Le norme

Cyber security, la nuova roadmap di banche e istituti finanziari

Le organizzazioni del settore bancario sono chiamate non solo alla compliance normativa rispetto alle recenti direttive Ue in vigore da dicembre, ma anche a una continua propensione al miglioramento con interventi operativi tecnici e di cultura alla sicurezza diffusa ad ogni livello

Pubblicato il 06 Apr 2023

Alessia Valentini

Giornalista, Cybersecurity Consultant e Advisor

Mobile-Banking-Trojan

Per il delicato core business di cui si occupano, le banche e le entità finanziarie sono sempre nel mirino regolatorio da un lato e al centro di attacchi da parte di truffatori e criminali digitali dall’altro. Questo contesto le obbliga ad una posizione e postura alla sicurezza informatica da “primi della classe”, anche se le difficoltà non mancano per il delicato bilanciamento fra la compliance e l’effettiva resilienza operativa.

Ne abbiamo parlato con due Responsabili di Security, Fabio Ugoste, Direzione Cybersecurity and Business Continuity Management di Intesa San Paolo e Giampiero Raschetti CISO di Banca Popolare di Sondrio, che hanno rispettivamente chiarito elementi della roadmap di Security del contesto bancario, caratterizzati da un approccio strutturato e condiviso, necessario a gestire le potenziali criticità.

Xenomorph: il malware per Android che ruba dati bancari, anche in Italia

Il contesto regolatorio e le conseguenze operative

Le minacce informatiche non sono per loro natura, limitate a un settore specifico di mercato ed hanno anzi, il potenziale di colpire ed espandersi in qualsiasi campo di attività economica, con possibili significative ripercussioni per le organizzazioni e le persone vittima di attacco. Di conseguenza, l’adozione di misure di sicurezza informatica per tutti i settori e per tutti i fornitori di servizi ICT è fondamentale.

L’ambito bancario non fa eccezione e poiché il core business è proprio “il quid” tanto desiderato dalla criminalità informatica, non dovrebbe stupire che rappresenti l’ambito di mercato più regolamentato, controllato e strutturato, quando paragonato a tutti gli altri.

Infatti, alcuni dei settori inclusi nel campo di applicazione della Direttiva (UE) 2022/2555 (nota come Direttiva NIS2), pubblicata a dicembre 2022 e operativa nei successivi 24 mesi, era già in parte coperti anche da norme settoriali specifiche del settore finanziario, come le linee guida dell’EBA sulla gestione dei rischi per la sicurezza ICT.

In aggiunta invece la Commissione Europea ha introdotto il nuovo Regolamento 2022/2554, Digital Operational Resilience Act, ovvero il Regolamento DORA, finalizzato alla impostazione e attuazione della resilienza operativa per ogni entità del settore finanziario.

La DORA contiene disposizioni sul rischio ICT, gestione, segnalazione degli incidenti informatici, test di resilienza operativa digitale, modalità di condivisione delle informazioni e gestione del rischio di terze parti ICT.

A questo proposito L’European Banking Federation (EBF) già a giugno 2021, si era espressa a commento della direttiva NIS2 (allora in versione di proposta soggetta a pubblica revisione n.d.r.) chiarendo come, fosse accolta con favore la sua funzione di “lex specialis” per la NIS2 per la certezza del diritto alle banche in termini di obblighi e richiedendo alcuni chiarimenti sulla NIS2, fornendo contemporaneamente suggerimenti di modifica migliorativi, per garantire ulteriormente tale certezza.

Gestione dei fornitori in ambito finanziario: come realizzare una strategia e un piano di uscita

In funzione dei commenti ricevuti il Consiglio Europeo ha allineato il testo alla normativa settoriale specifica, sia la DORA, sia la direttiva sulla resilienza delle entità critiche, la CER, per fornire chiarezza giuridica e garantire la coerenza tra NIS2 e questi atti.

Gli Stati membri hanno due anni dall’entrata in vigore della direttiva, per recepire le disposizioni nella loro legislazione nazionale. Le organizzazioni finanziarie che rientrano nell’ambito della DORA non dovranno rispettare i requisiti di sicurezza informatica NIS2 (Fonte Taylor Wessing company).

Tuttavia, alcuni fornitori terzi considerati critici per i servizi ICT (ad esempio fornitori di cloud computing designati nell’ambito di DORA) potrebbero essere soggetti sia a DORA che a NIS2, sebbene i legislatori abbiano cercato di ridurre al minimo l’impatto delle incoerenze e delle duplicazioni tra i due regimi.

Il ritocco alla roadmap di cybersecurity delle banche

Le direttive e regolamenti europei pubblicati a dicembre 2022 non hanno trovato impreparate le organizzazioni bancarie, proprio in funzione delle direttive preesistenti emesse dall’European Banking authority (EBA), dalla Banca d’Italia con il gruppo specializzato Gruppo di coordinamento sulla sicurezza cibernetica (GCSC), dalle indicazioni del CERTFIN (Il CERT Finanziario Italiano è un’iniziativa cooperativa pubblico-privata finalizzata a innalzare la capacità di gestione del rischio informatico degli operatori finanziari e la cyber resilience del sistema finanziario italiano attraverso il supporto operativo e strategico alle attività di prevenzione, preparazione e risposta agli attacchi informatici e agli incidenti di sicurezza).

Lo conferma parlando della sua organizzazione Fabio Ugoste, Direzione Cybersecurity and Business Continuity Management di Intesa San Paolo, che spiega la strategia di Cyber security e Business Continuity.

Intesa San Paolo aveva previsto già da tempo un intervento nelle aree impattate dall’evoluzione normativa, anticipando l’implementazione delle azioni laddove possibile, grazie all’attività di “strategic intelligence” e alla partecipazione attiva nei gruppi lavoro nati a livello europeo per supportare il Regolatore nella stesura del testo normativo.

L’esperto chiarisce in aggiunta, che “ovviamente molti altri interventi in futuro dipenderanno nello specifico dai requisiti tecnici di adozione della norma che verranno definiti nei prossimi 12-18 mesi relativamente alle aree dedicate alla segnalazione degli incidenti, ai test avanzati dei livelli di sicurezza e alla gestione del rischio ICT e delle terze parti”.

Anche Giampiero Raschetto CISO in Banca Popolare di Sondrio conferma l’esistenza di una roadmap già avviata nella sua organizzazione e caratterizzata da “binari solidi” e da una DNA votato alla riservatezza delle informazioni come base fondante impostato sulle indicazioni di BCE e Banca d’Italia.

BETA 80 S.P.A._WP_Conversione e migrazione dei sistemi bancari

Il mondo bancario è altamente normato con controlli stringenti in cui il “rischio”, nella sua accezione più ampia, è da tempo sotto osservazione. I controlli sono costanti e periodici in un ristretto lasso temporale di osservazione.

Per questo motivo le banche devono strutturarsi per gestire il rischio e questo richiede anche adeguamenti organizzativi che nelle grandi banche sono già in essere, ma che nelle banche minori possono richiedere un certo effort, perché si tratta di un’attività invasiva che tocca tutti i processi.

Infatti, le misure di protezione dai rischi operativi comprensivi quelli legati alla sicurezza informativa, secondo le normative EBA, “scandiscono” la strada da fare e degli investimenti da prevedere.

In questo contesto i Consigli di Amministrazione dovrebbe includere persone competenti nella materia della sicurezza informatica per poter contribuire alle decisioni in modo appropriato.

Le normative come la DORA impongono alcune impostazioni in modo preciso e non c’è spazio per l’improvvisazione; tuttavia, per la corretta interpretazione la Banca di Sondrio, con l’ABI e con il CERTFIN si è organizzata in modalità consortile per sviluppare una attività di information sharing, di valutazione e interpretazione delle norme, così da rispondere in modo coordinato con gli altri attori bancari, considerando anche il necessario confronto interno aziendale.

A questo proposito, infatti, si ha l’esigenza di coordinare chi nell’organizzazione si occupa di audit, chi gestisce i rischi, chi è operativo e così via.

La DORA impone alcune prassi per arrivare alla resilienza, ma ad esempio è dal 2004 che alle banche è imposta la business continuity; quindi, la DORA segue e casomai rinforza questo approccio, che era già preesistente. La resilienza comporta anche la capacità di reazione e di riorganizzazione per reagire: non solo processi per agire, ma anche per riorganizzarsi velocemente.

Anche il tema della supply chain è uno dei pilastri della DORA e quindi chiunque si proponga come fornitore per effettuare analisi di vulnerabilità, deve dimostrare di essere affidabile esso stesso ed essere sufficientemente al sicuro, tanto da rappresentare un “rischio accettabile” in qualità di fornitore per una banca.

Money Message, la nuova minaccia ransomware che chiede riscatti milionari: come proteggersi

Il fronte di attacco dei ransomware  

La diffusione dei ransomware, mostra una tendenza di crescita costante negli ultimi cinque anni legata perdite economiche altrettanto crescenti e il 2023 non fa eccezione, anzi secondo il Security report 2023 di Check Point e il Rapporto Clusit 2023 i ransomware stanno diventando sempre più difficili da identificare e tracciare e i meccanismi di protezione esistenti basati sul rilevamento delle attività di crittografia potrebbero diventare meno efficaci.

Dal rapporto Clusit si apprende che “La tendenza alla specializzazione degli autori di campagne di ransomware sta diventando sempre più̀ consolidata, così come l’utilizzo della “double extorsion” da parte degli attaccanti. In queste campagne, i dati vengono esfiltrati prima di essere crittografati dal malware, e il riscatto viene chiesto non solo per ottenere la chiave per decifrare i dati, ma anche per evitare la pubblicazione dei dati esfiltrati. Ciò significa che le vittime sono costrette a pagare il riscatto per proteggere la privacy dei propri dati e prevenire conseguenze negative per la propria reputazione”.

Anche l’Agenzia dell’Unione Europea per la Cybersecurity (ENISA), nel suo Threat Landscape 2022, pone il ransomware come il principale veicolo di minaccia del 2022, seguito dagli altri tipi di malware.

Nella prima metà del 2022 sono stati identificati oltre 10 .000 nuovi ceppi ransomware unici, quasi il doppio di quelli individuati nel semestre precedente. In un contesto crescente di minaccia. I dati arrivano dal FortiGuard Labs Threat Report secondo cui, questo tipo di minaccia continuerà a crescere per sofisticatezza e aggressività̀.

In questo contesto di minaccia crescente l’esigenza di introdurre contromisure appropriate apparirebbe come una urgenza. Ma l’intervento chiarificatore di Fabio Ugoste in questo caso fa capire come sia sufficiente migliorare una azione di difesa già avviata. Ci spiega infatti che “gli attacchi ransomware hanno l’obiettivo di rendere indisponibili i sistemi informatici e di colpire l’integrità dei dati necessaria all’erogazione dei servizi primari delle aziende. Consapevole dello scenario di rischio, Intesa Sanpaolo continua nel suo percorso avviato già da qualche anno, di continua evoluzione e miglioramento delle proprie capacità di prevenzione ed eventuale risposta a queste tipologie di attacco, con l’obiettivo di garantire la resilienza della Banca e l’erogazione dei servizi vitali alla clientela”.

Ma per coloro che hanno bisogno di capire come procedere Giamnpiero Raschetti spiega che l’ENISA ha emesso una pubblicazione specifica sui ransomware, l’ENISA Threat Landscape for Ransomware Attacks, che racconta le varie classificazioni degli effetti del ransomware e chiarisce come affrontare la difesa.

Usando quella come guida, è possibile intervenire in modo preventivo sui sistemi e impostare le appropriate difese, anche in ambito Cloud. Semmai, fa notare il CISO, il problema principale avviene negli ambienti operativi e applicativi dei fornitori. Sono loro a dover essere aiutati a volta anche dalla banca stessa, per capire gli scenari di rischio e reimpostare le basi delle buone prassi di security.

Alcuni tipi di ransomware sono invece pericolosi in termini di impatto, perché si appropriano di credenziali di sistemi, esfiltrano i dati e le pubblicano sul dark web e poi chiedono riscatto per toglierle. In questi casi, spiega l’esperto, è difficile capire il tipo di dato pubblicato e le sue implicazioni.

Le dimensioni ricattatorie sono sempre crescenti e se guardiamo l’ultimo anno o anni da pandemia e guerra gli scenari di rischio si sono estesi conseguenze rovinose.

Si rende quindi necessario, come buona prassi, aggiornare continuamente gli scenari di rischio, classificare le diverse campagne di attacco per prioritizzare e pianificare gli interventi di prevenzione.

L’early warning con i bollettini di avviso come quelli emessi periodicamente dall’ACN sono di ulteriore utilità ma ad esempio per una banca, spiega Giampiero Raschetti, è più utile la condivisione degli iban usati per le frodi, per metterli in black list (ad esempio i criminali reclutano money mules per riciclare i proventi derivanti da truffe e frodi online o crimini come la tratta di esseri umani e il traffico di droga. I money mule usano i loro iban personali e rendono quindi più difficile per le forze dell’ordine tracciare con precisione i vari passaggi del denaro nei conti correnti di appoggio. n.d.r.).

Anche le informazioni sulle vulnerabilità sono utili ma per quelle esistono anche strumenti tecnologici specifici che le classificano, prioritizzano e ne pianificano il patching. Infine, chiude l’esperto, “auspico un sistema di Difesa nazionale Cyber così come oggi avviene per gli altri domini della conflittualità, perché sarebbe utile sia essere difesi dalle Forze Armate e dalle forze di polizia per il contrasto del crimine statuale o digitale, ma anche avere tutto il sistema della giustizia adeguatamente preparato su questi temi, in modo tale che rimanendo aggiornati sui diversi crimini digitali possano giudicarli in modo appropriato”.

Regolamento DORA: le novità nella gestione degli incidenti e nei test di resilienza

L’opportunità del miglioramento continuo

Implementare le indicazioni della NIS2 o della direttiva DORA garantisce la compliance normativa, ma la prontezza operativa forse richiede misure aggiuntive?

Alla domanda Fabio Ugoste illustra come l’adozione dei requisiti previsti dalla NIS2 e dalla DORA sia sicuramente una leva per aumentare la capacità di resilienza delle aziende, ma rappresenta anche un’opportunità, se sfruttata adeguatamente, per dotarsi di strumenti organizzativi e tecnologici in grado di poter gestire le eventuali evoluzioni future degli scenari di rischio.

È a suo parere quindi necessario affrontare il percorso di recepimento della normativa con l’obiettivo non solo di raggiungere la conformità, ma anche di costruire a livello di Gruppo, un sistema in grado di individuare, presidiare e mitigare le nuove minacce.

In particolare, il Regolamento DORA offre alle Istituzioni finanziare la possibilità di creare una cultura di resilienza che coinvolga tutti gli stakeholders della Banca: dai vertici aziendali alle terze parti fino ai clienti finali. Dello stesso parere anche Giampiero Raschetti che vede nella diffusione di una cultura alla sicurezza e negli interventi a livello organizzativo i principali impatti.

Le misure tecniche sono invece considerate “normale amministrazione” da gestire anche in termini di costi e investimenti, ma anche con l’eventuale introduzione di risorse esterne; un elemento quest’ultimo che introduce rischi di supply chain ed accresce la complessità del sistema da tenere sotto controllo con periodiche analisi di gap.

Avendo due anni davanti, chiude l’esperto, si passerà il primo anno verso le richieste di chiarimenti e il perfezionamento, mentre il 2024 sarà dedicato all’adeguamento per permettere di essere pronti per l’entrata in vigore del 2025.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4