutturazione, la conservazione, l’adattamento o la modifica, l’estrazione, la consultazione, l’uso, la comunicazione mediante trasmissione, diffusione o qualsiasi altra forma di messa a disposizione, il raffronto o l’interconnessione, la limitazione, la cancellazione o la distruzione;”

che si ricava come nel caso all’esame dell’Autorità siamo di fronte inequivocabilmente ad un trattamento dati.

Basta, infatti, considerare che la geolocalizzazione di uno smartphone giocoforza consente la geolocalizzazione del soggetto cui lo smartphone è assegnato e che, pertanto, la società ha trattato dati di ubicazione dei propri dipendenti quantomeno nel momento in cui questi effettuavano la lettura dei contatori (e inserendola in app comunicavano la loro posizione).

Dati sulla geolocalizzazione: la posizione della Cassazione

Il tema oggetto del provvedimento del Garante è al centro anche di una recente ed interessante pronuncia della Suprema Corte che, nel confermare una ordinanza-ingiunzione del Garante privacy risalente al giugno 2018, ha riconosciuto la responsabilità di una azienda per non aver notificato (nel regime vigente prima della riforma del D.Lgs. 196/2003) l’adozione di uno strumento di geolocalizzazione dei mezzi assegnati ai dipendenti ed ai clienti.

La questione all’esame della Corte è particolare perché la ditta sanzionata (perché considerata titolare del dato di geolocalizzazione) è una azienda che noleggiava automezzi con autisti.

Gli automezzi erano muniti di un sistema di geolocalizzazione installato autonomamente da altra ditta fornitrice, che ne necessitava “per poter fornire servizi ai propri clienti”.

Nasce, da questo complesso quadro, la difficoltà nell’individuare chi sia il titolare del trattamento dei dati, se quindi si tratti della ditta che ha installato il sistema di geolocalizzazione e ne detiene il database, o se invece si tratti della ditta che possiede i mezzi e li noleggia, ditta alla quale l’installatrice del sistema di geolocalizzazione aveva fornito le credenziali per accedere ai dati di posizione dei mezzi (credenziali che però la ditta sanzionata dal Garante affermava di non aver mai utilizzato, tanto da non aver alcun personale dedicato all’attività di monitoraggio delle posizioni dei mezzi).

La Cassazione, cui il Garante si è rivolto per saltum dopo l’accoglimento del ricorso dell’azienda sanzionata da parte del Tribunale di Sondrio, conferma la sanzione del Garante, affermando il titolare del dato è colui che può esercitare in autonomia il potere decisionale sulle finalità e modalità del trattamento, soggetto che, nel caso, va individuato nella ditta proprietaria dei mezzi su cui erano installati i dispositivi di geolocalizzazione sol perché la stessa era nella disposizione delle credenziali di accesso del portale contenente i dati.

La sentenza è quindi densa di conseguenze perché:

  1. fa discendere il ruolo di titolare dalla semplice disponibilità dello strumento e non dal suo effettivo utilizzo (il che impone un attento esame degli strumenti informatici di cui le aziende si dotano, in quanto le stesse saranno responsabili non solo di quella “porzione” di applicativo che usano, ma anche di tutti quei trattamenti dati che l’applicativo fa magari senza che loro se ne rendano nemmeno conto, purché -vien da dire- non sia fatto nell’interesse esclusivo del fornitore);
  2. qualifica come titolare del dato un soggetto che del dato stesso professa di non avere effettivo controllo né interesse al suo utilizzo.

Certo, la pronuncia non affronta altre questioni essenziali, come ad esempio il ruolo e le responsabilità del soggetto (responsabile esterno) che ha installato il sistema di geolocalizzazione e ne gestisce il database, o eventuali profili di sovrapposizione delle finalità del trattamento, che potevano non avvenire solo sotto il controllo della ditta sanzionata, ma magari anche nell’interesse dell’installatrice o di clienti della ditta sanzionata (e/o dell’installatrice del sistema GPS), ma resta comunque il fatto che questa presa di posizione della giurisprudenza, unita al quasi contemporaneo provvedimento in tema di geolocalizzazione dei dipendenti del Garante che abbiamo esaminato, deve spingere le aziende ad approcciarsi con massima prudenza verso strumenti tecnologici di questo tipo, rammentando il fondamentale principio sul tema stabilito dal Garante ancora nel 2018, quando ha così provveduto (provv. 396 del 28.06.2018):

Ai sensi del Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali 679/2016/UE va ingiunto, a un fornitore di servizi di geolocalizzazione, di incorporare il “diritto alla privacy” direttamente nelle funzionalità del prodotto, attenendosi al principio di minimizzazione dei dati e a quello di privacy by design e privacy by default.”

Sim attivate all’insaputa dell’utente, interviene il Garante privacy: ecco le violazioni

Le cautele della geolocalizzazione

Ne consegue che quando un titolare abbia intenzione di implementare un sistema di geolocalizzazione, dovrà:

  1. assicurarsi che il suo fornitore abbia sviluppato il sistema attenendosi ai principi in tema di diritto alla riservatezza;
  2. contrattualizzare l’impegno del fornitore al rispetto della normativa privacy nella gestione del database e del servizio (se esternalizzato);
  3. formare il proprio personale sull’accesso al sistema e sul suo settaggio più rispettoso possibile della privacy degli interessati;
  4. effettuare ove del caso una valutazione di impatto ai fini privacy;
  5. Informare compiutamente clienti, dipendenti e chiunque altro sia identificabile attraverso il sistema di geolocalizzazione del trattamento effettuato;
  6. nel caso in cui il trattamento coinvolga dei dipendenti, verificare se ricorrono le condizioni di cui alla Circolare n. 2 del 2016 dell’INL e procedere, nel caso, ad ottenere la prescritta autorizzazione sindacale o dell’Ispettorato.

Solo un approccio prudente ed orientato ai principi richiamati dal Garante in tema di tutela dei dati personali può infatti garantire di andare esenti dal complesso novero di sanzioni che interessa un’implementazione di questo tipo, aiutando magari le aziende all’utilizzo come prova in giudizio dei dati legittimamente ottenuti attraverso questi sistemi (va infatti ricordato, sul punto, che la Corte europea diritti dell’uomo, con recente sentenza n. 26968/16 del 13.12.2022, ha affermato che non vi è violazione dei principi CEDU nel caso di licenziamento basato su dati ottenuti da un sistema di geolocalizzazione installato all’interno del veicolo messo a disposizione dall’azienda al dipendente).

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3