LA GUIDA

Penetration test, strumento indispensabile per la conformità normativa: la guida definitiva

Tutto quello che occorre sapere per mettere alla prova le potenziali superfici d’attacco ed effettuare in modo corretto attività di remediation sul piano della sicurezza informatica

Pubblicato il 27 Ott 2023

Domenico Aliperto

Giornalista

Penetration Test

Molte aziende considerano le attività di vulnerability assessment e penetration test come meri adempimenti agli obblighi normativi o ai requisiti imposti dal settore di business a cui appartengono.

Sia chiaro: non è certamente un male se, puntando alla sola compliance, le organizzazioni investono tempo, risorse e denaro per effettuare controlli periodici sullo stato di salute delle proprie difese informatiche.

Ma è fondamentale comprendere che un approccio del genere rappresenta solo la punta dell’iceberg di una strategia di cyber security avanzata, che potenzialmente può tradursi in una postura in grado di generare vantaggio a lungo termine per tutti gli aspetti operativi aziendali. Sul piano della resilienza, ma non solo.

La differenza tra vulnerability assessment e penetration test

“È un percorso di maturazione su cui si stanno muovendo sempre più imprese italiane, per fortuna. Si comincia con le esigenze basilari di cybersecurity, a livello IT quindi, e si procede coinvolgendo l’intera gamma dei processi su cui si regge l’organizzazione, sia attraverso l’analisi dei rischi, sia agendo sul fronte tecnologico, con security test ad hoc”. A parlare è Edoardo Montrasi, IT & OT Security Consultant di CryptoNet Labs, società di consulenza specializzata nella sicurezza informatica e delle reti.

“Vulnerability assessment e penetration test, in particolare, richiedono di metodologie che rispettino la compliance a standard e best practice di settore, da mettere in campo con cicli periodici concordati per censire i servizi esposti, identificare vulnerabilità su sistemi e servizi, e ricercare configurazioni adatte a risolvere eventuali falle”.

Per quanto tendano a essere considerate attività contigue, c’è una differenza sostanziale tra le sessioni di vulnerability assessment e quelle di penetration test. La prima è estensiva, condotta in senso orizzontale sull’intera superficie aziendale. “Anche se, come intuibile, ogni realtà fa storia a sé, specie per quanto riguarda il Vulnerability Assessment, parliamo dell’utilizzo di strumenti standard automatizzati, progettati per operare su target general purpose, esposti sia su rete interna che internet”.

Il penetration test viene invece condotto più in senso verticale, spesso a partire dalle vulnerabilità riscontrate dall’assessment. “In altre parole, il penetration test serve a capire se ci sono vulnerabilità sfruttabili per un attacco volto a prendere il controllo del , per esfiltrare dati o addirittura impedire, ad esempio, l’accesso a server e cartelle”, precisa Montrasi. “Anche queste attività prevedono fasi consolidate, a partire dalle regole di ingaggio e dal supporto per definire il perimetro su cui su cui effettuare la ricerca e l’analisi delle vulnerabilità. Dovendo però concentrarsi sul piano tecnologico, necessitano di un maggiore livello di personalizzazione”.

Cosa prevedono normative, standard e buon senso

Ma quando è necessario ricorrere a questi processi di controllo? Quali sono i framework normativi o le situazioni particolari che, rispettivamente, impongono o suggeriscono l’avvio di una verifica approfondita della postura di sicurezza dell’azienda?

“Non di rado, il pretesto è dato dalla necessità di condurre audit per misurare determinati KPI utili a far fronte a esigenze interne”, dice Luca Capacci, Senior Security Engineer di CryptoNet Labs, “ma, sempre più spesso, e in un numero sempre maggiore di comparti economici, sono le norme ISO a stabilire, in modo esplicito, quali attività devono essere svolte per ottemperare ai requisiti minimi di settore. Naturalmente, bisogna poi saper interpretare in modo intelligente le prescrizioni, in funzione degli asset esposti su Internet e sulla rete interna, a valle di un’adeguata attività di analisi e valutazione dei rischi cyber e, non ultimo, facendo leva sul buon senso”.

Il framework normativo di riferimento a cui guardare per stabilire la compliance, come accennato, può variare da verticale a verticale, ma ci sono anche linee guida valide per ogni tipologia di attività. “La ISO 27001, per esempio, è trasversale”, dice Edoardo Montrasi.

“Così come la ISO 9001 detta gli standard per la certificazione di qualità, la 27001 è concepita appositamente per fornire le best-practice per un sistema di gestione della sicurezza delle informazioni sulle piattaforme utilizzate dal business. Similmente, il NIST Cybersecurity Framework comprende una serie di linee guida studiate per mitigare i rischi in tal senso”.

Poi ci sono strumenti ad hoc per settori specifici. “Nel mondo dei pagamenti elettronici, per esempio, la certificazione PCI (Payment Card Industry) DSS è quella di riferimento per tutti gli operatori ecommerce, gateway di pagamento, fintech e in generale tutti i soggetti che trattano dati di carte di credito”.

A questi si aggiungono i regolamenti comunitari e le leggi nazionali. Il Regolamento Dora – entrato in vigore il 16 gennaio 2023 e vincolante a partire dal 17 gennaio 2025 – è incentrato sull’individuazione e sulla gestione ex ante dei rischi informatici e di cyber sicurezza al fine di raggiungere un elevato livello di resilienza operativa digitale, attraverso la definizione dei presidi di gestione del rischio cyber e con un approccio end-to-end.

“A differenza del GDPR (General Data Protection Regulation), che non impone l’adozione di pratiche di controllo specifiche, lasciando ai Data Protection Officer ampio margine d’azione per scegliere gli strumenti che ritengono più idonei, il Regolamento Dora prevede in modo puntuale attività di vulnerability assessment e penetration test.

Allo stesso modo, la Direttiva NIS 2 (Network and Information Systems), entrata in vigore il 17 gennaio 2023, introduce una serie di obblighi che le aziende dovranno rispettare nell’ottica di analizzare e valutare i rischi di sicurezza dei sistemi informativi tramite procedure certificate. Ma non bisogna dimenticare che in Italia AgID e ACN hanno introdotto misure minime per le imprese che vogliono accedere alle forniture verso la Pubblica Amministrazione”, continua Montrasi. “Per iscriversi al marketplace cloud della PA, per esempio, bisogna superare i test previsti dalle metodologie OWASP (Open Worldwide Application Security Project)”.

I passi da seguire per vulnerability assessment e penetration test efficaci

Prima di passare agli aspetti più operativi e di descrivere qual è la linea d’azione per effettuare con successo un penetration test, l’esperto di CryptoNet Labs sottolinea che devono sussistere due premesse: “Innanzitutto, è l’azienda cliente che deve definire cosa va messo sotto controllo. In secondo luogo, deve scegliere accuratamente un partner che lo assista lungo l’intero processo. Potrebbero sembrare osservazioni banali, ma la verità è che oggi le aziende devono stare molto attente a chi si rivolgono.

La domanda è elevata, e il mercato estremamente affollato: per ottenere un buon servizio ed essere sicuri di rispettare la compliance bisogna poter fare affidamento su competenze, esperienze, qualifiche e certificazioni, mentre purtroppo ci sono troppi soggetti che si improvvisano esperti di cyber security. Ecco perché le imprese hanno tutto l’interesse a stabilire, richiedere e verificare che il partner con cui intendono lavorare soddisfi una serie adeguata di requisiti che spaziano tra esperienze del team di specialisti, referenze dimostrabili, certificazioni personali e aziendali.

Su questo ultimo aspetto, a titolo di esemplificativo, evidenziamo l’opportunità di valutare se il fornitore di security test sia certificato ISO 9001 e 27001 per questa tipologia di servizi, oppure considerare se risulta presente nelle liste dei Laboratori di prova per attività di vulnerability assessment accreditati da Accredia, l’Ente Unico nazionale di accreditamento, secondo la norma ISO/IEC 17025.

Avvalersi di un fornitore accreditato per le attività di VA è un requisito fondamentale per gli operatori SPID ed eIDAS, ma, più in generale, è sempre l’attestazione della sua competenza e imparzialità, l’assicurazione che possiede tutte le caratteristiche richieste dalle norme per svolgere le attività di valutazione della conformità e soddisfa sia i requisiti tecnici sia quelli relativi al sistema di gestione, necessari per presentare al cliente risultati accurati e tecnicamente validi.

Fatte queste precisazioni, si può entrare nel vivo delle attività. “Un penetration test deve essere effettuato seguendo metodologie rigorose e possibilmente facendo leva su approcci operativi e tecnologici predefiniti”, raccomanda Montrasi. “Riuscire a sviluppare processi (magari basati sui già citati standard NIST e OWASP), secondo la stessa logica con cui opera un laboratorio di analisi, consente di prevedere step ben precisi fin dall’ingaggio iniziale, con la definizione di regole ed esperienze riproducibili che si riveleranno fondamentali già durante le fasi iniziali di discovery e reconnaissance sul perimetro analizzato”.

Montrasi esorta a puntare il più possibile sull’automazione dei processi, sia perché contribuisce a renderli riproducibili, sia perché fornisce maggiore copertura delle potenziali superfici d’attacco. “Al termine della procedura, il cui obiettivo è quello di sferrare un attacco reale ma controllato ai sistemi aziendali, il team esamina i risultati, ipotizza scenari d’attacco ed evidenzia le vulnerabilità, stilando un rapporto che sintetizza quanto emerso e supporta il cliente nella definizione di opportuni piani di remediation”.

Il report non si limita a questo. Ha il compito di far comprendere anche a utenti non esperti cosa è stato testato e quando, con quale metodologia e attraverso quali strumenti il Penetration Test ha dato gli esiti descritti. “È essenziale fornire informazioni di carattere sintetico e tecnico, sottolineando i rischi concreti legati alle vulnerabilità individuate e trasmettendo allo stesso tempo messaggi di alto livello, che possano arrivare al board”, spiega Francesco Carbone, Cybersecurity Senior Sales Manager di CryptoNet Labs.

Mitigare le minacce informatiche significa anche saper descrivere possibili scenari di rischio utilizzando un linguaggio non tecnico, ricorrendo per esempio a use cases che illustrano potenziali criticità per il business. Solo dopo aver condiviso gli elementi che descrivono l’effettiva gravità della situazione si può entrare nei dettagli tecnici e affrontare uno per uno i problemi, indicando gli elementi utili ad avviare la fase di remediation. Che, attenzione, non dovrebbe essere affidata al partner che ha svolto i test per evitare conflitti di interesse. CryptoNet Labs mette a disposizione dei propri clienti tutto il supporto informativo necessario per comprendere lo status quo, ma non interviene mai attivamente sui sistemi.

Crediamo fermamente nella separazione dei ruoli, ed è per questo che l’analisi del report avviene sempre in occasione di incontri che coinvolgono sia la divisione IT aziendale, sia eventuali fornitori esterni. È un modus operandi che non tutti sposano, ma che è molto apprezzato, in quanto permette di massimizzare l’apporto di ciascuna competenza.

“È molto importante per le aziende che si occupano di penetration test”, chiosa Carbone, “di offrire la possibilità di ripetere il penetration test dopo che l’organizzazione ha avuto il tempo di rimediare le vulnerabilità emerse, così da evidenziarne la risoluzione e aggiornare gli esiti del report”.

Contributo editoriale sviluppato in collaborazione con Cryptonet

 

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 5