SICUREZZA INFORMATICA

Sicurezza IT e OT: principali differenze e strategie di presidio

Nel settore industriale, la sicurezza IT e OT si intersecano sempre più spesso in un ecosistema che intreccia informazioni e aspetto operativo. Ma quali sono le differenze tra i due settori e quali le strategie da seguire per garantire la cyber security in ambito industrial?

16 Dic 2020
S
Marco Schiaffino

Giornalista

Tutti gli esperti di cyber security lo dicono da tempo: trovare una netta distinzione tra sicurezza IT e OT diventa sempre più difficile e i due ambiti sono sempre più sovrapposti. Nella definizione delle strategie di difesa degli asset aziendali, però, le due direttrici non hanno solo punti di congiuntura, ma anche accenti diversi dovuti alle specificità dei settori. Il confine tra IT e OT è sempre più sfumato”, conferma Lorenzo Bernini, Cyber Security Manager di HWG, azienda specializzata nella fornitura di servizi di sicurezza informatica. Anche nell’era dell’industria 4.0, però, ci sono delle specificità in entrambi i settori che condizionano le strategie di difesa del business”.

Sicurezza IT e OT: una convivenza sempre più stretta

Il punto di partenza nel ragionamento richiede di fissare un primo “paletto” dal quale non si può prescindere: il legame tra Information Technology e Tecnologia Operativa ha due dimensioni ben distinte. La prima riguarda il processo di digitalizzazione del settore OT, che in brevissimo tempo ha introdotto nella produzione problematiche fino a un tempo limitate all’aspetto “immateriale” dei processi aziendali. In altre parole, se fino a qualche anno fa un attacco informatico poteva essere visto come una minaccia in grado di impattare solo su una parte dell’azienda (amministrazione, comunicazione, marketing), oggi l’azione di un pirata informatico ha buone probabilità di avere ripercussioni pratiche e immediate anche sullo stesso processo produttivo, anche in settori come il manifatturiero, la produzione energetica e altri segmenti industriali tradizionalmente considerati non dipendenti dall’infrastruttura digitale. La maggior parte delle realtà industriali utilizza sistemi digitali di controllo della produzione conferma Bernini. Un attacco informatico può bloccare l’intera attività e provocare danni notevoli al business delle imprese. Il legame tra IT e OT, però, va oltre il tema della vulnerabilità della produzione ai cyber attacchi e investe una prospettiva più complessiva.

<

Lumit - it automation - perché serve per proteggere il business

Affinità e divergenze tra sicurezza IT e OT

Alcuni degli aspetti generali nella gestione della sicurezza IT e OT, in realtà, convergono. Soprattutto da quando il mondo della cyber security ha sposato la filosofia di fondo della detection and response. Tra questi, per esempio, la necessità di un monitoraggio costante sia del traffico di rete sia degli eventi di sicurezza rilevati a livello di network. Un’esigenza, questa, che in realtà è motivata da esigenze diverse. Se nel mondo IT la logica è quella di aggiungere ai tradizionali sistemi di protezione endpoint un layer di sicurezza che consenta un intervento tempestivo in caso di attacco, in ambito OT il monitoraggio del traffico rappresenta l’unica soluzione per proteggere dispositivi che, per le loro caratteristiche, non possono essere difesi utilizzando sistemi tradizionali come l’installazione di un software antivirus. Altri aspetti, come l’implementazione di policy e sistemi di gestione dei dispositivi (per esempio le autorizzazioni per il collegamento a chiavi di memoria USB) hanno semplicemente una rilevanza diversa. Se in ambito IT possono essere considerate “buone pratiche” che rispondono, però, all’esigenza di mitigare un vettore di attacco tutto sommato residuale, in ambito OT hanno un’importanza maggiore. Sono molti, infatti, i dispositivi dedicati alla produzione che hanno una protezione di tipo “air gap” (l’assenza di connessione alla rete che esclude la possibilità di attacchi in remoto – ndr) e per i quali, di conseguenza, la connessione a un dispositivo terzo rappresenta la principale minaccia.

Qual è l’anello debole?

La permeabilità tra i due ambienti all’interno dell’ecosistema ambientale, nell’ottica di chi si occupa di cyber security, ha conseguenze che riguardando il concetto di “superficie di attacco” e le strategie che devono essere messe in campo per ridurne le dimensioni. Il rapporto tra sicurezza IT e OT, in questa declinazione, è rilevante sotto due prospettive che si collocano agli antipodi. Nella catena della sicurezza informatica è indispensabile individuare le aree più vulnerabili spiega l’esperto di HWG. In questo caso ci troviamo di fronte a due diversi ambiti con differenti vulnerabilità, che però interessano, a cascata, entrambi i settori. La cronaca recente, così come le statistiche di tutte le società di sicurezza informatica, confermano per esempio che nella maggior parte dei casi i cyber criminali utilizzano come vettore di attacco la posta elettronica, sfruttando tecniche come il phishing per ottenere l’accesso alla rete. In questa prospettiva l’ambito IT rappresenta il “punto di accesso” privilegiato che i pirati informatici possono sfruttare per introdursi nella rete aziendale e colpire poi il settore OT. Una delle prime preoccupazioni nella messa in sicurezza dei sistemi di sicurezza IT e OT deve essere quella di adottare policy di segmentazione della rete che consentano di creare una netta separazione tra i due ambiti spiega Bernini. In caso contrario, il collegamento rischia di rappresentare un enorme elemento di debolezza.

Una dimensione temporale diversa

L’interdipendenza a livello di sicurezza IT e OT è un concetto valido anche a ruoli ribaltati. Per comprenderlo, è sufficiente considerare il tema del vulnerability management, che assume declinazioni diverse a seconda del settore in cui viene applicato. Se nel settore IT si traduce normalmente in una definizione di rigorose policy di patching che consentano di aggiornare il software utilizzato non appena emerge un bug, in ambito OT le cose sono più complicate. I tempi di obsolescenza in ambito IT e OT viaggiano su dimensioni temporali molto diverse” spiega Bernini. “La digitalizzazione dei sistemi di produzione, in questo senso, si trova ad affrontare delle contraddizioni che, a livello di cyber security, sono potenzialmente esplosive. Il tema è quello dei sistemi legacy, cioè di quei software troppo “datati” che non ricevono più supporto dagli sviluppatori anche per gli aggiornamenti di sicurezza. Un fenomeno che in ambito industriale si presenta con una certa frequenza a causa di una netta asimmetria tra le “aspettative di vita” degli strumenti digitali e le attrezzature dedicate alla produzione. Spesso le imprese si trovano nella situazione di avere linee produttive che sono gestite attraverso sistemi digitali, ma la loro compatibilità è limitata a software o sistemi operativi non più supportati conferma il Cyber Security Manager di HWG. In ambito OT, di conseguenza, l’aspetto del vulnerability management ha caratteristiche diverse dall’IT e richiede l’uso di strumenti specifici”.

  Contributo editoriale sviluppato in collaborazione con HWG.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr