L'ANALISI

Meta, più trasparenza per conformarsi al Digital Services Act: ecco le nuove funzionalità

L’implementazione del Digital Services Act inizia a dare i primi risultati: Meta ha accolto con favore i principi di trasparenza, responsabilità e responsabilizzazione degli utenti alla base del DSA e per questo ha introdotto nuove funzionalità necessarie al rispetto degli obblighi normativi. Ecco che c’è da sapere

Pubblicato il 22 Ago 2023

Tommaso Maria Ruocco

Cyber Analyst, Hermes Bay

Meta si adegua alle regole del Digital Services Act: alla fine di questo mese, infatti, il DSA, uno degli atti normativi più completi in materia di Internet e di servizi digitali, inizierà ad applicarsi pienamente a Facebook e Instagram, oltre che a numerose altre piattaforme online.

Un’operazione importante non solo per le aziende tecnologiche europee, ma per tutte le aziende tecnologiche che operano nell’UE, e avrà un impatto significativo sulle esperienze che i cittadini europei vivono quando aprono i loro telefoni o accendono i loro computer portatili.

Meta si conforma al Digital Services Act

L’introduzione del DSA ha dunque spinto i giganti della tecnologia ad adattare le loro operazioni per allinearsi alle nuove normative.

WHITEPAPER
Come le Case di Comunità aumentano l’empowerment dei pazienti
Telecomunicazioni
Customer Experience

In particolare, Meta (società madre di Facebook e Instagram) ha dedicato risorse considerevoli per garantire il rispetto delle disposizioni del DSA.

Come sostenuto da Nick Clegg, President, Global Affairs di Meta, “il DSA fornisce una maggiore chiarezza sui ruoli e le responsabilità delle piattaforme online ed è giusto cercare di responsabilizzare le grandi piattaforme attraverso strumenti come la rendicontazione e la revisione, piuttosto che tentare di microgestire i singoli contenuti”.

Alla luce di questo, con gli oltre 1.000 addetti ai lavori impegnati in iniziative legate al DSA, Meta è stata proattiva nell’aumentare la trasparenza e l’autonomia degli utenti. L’espansione della sua Libreria di Annunci per visualizzare e archiviare annunci mirati agli utenti dell’UE esemplifica il suo impegno per la trasparenza nelle pratiche pubblicitarie.

Inoltre, gli sforzi di Meta si estendono alla moderazione dei contenuti e ai sistemi di intelligenza artificiale (IA).

Rilasciando 22 schede di sistema, l’azienda fornisce informazioni su come i sistemi di IA classificano i contenuti, consentendo agli utenti di comprendere meglio i processi di raccomandazione dei contenuti.

Questi sviluppi rafforzano i principi fondamentali del DSA, che enfatizzano una maggiore responsabilità e controllo da parte degli utenti.

La risposta dell’industria tecnologica

L’impatto del DSA non si limita, però, alla trasparenza e all’accountability, ma si estende anche alla moderazione dei contenuti e all’autonomia degli utenti.

TikTok, ad esempio, ha risposto all’atto introducendo funzionalità che migliorano la segnalazione degli utenti dei contenuti illegali. L’impegno della piattaforma per la trasparenza è evidente nella sua disponibilità a fornire informazioni più dettagliate sulle decisioni di moderazione dei contenuti, promuovendo la comprensione e la responsabilità.

Inoltre, la dedizione di TikTok all’autonomia degli utenti è evidente nei suoi sforzi per perfezionare i sistemi di raccomandazione dei contenuti. Consentendo agli utenti di disattivare la personalizzazione, la piattaforma riconosce l’importanza delle preferenze individuali nella definizione dell’esperienza online.

DSA: potenziare accountability e trasparenza nello spazio digitale

Gli interventi di Meta e degli altri grandi player di Internet vanno analizzati in un contesto di trasformazione significativa che, negli ultimi anni, ha subito il panorama digitale, con le piattaforme online e i servizi che sono diventati parte integrante della nostra vita quotidiana.

Questa rivoluzione digitale, pur offrendo numerosi vantaggi, ha anche posto sfide legate alla privacy degli utenti, alla moderazione dei contenuti e all’accountability online.

Il nuovo quadro normativo introdotto dal DSA

Ed è proprio per affrontare tali preoccupazioni, che l’Unione Europea (UE) ha introdotto il Digital Services Act (DSA), un ampio quadro normativo che stabilisce linee guida per gli intermediari online, le piattaforme di social network e i fornitori di servizi internet. Mentre questa legge innovativa entra in vigore, il suo impatto risuona non solo tra le aziende tech europee, ma anche all’interno del settore tecnologico globale.

Implementato il 16 novembre 2022, il DSA rappresenta una pietra miliare significativa nell’impegno dell’UE a favorire la crescita del mercato garantendo al contempo trasparenza e accountability negli spazi digitali.

Il DSA introduce un Regolamento con l’obiettivo generale di garantire un corretto funzionamento del mercato interno dei servizi intermediari. Cerca di stabilire regole standardizzate per creare un ambiente online sicuro, prevedibile e favorevole all’innovazione, garantendo allo stesso tempo i diritti fondamentali, tra cui la protezione dei consumatori.

Il campo di applicazione del Digital Services Act

Il campo di applicazione del Regolamento, come delineato nell’Articolo 2, riguarda i servizi intermediari offerti ai destinatari nell’Unione, indipendentemente dalla posizione geografica dei fornitori.

Si precisa che il Regolamento non si estende ai servizi non intermediari e mantiene la compatibilità con la Direttiva 2000/31/CE. Inoltre, si riconosce la coesistenza di altri atti giuridici dell’Unione che regolano vari aspetti della fornitura di servizi intermediari.

Le principali disposizioni del Digital Services Act

Il Regolamento, nelle sue disposizioni applicabili a tutti i fornitori di servizi intermediari, enfatizza la comunicazione efficace e la responsabilità.

L’articolo 11 stabilisce la designazione di un punto di contatto diretto affinché i fornitori possano comunicare in modo elettronico con le autorità degli Stati membri, la Commissione e il Consiglio.

Allo stesso modo, l’articolo 12 prescrive un singolo punto di contatto per i destinatari dei servizi al fine di facilitare una comunicazione rapida e user-friendly.

L’articolo 13 introduce il concetto di rappresentanti legali per i fornitori che offrono servizi nell’Unione ma non hanno una sede all’interno di essa. Questi rappresentanti sono designati per collaborare con le autorità competenti, la Commissione e il Consiglio per l’esecuzione delle decisioni del Regolamento. Ai rappresentanti legali è conferita l’autorità per garantire una cooperazione efficiente e la conformità.

Inoltre, secondo l’articolo 14 i fornitori devono dettagliare qualsiasi restrizione d’uso imposta, misure di moderazione dei contenuti e procedure di gestione dei reclami nei loro termini e condizioni. Inoltre, si sottolinea la necessità di una chiara comunicazione con i minori quando i servizi sono indirizzati o sono prevalentemente utilizzati da loro.

L’articolo 15, infine, introduce obblighi di reporting sulla trasparenza per i fornitori di servizi intermediari. Ciò comporta la pubblicazione regolare di rapporti leggibili dalle macchine sulle attività di moderazione dei contenuti.

Questi rapporti devono includere informazioni su ordini ricevuti dalle autorità, segnalazioni presentate e iniziative di moderazione dei contenuti intraprese dai fornitori. La segnalazione è categorizzata per garantire l’accessibilità di informazioni significative. Tuttavia, le micro o piccole imprese sono esentate da questi obblighi.

Un quadro normativo standardizzato per i servizi online

In sintesi, il Regolamento cerca di creare un quadro standardizzato che promuova servizi intermediari responsabili nello spazio online. Enfatizza la trasparenza, la responsabilità e la comunicazione efficace, bilanciando la protezione dei diritti fondamentali e la facilitazione dell’innovazione nel panorama digitale.

Riconoscendo la natura diversificata dei servizi online, il DSA adotta un approccio graduato, adattando i suoi requisiti in base alle dimensioni e al tipo di servizi forniti. La legge categorizza i fornitori in quattro gruppi distinti: fornitori di servizi intermediari, fornitori di servizi di hosting, piattaforme online e piattaforme online molto grandi (VLOP) e motori di ricerca online molto grandi (VLOSE). Vale la pena notare che il DSA impone ai fornitori di divulgare il numero di utenti attivi sulle loro piattaforme, contribuendo allo sviluppo di un ecosistema online trasparente e responsabile.

Il quadro normativo si estende oltre la trasparenza, imponendo ulteriori requisiti a VLOP e VLOSE. Questi requisiti vanno dalla segnalazione di reati penali alla conduzione di valutazione dei rischi annuali, sottolineando l’impegno a tutelare lo spazio digitale da attività illecite.

Conclusioni

Con l’entrata in vigore del DSA e l’implementazione delle sue disposizioni da parte delle aziende tecnologiche, il futuro dell’accountability nello spazio digitale appare promettente.

L’approccio regolamentare armonizzato del DSA si allinea agli obiettivi dell’industria di proteggere gli utenti, preservare la privacy e garantire una maggiore trasparenza.

Sebbene possano emergere sfide nel processo di implementazione, l’impegno dell’UE per un mercato unico digitale sicuro e competitivo sottolinea l’importanza del DSA.

WHITEPAPER
AI Generativa: strategie per non perdere il treno dell’automazione intelligente
Machine Learning
Chatbot
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4