Le previsioni

Data management, scopriamo come cambierà nel 2023

Dati sempre più visibili e interoperabili. Il ruolo chiave del cloud (ibrido). Più intelligenza artificiale e machine learning. Un unico obiettivo: gestire al meglio l’acquisizione dei dati e automatizzarne l’intero ciclo di vita

Pubblicato il 20 Gen 2023

Federica Maria Rita Livelli

Business Continuity & Risk Management Consultant

La sempre maggiore quantità di big data sta spingendo le aziende a investire maggiormente in strumenti e tecnologie per la loro gestione, ai fini di utilizzare tutti i dati a disposizione per migliorare le operazioni, comprendere meglio i clienti, consegnare i prodotti più velocemente e ottenere altri vantaggi aziendali attraverso le applicazioni di analisi.

Ovviamente, tutto ciò presuppone una gestione strutturata dei dati in conformità con le vigenti normative.

Principali previsioni sulla gestione dei dati

DataOps

Si tratta una metodologia e una pratica che si concentra su approcci agili e iterativi per gestire l’intero ciclo di vita dei dati. I processi ed i framework di DataOps non considerano i dati in modo frammentario (i.e. in termini di generazione, archiviazione, flussi, elaborazione e gestione dei dati) e soddisfano le esigenze organizzative durante l’intero ciclo di vita dei dati, dalla generazione all’archiviazione.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy

Si ritiene che, nel 2023, le organizzazioni saranno impegnate maggiormente a riconoscere il valore dei dati, implementare strategie DataOps e diventare aziende più data-driven.

Grazie ai DataOps è possibile raggruppare processi aziendali e tecnologie dei dati per migliorare l’accesso ai dati e accelerare i flussi di lavoro di analisi.

Ne consegue che tutte le parti interessate possono accedere rapidamente ai dati su richiesta e le aziende possono migliorare le prestazioni dei dati per garantire migliori informazioni sui dati e aumentare le vendite.

Creare un business case per la sicurezza in tempi di budget ristretti: ecco come

Sovranità dei dati

Le normative vigenti e future sulla sovranità e la privacy dei dati obbligheranno le organizzazioni a rendere i dati più visibili e interoperabili oltre che ad ad agire in modo più proattivo nella creazione di politiche di governance dei dati in termini di condivisione, integrazione e conformità.

Comprehensive Data Protection

Il permanere di modalità di lavoro ibride, la crescente adozione di strumenti SaaS (Software as a Service) e la continua crescita dei volumi di dati aziendali comporteranno il permanere di minacce alla cyber security aziendale ed un aumento della loro complessità anche nel 2023.

Ne consegue che sarà necessario una protezione più completa da parte delle organizzazioni che dovranno implementare strategie di sicurezza che includono sia la prevenzione sia il rilevamento sia la protezione dei dati, il backup e il ripristino degli stessi.

Considerando che, sia nel 2023 sia negli anni futuri, assisteremo ad un intensificarsi degli attacchi cyber, sarà sempre più necessario attuare strategie di backup basate su cloud e garantire funzionalità di gestione e di protezione dei dati cloud in modo da prevenire la perdita dei dati e ridurre i tempi di inattività dovuti a malware e attacchi ransomware.

Data Management per prevenire l’esfiltrazione dei dati

Il modello di lavoro ibrido e il grande turnover del personale sono destinati a permanere anche nel 2023; ne consegue che i dati aziendali saranno più vulnerabili e soggetti a rischio esfiltrazione.

In particolare, nel caso job hopping (i.e. passaggio da un’azienda ad un’altra), le persone se ne vanno e portano con sé i dati. Pertanto, urge implementare politiche strutturate di access management. Secondo quanto si evince dal Annual Data Exposure Report 2022 , della società di americana di software di sicurezza informatica Code42, esiste una possibilità su tre che un’azienda perda la proprietà intellettuale quando un dipendente si licenzia; e quasi tre quarti (71%) delle organizzazioni non sono consapevoli di quanti dati sensibili i loro dipendenti dimissionari portano con sé.

Immagine che contiene testo Descrizione generata automaticamente

Fonte immagine: Code 42 – Annual Data Exposure Report 2022.

Nel 2023 sarebbe auspicabile che le funzioni di cybersecurity si assicurino protocolli per prevenire l’esfiltrazione dei dati e individuino sul mercato piattaforme di data management che abbiano funzionalità progettate per rilevare il furto di dati e impedire ai dipendenti in uscita di esfiltrare i dati.

Conoscere dove risiedono i dati

Ad oggi, purtroppo, vi sono ancora molte organizzazioni – indipendentemente dal settore di appartenenza e dalla dimensione – che non sono sufficientemente consapevoli di dove risiedano i propri dati.

Inoltre, in uno scenario caratterizzato da un processo accelerato di digitalizzazione e innovazione che crea gradi quantità di dati è quanto mai fondamentale ottimizzare i processi di gestione dei dati e di analisi in modo tale che le organizzazioni possano prendere decisioni strutturate e migliorare la propria performance.

Advanced data Analytics

Soluzioni di analisi aumentata, strumenti di analisi B2B e analisi cloud consentono alle organizzazioni di ottenere più valore dai dati e strutturare flussi decisionali basati sugli stessi.

Numerose startup sono presenti sul mercato con soluzioni di analisi dei dati in termini di analisi descrittive, diagnostiche o predittive basate su scenari applicativi.

La cyber security che verrà, superare l’instabilità alzando il livello di attenzione

Intelligenza Artificiale

Le grandi quantità di dati prodotta dalle organizzazioni sono oramai difficili da strutturare e selezionare manualmente. Pertanto, le organizzazioni tenderanno sempre più – anche nel 2023- ad automatizzare la gestione e la pulizia dei dati non strutturati, utilizzando gli algoritmi di AI e Machine Learning.

Di fatto, l’AI è oramai integrata per gestire al meglio l’acquisizione dei dati e automatizzarne l’intero ciclo di vita (i.e. dall’acquisizione, alla gestione, alla cura e alla strutturazione).

Data fabric

Si tratta di un’architettura che è in grado di facilitare l’integrazione delle funzionalità di gestione dei dati end-to-end e, allo stesso tempo, è indipendente dagli ambienti, dall’utilizzo e dalle procedure dei dati.

Inoltre, le aziende grazie alla governance automatizzata dei dati da parte dei data fabric possono sfruttare i dati attraverso le catene del valore, eliminando i silos dei dati organizzativi e supportando la sinergia e l’interazione tra i vari team/funzioni o tra i vari siti produttivi.

Hybrid Cloud

Oggigiorno le aziende utilizzano installazioni on-premise insieme a cloud pubblici e privati per diversi servizi di dati e la loro gestione diventa complessa se i diversi componenti hanno diversi livelli di requisiti di privacy.

Pertanto, si ritiene che nel 2023 le aziende adotteranno sempre più una strategia di cloud ibrido per beneficiare di una maggiore flessibilità e usufruire di un ulteriore livello di sicurezza dei dati.

Di fatto, con l’aiuto di soluzioni cloud ibride, le organizzazioni possono spostare dati e carichi di lavoro business-critical in ambienti cloud pubblici mantenendo i dati sensibili on-premise.

Blockchain

Si ritiene che continuerà la diffusione di utilizzo di soluzioni di archiviazione dei dati basate su blockchain che dispongono di una tecnologia di registro distribuito che consente alle organizzazioni di generare asset, audit trail e record delle transazioni con una maggiore sicurezza.

Inoltre, l’archiviazione dei dati lungo la blockchain riduce in larga misura le possibilità di manomissione dei dati, aumentando l’autenticità e l’accuratezza.

Metadata Management

La gestione manuale di metadati di grandi quantità di dati creati nei processi organizzativi, comporta una notevole dispersione di tempo e di risorse.

Pertanto, si ritiene che nel 2023 si diffonderanno maggiormente gli strumenti di gestione automatizzata dei metadati in grado di raccogliere dati quasi in tempo reale, rimuovendo le incoerenze ed eliminando i silos e garantendo, altresì, una qualità dei dati superiore e maggiori flussi di lavoro di analisi.

Data Governance e Compliance

I dati forniti da diverse pipeline organizzative possono rivelarsi di scarsa di qualità e indurre a informazioni discrepanti o incoerenti, copie, lacune e altri errori.

Inoltre, le organizzazioni devono attuare strategie di governance dei dati per l’intero ciclo di vita dei dati stessi per garantire la conformità alle regolamentazioni sempre più stringenti in termini di dati e privacy. Ne consegue che le soluzioni di gestione della conformità dei dati si diffonderanno sempre più anche nel 2023.

AAA cyber resilienza cercasi. Così le aziende possono resistere e crescere

Conclusioni

Negli ultimi anni si è assistito ad un incremento considerevole di violazioni dei dati. Durante il terzo trimestre del 2022, gli utenti di Internet in tutto il mondo hanno registrato circa 15 milioni di violazioni dei dati, in aumento del 167% rispetto al trimestre precedente secondo quanto si evince dalla piattaforma tedesca STATISTICA e, purtroppo, questa tendenza perdurerà anche nel 2023 e negli anni futuri.

Pertanto, le organizzazioni dovranno sempre più investire in soluzioni di gestione ed analisi dei dati se vogliono stare al passo con i tempi e garantirne la sicurezza.

Ancora, la tematica del Data Management sarà sempre più considerata nelle organizzazioni, aumenta la consapevolezza dell’importanza di costruire un’organizzazione basata su dati maggiormente strutturati.

Esistono già alcune organizzazioni che hanno avviato il processo di Data Management, mentre altre dovranno garantire un ambiente maggiormente organizzato, “governato” e sostenibile oltre a diffondere sempre più una cultura data-driven e data-asset.

Inoltre, nel 2023 e negli anni futuri sarà importante saper misurare: il valore dei dati sia intrinseco sia “derivato”; l’impatto generato in termini di business scaturito dal data analytics; la misurazione dell’impatto intangibile (i.e. cultura, esperienza del cliente o del dipendente); il valore intrinseco dei dati, ovvero la monetizzazione dei dati di cui si parla tanto e così difficile da raggiungere.

Le organizzazioni a causa delle diffuse violazioni della sicurezza, dell’erosione della fiducia dei clienti nelle pratiche di condivisione dei dati aziendali e delle sfide nella gestione dei dati durante il loro ciclo di vita, si stanno concentrando maggiormente sulla gestione dei dati e si stanno maggiormente adoperando per proteggere e gestire correttamente i dati, soprattutto quando attraversano i confini internazionali.

Un cammino sine die e non scevro di difficoltà ma che, con la corretta conoscenza e adeguata consapevolezza, ci condurrà al raggiungimento dei risultati necessari per la corretta gestione e governance dei dati.

WHITEPAPER
Analytics nel cloud: ecco gli 11 benefici che devi conoscere!
Cloud
Business Analytics
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4