Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

ESPERTO RISPONDE

Vulnerabilità nel mondo IoT: usare protocolli cifrati per proteggere la confidenzialità dei dati in transito

15 Gen 2019
Gaia Rizzato

Trainee Information & Cyber Security presso P4I – Partners4Innovation

Marco Rizzi

Information & Cyber Security Advisor presso P4I – Partners4Innovation


DOMANDA

In azienda utilizziamo numerosi dispositivi IoT anche per lo scambio di dati riservati. In che modo proteggere la confidenzialità dei dati in transito?

RISPOSTA

La scelta dei protocolli utilizzati e dei metodi di cifratura tende ad essere sottovalutata. In questo modo potrebbe essere scelto un protocollo e una cifratura che sono comunemente noti come vulnerabili, e di conseguenza mettere a rischio la confidenzialità dei dati in transito.

Se un protocollo di comunicazione utilizzato non è sicuro, bisogna prendere una crittografia dei dati molto forte, prima del trasferimento di essi.

Utilizzare protocolli sicuri per trasmettere dati cifrati è la soluzione più sicura, ma bisogna comprendere che i dispositivi IoT generalmente non dispongono di molta capacità computazionale, quindi, per limiti fisici, la combinazione delle due metodologie non può essere possibile.

Mandate i vostri quesiti ai nostri esperti

Quesiti legal: espertolegal@cybersecurity360.it

Quesiti tecnologici: espertotech@cybersecurity360.it

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3