SICUREZZA INFORMATICA

Google Cloud Chronicle: le soluzioni per portare la potenza del cloud nella security aziendale

L’impiego del cloud non è solo fonte di grattacapi per chi deve proteggere il perimetro della rete aziendale. Con Chronicle le capacità di raccolta dati, ricerca e analisi del cloud di Google sono messe a servizio della difesa contro il cyber crime. Ecco le potenzialità d’utilizzo negli ambiti d’impresa

Pubblicato il 01 Mar 2022

T
Piero Todorovich

Giornalista

Rilevare con largo anticipo le minacce di security a reti e servizi IT è vitale per la difesa delle infrastrutture digitali di grandi e piccole aziende. Se da una parte l’impiego delle più sofisticate tecniche d’analisi ML/AI (Machine Learning / Artificial Intelligence) permette di rilevare attacchi zero-day, anomalie nel traffico di rete e nei comportamenti degli utenti, dall’altra restano forti limitazioni nelle capacità dei team di security di correlare informazioni provenienti da più fonti, disporre della potenza d’analisi per individuare in tempo reale i problemi e alzare difese appropriate.

Per difendere reti e sistemi in modo efficace non basta il solo monitoraggio locale, serve condividere le informazioni d’intelligence, avere conoscenza su rischi emergenti e su potenziali bersagli a livello globale. Un contesto che dà ai grandi provider di servizi in rete la capacità d’individuare precocemente le tracce criminali, servendosi dei dati raccolti a livello geografico e della potenza analitica dei sistemi in cloud. Potenza che Google Cloud Chronicle si propone di mettere a disposizione delle imprese e dei fornitori di servizi di sicurezza gestita. Una mossa che potrà davvero aiutare la lotta al cyber crime?

Perché la security ha bisogno della potenza del cloud

Le capacità di rilevamento, d’analisi e di risposta dei sistemi di sicurezza hanno bisogno di alte prestazioni, scalabilità e velocità di reazione. La complessità delle infrastrutture, la crescita nel numero di applicazioni in uso e degli strumenti impiegati per gestire la sicurezza ha aumentato la quantità di dati da analizzare rispetto al passato, causando perdite di visibilità e riducendo la capacità d’intervenire in tempo utile. Il modello di sicurezza corrente, fondato sull’impiego dei tool SIEM (Security Information and Event Management), comporta costi che crescono in proporzione con la quantità delle informazioni gestite.

Una condizione che obbliga a fare delle scelte, disincentivando la cattura e l’analisi di tutte le informazioni potenzialmente rilevanti. Con l’impiego in azienda dei servizi in cloud IaaS, SaaS e PaaS in affiancamento a quelli erogati dal data center (ambienti ibridi) è aumentata la complessità e la difficoltà a integrare le informazioni che servono per avere visibilità sulle reti. In ambiti multicloud si ha spesso a che fare con tool di monitoraggio e gestione diversi per ciascun provider. Per ridurre l’esposizione al rischio non basta l’aggiornamento periodico delle difese e la formazione dei team.

Servono competenze, specializzazione, capacità di mettere a fattor comune i grandi investimenti necessari. Le stesse motivazioni che, su fronti diversi dalla security, hanno già convinto la grande parte delle imprese a utilizzare i servizi in cloud.

Google Cloud Chronicle e i vantaggi del threat hunting condiviso

L’idea di sfruttare le capacità di raccolta e d’elaborazione dei dati del cloud ai fini della security è alla base del progetto avviato nel 2016 all’interno di Alphabet (casa madre di Google) e concretizzato nei servizi di Chronicle, oggi parte di Google Cloud.

Chronicle è pensato per raccogliere, normalizzare, analizzare ed estrarre le informazioni utili alla sicurezza dalla mole dei dati tecnici, di monitoraggio di reti e sistemi, prodotta all’interno delle imprese. Capacità utili al “threat hunting” che si avvantaggiano delle tecnologie di ricerca, analisi AI e visibilità globale che Google può avere su tutto ciò che oggi accade nel web. Prerogative che consentono ai team SOC (Security Operation Center) aziendali o a fornitori esterni di ottenere informazioni tempestive sulle minacce in circolazione e di operare in modo proattivo per ridurre il rischio.

L’utilizzo del cloud permette di scavalcare le segregazioni di dominio, aziendali e geografiche che affliggono la condivisione delle informazioni d’intelligence digitale. Un problema di cui ancora oggi può approfittare il cybercrimine nel momento in cui, per esigenze di business, le aziende sono costrette a fare aperture nel perimetro della rete per consentire il telelavoro e più strette integrazioni digitali con i partner di filiera e i clienti.

Le funzioni di Chronicle per la raccolta e la fruizione dei dati

Come anticipato, Chronicle sfrutta l’infrastruttura di Google per la ricerca delle informazioni significative per la sicurezza a partire da log e altri dati generati dai sistemi in rete. Il servizio ha le capacità per raccogliere, normalizzare, indicizzare ed elaborare dati in tempo reale e quindi offrire risultati analitici sulla base dei contesti d’uso e degli specifici rischi. Per il caricamento dei dati, Chronicle offre diverse opzioni.

La prima prevede l’impiego di agenti nei punti nodali della rete aziendale, software capaci d’instradare su cloud i log di sistema, di prelevare pacchetti dati sospetti e di interrogare gli archivi dei SIEM già esistenti.

Un’altra opzione di caricamento prevede l’invio a Chronicle delle informazioni attraverso API, senza la necessità d’installare alcunché sulla rete aziendale. Sempre via API, Chronicle può essere integrato con i servizi cloud di terze parti, per esempio, per operare con i servizi su Azure e di Office 365.

Attraverso le capacità di normalizzazione e di analisi dei dati, Chronicle produce viste unitarie su ciò che accade all’infrastruttura aziendale, indicando i livelli di rischio e come far fronte alle minacce. Le informazioni di Chronicle possono essere fruite dai team di security attraverso un comune browser oppure essere utilizzate via API con software ad hoc, per esempio, per innescare altri processi.

Le situazioni d’impiego e l’automazione nella remediation

Le capacità di Chronicle fanno fare un salto di qualità nella gestione degli allarmi. Nel caso, per esempio, di una segnalazione di advanced persistent threat (APT) su un dominio di rete, Chronicle è in grado d’identificare rapidamente tutti gli host che hanno avuto accesso a quel dominio nell’arco degli ultimi 12 mesi. Analizzando i dati su indirizzi IP e hostname ricava le correlazioni più utili ai team di security per capire che cosa sta accadendo.

Molti attacchi prendono forma attraverso malware che sono iniettati nelle reti attraverso le vulnerabilità di piattaforme, domini, IP pubblici o per errati comportamenti degli utenti. Il modello dati unificato di Chronicle (contenente le informazioni rilevanti relative ad apparati e interazioni) aiuta i team ad avere un quadro completo della situazione nel contesto d’attacco, assegnare le giuste priorità alle azioni da compiere oppure per eliminare i falsi positivi.

Il cloud di Chronicle mette a disposizione alcune capacità di remediation automatizzate, tipiche dei SOC. Lo fa attraverso un proprio strumento di security orchestration, automation and response (SOAR) Siemplify che permette di automatizzare l’applicazione delle difese. Le capacità analitiche del sistema, accessibili dall’esterno attraverso API, permettono d’integrare le capacità di Chronicle con i processi interni di sicurezza dell’azienda, gestione di ticket o d’ingaggio dei SOC.

L’esperienza di DGS con Google Chronicle

Tra le società che hanno sperimentato sul campo le capacità di Chronicle c’è DGS, system integrator specializzato in cyber security, con esperienza più che ventennale nella protezione delle informazioni. “Siamo stati tra i primi a sperimentare Chronicle – spiega Gianluca Cimino, CSO di DGS –, a capire il valore associato al servizio e a creare un team nel laboratorio di threat intelligence per studiare applicazioni e integrazioni.

Con Chronicle abbiamo da poco stretto una partnership strategica che ci permette di offrire ai nostri clienti servizi di cybersecurity efficaci e proattivi”. DGS impiega Chronicle per individuare i trend d’attacco, i potenziali bersagli e per correlare i dati di security. “Il motore di correlazione, di tipo non supervisionato, estrae informazioni dai dati senza alcun condizionamento umano – spiega Cimino. Questo ha grande valore laddove le regole sono create da persone e gli attacchi possono superarne l’immaginazione. Si aggiunge alle capacità di Siemplify per l’automazione delle azioni di difesa”.

Le capacità di Chronicle aggiungono valore alle soluzioni del portafoglio DGS (tra queste: AlgoSec, CyberArk, Check Point, Forescout Solutions, Fortinet, Sentilel One…), aiutando l’integrazione delle difese in modo da non lasciare zone d’ombra. “Aiuta i nostri clienti a unificare il controllo della sicurezza, fornendo informazioni in base ai ruoli aziendali – precisa Cimino. Migliora inoltre le capacità di ‘visione laterale’ utili per sventare gli attacchi e per individuare le meccaniche che possono sfuggire alle difese esistenti”.

DGS impiega Chronicle nelle soluzioni personalizzate di security per le grandi realtà aziendali dove i servizi in cloud integrano le capacità delle componenti di sicurezza già in uso. Soluzioni rivolte alle realtà del mondo energy e utility (DGS ha maturato esperienza nella protezione delle infrastrutture critiche), finance, industry e della pubblica amministrazione. Nell’ambito del crescente impegno di DGS verso le esigenze di security delle piccole e medie aziende, Chronicle entrerà a far parte delle soluzioni pacchettizzate per questo specifico mercato.

Contributo editoriale sviluppato in collaborazione con DGS / Google Chronicle

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr