TECNOLOGIA E SICUREZZA

La cyber security nell’automotive: il ruolo dei Vehicle-SOC (V-SOC) per la mitigazione dei rischi

Nel mondo automotive componenti e sistemi connessi sono fondamentali per migliorare le capacità dei veicoli, ma introducono ulteriori vulnerabilità e punti di ingresso. Nella gestione del perimetro esteso su cui viaggiano i dati critici condivisi tra veicoli giocano un ruolo importante i Vehicle-SOC (V-SOC). Ecco perché

09 Dic 2021
D
Mario Direnzo

Responsabile sistemi informativi e Responsabile sviluppo nuovi prodotti software, Macnil

R
Domenico Raguseo

Head of CyberSecurity Exprivia

Il processo di digitalizzazione ha subito nel recente passato un’accelerazione a cui mai la storia dell’umanità ha assistito e il mondo automotive è tra i settori con la maggior velocità di trasformazione digitale: infatti, entro il 2023 i veicoli connessi dovrebbero rappresentare un quarto di tutte le autovetture del mondo ed entro il 2025 i veicoli connessi costituiranno quasi l’86% del mercato automobilistico globale.

Componenti e sistemi connessi sono fondamentali per migliorare le capacità dei veicoli, per far evolvere la guida autonoma (AVs) e per fornire migliori esperienze di guida grazie a servizi telematici e di smart mobility, ma introducono anche ulteriori vulnerabilità e punti di ingresso che gli hacker possono sfruttare.

Si tratta di un perimetro estremamente esteso in cui viaggiano dati critici condivisi tra veicoli, app e server, ove l’interruzione di funzionalità o dell’erogazione di servizi critici potrebbe essere fatale (ad esempio causando un incidente automobilistico) con danni che vanno dalla vita dei passeggeri a bordo, al furto di dati sensibili o del veicolo, alle frodi.

Il ruolo dei Vehicle-SOC (V-SOC)

La buona notizia è che, nonostante il perimetro sia estremamente diversificato e complesso, le tecnologie di artificial intelligence opportunamente specializzate per l’industria dei veicoli sono in grado di indentificare anomalie e segnalare incidenti all’interno di SOC specializzati per il mercato delle autovetture (automotive) e che prende il nome di Vehicle-SOC ( V-SOC ).

17 novembre, milano
Spalanca le porte all’innovazione digitale! Partecipa a MADE IN DIGItaly

I V-SOC sono centri che coniugano tecnologie, processi e personale estremamente specializzato e competente su tecnologie e servizi tipici dell’industria con specializzazioni sulla cyber security, in grado di poter integrare, nei sistemi di anomaly detection, una threat intelligence focalizzata sulla industria specifica e workflow di risposta ad un incidente adeguati.

I possibili vettori di attacco

In questo perimetro i vettori di attacco più comuni nel mondo delle connected cars annoverano ai primi posti i server a cui i veicoli si collegano, i sistemi Keyless, le mobile app utilizzate per gestire l’auto a distanza e le porte OBD (On-Board Diagnostics) per la diagnostica a bordo, ma nel 2020 si sono registrati anche diversi incidenti a carico dei sistemi di infotainment, Bluetooth e alla rete interna dei veicoli.

A complicare lo scenario è che l’industria automotive assembla, negli autoveicoli dispositivi, componentistica, applicazioni e servizi che in grande parte provengono da fornitori esterni.

Questo allarga il perimetro di un possibile attacco alla supply-chain, non solo OEM (original equipment manifacturer) pertanto, ma anche fornitori after market e provider: dai telematics service providers ai sistemi di fleet management, dai sistemi di gestione della logistica 4.0 alle smart cities, passando per il mondo assicurativo e di smart mobility.

Pertanto, se la cyber security è percepita dalle aziende come una evidente necessità, comprendere su quale controllo di sicurezza investire per ridurre il rischio complessivo è estremamente complesso.

Per le aziende i rischi da mitigare vanno dal furto di dati sensibili (proprietà intellettuale, dati personali) al danno alla reputazione di una azienda (che a sua volta potrebbe influenzare la percezione di sicurezza fisica e orientare gli acquisti verso altri fornitori), dal danneggiamento della produzione (interruzione ma anche danni ambientali), alla violazione di regolamentazioni e direttive (ad esempio sulla privacy).

Minacce alla sicurezza nella supply chain: ecco come contrastare gli attacchi più diffusi

Mitigare i rischi di un attacco alla supply-chain

Per mitigare questi rischi è necessario aumentare la visibilità sul flusso dei dati attraverso l’intero perimetro che include la supply-chain.

Aumentare la visibilità vuol dire monitorare anche gli eventi generati da tutto l’ecosistema che rende possibile al veicolo di funzionare (che include officine, applicazioni, fabbrica…).

Sicuramente necessaria è, pertanto, una fortissima conoscenza dell’industria, ma altrettanto importante è integrare la conoscenza dell’industria con attività di threat intelligence più prettamente IT. Questo perché l’autovettura è essenzialmente collegata a sistemi IT e perché i sistemi a bordo sono intelligenti e interconnessi e pertanto potenzialmente oggetto di attachi cyber.

Maggiore visibilità aiuta ad indentificare i controlli opportuni da poter applicare.

Avere visibilità dei dispositivi connessi

La numerosità dei dispositivi utilizzati comporta che il controllo e la gestione del ciclo di vita del dispositivo stesso diventi una importante priorità.

Se infatti nella IT classica è necessario assicurarsi che la infrastruttura abbia una configurazione conforme alle aspettative per evitare che un attaccante possa sfruttare errori di configurazioni (misconfiguration), possiamo immaginare quanto un attaccante possa essere facilitato dall’approcciare un ambiente estremamente eterogeneo in cui concorrono milioni di dispositivi.

Avere visibilità sulle versioni e livelli di software, firmware, garantire la possibilità di aggiornamenti, è quindi una priorità.

Ovviamente avere visibilità dei dispositivi connessi e garantirne l’aggiornamento è una priorità, ma non è l’unica. I dispositivi vanno protetti tramite segmentazioni, protocolli con meccanismi di autenticazioni ed hardering adeguati e canali di comunicazione sicuri.

Identificare i controlli per la protezione ed implementarli non garantisce però che l’attaccante non sviluppi tecniche di attacco non conosciute e quindi riesca ad evadere le misure utilizzate.

Conclusioni

La cyber security oggi è una disciplina estremamente specializzata per industria. Conoscere le architetture e i processi utilizzati nella industria specifica è necessario per identificare eventuali compromissioni ed investire sulle contromisure da adottare.

Se questo è valido per attività di assessment e compliance e nell’identificazione di meccanismi di protezione (hardering, segmentazione, autenticazione), è ancora più valido parlando di detection.

Infatti, il solo prevenire e proteggere non garantisce che l’attaccante non riesca a compromettere comunque un dispositivo.

Non dimentichiamo che nel perimetro operano gli utenti finali, che da un lato non hanno sempre grande consapevolezza sui rischi di comportamenti e dall’altro si aspettano di poter utilizzare tutte le possibilità che l’ambiente interconnesso mette a disposizione (intrattenimento, mappe, telefonia…).

INFOGRAFICA
I migliori data analytics tools a confronto: CHI VINCE?
Big Data
Datacenter
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr