SICUREZZA NAZIONALE

Nuovi sviluppi per le capacità cyber europee: più cooperazione per la difesa informatica

Nel lento cambiamento delle attitudini europee nell’ambito della cyber difesa, ci sono segnali crescenti di un nuovo approccio alla tematica, con molteplici aree e progetti di investimento in cantiere per affrontare in modo consono le minacce di questa epoca. Facciamo il punto

Pubblicato il 06 Dic 2023

B
Davide Bruseghin

Osint Junior Analyst, Hermes Bay

L’avvento di sistemi informatici sempre più performanti e impattanti sta trasformando notevolmente le esigenze di sicurezza a livello globale. Parallelamente, le preoccupazioni dell’Unione Europea sono cresciute con l’aumento del numero di cyber player responsabili di attacchi.

Data la connessione che alcuni Stati membri hanno con la Russia, ad esempio, il Paese rappresenta una sfida particolarmente complessa per l’Unione. La capacità russa di manipolare il cyber spazio per indebolire le strutture di potere dello Stato è stata dimostrata dagli attacchi di malware come NotPetya e dalla coercizione informatica contro l’Estonia, la Georgia e l’Ucraina.

L’idea che la Russia costituisca una minaccia importante è diventata ampiamente accettata in tutta Europa a seguito di queste vere e proprie offensive informatiche.

A causa di ciò, c’è un profondo senso di sfiducia all’interno dell’UE, con la Russia automaticamente vista come il “sospettato abituale” dietro ogni attacco cyber che si verifica nel continente.

I funzionari dell’Unione europea riconoscono spesso l’ampia portata e il pericolo delle attività informatiche della Russia e denunciano tali azioni.

Una forza informatica UE con capacità offensive

Sul tema della cyberwarfare, il presidente del consiglio europeo Charles Michel ha proposto una “forza informatica europea” come “componente fondamentale” della difesa europea durante il suo discorso alla conferenza annuale dell’Agenzia Europea di Difesa (EDA) tenutasi il 29 novembre.

WHITEPAPER
Trasforma i documenti digitali in alleati del business: ottieni più efficienza, sicurezza e conformi
Cybersecurity
Data protection

Secondo il presidente: “Ci aiuterebbe ad assumere una posizione di leadership nelle operazioni di risposta cibernetica e nella superiorità dell’informazione, e credo che dovrebbe essere dotata di capacità offensive”.

Anche Ursula von der Leyen, capo della Commissione europea, ha proposto che nella riforma della difesa dell’Unione, la cyberwarfare debba rientrare sotto il controllo centralizzato di Bruxelles piuttosto che quello dei suoi Stati membri.

La novità principale è che per la prima volta durante la conferenza si è parlato anche di capacità offensive, dunque non solo sistemi di protezione e recupero dagli attacchi, ma anche sistemi e procedure pensati per colpire l’infrastruttura informatica avversaria.

Progetti europei di risposta cyber

A questo proposito, nei fatti esistono già delle prime forme di “forza informatica”, sotto forma di un progetto europeo guidato da paesi come: Croazia, Estonia, Lituania, Lettonia, Paesi Bassi, Polonia, Danimarca e Romania.

Lanciato come parte della prima ondata di progetti PESCO, il progetto Cyber Rapid Response Teams (CRTT) è operativo dal 2019.

Tra i 60 progetti PESCO attualmente in corso, il CRTT è stato il primo a raggiungere la piena capacità operativa (FOC) nel maggio 2021.

Al fine di rafforzare la capacità collettiva dell’UE di prevenire, dissuadere e rispondere alle minacce informatiche, gli esperti informatici riuniti nell’ambito del progetto sono disponibili per sostenere gli Stati membri dell’Unione europea, le istituzioni europee, le missioni e le operazioni della CEPSU, nonché i paesi partner.

I CRTT sono dotati di kit di strumenti informatici distribuibili che sono ampiamente sviluppati e progettati per identificare, identificare e ridurre le minacce informatiche.

I team possono agire con diverse attività, per esempio con valutazioni di vulnerabilità, formazione e altre richieste di supporto. In termini reali, ciò comporta l’assistenza nel monitoraggio del panorama delle minacce, rilevamento e mitigazione degli attacchi informatici, o supporto per ulteriori indagini in materia di cyber attacchi.

I primi interventi europei di cyber offensiva

Ad oggi si è a conoscenza di due nazioni in cui sono stati attivati i CRTT a seguito di ondate di attacchi informatici o come richiesta di supporto nel rafforzamento delle strutture di difesa cyber.

Questi stati sono la Moldavia e il Mozambico, ovvero un candidato all’ingresso nell’UE e un partner strategico.

A discapito delle promettenti possibilità di questo strumento vi sono però i casi dell’Ucraina e dell’Albania, nel quale la lentezza dei decisori politici a Bruxelles ha comportato l’attivazione di altre organizzazioni a supporto, quali i NATO Rapid Reaction Teams e i dipartimenti statunitensi, soppiantando dunque l’UE in aree di interesse strategico.

Capacità cyber offensive e difensive: servono investimenti

Il tema del potenziamento delle capacità offensive e difensive in ambito cyber, si collega al più ampio tema dell’incremento degli investimenti europei nel settore della difesa.

La Presidente von der Leyen ha dichiarato che la Commissione sta elaborando una nuova “Strategia industriale europea per la difesa” per l’inizio del 2024 e ha avvertito gli Stati membri di non acquistare asset e attrezzature eccessivi senza coordinamento o da fonti esterne all’UE.

“Le sfide strategiche che affrontiamo sono cresciute ancor più rapidamente, ma abbiamo compiuto progressi tangibili verso un’Unione europea della difesa”, ha detto von der Leyen ai 300 delegati a Bruxelles, tra cui rappresentanti dell’industria di difesa, legislatori dell’UE, personale militare europeo e ministri della Difesa. “Un’Unione europea dalla difesa pienamente sviluppata è il prossimo capitolo”.

Inoltre, nel programma europeo per l’industria della difesa si intende incorporare le lezioni tratte dalla recente esperienza in programmi per la difesa dell’UE, tra cui l’ASAP (Act in Support of Munition Production) e l’EDIRPA (European Defence Industry Reinforcement Through Common Procurement Act).

L’obiettivo del primo di questi programmi è quello di facilitare le industrie della difesa l’aumento della capacità di produzione di munizioni per sostenere le capacità belliche ucraine e preparare l’unione a possibili scenari di conflitto.

Il bilancio per il programma ASAP per gli anni 2023-2025 ammonta a 500 milioni di euro. Il rafforzamento dell’industria europea della difesa attraverso la legge sugli appalti comuni è noto invece con l’acronimo EDIRPA. Il bilancio di questo secondo programma ammonta a 300 milioni di euro.

L’Alto rappresentante dell’Unione europea e capo dell’European Defence Agency (EDA), Josep Borrell, ha elogiato l’aumento di 70 miliardi di euro nelle spese per la difesa dopo aver citato i decenni precedenti in Europa come un “processo silenzioso di disarmo”.

Borrell ha ribadito la sua convinzione che l’Unione Europea manca ancora di competenze essenziali e presentando i dati di difesa del 2022 dell’EDA, ha dichiarato che, a un budget record di 240 miliardi di euro, le spese europee per la difesa sono cresciute del 6% nel 2022 rispetto all’anno precedente, continuando una tendenza di crescita di otto anni.

Conclusioni

Nel lento cambiamento delle attitudini europee nell’ambito della difesa, ci sono dunque segnali crescenti di un nuovo approccio alla tematica, con molteplici aree e progetti di investimento in cantiere.

È in ogni caso importante che le lezioni dei recenti conflitti siano state recepite e che sugli ambiti dove l’UE si trova più esposta, come nel caso della cyber security, sia in atto un profondo rinnovamento e implementazione di organizzazione e strumenti, in modo da poter affrontare in modo consono le minacce di questa epoca.

WHITEPAPER
Cybersecurity : la guida per gestire il rischio in banca
Privacy/Compliance
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4