LA GUIDA PRATICA

Threat hunting, avanguardia della cyber difesa: cos’è, le metodologie e i vantaggi

La continua evoluzione del panorama digitale rende sempre più necessario pianificare attività di threat hunting, per un approccio proattivo alla cyber security che consenta alle organizzazioni di migliorare la propria postura di sicurezza, rilevare tempestivamente le minacce e allocare le risorse in modo efficiente

Pubblicato il 30 Nov 2023

S
Curtis Simpson

CISO di Armis

Per rafforzare il livello di sicurezza informatica della propria organizzazione è opportuno pianificare una continua attività di threat hunting che, a differenza delle misure di sicurezza tradizionali che reagiscono agli avvisi, consiste nel cercare l’avversario prima che la sua presenza sia evidente.

È vero, infatti, che nell’era in cui le imprese sfruttano sempre di più la potenza della tecnologia per innovare e crescere, le stesse si trovano altresì ad affrontare il rischio di minacce informatiche sempre presente e in crescita esponenziale:

Le trasformazioni digitali hanno introdotto rapidamente molte nuove risorse, ma non hanno ancora eliminato la maggior parte dei sistemi legacy. Sia i sistemi moderni che quelli obsoleti sono ampiamente integrati e interconnessi su scala, con un elenco di esposizioni che si allunga quasi mensilmente.

In ambienti così complessi, caratterizzati da un rischio elevato e da un potenziale impatto aziendale concreto, la caccia alle minacce emerge come un elemento fondamentale per garantire che le organizzazioni rimangano resilienti di fronte all’evoluzione delle sfide informatiche.

Cosa significa esattamente threat hunting

Il threat hunting è un approccio proattivo alla cyber security in cui gli esperti del settore cercano attivamente e ripetutamente tra reti e risorse per individuare le minacce che potrebbero eludere le capacità di difesa, rilevamento e risposta esistenti.

WHITEPAPER
Basta incidenti in università: scopri il tuo nuovo sistema di controllo accessi
Cybersecurity
Network Security

Grazie alle attività di threat hunting, le contromisure possono essere intraprese senza l’urgenza dettata da un attacco in corso, creando una strategia di sicurezza più efficace e duratura.

La metodologia dietro al threat hunting

Il threat hunting non è un processo casuale: è un’operazione metodica e guidata sia dall’intelligence che dalle ipotesi. Gli esperti spesso partono da un’ipotesi su una potenziale minaccia, che può essere basata sulle informazioni attuali della stessa, sulle notizie del settore o persino sull’istinto.

Successivamente, utilizzano strumenti e tecniche avanzate per verificare questa ipotesi, scavando in profondità nei dati, registri e modelli in rete.

Tuttavia, gli elementi fondamentali di un programma di questo tipo sono introdotti dalla comprensione dei servizi e dei sistemi aziendali critici.

Il prerequisito per l’implementazione di un programma di threat hunting di successo è l’adozione di una moderna piattaforma di discovery, identificazione e intelligence continua degli asset.

Il quadro realizzato grazie a questi strumenti aiuta a garantire che il threat hunting sia più focalizzato su ciò che conta di più per l’azienda e sulle esposizioni che hanno maggiori probabilità di avere un impatto su sistemi, servizi, dati sensibili e brand.

L’importanza del threat hunting

L’importanza del threat hunting si manifesta nella natura sofisticata dei moderni hacker. Affidarsi esclusivamente agli avvisi automatici non è più sufficiente, specialmente quando tali avvisi non vengono continuamente ottimizzati in risposta alla costante evoluzione del panorama aziendale e delle minacce.

I malintenzionati spesso utilizzano tattiche progettate per eludere i sistemi di rilevamento tradizionali e generalmente statici. Cercando proattivamente queste minacce, gli esperti possono identificarle e neutralizzarle prima che si trasformino in incidenti veri e propri per l’azienda.

La presenza di un processo a circuito chiuso tra threat hunters e cyber engineering garantisce, inoltre, che le lacune di monitoraggio rilevate durante il threat hunting possano essere affrontate in maniera chirurgica attraverso l’ottimizzazione degli avvisi.

Altrettanto importante è il fatto che la continua ricerca di minacce porta all’identificazione diretta di eventuali lacune presenti nel sistema di monitoraggio e di difesa, che possono causare la potenziale interruzione dell’attività.

Questo contesto aggiuntivo e l’evidenza del rischio di sfruttamento spesso semplificano la definizione delle priorità e accelerano gli sforzi di rispristino, in particolare quando tali responsabilità ricadono su altri team.

In questo modo, le organizzazioni possono ottimizzare continuamente le proprie politiche e consentire al SOC e al SOAR di concentrarsi sulle priorità di business. Il panorama aziendale e quello delle minacce sono in continua evoluzione e mantenere controlli di monitoraggio efficaci sullo sfruttamento delle vulnerabilità con un potenziale impatto fisico può essere difficile, nella migliore delle ipotesi, senza questi processi operativi a circuito chiuso.

I recenti dati del report State of Cyberwarfare dipingono un quadro preoccupante: molte organizzazioni si trovano ad affrontare minacce informatiche sempre più gravi che ostacolano direttamente le loro strategie di crescita e innovazione. Alcune addirittura riconsiderano o interrompono le iniziative digitali a causa di queste minacce incombenti.

Un threat hunting che abbracci tutti gli asset connessi e che abbiano il potenziale di interrompere ciò che conta di più per l’azienda, aiuta a garantire che le operazioni rimangano effettivamente allineate all’azienda e a sostegno delle sue priorità in evoluzione.

Vantaggi di un approccio proattivo alla cyber security

Incorporare il threat hunting nel framework di cyber security di un’organizzazione offre tre vantaggi chiave:

  1. Rilevamento precoce: le misure proattive, come il Threat Hunting, spesso portano a un rilevamento e una mitigazione delle minacce più rapida, riducendo l’impatto complessivo di potenziali violazioni.
  2. Rinforzare la postura di sicurezza: un Threat Hunting continuo fornisce informazioni che affinano e rafforzano la strategia di sicurezza complessiva di un’organizzazione.
  3. Efficienza operativa: Concentrandosi sulle minacce reali, le organizzazioni possono allocare le risorse in modo più efficace, riducendo al minimo il fastidio dei falsi positivi.

Con l’avanzare delle trasformazioni digitali, il ruolo del threat hunting è diventato sempre più centrale. È l’avanguardia, che garantisce un’innovazione sicura alle aziende, con un occhio attento sui potenziali avversari informatici e alla loro capacità di interrompere ciò che conta.

Conclusione

Con la continua evoluzione del panorama digitale, l’importanza del threat hunting non può essere sopravvalutata.

Adottando un approccio proattivo, le organizzazioni possono migliorare la propria postura di sicurezza, rilevare tempestivamente le minacce e allocare le risorse in modo efficiente.

Inoltre, la collaborazione interfunzionale e la condivisione delle informazioni tra gli esperti di threat hunting, i team di cyber security allargati e i dipartimenti aziendali sono fondamentali per affrontare le minacce in rapida evoluzione e garantire una protezione completa.

Con un’attenzione costante all’allineamento e alla definizione delle priorità aziendali, le organizzazioni possono essere all’avanguardia rispetto ai criminali informatici e salvaguardare le loro priorità strategiche.

Abbracciando il threat hunting come componente fondamentale della propria strategia di cybersecurity, le aziende possono navigare nel regno digitale con fiducia e resilienza.

WHITEPAPER
eXtended Detection & Response: scopri le novità in tema Security
Cybersecurity
Network Security
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4