NUOVE MINACCE

I gig worker, la minaccia interna più pericolosa: rilevarla, proteggersi e contrastarla

Le minacce interne sono sempre state un problema nel settore della sicurezza, ma i potenziali rischi associati ai gig worker (i “lavoratori a chiamata” della gig economy) sono unici rispetto a quelli degli insider tradizionali, rendendo le minacce ancora più difficili da rilevare e da cui difendersi. Ecco le regole per la valutazione del rischio

31 Ago 2021
C
James Christiansen

Vice president of cloud security transformation and leader of the global chief strategy office in Netskope

Il termine gig economy si riferisce all’uso sempre più diffuso di lavoratori freelance o indipendenti per lavori a breve termine o a progetto: la disponibilità dei gig worker ha portato negli ultimi anni enormi cambiamenti nel mondo del lavoro.

I driver Uber e Lyft sono degli ottimi esempi. Non esiste una programmazione fissa e il lavoro viene svolto corsa dopo corsa. All’inizio dell’attività di rideshare, salivi su un veicolo Uber o su un veicolo Lyft, ma oggi i conducenti spesso guidano per entrambe le aziende contemporaneamente. Questo è un aspetto molto comune nel mondo della gig economy: i lavoratori sono spesso coinvolti contemporaneamente da concorrenti diretti. La disponibilità in qualsiasi momento di competenze remote consente di aumentare o ridurre la manodopera secondo necessità e i lavoratori possono essere ingaggiati praticamente da qualsiasi luogo.

In passato, un dipendente lavorava per una singola azienda alla volta e in alcuni casi anche in una sola azienda per tutta la sua carriera lavorativa. C’era molta lealtà e longevità. Ma oggi un contractor o un dipendente a tempo pieno può rimanere in un’azienda solo per 18 mesi o anche meno prima di passare ad altre opportunità.

Secondo uno studio del 2021 dell’Institute for Business Value di IBM, un lavoratore su quattro prevede di cambiare lavoro quest’anno, un ritmo maggiore rispetto a un anno fa in cui il valore era uno su cinque. Di coloro che hanno cambiato lavoro lo scorso anno, più della metà è stata identificata come millennial o Gen Z.

All’interno dell’industria tecnologica in particolare, tuttavia, i lavoratori a breve termine presentano alcuni rischi per i datori di lavoro, alcuni dei quali sono piuttosto seri. Sebbene i vantaggi aziendali possano essere chiari, alti livelli di temporalità e transitorietà rendono la gig economy un’enorme bomba per la sicurezza.

Ma nessuno sembra ancora preoccuparsene.

Gig economy e cyber security, come gestire il data risk: le soluzioni

Gig worker: nuova tipologia di minaccia interna

Le minacce interne sono sempre state un problema nel settore della sicurezza. Alcuni dei più grandi casi di perdita di dati e frode che ho riscontrato nella mia carriera provengono da utenti interni (i cosiddetti insider) perché conoscono i controlli e i processi dell’azienda e possono trovare modi per aggirarli, evitando facilmente il rilevamento.

WHITEPAPER
GUIDA PRATICA contro il Phishing: scopri come tutelare la tua azienda!
CIO
Cybersecurity

Ma i potenziali rischi associati ai gig worker sono unici rispetto a quelli degli insider tradizionali, rendendo le minacce ancora più difficili da rilevare e da cui difendersi.

L’avvicendarsi rapido dei progetti implica che troppo spesso non vengono effettuati i necessari controlli di routine sul profilo del lavoratore.

Poiché i lavori dei gig worker sono a breve termine, spesso ai lavoratori non è richiesto di disporre delle stesse misure di sicurezza che le aziende si aspetterebbero da un lavoratore a contratto, come l’utilizzo di dischi rigidi crittografati, protezione antivirus e/o archivi di documenti sicuri.

I gig worker in genere utilizzano i propri computer per lavorare, archiviando ricerche sensibili e informazioni proprietarie su un’unità locale o in un account cloud personale. Ma cosa succede a tutte quelle informazioni una volta terminato il lavoro? Vengono cancellate, archiviate o sono vulnerabili al furto? Vengono condivise o riutilizzate con un concorrente? Come potrebbe mai saperlo la società che ha ingaggiato il lavoratore a contratto?

I rischi dei gig worker: un esempio pratico

Supponiamo di assumere a tempo un programmatore di applicazioni a contratto per scrivere una routine di analisi (parsing routine) per la nostra azienda. Il programmatore “gig” impiega tre mesi per scriverla e costa 100mila dollari in spese di manodopera e di processo. Dopo che il lavoro è finito, quello stesso programmatore viene assunto dal nostro principale concorrente e anche questa azienda ha bisogno di scrivere una routine di analisi. Il gig worker si siederà e riscriverà l’intera routine di analisi dall’inizio?

Probabilmente riutilizzerà ciò che ha già scritto e apporterà solo alcune modifiche per adattarsi al sistema del concorrente. Quindi il nostro concorrente risparmia 80mila dollari perché il gig worker ha potuto riutilizzare la nostra proprietà intellettuale senza alcuna interferenza o conseguenza.

I programmatori tendono a pensare che se scrivono un pezzo di codice, lo possiedono come parte della loro cassetta degli attrezzi. E quando quel programmatore è un collaboratore, porta quella cassetta degli attrezzi da un lavoro all’altro, anche ai concorrenti che non hanno investito in cicli di ricerca e sviluppo per lo sviluppo di quel codice.

Dove i gig worker rappresentano una minaccia

La programmazione è solo un’area in cui potrebbe manifestarsi questa minaccia. Le aziende che spesso assumono anche gig worker come analisti e ricercatori di mercato, sales account manager, analisti di database IT, corrono gli stessi tipi di rischi.

Dati sui prezzi, analisi di mercato, ricerche legali: tutte queste informazioni hanno il potenziale per essere riutilizzate da un’altra entità tramite un gig worker intraprendente che cerca di massimizzare i suoi guadagni e ridurre al minimo il lavoro che deve fare.

Non sono solo le assunzioni temporanee a portare i rischi alla gig economy. I dipendenti a tempo pieno possono anche lavorare di nascosto come gig worker per avere un reddito aggiuntivo. Con la maggior parte dei lavoratori che ora svolge il proprio lavoro da remoto, non c’è nessuno che li controlli per vedere se stanno lavorando a qualcosa di parallelo o estraendo il codice da un lavoro precedente.

Il livello di rischio interno è aumentato dall’inizio della Covid-19 e gran parte di ciò può essere ricondotto al boom della gig economy.

La maggior parte dei dipendenti remoti di oggi non si aspetta di tornare presto al luogo di lavoro fisico.

Senza controlli avanzati in atto per rilevare e proteggere dall’uso improprio delle informazioni sensibili, nulla impedisce a un dipendente di riutilizzare i dati proprietari a vantaggio di un’altra azienda e del proprio guadagno personale.

Zero trust: un nuovo approccio metodologico alla cyber security

Valutazione del rischio: rilevare, proteggere e rispondere

Definite più chiaramente le potenziali minacce che i gig worker potrebbero rappresentare, ora è fondamentale fare il passo successivo per calcolare i rischi effettivi che presentano per un’azienda.

Qual è la probabilità di una vulnerabilità o di una minaccia nella tua azienda? Quali dati sono effettivamente a rischio per la tua azienda in questa situazione? E quale sarebbe l’impatto sull’azienda se quei dati venissero sfruttati?

I risultati di tale valutazione del rischio possono quindi guidare un piano di protezione. In primo luogo, saranno necessari controlli amministrativi.

L’organizzazione necessita di policy in atto: indicazioni chiare da parte del management in merito all’uso appropriato sia dei gig worker che dei lavoratori remoti. Delinea le situazioni in cui è accettabile assumere un libero professionista e quali limitazioni dovrebbero essere messe in atto per gestire questo tipo di fornitori temporanei.

Con policy definite, l’azienda può quindi emettere contratti ai gig worker che illustrano chiaramente i requisiti legali del lavoro, come la riservatezza tramite un accordo di non divulgazione (NDA), i requisiti di sicurezza, le restrizioni sull’outsourcing e l’indennizzo.

I controlli di processo possono includere la formazione dei neoassunti per i gig worker al fine di istruirli sulle policy e sulle aspettative della tua azienda. Internamente, anche i leader aziendali devono essere formati sui rischi associati all’assunzione di gig worker.

Dovrebbero inoltre essere in atto misure di sicurezza per evitare di aggirare la gestione dei fornitori, il che di solito significa coinvolgere il reparto contabilità fornitori per garantire che solo gig worker formati e controllati possano essere pagati.

Le tecnologie di sicurezza che affrontano i rischi dei gig worker sono una combinazione di controlli dei lavoratori remoti, controlli dei contractor e controlli Zero Trust Network Access (ZTNA).

Ciò può includere l’uso di una rete privata virtuale (VPN), che richiede l’autenticazione a due fattori per l’accesso alle applicazioni aziendali e il rafforzamento delle regole di accesso a dati/file per questo tipo di lavoratore.

Il principio fondamentale di Zero Trust è particolarmente importante in questo caso, poiché i gig worker esistono al di fuori del tradizionale perimetro di sicurezza e non puoi intrinsecamente fidarti dell’autenticazione, del dispositivo, della rete o delle applicazioni che stanno utilizzando.

Le funzionalità VPN di nuova generazione possono fornire l’accesso diretto all’applicazione in modo che il gig worker possa accedere solo all’applicazione di cui ha bisogno per svolgere il proprio lavoro e nient’altro all’interno dell’azienda.

Allo stesso modo, un’architettura Zero Trust può aiutare le organizzazioni a creare un modello di fiducia adattivo che è più agile e può cambiare in base alle circostanze di ciascun lavoratore.

Data Loss Prevention: strumenti e processi per la sicurezza dei dati aziendali

Partire da un’analisi dei rischi

La forza lavoro dei gig worker sta crescendo a causa del valore travolgente che può offrire sia alle aziende che ai privati. Le organizzazioni dovrebbero abbracciare questo cambiamento globale. Alla fine, un gig worker dovrebbe essere trattato come un tipo differente di contractor.

Le stesse regole dovrebbero applicarsi in termini di contratti, controlli di sicurezza degli endpoint, monitoraggio del cloud (modelli di comportamento per quanto riguarda l’accesso al sistema/dati e lo spostamento dei file) e la disponibilità di un sistema per controlli di background rapidi.

Inizia valutando il rischio che hai nel tuo ambiente. Quindi crea una roadmap di monitoraggio e controlli. Le organizzazioni di oggi necessitano di controlli contestuali che seguano dati e utenti. I controlli granulari di accesso riducono la superficie a rischio, e dovrebbero includere:

  1. controlli dell’identità che forniscono una autenticazione forte dell’accesso e analisi comportamentali che coprono sia i rischi dell’utente che quelli del dispositivo;
  2. controlli delle applicazioni che includono controlli adattivi dell’accesso e delle attività;
  3. controlli dei dati con discovery e classificazione automatizzati, applicazione delle policy in un unico punto e prevenzione della perdita di dati (Data Loss Prevention, DLP).

La gig economy è destinata a restare e a crescere. Occorre farsi trovare pronti.

WHITEPAPER
Smart building: una guida per semplificare la progettazione della rete
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2