L'ANALISI TECNICA

Data breach GoDaddy, oltre un milione di password violate: il rischio è enorme

Il gigante del web hosting GoDaddy ha confermato una violazione dei dati che ha colpito almeno 1,2 milioni di clienti esponendone i nomi utente e le password di accesso sFTP e ai database. Adesso è alto il rischio di attacchi phishing, man-in-the-middle e malware distribuiti dai siti compromessi. Ecco tutti i dettagli

23 Nov 2021
F
Dario Fadda

Research Infosec, fondatore Insicurezzadigitale.com

Presentando un esposto al Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti nella mattinata del 22 novembre, GoDaddy denuncia l’ennesimo attacco informatico subito a cui è seguito un data breach che ha esposto un grande numero di propri clienti.

Data breach GoDaddy: cosa è successo

Basandoci su ciò che è stato depositato tramite i canali ufficiali dall’azienda, si apprende che un aggressore esterno ha avuto accesso non autorizzato ai server di gestione dell’infrastruttura (probabilmente a causa di una password compromessa) che si occupa dell’hosting di siti web WordPress.

WHITEPAPER
Perché impostare una strategia di manutenzione dei server?
Datacenter
Sicurezza

Analizziamo qualche dettaglio per poter poi ragionare sull’accaduto.

GoDaddy ha scoperto il problema, tramite un traffico anomalo in quel settore (relativo all’hosting in ambiente WordPress) della propria infrastruttura, il 17 novembre ma dalle prime analisi effettuate dall’azienda risulta che gli aggressori avessero avuto il primo accesso non autorizzato addirittura il 6 settembre scorso.

Durante il periodo dal 6 settembre 2021 al 17 novembre 2021, i nomi utente e le password sFTP e dei database dei clienti attivi erano accessibili all’aggressore.

È in questo lasso di tempo, infatti, che gli aggressori sono riusciti a esfiltrare il grande numero di dati relativi a 1,2 milioni di clienti, finché il 17 novembre l’azienda è riuscita appunto a sospendere questa attività abusiva in corso.

Le indagini forensi delle autorità competenti sono ancora in fase istruttoria e l’azienda comunica che sta facendo di tutto per limitare i danni, revocando le password vittima di questo attacco al fine della loro rigenerazione, così come per gli accessi sFTP e DB.

Oltre a questi dati, gli operatori malevoli hanno avuto accesso, esfiltrandole, anche alle chiavi private SSL per i certificati che fanno funzionare i siti dei clienti sotto il protocollo HTTPS.

Un dettaglio importante del data breach GoDaddy

Abbiamo appreso quanto accaduto, adesso dobbiamo doverosamente riflettere sul come questo sia stato possibile.

C’è un dettaglio che va aggiunto all’elenco dei danni appena sopra riportato: le password che sono state rubate, relative al servizio di accesso sFTP, sono state memorizzate da GoDaddy come normale testo, in chiaro, oppure in un modo che ha comunque consentito una facile conversione in testo in chiaro.

Si può verificare empiricamente questa pratica aziendale fortemente sconsigliata, accedendo al pannello di controllo del servizio di hosting GoDaddy e notando che la propria password viene auto compilata nel campo specifico. Quando una password viene invece memorizzata come chiave pubblica o con una pratica di hashing, questo dettaglio non è possibile visualizzarlo, unicamente perché il provider non ha quel dettaglio, non lo conosce proprio.

Ricordiamo che memorizzare hash di queste password o fornire l’autenticazione con chiave pubblica, sono entrambe best practice del settore: la memorizzazione in chiaro di dati sensibili come le password è invece sempre fortemente sconsigliata.

Inoltre, la porta utilizzata per sFTP è la numero 22, questo significa che il servizio FTP (trasferimento di file) è assicurato dalla crittografia garantita da SSH. Lasciare dunque in chiaro una password di questo tipo, che non è altro che l’accesso SSH al sistema (lettura/scrittura del filesystem dell’intero sistema, per intenderci) è sicuramente qualcosa di veramente molto sbagliato e pericoloso.

Ragioniamo sull’impatto che produce l’attacco

Gli scenari che si possono configurare ora sono diversi, in ogni caso per ciascuno bisogna prestare massima attenzione (se interessati dall’incidente), perché hanno dei larghi margini di rischio.

GoDaddy ha assicurato di aver allertato subito tutti i clienti coinvolti, ha revocato le loro password di accesso che quindi adesso andranno rigenerate e ha inoltre revocato anche le chiavi private SSL che sono state rubate.

Tutto questo è un bene, ancor di più vista la tempestività di azione. Però gli aggressori hanno avuto circa 70 giorni di tempo per rubare informazioni e dati dai server, ma anche per caricare malware sui vari hosting, oppure creare accessi utente non autorizzati nei siti web ospitati.

Questo aprirebbe uno scenario di persistenza sull’attacco, nonostante la bonifica iniziale. Quello che consigliamo è dunque, se avete un sito WordPress ospitato su GoDaddy, di fare una ricognizione generale di tutti i punti critici del sito:

  1. verificare l’elenco degli utenti con privilegi di amministrazione;
  2. reimpostare le password degli utenti interni;
  3. abilitare subito l’autenticazione a due fattori (con impostazione predefinita per tutti gli utenti del vostro sito) se non già utilizzata.

Un altro scenario che si può configurare è che qualche sito WordPress ospitato su GoDaddy gestisse un negozio e-commerce (con WordPress ci sono molti plugin e temi in grado di farlo): in questo caso l’aggressore potrebbe aver esfiltrato anche dati sensibili relativi a pagamenti o carte di credito. In questo caso, questi clienti potrebbero trovarsi anch’essi obbligati ad avvisare i propri clienti a cascata, in merito all’incidente.

Le chiavi private SSL, se accompagnate a un attacco Man-in-the-middle, potrebbero essere utili a decrittografare il traffico proveniente da siti mirati e rubarne quindi i contenuti delle comunicazioni (password, numeri di carta di credito, dati personali che vengono eventualmente immessi dal cliente ecc.).

Non possiamo non ricordare di prestare, in questi casi, la massima attenzione al phishing, in arrivo nel futuro prossimo, in quanto con una mole di dati personali e di contatto come questa, gli attacchi di questo tipo inizieranno molto presto. Di conseguenza, è consigliabile controllare sempre molto attentamente i mittenti di eventuali e-mail e messaggi SMS ricevuti, soprattutto prima di decidere di cliccare o meno su un determinato link interno al messaggio.

WHITEPAPER
Previeni i difetti di sicurezza nelle applicazioni: la soluzione in 5 punti
Sicurezza
Software
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr