SICUREZZA INFORMATICA

Il fattore umano e il perché di un clic: emozione e fiducia sono le armi dei cyber criminali

Concentrarsi sulle persone come linea principale di cyber difesa, ricordando che sempre più spesso gli aggressori mirano all’essere umano e non alla tecnologia, può proteggere meglio l’azienda e aiutare i dipendenti a prevenire clic indesiderati nelle e-mail di phishing o su siti malevoli

Pubblicato il 17 Feb 2021

R
Andrew Rose

Resident CISO EMEA, di Proofpoint

Perché le persone cliccano su link pericolosi? È una domanda che ci si pone da quando esistono i link.

Pensiamo ai criminali informatici come se fossero seduti in cantina, complottando per prendere il controllo della tecnologia, superando il firewall, ma in realtà il problema è tutto umano. La tecnologia è abbastanza efficace nel resistere agli attacchi, e per questo gli attaccanti prendono di mira il punto più vulnerabile: l’utente. Secondo analisi Proofpoint il 94% dei cyber attacchi inizia via e-mail e oltre il 99% richiede un’interazione umana per attivarli e abilitarli.

Invece di analizzare esempi di e-mail di phishing relative a patrimoni oltreoceano, cancellazioni dell’account Netflix e spedizioni in ritardo, dovremmo guardare più in profondità, alla scienza e alla psicologia di questi attacchi per capire perché, nonostante tutti gli investimenti su formazione e consapevolezza, siano ancora efficaci.

Le motivazioni degli attaccanti

Per capire come i cyber criminali cercano di raggiungere il loro obiettivo, è utile prima analizzare come vengono sfruttate le persone. Ci sono tre modi principali in cui gli attaccanti cercano di ottenere un vantaggio dall’utente: facendogli eseguire il loro codice, incoraggiandolo a consegnare le credenziali o semplicemente convincendolo al trasferimento diretto di denaro o dati.

WHITEPAPER
Cyber Risk : la guida per gestire il rischio in banca
Sicurezza
Cybersecurity

Come vengono sfruttate le persone.

C’è una recente tendenza a rendere gli attacchi più complessi, nel tentativo di mettere distanza tra l’e-mail iniziale e il malware, per cercare di aggirarne il rilevamento, ma questi attacchi hanno ancora bisogno di interazione umana. L’utente è la chiave per cui la stragrande maggioranza dei cyber attacchi avrà successo o fallirà. L’obiettivo è la persona.

Come gli attaccanti convincono le persone a cliccare

I cyber criminali desiderano che il personale dimentichi la formazione ricevuta sulla consapevolezza della sicurezza e prenda una decisione sbagliata che permetterà di progredire nel loro attacco – per eseguire un codice, consegnare le credenziali, o pagare una fattura fraudolenta.

Ci sono tre elementi su cui fanno leva per creare questa condizione: emozione, fiducia e stanchezza. Analizziamoli partendo dal fondo.

Stanchezza

Chiedete a qualsiasi Chief Information Security Officer (CISO): un’alta percentuale di cyberattacchi si verifica il venerdì pomeriggio. Questo perché qualsiasi violazione di successo darà agli attaccanti l’intero fine settimana per sfruttare il loro accesso, mentre l’azienda colpita avrà probabilmente un livello di vigilanza inferiore.

È anche vero, però, che gli utenti sono più propensi a fare una scelta sbagliata quando sono affaticati, e quale momento migliore per prenderli di mira se non la fine del venerdì, dopo una dura settimana di lavoro. Perché? Perché quando il cervello è stanco, delega quelle che sembrano scelte semplici a funzioni cerebrali più basse e automatizzate. È il motivo per cui si riesce ancora a guidare l’auto fino a casa alla fine di una giornata frenetica.

Dopo aver letto milioni di e-mail, la vostra amigdala, conosciuta anche come “cervello rettiliano”, può entrare in gioco a questo punto e gestire la vostra reazione; ad esempio – arriva l’e-mail, contiene un allegato, lo apro per vedere il messaggio, boom! Il problema è che l’amigdala non è efficace nel valutare il contesto – fondamentale per identificare un’e-mail pericolosa – e fornisce una reazione “in tempo reale” e non un supporto analitico.

Un altro aspetto della stanchezza è l’effetto “sopraffazione”. Se l’attaccante sa che la sua azione farà scattare un allarme – perché non innescare inizialmente diecimila falsi allarmi, fino a quando il bersaglio verrà sopraffatto e desensibilizzato, e poi condurre il vero attacco.

Fiducia

La seconda leva è la fiducia. Di fronte a una serie di scelte, la fiducia è un’altra scorciatoia usata dal nostro cervello per prendere decisioni rapide. Se vediamo un’associazione a un determinato marchio o persona di cui ci fidiamo, la comunicazione acquisisce più credibilità e la soglia richiesta per farci cliccare o interagire si abbassa.

Gli esempi sono molto diffusi ed è il motivo per cui e-mail false che sembrano provenire da DHL e Amazon sono molto più frequenti di altre consegne o negozi online ed è anche il motivo per cui ai malintenzionati piace dirottare la fiducia riposta negli altri – compromettendo gli account di persone conosciute e fidate in azienda, utilizzandoli per i loro scopi malevoli. Se si riceve un’e-mail da un collega, è molto più probabile cliccare sul link che se arrivasse da uno sconosciuto esterno.

La stessa fiducia viene sfruttata anche per posizionare il malware. Una ricerca Proofpoint mostra che gli utenti sono quattro volte più propensi a cliccare sui link pericolosi se conducono a Microsoft SharePoint, e dieci volte più propensi se puntano a Microsoft OneDrive.

Questo conferma che gli aggressori sanno che le persone controllano la destinazione dei link per determinare se aprirli, e sono in grado di incoraggiare quel clic mettendo il loro malware in una posizione percepita come “affidabile”.

Emozione

Tutti sappiamo che non dovremmo mangiare quel biscotto in più, saltare l’esercizio fisico o fumare quella sigaretta, eppure così spesso facciamo esattamente questo. Perché? La nostra testa è in lotta costante tra due opzioni concorrenti.

Nel libro “Thinking Fast and Slow”, Daniel Kahneman descrive due sistemi separati di pensiero – il primo, il processo emotivo e intuitivo, e il secondo, più lento della logica razionale.

I pensieri emotivi sono incredibilmente potenti, sono veloci ad agire, facili da seguire e spesso forniscono una ricompensa immediata (sto pensando di nuovo a quel biscotto). I pensieri razionali richiedono tempo e sforzo per impegnarsi, e spesso ci portano a prendere decisioni migliori e più strategiche (dite addio al biscotto).

I criminali informatici lo sanno bene, quindi si prefiggono attivamente di innescare risposte emotive. In questo modo l’obiettivo prenderà decisioni rapide, bypassando i pensieri razionali, e aumentando così la probabilità di cliccare su un link nel momento migliore.

La stragrande maggioranza di queste risposte emotive è destinata a essere “veloce”, alcuni esempi sono elencati di seguito. Dichiarano che “il tuo pacco sta per essere restituito al deposito”, “il tuo account Netflix sta per essere sospeso”, o “le tue spese sono state respinte” per innescare quella rapida risposta emotiva, in cui il cervello razionale non è invitato a contribuire. Questo è il motivo per cui la gente clicca.

Vengono utilizzate anche tecniche più lente per far leva sulle emozioni, ma in misura molto minore, poiché richiedono molto più sforzo e investimento di tempo. Questi tipi di attacchi sono comunemente visti come “truffe romantiche” e attacchi di sextortion.

Come preparare il personale ad affrontare un attacco

Come abbiamo visto, gli aggressori mirano specificamente alle emozioni per saltare il ragionamento più elevato, che è la parte del vostro cervello tipicamente usata per pensare alle cose.

Ricordiamo che le aree inferiori e meno razionali della mente prendono il sopravvento quando la mente logica è stanca o distratta. Quindi, parliamone con il nostro team. Facciamo loro riconoscere che se stanno leggendo un’e-mail che suscita una risposta emotiva, dovrebbero essere immediatamente diffidenti e, più forte è la spinta, più attenti e riflessivi dovrebbero essere. Rendiamoli consapevoli che è un comportamento probabilmente molto più difficile quando sono stanchi o sopraffatti, quindi di stare all’erta in quei momenti.

Spingiamo anche per creare un modello basato su “fidatevi, ma verificate attraverso un altro canale” ogni volta che un membro dello staff rileva un qualsiasi segnale di sospetto su una comunicazione.

Conclusione

È importante ricordare che il crimine informatico è un crimine a tutti gli effetti, con persone che derubano altre persone. Concentrandosi sulle persone come linea principale di difesa – ricordando che gli aggressori mirano all’essere umano e non alla tecnologia – si può proteggere meglio l’azienda.

Ogni utente ha il potere: può scegliere di non lasciare che l’attaccante manipoli le sue emozioni e abusi della sua fiducia – ma solo se sa cosa monitorare.

Essere prudenti, consapevoli e riflessivi mentre leggiamo le e-mail, cercando i trigger emotivi e avendo una mentalità “fidati, ma verifica”, può andare molto lontano nell’aiutare a prevenire quei clic indesiderati.

WHITEPAPER
La Top 5 delle minacce informatiche e come contrastarle
Sicurezza
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4